Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 24 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

italian wine academy Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/

Sud America



venerdi 01 febbraio

Wine Meridian around the world: Florida e Messico

Intervista a Marina Nedic, owner di IEM (Italian Exhibition Management)


Wine Meridian around the world: Florida e Messico
I viaggi alla scoperta del mondo del vino non si fermano per Wine Meridian, partner di IEM (International Exhibition Management) per una delle più importanti tappe del 2019: Florida & Mexico!
Dal 4 al 6 febbraio 2019 Wine Meridian sarà presente prima a Fort Lauderdale, in Florida, e poi a Mexico City, in Messico per un denso programma che vedrà protagonista il vino italiano, a disposizione di importatori, buyer e key clients.
Al fine di comprendere le potenzialità di due mercati come questi, abbiamo intervistato Marina Nedic, owner di IEM (Italian Exhibition Management)

IEM da molti anni organizza tappe negli Usa: dal vostro osservatorio come avete visto evolvere questo mercato? Quali i punti di forza e di debolezza attuali?
IEM lavora in USA dal 1999 e con la propria struttura locale dal 2007. Gli Stati Uniti, con i 50 stati che li compongono, rappresentano un mercato eterogeneo caratterizzato da numerose diversità in termini di demografia, normativa legislativa, consumi, cultura, clima ecc.
Questa peculiarità ne fanno un mercato di sbocco complesso e competitivo ma allo stesso tempo con ampi margini di penetrazione. Gli Stati storicamente più attivi dal punto di vista del consumo di vino sono California, Florida, New York, New Jersey e Texas ma si sta assistendo ad un cambiamento di tendenza nei mercati del MidWest.
I punti di forza sono:
  • Capacità e trend di consumo in ascesa dovuta ad un buon potenziale economico del paese e alla predisposizione dello user al consumo di vino riconosciuto come status symbol;
  • Miglioramento della percezione del vino italiano da parte del consumatore americano come sinonimo di qualità e versatilità;
  • Crescente disponibilità a riconoscere un prezzo più alto per i prodotti d’eccellenza;
  • Incrementano le fasce di consumo in particolare di quel segmento della popolazione di età compresa tra i 21 e i 38 anni, i cosiddetti millennials, fortemente interessati a conoscere il vino in tutti i suoi aspetti (uvaggio, terroir, produttore, storia, ecc.) e assiduamente presenti sui social; 
  • Maggiore interesse nel provare prodotti nuovi e scoprire nuove varietà al fine di ampliare la scelta dei prodotti con cui poter esprimere valori culturali e sociali legati al mondo del vino;
  • Incremento della frequenza del consumo di vino;
  • Evoluzione della distribuzione.
 
I punti di debolezza sono:
  • Diminuzione dei consumi dei baby boomers e capacità di consumo della nuova generazione (Millennials) non ancora così stabile;
  • Sistema di distribuzione del three tier system complesso (delinea i canali esclusivi autorizzati coinvolti nel processo di diffusione del vino); 
  • Stati regolamentati da normative e prassi anche molto differenti fra loro che complicano la penetrazione del mercato;
  • Difficoltà logistiche e operative nel vendere vino tramite il web.
 
 
Miami da tempo rappresenta una base importante per la vostra società, come considerate questo hub per il mercato statunitense?
La Florida rappresenta uno Stato strategico all’interno del mercato vitivinicolo americano per due ragioni: è il secondo Stato per consumi dell’intero Paese; la sua posizione geografica ha un accesso strategico verso gli stati dell’America del Sud. Questi rientrano tra i motivi principali per cui abbiamo scelto di posizionare la sede a Miami.
 
Il Messico continua ad essere un mercato emergente, quali sono dal vostro osservatorio le principali opportunità per accedere a questo mercato?
Sicuramente l’aumento della classe media ha permesso maggiori disponibilità per quanto riguarda gli acquisti. C’è un aumento costante del consumo di vino, ed in particolare per il vino italiano. In generale l’Italia riscuote un grande appeal da parte dei consumatori, grazie anche ad una buona e organizzata distribuzione dei prodotti e ad una diffusione della ristorazione italiana sul territorio. Considerata anche la scarsa produzione di vino locale, credo che questi elementi costituiscano delle buone opportunità per le aziende italiane.
 
Ogni anno le vostre tappe internazionali sono contraddistinte anche da importanti seminari, quali le tematiche che affronterete nei tasting di Miami e Città del Messico?
I seminari sono parte fondamentale dei nostri eventi e vengono utilizzati come momento di informazione e formazione su importanti aspetti che i partecipanti “toccano” con mano durante i seminari stessi e nella parte successiva dedicata alle degustazioni. In Messico il seminario sarà organizzato in collaborazione con l’Associazione dei sommelier messicani al fine di dare un aspetto formativo più approfondito sul mercato. I temi dei seminari riguarderanno principalmente le denominazioni DOCG Asti, Asti Secco e Moscato D’Asti, grazie al supporto del Consorzio per la Tutela dell’Asti DOCG; il case history di Ricci Curbastro e dei territori della Franciacorta e della Romagna; le bollicine provenienti dal Friuli, grazie al supporto del Consorzio Tutela Vini DOC Friuli.
 




Download scheda formato PDF



giovedi 06 dicembre

Brasile: il mercato di chi ama le sfide

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice


Brasile: il mercato di chi ama le sfide
“Brazil, the real deal” era il titolo di uno dei seminari tenutosi durante wine2wine 2018, il forum che ci ha guidati verso la scoperta di nuovi mercati e la ri-scoperta di quelli che, spesso banalmente, consideriamo mercati saturi. Parliamo del Brasile, che si colloca in mezzo, non è un mercato nuovo ma non è un mercato saturo, anzi, è un Paese sul quale si può e si deve puntare, rimanendo consapevoli che sarà un percorso ripido, ma alla lunga efficace.

Partiamo dal considerare alcuni dati, forniti da Wine Intelligence e sapientemente esposti da
Bernardo Pinto, direttore tecnico della società importatrice “Zahil Importadora” ed esperto del mercato brasiliano.
Il Brasile non è proprio un puntino sul mappamondo. Si estende su 8516 milioni di km2, è grande quasi quanto l’Europa, e al suo interno vivono 153.4 milioni di abitanti adulti. Fra questi, ci sono 89 milioni di lavoratori, 44.4 milioni di essi però guadagnano poco, in media 172 euro al mese, mentre il reddito familiare medio è di 287 euro. L’affitto medio in Brasile è di 428 euro, in particolare a San Paolo è più alto e arriva a circa 556 euro, a cui vanno sommate le spese di trasporto, circa 71 euro al mese e le spese per l’alimentazione di 162 euro al mese.

Se vi fermaste a leggere l’articolo proprio ora, pensereste che lo spazio per il vino è inesistente. Ma le buone notizie stanno per arrivare, non temete.
Addentriamoci nel mondo del vino: il Brasile è considerata l’ottava economia al mondo ed il diciassettesimo mercato del vino. Il volume di consumi nel Paese si aggira intorno ai 34.054.000 in cartoni da 9 litri, il 25% dei quali si riferisce a vini importati, quindi un totale di 8.541.000 cartoni da 9l.
In Brasile si registrano 29.7 milioni di consumatori regolari di vino, 23.8 milioni di questi consumano vino importato, e sono ben 12 milioni i consumatori che dichiarano di bere settimanalmente vino importato. Di questi, il 14% è poco coinvolto nel mondo vino, il 28% è mediamente coinvolto, il 54%, quindi la maggioranza, è altamente coinvolto.

Perché compra il consumatore brasiliano? Ecco svelati i principali motivi: l’85% per il marchio conosciuto, l’82% per il vitigno, l’80% perché il prodotto gli è stato raccomandato da famiglia e amici, il 77% per la regione di origine, il 76% per il Paese d’origine, il 70% grazie alla promozione, il 64% per il contenuto alcolico, il 58% per le premiazioni ricevute, il 58% perché raccomandato dallo staff (camerieri, sommelier, ecc), il 57% per il design dell’etichetta.

Certo, gli ostacoli ci sono: a partire dal potere d’acquisto, la burocrazia, la geografia, la poca professionalità ed educazione al vino, ma più di tutte la tassazione. Il vino è tassato al 100%, e il sistema di tasse è volutamente contorto e incomprensibile, tanto da far inspiegabilmente pagare ai consumatori doppie tasse sullo stesso prodotto. In sostanza il vino costa da 3 a 5 volte di più in Brasile, rispetto all’Italia.

Inoltre, la GDO è pronta a vendere vino di qualità e l’e-commerce (come già segnalato qui) funziona alla grande. C’è bisogno di educazione al vino, certo, ma arrivare ai wine lovers è possibile, ed il consiglio è quello di unirsi, di promuovere le denominazioni, le zone di produzione e non solo le singole realtà. Di puntare sul turismo, di creare eventi e di sfruttare il più possibile agenti e importatori.

Il dialogo è fondamentale e tra “simili” è più semplice. Infatti, oltre al fatto che nel Paese ci sono più di 520.000 cittadini italiani e dai 25 ai 30 milioni di abitanti brasiliani hanno discendenze italiane, ci sentiamo di sottolineare che il Brasile in molti suoi aspetti ricorda l’Italia: un paese dai forti contrasti e dal sentito flolklore, con una gran passione per vino e arti culinarie, rispetto delle proprie tradizioni e degli usi e costumi, e una burocrazia complessa. Un’immagine speculare no?
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF



giovedi 29 marzo

Il grande successo dell’e-commerce nel mercato brasiliano

Raggiungere i consumatori in Brasile è più semplice tramite l'on-line


Il grande successo dell’e-commerce nel mercato brasiliano
Rispetto ai mercati internazionali più noti e sicuri, il Brasile affronta da anni diverse difficoltà economiche. La crisi non si arrende, e attanaglia una popolazione molto variegata e tenace, che si è rivelata però una buona opportunità di investimento per quanto riguarda il settore vinicolo. La situazione generale del paese non deve quindi scoraggiare i produttori italiani intenzionati a penetrare nel mercato brasiliano. Oltre ad essere la patria del carnevale più colorato al mondo, il Brasile ospita consumatori di vino interessanti che, si sono rivelati più facili da raggiungere tramite la vendita online.

A confermare queste tendenze di consumo è un recentissimo report condotto da Wine Intelligence, dal nome Online Retail and Communication in the Brazilian Market 2018. Il report, nella sua integrità, fornisce una panoramica molto precisa delle abitudini di acquisto online dei brasiliani, targettizzando il cliente medio, ovvero quello su cui orientare anche le proprie strategie di marketing. Inoltre, fornisce degli spunti interessanti su come le aziende abbiano saputo sfruttare a loro favore il mondo di internet, per raggiungere i consumatori in Brasile.

Essendo la ricerca molto dettagliata, abbiamo scelto di riportarvi i contenuti, a nostro parere, più rilevanti:
- In Brasile ci sono circa 8 milioni di compratori online, di questi, ad oggi, 1.7 milioni comprano abitualmente vino online ogni mese. Importante segnalare questa crescita, poiché le vendite online hanno fatto un salto del 40% solo dal 2016 al 2017. Certo, dal 2011 al 2015 il consumo di vino in Brasile era globalmente diminuito, a causa delle condizioni in cui riversava la nazione. Nonostante ciò la percentuale di bevitori di vino era cresciuta rispetto al 2010, crescita che aveva allora segnalato un buon 80% di consumatori che beveva vino importato almeno due volte all’anno;
- il compratore online medio è giovane, più avventuroso, tendenzialmente maschio, dal reddito piuttosto elevato e che beve vino più frequentemente degli altri consumatori di vino in Brasile, coloro che non si avvalgono della vendita online;
- dopo la Cina e il Regno Unito, il Brasile ha la più alta percentuale di consumatori di vino che acquistano vino online;
- circa tre consumatori online su quattro acquistano non più di quattro bottiglie in un singolo ordine;
- il prezzo e il valore della bottiglia sono i motivi principali che portano i consumatori alla scelta di ordinare vino online;
- wine.com.br e Evino, sono i rivenditori specializzati online dominanti, mentre il franchising Vinho & Ponto è il rivenditore più popolare tra gli acquisti online mensili;
- i mezzi di informazione più affidabili rimangono le wine apps, i siti web dei produttori e i siti di e-commerce.

Il Brasile, in conclusione, ha una buona percezione del vino importato, alcuni consumatori sembrano considerarlo più pregiato o altolocato rispetto al vino prodotto nazionalmente. Un fattore, questo, che strizza l’occhio a chi medita di orientarsi sul mercato brasiliano tramite l’e-commerce. 
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC saturday 23 march

Italian wines in the world: Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia

We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma sabato 23 marzo

Italian wines in the world: Ràfia di Cantina Santa Maria La Palma

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019



http://www.winemeridian.com/