Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca

L'Esperto

L'Esperto /

Uno staff di esperti
al tuo servizio

Wine Meridian ha messo insieme un gruppo di figure professionali competenti nei vari ambiti del management aziendale e in particolare nella gestione dei processi di internazionalizzazione.

Puoi trovare risposte concrete alle tue diverse problematiche e potrai tu stesso chiedere loro consigli e suggerimenti scrivendo a:

redazione@winemeridian.com


Fabio Bigolin

Enologo, 52 anni. Dapprima ha lavorato in grandi realtà enologiche (Giv, Unione Cantine Sociali di Modena) e frequentato i laboratori di analisi sensoriale a Grass in Francia. Nel 2000 inizia la libera professione, maturando esperienze in tutta Italia. Ma è a Verona che nasce l’amore per la viticoltura Biologica e Biodinamica. In Francia è consulente per l'azienda Chateau de L’Escarelle. Dal 2006 inizia una collaborazione con enologi francesi della “scuola” dello Champagne.

Lorenzo Taddei

E' avvocato dal 1998, abilitato al patrocinio in Cassazione. Da sempre appassionato di cibo e vino ha ottenuto il Master Breve in Diritto Alimentare e Legislazione Vitivinicola. Tra i settori dove ha maturato una particolare specializzazione anche la responsabilità sanitaria, il diritto vitivinicolo ed il diritto alimentare. Sposato con Caterina, ha due figlie, è interessato a tutte le attività all'aria aperta: è apneista, appassionato di montagna, escursionismo, scialpinismo.

WinePeople

Wine People è differente dalle altre società di consulenza nel mondo del vino perché punta alle risorse umane come principale fattore di successo del business. Grazie a noi i clienti possono così risolvere il principale ostacolo al loro sviluppo sui mercati internazionali: la carenza di risorse specializzate e formate. Il vantaggio è duplice: possono incrementare il loro business a partire dalla crescita o formazione di risorse interne oppure dalla selezione di nuove risorse più idonee. In ogni caso WinePeople c’è! Questo approccio , in un mondo concentrato sul prodotto e sui mercati, ci rende i primi e gli unici a mettere realmente “le persone al centro del gioco”. Visita Winepeople-network.com

Fabio Tavazzani

Dopo la laurea ha conseguito il Master in Gestione d’azienda alla SDA Bocconi ed ha operato per oltre 20 anni come consulente e formatore in ambito gestionale  nelle aree marketing, vendite, pianificazione e controllo di gestione. E’specializzato nella creazione di Piani strategici, Business model e Business plan. Ormai dedicato alle aziende agroalimentari, ha messo al servizio delle aziende vitivinicole metodologie, abilità ed esperienze acquisite in settori diversificati.

Andrea Pozzan

Laureato in Filosofia a Padova con successivo Master semestrale in Gestione delle Risorse Umane, 47 anni. Dopo aver contribuito alla fondazione e allo sviluppo di una importante società vicentina di Ricerca e Selezione del personale, opera come executive recruiter e consulente per la valorizzazione delle Risorse Umane attraverso Competenze in rete srl. Dal 1995 segue importanti aziende vitivinicole nella ricerca e selezione di manager e tecnici.

Paolo Errico

Imprenditore e manager, classe 1964. Dopo aver acquisito esperienze decennali nel campo delle telecomunicazioni, decide di dar vita a realtà tutte sue. CEO Maxfone: azienda che sviluppa servizi di cloud computing, analisi di mercato, sviluppo strategico e piani editoriali e che in poco tempo si attesta tra i leader del settore. Dal 2011 è presente in Confindustria, per cui ricopre, da giugno 2015, il ruolo di presidente del Comitato Piccola Industria Verona.

Michela Colasante

Interprete di trattativa e traduttrice freelance. Collabora con le PMI nel loro processo di internazionalizzazione, offrendo servizi linguistici e formazione business nelle lingue inglese e spagnolo. Specializzata nella comunicazione in lingua del settore agroalimentare e vitivinicolo. Coniuga la conoscenza delle lingue straniere e le competenze interculturali ad una formazione in ambito economico e di marketing. Ha un'esperienza decennale come export manager presso aziende del settore chimico.

Francesco Avella

Dottore commercialista e revisore contabile, con esperienza decennale nella consulenza fiscale e nel contenzioso. È specializzato in fiscalità internazionale, con un master LL.M. in Diritto tributario internazionale e comparato conseguito presso la Wirtschaftsuniversität di Vienna, ed è membro della International Fiscal Association. Scrive e parla correntemente inglese e unisce alla professione il continuo aggiornamento e approfondimento, pubblicando articoli su riviste specialistiche.


lunedi 17 febbraio

Wine talent: le persone al centro del gioco

L’importanza di scegliere le risorse umane giuste in un network altamente profilato.


Wine talent: le persone al centro del gioco
Cercare e selezionare talenti per la propria impresa non è sempre avventura semplice, può richiedere tempo e molte energie e spesso il matrimonio perfetto non ha un lieto fine. Per rispondere a questa e ad altre esigenze in termini di ricerca di risorse umane è nato Wine Talent, il comparto di WinePeople dedicato all'head hunting e al recruiting.
Da anni WinePeople affianca le imprese del vino italiane, supportandole nell’ambito della comunicazione, della consulenza aziendale, dell’internazionalizzazione e del recruiting. In questi anni, abbiamo potuto toccare con mano alcune tendenze “stagnanti” di vecchi modelli aziendali e siamo consapevoli di come il panorama vitivinicolo italiano sia cambiato in tempi molto rapidi.
Il cambio repentino dei mercati, dettato da un’evoluzione veloce e inarrestabile di stili e abitudini di consumo, la dinamicità dei mercati stessi, l’affiorare di nuove sensibilità e della comunicazione “social” dei prodotti, ha sottolineato la necessità dello scardinamento di vecchi sistemi di organizzazione e gestione aziendale. Siamo di fronte ad una rivoluzione e la domanda sorge spontanea: siamo pronti ad affrontare e tradurre a nostro vantaggio un cambiamento così radicale?


Noi di WinePeople ci siamo posti lo stesso quesito e si siamo dotati dello strumento indispensabile per accogliere e sfruttare al meglio il cambiamento: la lungimiranza. Quando si decide di creare un’impresa appare scontato investire in termini di attrezzature all’avanguardia, di logistica, di marketing. Possiamo dire che la stessa accuratezza venga rivolta alla scelta delle persone che la compongono?
Per rispondere a queste domande ci viene in aiuto
Andrea Pozzan, fondatore di WinePeople che afferma che “a prescindere che tu domani ti possa occupare degli aspetti agroeconomici del vigneto, di quelli enologici della cantina, di quelli di marketing in azienda, di quelli commerciali sul mercato, dovrai necessariamente essere un manager della riconoscibilità. Si dovrà investire nei manager della riconoscibilità, nel nostro futuro, nella competenza nostra e dei nostri collaboratori”.

Con la creazione di Wine Talent, abbiamo voluto creare un ponte tra la domanda e l’offerta di lavoro, utilizzando un network relazionale molto ampio, mettendo a disposizione delle aziende, un bacino di potenziali candidature nettamente più esteso di quello a cui potrebbero attingere gli imprenditori in autonomia. Ci avvaliamo di preziosi strumenti che ci permettono di riconoscere e valorizzare al meglio i talenti che meglio rispondono alle esigenze delle imprese e attingiamo da una grande quantità di curricula che ci consentono di avere un importante portfolio di profili specializzati e in grado di rispecchiare un notevole “alfabeto di competenze”.

Perché un’azienda dovrebbe avvalersi della mediazione nella ricerca di profili da inserire nella propria squadra?
Innanzitutto, la possibilità di gestire la parte di job description in maniera accurata, avvalendosi del supporto dialettico con esperti del settore, che non solo tengono conto delle caratteristiche professionali richieste ai candidati, ma anche della visione aggiornata dei dati di mercato, delle esigenze e delle sfide che vengono sottoposti al settore vitivinicolo.
Il secondo aspetto, la possibilità per degli head hunter come noi di condurre una ricerca di profili eterogenei all’interno di un network più ampio e variegato, di quanto possa disporre una singola azienda. I nostri strumenti di valutazione e criteri di scelta dei candidati vanno ben oltre ai “fattori di prima impressione” e alle “referenze” elencate nelle varie presentazioni e ottimizzano di gran lunga i tempi e i costi necessari per la definizione ottimale del profilo di cui si ha bisogno.

Una delle obiezioni che ci viene mossa è proprio quella di essere un servizio “costoso”, perché affidarsi ad una società esterna per il servizio di recruiting?
Puntualmente rispondiamo: quanto costa all’impresa in termini di tempo, risorse e tentativi una ricerca efficace per raggiungere il “matrimonio perfetto”, passando per una necessaria sperimentazione di più candidati? Sappiamo cosa vuol dire e soprattutto sottrae tempo ed energia ad altri aspetti fondamentali per la gestione aziendale.

I nostri servizi principali sono:
- Ricerca e selezione di personale specializzato per il settore vitivinicolo, con particolare focus sulle figure commerciali (Recruiting & Head Hunting)
- Supporto all’analisi delle posizioni da ricercare (Job Description) e pubblicazione di annunci “mirati” su canali digitali specialistici (Advertising e Job Posting)



Questa formula ci consente di intercettare i candidati più giovani ad alto potenziale, per proporli poi alle aziende dei clienti.
Attraverso i nostri servizi accompagniamo da vicino le aziende in uno dei compiti più delicati: trovare i profili più adatti in termini di competenze, ma anche di abilità personali e relazionali. Perché è sempre più evidente che tra avere la possibilità di scelta e avere la possibilità di fare la scelta “giusta”…c’è un’enorme differenza!



Download scheda formato PDF



Campus Export Manager: diventa export manager del vino

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020


Campus Export Manager: diventa export manager del vino
Inizerà a febbraio 2020 il nuovo campus per export manager.
Da molti anni siamo impegnati in percorsi formativi dedicati al tema dell’export del vino. Abbiamo maturato una lunga esperienza in questo ambito, frutto in gran parte della nostra costante relazione con le imprese del vino nei diversi mercati internazionali.
Tale relazione e il continuo monitoraggio dei mercati ci ha reso via via più consapevoli dell’importanza delle risorse umane per capitalizzare al meglio le ancora grandi potenzialità di sviluppo dell’internazionalizzazione delle imprese del vino italiane.
Allo stato attuale, però, non vi è un numero sufficiente di risorse umane, di professionalità capaci di far crescere in maniera corretta e adeguata le nostre imprese vitivinicole nei sempre più complessi mercati internazionali.
Abbiamo pertanto deciso di concentrare la nostra attività formativa su questo versante in un unico progetto di formazione totalmente dedicato a coloro che sono oggi interessati e motivati a dare il proprio contributo professionale sul fronte dell’export del vino italiano, magari provenendo da altri settori.

Wine People darà inizio a Lonigo (Vi), in via Martiri delle Foibe 9, il 11 febbraio 2020 al ciclo di formazione Campus Export Management ideato per coloro che vogliono intraprendere questa professione.

A chi è rivolto?

A tutti coloro che vogliono diventare export manager nel mondo del vino
A coloro che vogliono trasformare la passione per il vino in una professione
A chi ha una competenza linguistica e una competenza tecnica del vino e vuole acquisire competenze legate all’export


Quali sono alcuni tra gli argomenti del Campus Export Manager?
  • Il ruolo dell’export nel comparto vitivinicolo italiano: le ragioni e le modalità di internazionalizzazione del sistema vino Italia: le competenze necessarie (soft e hard skills) per dare supporto alle imprese del vino
  • La struttura del sistema vitivinicolo italiano e come adeguare le proprie competenze ad essa: l’export management delle PMI del vino italiane; l’export management delle grandi imprese del vino (industriali, imbottigliatori, cooperative).
  • I mercati europei del vino: da quelli più maturi (Germania, Regno Unito), a quelli più emergenti (Polonia, Repubblica Ceca, Paesi Baltici).
  • Il Nord America, un mercato tutt’oggi strategico per il vino italiano: come considerare gli Usa 51 Stati e non solo 6 o 7; come gestire i monopoli nelle diverse Province canadesi
  • I mercati asiatici: i più grandi (Cina e Giappone), i più piccoli (il Sud est asiatico).
  • Costruire un’identità internazionale alle imprese del vino italiane: la comunicazione internazionale del vino; gli influencer tradizionali e i new influencer; le maggiori fiere internazionali del vino; l’organizzazione di eventi di promozione all’estero.
  • La costruzione di reti di impresa per l’export del vino: come costruire “Consorzi per l’export” capaci di aumentare la propria forza competitiva e di presidio sui mercati internazionali;
  •  nuovo ruolo dell’export manager “multibrand”
  • Le misure comunitarie a supporto dell’export vitivinicolo delle imprese italiane: dall’OCM vino per la promozione nei Paesi terzi alla Misura 3.2 del Programma di sviluppo rurale 2014-2020, dedicati alla promozione dei regimi di qualità, ai voucher per i temporary export manager.
  • Come entrare nel mondo del vino? Cosa cercano le aziende italiane?
  • Case History aziendali

Che metodologie didattiche si usano?
Utilizzeremo il meglio di quello che la tecnologia digitale e multimediale può offrire in ambito di formazione. I contenuti del corso verranno via via integrati e arricchiti dai contributi dei singoli partecipanti e dal frutto dei laboratori esperienziali: il tutto utilizzando una piattaforma digitale condivisa che consentirà, al termine del Campus, di ricevere tutto il materiale prodotto durante il training.

Come è strutturato il percorso?
Oltre al corso, al materiale e al diploma, sono compresi tutti i pasti e due bonus a sorpresa: due momenti in aggiunta a programma formativo.
Con il nostro Campus Export Manager non si acquisiscono solo contenuti teorici, ma la certezza di poterli immediatamente applicare in azienda. Per questo verranno assegnate delle attività da fare tra un incontro e l’altro (inerenti agli argomenti trattati) e i partecipanti verranno affiancati ogni volta che ne avranno bisogno. Le attività esperienziali aiuteranno a chiarire tutto ciò che può risultare ancora difficoltoso, nel delicato passaggio dalla teoria alla pratica.

Perché una persona dovrebbe iscriversi al Campus Export Manager di WinePeople?
  • Perché non basta conoscere le lingue e conoscere il vino per essere un bravo export manager
  • Perché con la nostra divisione Talent ci occupiamo di ricerca e selezione di risorse umane e sappiamo quali sono le richieste delle aziende quando cercano un export manager.
  • Perché è il primo corso dedicato anche alla figura, sempre più richiesta, dell’export manager “multibrand”.
  • Perché vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo!

Monte ore e frequenza
Il Campus ha una durata di 8 giornate di lezione e per ottenere il Diploma è necessario aver frequentato almeno il 70% del monte ore. Ogni lezione sarà comunque videoripresa e lasciata a disposizione dei frequentanti.

Date inizio corso: Febbraio 2020
Le lezioni saranno sempre di martedì, nelle seguenti date: 11/02, 03/03, 31/03, 12/05, 09/06, 30/06, 15/09, 06/10

Responsabili didattici: Fabio Piccoli e Lavinia Furlani

Sede e orari:

Il corso si terrà a Lonigo- Vicenza dalle ore 10.30 alle ore 18.30.

E’ previsto un colloquio di ammissione?
Il Campus è a numero chiuso e verrà data priorità di adesione in base all’ordine temporale di iscrizione.
Per accedere è necessario sostenere un colloquio ( telefonico, Skipe o di persona) con uno dei responsabili didattici con l’obiettivo di capire che il campus sia in linea con le aspettative e le esigenze del partecipante.
Numero massimo Partecipanti: 15

Viene rilasciato un diploma?
Al termine del Campus viene rilasciato un diploma da WinePeople e Wine Meridian che attesta la partecipazione al percorso formativo.
Inoltre i partecipanti saranno inseriti nel book degli Export Manager di WinePeople Talent, con l’obiettivo di essere fin da subito inseriti all’interno del mondo del vino.
Per chi interessato il Campus può attivarsi nella facilitazione della ricerca di aziende per effettuare stage o tirocini.

Cosa comprende l'iscrizione?
Oltre al corso, al materiale e al diploma, sono compresi tutti i pasti e due bonus a
sorpresa: due momenti in aggiunta al programma formativo.
Inoltre ad ogni lezione è prevista una degustazione di vini compresa nell’iscrizione che costituirà una parte didattica del percorso.
La quota di iscrizione è di 2.500 euro più IVA.

Per info scrivi a formazione@winemeridian.com, riceverai tutte le informazioni e potrai essere messo in contatto con un nostro tutor.



Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio