Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 31 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli

Eventi Internazionali

Wine Meridian si propone di affiancare le aziende del vino italiane sui mercati esteri, organizzando tour internazionali nei Paesi più strategici, in partnership con enti specializzati e locali. In concreto, Wine Meridian si propone di supportare le aziende, organizzandone la partecipazione in collettiva a fiere internazionali ed eventi b2b che garantiscono una profilazione altamente qualificata di importatori, distributori, ristoratori, media e opinion leader. 



venerdi 22 maggio

India mercato emergente per il vino: partecipa all'incontro con i buyer di questo Paese

Si terrà a settembre il meeting b2b digitale in cui buyer e produttori si incontreranno a distanza ma con le stesse opportunità di degustazione e di promozione delle realtà italiane.


India mercato emergente per il vino: partecipa all'incontro con i buyer di questo Paese

Photo by Charlie Costello on Unsplash


Si svolgerà i primi giorni di settembre l'evento b2b di incontro tra produttori e buyer indiani in versione digitale, organizzato da Wine Meridian in collaborazione con Wonderfud. Sarà possibile, per i produttori, incontrare in maniera virtuale i buyer indiani attraverso una piattaforma digitale che consentirà di realizzare ciò che normalmente avviene negli eventi b2b in presenza.

L' agenda programmata vede una serie di incontri a distanza tra produttori e buyer che avverrà con le medesime modalità degli incontri face to face, cioè con la degustazione dei vini da parte dei buyer e la descrizione dei prodotti e dell’azienda da parte dei produttori, ma attraverso un format innovativo.
Ogni azienda, infatti, avrà modo di presentare la propria realtà e i suoi vini con una modalità comunicativa molto più concreta e razionale, capace di poter mettere in risalto al meglio le peculiarità del brand.

Perché investire in India?

L'India è un Paese emergente, con un mercato grande e complesso che negli ultimi 10 anni è stato coinvolto da una grande crescita del consumo di vino. Possiede, inoltre, una delle popolazioni di giovani consumatori più alta al mondo, che ha manifestato una buona predisposizione verso i vini importati di cui tra questi l’Italia è al terzo posto dopo Australia e Francia.
Secondo Wine Intelligence, l'India è annoverata nella TOP 15 dei mercati più attrattivi per le prospettive a tendere al 2025.
Il nostro consiglio è quindi di muoversi per tempo commercialmente, perché rappresenta una grande opportunità. La crescita è veloce, e i numeri lo dimostrano. 

Programma India settembre 2020:

Ricerca di mercato personalizzata
Entrerai in contatto con operatori del settore selezionati da noi, in particolare importatori, distributori, Ho.Re.Ca e opinion leaders interessati alla tua azienda e alle sue peculiarità.
Provvederemo inoltre a fornire ai nostri consulenti un brief creato in collaborazione con la tua cantina dove in maniera sintetica ma esaustiva presenteremo la tua realtà ai potenziali buyer. Sarà così più facile selezionare gli operatori locali in linea con i tuoi modelli di business, con la garanzia di una collaborazione concreta con le autorità italiane in India.

Agenda su misura per te
Ogni produttore o export manager avrà a disposizione un'agenda ad hoc in cui saranno fissati incontri mirati per poter instaurare un primo contatto fondamentale.




Gli incontri Business2Business

Gli incontri avverranno su una piattaforma digitale in cui ci sarà l'opportunità di far degustare i tuoi vini, di servirli alla giusta temperatura e nelle giuste condizioni.
Garantiamo, infatti, l'attrezzatura e il personale necessario per garantire la migliore esperienza gustativa.

Ci sarà inoltre l'opportunità di condividere presentazioni, brochures, filmati direttamente con i nostri interlocutori per presentare al meglio la tua Corporate Identity.
Cambia quindi solo il mezzo di comunicazione, ma l'esperienza rimane allo stesso livello di eccellenza che avremmo avuto in presenza.


Piattaforma digitale

Gli incontri di business avverranno su piattaforma digitale con modalità one-to-one.
L'obiettivo che ci poniamo non è solo il b2b, ma anche la costruzione di un approccio più articolato e completo.

Saremo sempre a disposizione come supporto prima, durante e dopo i meeting digitali per assicurare facilità d’utilizzo ed efficacia operativa.

Campionature
Wonderfud sarà sempre al tuo fianco anche nell'organizzazione e gestione delle spedizioni di campionature agli importatori.
Abbiamo già instaurato rapporti di partnership con importatori che possano garantire il corretto svolgimento di tutte le pratiche relative all’import in di prodotti alcolici (vini e distillati) in India e che assicureranno quindi la presenza dei prodotti in loco, sotto la supervisione ed intervento delle autorità italiane sul posto.



OCM

Supporteremo attivamente le aziende nella predisposizione dell’opportuna documentazione scritta e fotografica a supporto dei propri progetti OCM.

Quota di partecipazione
Le quote sono previste nelle voci di contributi OCM.
Rimangono escluse tutte le spese relative alla spedizione e sdoganamento delle campionature in India.



Per informazioni scrivi a redazione@winemeridian.com 




Download scheda formato PDF



mercoledi 04 marzo

Danimarca e Polonia - La rotta del vino italiano punta a Nord-Est

Sbarca il 5 maggio a Copenhagen e prosegue il 7 Maggio a Varsavia il Simply Italian Great Wines Eastern Europe 2020


Danimarca e Polonia - La rotta del vino italiano punta a Nord-Est
Simply Italian Great Wines, l’evento ideato da IEM" International Exhibition Management per valorizzare l’enologia italiana in Europa vola per la prima volta a Copenaghen, il 5 maggio 2020, alla conquista del mercato danese, per poi tornare in Polonia, a Varsavia, il 7 maggio 2020 confermando così la sua quarta edizione in Est Europa.
Per i produttori italiani le due tappe rappresentano un’opportunità fondamentale di promozione: l’obiettivo primario è favorire l’incontro diretto con i principali player locali del vino (importatori, sommelier, canale ho.re.ca.) e la stampa, grazie ad incontri curati nella formula walk around tasting.
Uno dei punti di forza di questi incontri è l’autorevolezza del pubblico partecipante.
All’evento saranno coinvolte autorità locali, istituzioni italiane presenti sul territorio e opinion leader.

IEM ci fornisce alcuni dati riguardo a queste due destinazioni. Vediamo quindi nel dettaglio

Perché esportare in Danimarca?


La Danimarca continua a mantenere un consumo pro capite di vino relativamente elevato, fra i primi 10 posti a livello globale, superiore a quello dei suoi vicini nordici, Svezia, Norvegia e Finlandia.
Infatti, il consumo pro-capite è continuamente in crescita ed è salito dai 29,54 litri/anno nel 2012 ai 31,18 litri/anno a fine 2017.

L’Italia si conferma secondo partner commerciale, ma appena poco distante dalla vicina Francia, con un valore di 143,06 mln € di vino importato fra gennaio e dicembre del 2018, molto avanti rispetto a Spagna, Germania e Stati Uniti, rispettivamente con un valore di 56,03 mln € 43 mln €e 38,09 mln €di vino importato fra gennaio e dicembre 2018.
Tra il 2018 e il 2019 aumentano tutte le vendite di vini DOP italiani, con un aumento dei volumi per tipologia del 1,0% per i rossi fermi, +1,0% per i bianchi fermi, 1,6% per i rosè, +1,0% per Champagne.

Perché esportare in Polonia?

La Polonia è il più grande mercato dell’Europa centro-orientale, con oltre 38 milioni di abitanti. La crescita dell’economia polacca e l’influenza dei paesi limitrofi già forti in ambito vitivinicolo stanno contribuendo alla trasformazione del mercato polacco che, pur mantenendo una cultura tradizionalista, si sta aprendo velocemente al consumo di altri beni considerati “di lusso” come il vino, rientrando nella classificazione di mercato “in crescita” del Wine Intelligence Global Compass.

Si diffonde sempre più la cultura del vino fra i consumatori e la maggior attenzione alla salute e al consumo consapevole di alcolici fa registrare un aumento del consumo pro-capite di vino dai 3,44 litri annui del 2013 ai 5,09 litri annui del 2018.

Le vendite complessive di vino in Polonia nel periodo settembre 2018 - agosto 2019 sono aumentate del 9%, stabilendo un record in termini di spese: 3,2 miliardi di zloty (circa 750 milioni di euro).

Per quanto riguarda le importazioni, l’Italia diventa il primo partner commerciale superando la Germania con 63,84 milioni di euro di vino importato fra gennaio e dicembre 2018, equivalente al 20,6% in più rispetto al 2017.

Nel 2019 aumentano tutte le vendite di vini DOP italiani rispetto all’anno precedente con un aumento dei volumi rispettivamente del +4,8% per i rossi fermi, +5,8% per i bianchi fermi, +4,5% per i rosè, +6,3% per Champagne.

Le date sono 5 e 7 maggio, potrete scegliere di partecipare ad una o entrambe le tappe. Vi accompagneremo in questo viaggio nelle due delle capitali europee dove il vino italiano sta riscuotendo un successo crescente e vede l’Italia al primo posto, Polonia, e al secondo, Danimarca, come partner commerciale per le importazioni di vino.

Per informazioni scrivete a eventi@winemerdian.com
Danimarca e Polonia - La rotta del vino italiano punta a Nord-Est


Download scheda formato PDF



venerdi 14 febbraio

Tour Internazionali: il nostro calendario 2020 (modificato)

Il nuovo calendario tappe internazionali, in presenza sul mercato e in versione digital, vi aspetta!


Tour Internazionali: il nostro calendario 2020 (modificato)
Finalmente si può ripartire. Dopo questa pausa forzata ricominceremo a viaggiare nel mondo per accompagnare le aziende del vino italiani sui principali mercati. Siamo felici di presentare ufficialmente il calendario (rivisitato post Covid) del nostro viaggio intorno al mondo. Troverete delle modifiche rispetto ai piani originari e anche qualche bella novità, in particolare la possibilità di partecipare ad alcuni di questi eventi in versione digitale. 
Noi partiamo per testimoniare e raccontarvi tutto quello che è il business del vino oggi e per supportare e affiancare le aziende del vino italiano nella promozione del nostro prodotto nel mondo. Per questo partiremo insieme a voi, a coloro che vorranno unirsi a noi ed ai nostri partner internazionali in questa magnifica avventura alla scoperta di Paesi e culture dove il vino italiano ha ancora molto da dire e da dare.

Di seguito il calendario delle prossime tappe del nostro tour 2020:

INDIA - NEW DEHLI | 1-2 settembre - formazione, B2B DIGITAL con agenda programmata in collaborazione con Wonderfud


AZERBAIJAN - BAKU | 15 settembre -masterclass, formazione e walk around tasting in collaborazione con Unexpected Italian 


KAZAKHISTAN - ALMATY | 17 settembre - masterclass, formazione e walk around tasting in collaborazione con Unexpected Italian


CANADA - TORONTO | 21 settembre - formazione, B2B DIGITAL con agenda programmata in collaborazione con Wonderfud

DANIMARCA- COPENHAGEN | 22 settembre - walk around tasting in collaborazione con IEM - Simply Italian Great Wines


POLONIA - VARSAVIA | 24 settembre - walk around tasting in collaborazione con IEM - Simply Italian Great Wines


RUSSIA - MOSCA/SAN PIETROBURGO | 29 settembre - 1 ottobre - walk around tasting in collaborazione con IEM - Solo Italiano Grandi Vini


VIETNAM - HO CHI MINH/HANOI | 30 settembre - 2 ottobre masterclass, formazione e walk around tasting in collaborazione con Unexpected Italian


TAIWAN - TAPEI | 5 ottobre - masterclass, formazione, walk around tasting in collaborazione con Unexpected Italian


COREA - SEOUL | 7 ottobre - masterclass, formazione, walk around tasting in collaborazione con Unexpected Italian


USA - NEW YORK | 26 ottobre - walk around tasting in collaborazione con IEM -  Simply Italian Great Wines


USA - SAN FRANCISCO | 28 ottobre - walk around tasting in collaborazione con IEM - Simply Italian Great Wines


CINA - SHENZEN | 9-11 novembre - Fiera Wine to Asia China - Shenzen - in collaborazione con Vinitaly International


THAILANDIA - BANGKOK | 19 novembre - masterclass, formazione, walk around tasting in collaborazione con Unexpected Italian


SINGAPORE | 26 novembre - walk around tasting in collaborazione con IEM - Simply Italian Great Wines


AUSTRALIA - SIDNEY | 30 novembre - walk around tasting in collaborazione con IEM - Simply Italian Great Wines 


GIAPPONE - TOKYO | 5 dicembre - formazione, B2B DIGITAL con agenda programmata in collaborazione con Wonderfud


Per avere ulteriori informazioni sui tour internazionali: eventi@winemeridian.com o redazione@winemeridian.com 
Scarica negli allegati qui sotto il calendario completo delle nostre tappe internazionali.



File allegato 1: Brochure con descrizione tappe


Download scheda formato PDF



venerdi 01 novembre

Export, obbligati a progetti di medio lungo periodo

Non è immaginabile pianificare le proprie strategie di export nel breve periodo perché rischiano di essere investimenti destinati quasi sempre a naufragare


Export, obbligati a progetti di medio lungo periodo
Siamo reduci da un mese intenso di viaggi che ci hanno portato prima in Corea del Sud, poi in Vietnam per chiudersi infine in Cina.
Viaggi che ci hanno fatto comprendere ulteriormente come l’Asia rappresenti un’area di mercato fondamentale per il vino italiano sia per quanto concerne l’oggi ma anche, e soprattutto, il futuro.
È sempre più evidente, però, che le performance delle nostre aziende anche su questi mercati saranno direttamente proporzionali alla capacità di pianificare strategie di medio-lungo periodo.
Chi infatti ancora oggi pensa di poter affrontare questi mercati con iniziative estemporanee, del cosiddetto “mordi e fuggi” è assolutamente fuori strada.
Ma ad arrivare a queste conclusioni, che come spesso accade possono apparire ovvie, non siamo noi di Wine Meridian, ma le 48 aziende che abbiamo intervistato in questo lungo tour asiatico.
Abbiamo, infatti, approfittato di questa serie di eventi, per formulare alle aziende presenti due “semplici” domande:
  • come ti appare allo stato attuale questo mercato? (abbiamo replicato questa domanda in Corea del Sud, Vietnam e Cina);
  • quali sono a tuo parere le azioni che dovresti realizzare per essere competitivo su questo mercato?
Rispetto alla prima domanda la maggioranza degli intervistati si è concentrata in una risposta che potremmo così sintetizzare: “Si tratta di mercati in evidente espansione, dove è crescente l’interesse del trade, dove anche la cultura del vino sembra essere in evoluzione ma sono ancora moltissime le potenzialità inespresse”.
Rispetto, invece, la seconda domanda la risposta maggiormente utilizzata dagli intervistati potrebbe essere così riassunta: “Si tratta di mercati che necessitano un’attenta selezione degli operatori (importatori e distributori) molti dei quali ancora con scarsa esperienza. È necessario un accompagnamento costante degli importatori per creare una notorietà di brand sufficiente a sviluppare del business adeguato. Si devono considerare anche azioni educative, formative almeno per la rete commerciale coinvolta dall’importatore”.
Due risposte che inevitabilmente ci hanno spinto a formulare una terza domanda: “Ma quanto tempo, a vostro parere, sarà necessario per capitalizzare al meglio le potenzialità che avete evidenziato?”.
“Un minimo di tre, massimo cinque anni”, la risposta quasi generale.
Sento già l’osservazione di gran parte di voi lettori: “Ma è ovvio”.
Sarà anche ovvio ma se andiamo poi a vedere quante sono le aziende del vino italiane che hanno pianificato strategie, iniziative nel medio-lungo periodo, ci accorgiamo che sono pochissime.
Ed è proprio per questo che noi smetteremo di scrivere cose “ovvie” solo quando constateremo la coerenza tra ciò che viene affermato e ciò che viene poi concretamente realizzato.
Ma perché, allora, risulta così difficile tradurre in piani concreti, operativi ciò che appare evidente sul piano teorico?
La risposta più semplice è racchiusa nella “scarsità di risorse economiche”.
Ma siamo veramente convinti che sia questa la risposta corretta?
Noi vi proponiamo un altro punto di vista.
Innanzitutto il tema di una dotazione finanziaria non sufficiente per attivare politiche di sviluppo sui mercati di medio-lungo periodo non può emergere solo alla fine di una prima attività su un determinato mercato (evento b2b, fiera, ecc.).
In sostanza è alquanto paradossale che un’azienda che ha deciso di partecipare ad un evento b2b in un determinato mercato poi non sia economicamente in grado di presidiare quel Paese almeno per un triennio.
Se così è significa che quell’azienda non era pronta per quel mercato, non era adeguata per quella strategia di sviluppo.
È pertanto fondamentale che prima di attivare un processo di internazionalizzazione sia stata fatta un’analisi precisa dei costi e dei tempi di sviluppo.
Solo così, ad esempio, diventa possibile andare ad intercettare strumenti di finanziamento coerenti con i propri progetti di export.
Purtroppo, invece, è frequente il processo contrario. E cioè che sono gli strumenti di finanziamento a dettare le scelte dell’azienda.
L’Ocm vino promozione terzi è un esempio eloquente in tal senso. Molte aziende partecipano ad alcune iniziative internazionali perché hanno la possibilità di farseli cofinanziare dai fondi previsti nell’Ocm vino.
Ma purtroppo sappiamo bene che questa progettualità è quasi sempre legata ad una singola annualità e questo determina l’increscioso fenomeno del mordi e fuggi, dell’evento “one shot”, con tutte le inevitabili conseguenze.
I progetti per l’export, pertanto, non possono non essere pianificati su tempi più lunghi.
Anche se un’azione “spot” dà buoni risultati (cosa altamente auspicabile ovviamente), questo provoca inevitabilmente la necessità di accompagnare questo processo nelle fasi successive. L’individuazione, infatti, di un importatore è solo l’inizio di questo processo, come ormai tutti ben sanno.
Alcuni obiettano, su questo fronte, che il supporto all’export deve avvenire grazie agli introiti che esso genera.
Ma prima di arrivare ad una reale profittabilità delle nostre azioni di export passano degli anni; dalla nostra esperienza non prima di un triennio ma spesso i tempi si dilatano.
Tutto ciò non deve scoraggiare le aziende sulla scelta dell’internazionalizzazione ma deve ulteriormente stimolarle a pianificare con professionalità questa opportunità.
Certo, direte voi, anche questo è ovvio, ma volete che vi raccontiamo quante aziende pianificano la loro attività export in maniera adeguata?
Per questo noi preferiamo insistere su queste “ovvietà” e per questo abbiamo progettato i nostri Campus formativi per il 2020  dove imprenditori ed export manager potranno “sperimentare sul campo” una pianificazione corretta per una strategia export vincente.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF



mercoledi 02 ottobre

Wine Meridian si prepara alle ultime quattro tappe del 2019

Restano ancora pochi posti per aderire alle ultime quattro mete del tour internazionale nei mercati chiave del vino


Wine Meridian si prepara alle ultime quattro tappe del 2019
L’autunno è arrivato e l’anno si sta dirigendo verso la sua conclusione. Noi di Wine Meridian però non ci fermiamo, ed affrontiamo l’inverno sempre a supporto delle aziende italiane che desiderano marcare la propria presenza sui mercati d’interesse principali.
Grazie alla collaborazione con alcuni partner internazionali come
Wonderfud, IEM International Exhibition Management, Unexpected Italian, Italian Trade Agency (ICE), Vinitaly International e Organic Value, portiamo le cantine italiane a conoscere e farsi conoscere sui mercati più adatti al loro business, mettendo loro a disposizione terreno di confronto prezioso con importatori, buyer, media e consumatori finali, con l’obiettivo di fortificare o costruire l’immagine aziendale con i target di riferimento più strategici.

Del nostro fitto calendario 2019, sono rimaste ancora quattro mete d’approdo da esplorare per i produttori che sceglieranno di aderire:

HONG KONG: 7-9 novembre 2019, Hong Kong International Wine & Spirits Fair in collaborazione con Vinitaly International
Hong Kong rimane l’unico luogo ad avere un elevatissimo livello di competenza in logistica e stoccaggio, ed un accordo con il Governo della Repubblica Popolare Cinese che garantisca importazioni di vino in Cina con condizioni agevolanti e tasse ridotte, fungendo così da mercato d’ingresso per il mondo vitivinicolo verso l’Asia. Le aziende italiane presenti saranno protagoniste di una serie di attività che permetteranno loro di farsi conoscere come realtà e far conoscere i propri prodotti e di dialogare con le figure più interessanti per il flusso di networking. Fra le attività, ci sarà il Walk Around Tasting, un momento dedicato al dialogo B2B, alle Masterclass, e agli Executive Wine Seminars organizzati da Vinitaly International Academy. La fiera HKIWSF concentra la migliore market intelligence internazionale: trade, buyers, importatori, distributori, sommelier, rivenditori, grossisti e ristoratori, il tutto in un’atmosfera business-oriented e multiculturale.

GIAPPONE - TOKYO: 11-12 novembre 2019, b2b con walk around tasting in collaborazione con WonderFud
Saremo a Tokyo, un mercato che corre ad alta velocità, in evoluzione costante e fonte di grande interesse per i produttori di vino mondiali l’11 e 12 novembre 2019 con un b2b agenda appuntamenti programmati  in collaborazione con WonderFud, partner di prestigio con cui ormai collaboriamo da tempo su più mercati. Perché il Giappone? Oggi, con un valore superiore ai 57 miliardi di euro, il Giappone rappresenta il quinto mercato al mondo per import di prodotti alimentari, fra i cui fornitori rientra l’Italia.

DANIMARCA - COPENHAGEN: 15 novembre 2019, in collaborazione con il progetto Organic Value
Per suggellare nuovamente il legame con il Paese nordico anche quest’anno torniamo come partner di Organic Value, progetto nato per favorire la conoscenza, la promozione e la commercializzazione dei vini biologici certificati italiani, proprio nella capitale danese il 15 novembre presso la Scuola di Cucina Hotel-og Restaurantskolen.
Quest’anno una novità: la giornata sarà aperta anche ai produttori di olio bio che, durante l’evento, avranno modo di effettuare incontri b2b con buyer, importatori, referenti Ho.Re.Ca., media, sommelier, opinion leader e anche winelovers, il tutto con focus centrale sul mondo della produzione bio.

CANADA - TORONTO: 28-29 novembre 2019 / VANCOUVER: 2 dicembre 2019, b2b con walk around tasting in collaborazione con WonderFud
Dal 28 al 2 dicembre si vola in Canada per due eventi b2b con walk around tasting, precisamente dal 28 al 29 novembre a Toronto e il 2 dicembre a Vancouver.Toronto e Vancouver sono gli hub commerciali più strategici in Canada, un paese a reddito elevato, ricco di risorse naturali e fortemente integrato con gli USA, da cui provengono circa il 50% delle importazioni, e dove vengono assorbite circa il 75% delle esportazioni. Per le aziende partecipanti metteremo a disposizione prima di ogni tappa un seminario formativo di conoscenza del mercato, durante l’evento ci sarà invece un momento dedicato, per entrambe le città, alla degustazione guidata ed un workshop commerciale b2b con agenda organizzata.

Per maggiori informazioni, scrivete a redazione@winemeridian.com





Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette