Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 11 dicembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/  http://acquesi.it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/

Highlight wine producer

Listening to a winemaker telling his story is the most fascinating and captivating way to get to know wines and territories.



giovedi 22 novembre

Cantina Tinazzi: una miscela tutta veneta di export e qualità

L’intervista alla famiglia Tinazzi, proprietari dell'azienda storica di Cavaion Veronese


Cantina Tinazzi: una miscela tutta veneta di export e qualità

La famiglia Tinazzi


Ci aggiriamo tra i vitigni della Cantina Tinazzi, un’azienda vitivinicola di conduzione familiare gestita da Gian Andrea Tinazzi e i suoi due figli Giorgio e Francesca. Guidati dalla stessa passione ed entusiasmo che li contraddistingue dal 1968, i Tinazzi hanno deciso di puntare tutto sulla qualità dei propri prodotti e sull’attenzione al cliente, mantenendo il focus sull’export e sul mercato estero.

Quando e come è nata la vostra azienda?
La cantina è stata fondata nel 1968 a Cavaion Veronese grazie allo spirito imprenditoriale di Eugenio Tinazzi e da suo figlio Gian Andrea, al tempo diciottenne. Oggi Gian Andrea gestisce il business famigliare insieme ai figli Giorgio e Francesca, spinti dallo stesso entusiasmo e passione per il vino del padre.
Qual è la vostra filosofia aziendale?
Cantine Tinazzi è un'azienda storica, famigliare, produttrice di vini veneti e pugliesi. Partendo dal legame con i territori in cui sono presenti le tenute Tinazzi, l’obiettivo è quello di garantire la massima qualità dei propri vini con una forte attenzione alla tradizione unita ad una continua ricerca di innovazione.


Qual è il vostro vino più rappresentativo? 
Per quanto riguarda il Veneto il Valpolicella Ripasso Superiore “Monteré”, mentre per la Puglia il Primitivo di Manduria “Imperio”. Entrambi i vini sono pluripremiati a livello internazionale


Se un wine lover straniero oggi Le chiedesse di dirgli chi è Tinazzi in poche parole…
Oggi Tinazzi è un’azienda produttrice di vini di alto livello in forte espansione. La cura della qualità e la particolarità dei nostri vini sono indubbiamente il nostro punto di forza.

Che percentuale fate di export e in quali mercati siete presenti?
L’export è stato sempre molto importante per noi; siamo stati una delle prime realtà a spingersi oltralpe. Ad oggi il mercato estero rappresenta circa il 90% del nostro fatturato. Siamo presenti in Russia, Germania, Danimarca, Olanda, Belgio, UK, Polonia, USA, Canada e da qualche anno stiamo riscuotendo buoni risultati anche con i mercati Asiatici

Qual è la vostra “sfida” per il futuro?
Tinazzi è un’azienda che è sempre stata attenta alle tendenze del mercato e, soprattutto, alla qualità dei prodotti proposti. Grazie a quest’ultimo aspetto e all’attenzione al cliente, in questi 50 anni l’azienda è cresciuta a livello internazionale. Siamo stati sempre al passo con i tempi e per i prossimi anni il nostro obiettivo è quello di essere sempre più presenti nei diversi mercati e di farci conoscere da chi ancora non ci conosce. La nostra sfida? Chiunque dovrebbe avere il privilegio di bere un bicchiere di vino Tinazzi!

Cantina Tinazzi: una miscela tutta veneta di export e qualità


Download scheda formato PDF



thursday 27 september

Baglio del Cristo di Campobello, a Sicilian winery linked to its land and its memories

Carmelo Bonetta tells us about his winery that manages and cares in his heart


Baglio del Cristo di Campobello, a Sicilian winery linked to its land and its memories

Angelo, Domenico and Carmelo Bonetta


It is a story of passion for Sicily and its fruits that Carmelo Bonetta, owner of Baglio del Cristo di Campobello, has told us with this interview. The demonstration of how from an historic place in Southern Italy and its innate characteristics it is possible to create a happy and committed reality that, with attention to the smallest details, collects successes and does not seem determined to stop.

1. How was your winery born?

We belong to a winemakers family from generations, infact the passion and attachment to our land and its wonderful fruits has always been part of our lives. After decades of cultivating grape harvests, the vision of a new oenological journey was born, always looking for absolute quality. With the awareness of having the right resources, the right place, an extraordinary microclimate and qualified people, we thought about the idea of Baglio del Cristo di Campobello.

2. Why have you choose the name “Baglio del Cristo di Campobello”?

The name is not a fancy one, but is made up of three real elements of our territory: the production area, precisely Campobello di Licata, a small town in Sicily in Agrigento; an ancient baglio, a typical agricultural structure where the peasants once lived and carried out all their activities; a wooden Christ that stands among the vineyards, dating back to about two hundred years ago. It was placed there by a farmer who worked these lands following a received grace. Since then, the Christ became a point of reference in the area for all peasants, so much so that the district, although called Favarotta, is known as the district "Christ". The devotion to Christ has remained so in the years that every May 3 renews the tradition of a faithful pilgrimage from Campobello di Licata to the Christ.

3. Where is your winery located and what peculiarity does your area have?

We are in Campobello di Licata, in the province of Agrigento, in a hilly area, about 300 meters above thesea level and 8 km from the coast of Licata. An uncontaminated place, with infinite environmental nuances, dedicated to local religious traditions and cultivated with passion and dedication, with wisdom and experience by its three "fathers of the family". Here the chalky soils together with an optimal microclimate make our wines unique.

4. If you had to choose an adjective, how would you define your winery?


Linked to the territory, it is an extreme expression of it. Wine becomes an precious instrument to convey the identity of our territory, its history, culture and traditions. Therefore, our daily commitment is to make wines that have a strong character and a strong personality, that are an expression of our territory and that find the appreciation of those who drink it.

5. What is your philosophy?

Our philosophy is to pay attention to small things, caring about the details, in each harvest looking for a new goal, another opportunity for improvement, trying not to upset what the earth gives us in order to give life to wines that are always the expression of a unique territory like ours.

6. What is the perception of Sicilian wines in the world according to your experience?

The interest in Sicilian wine is growing strongly, our regional wines potential is great, but we must better communicate the peculiarities of the various territories and the various vines that we find in this great "continent" that is Sicily. Each wine is unique, because it comes from a unique land. To taste a wine means to discover a certain territory. The characteristics that distinguish our wines depend mainly on one fact: the harmony between the chalky soil, which distinguishes our territory, the cultivated varieties, altitude and suitable climatic conditions, together with the maniacal care for our vineyards day after day. Furthermore, our wine is also the expression of a unique territory as it is rich in history, tradition and culture. This is why communication becomes a fundamental and decisive element for the perception of Sicilian wines.
We must also continue to focus on an ever-increasing quality that, however, is what we have always done.

7. What is your export percentage? What is your experience with the world of international markets?

Our main target market is the Italian one. However, abroad countries represent an important market, to which we slowly approached from the beginning, making our presence grow year after year until arriving at today with an export of 35% of the total production.
At the base of our export activity there is not the search for the so-called "spot sales", but rather the idea of creating strong and lasting bonds with our partners, so as to be able communicate through our wine, our territory and the history, culture and traditions of Agrigento in Sicily.

Baglio del Cristo di Campobello, a Sicilian winery linked to its land and its memories


Download sheet PDF format



venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore


Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Angelo, Domenico e Carmelo Bonetta


È un racconto di passione per la Sicilia e i suoi frutti quello di cui Carmelo Bonetta, titolare dell’azienda Baglio del Cristo di Campobello, ci ha reso partecipi con questa intervista. La dimostrazione di come da un luogo storico del Sud Italia e dalle sue innate caratteristiche possa nascere una realtà felice ed impegnata che, con l’attenzione anche ai dettagli più piccoli, raccoglie successi e non sembra decisa a fermarsi.

Come è nata la vostra azienda?

Apparteniamo a una famiglia di vignaioli da generazioni, quindi la passione e l’attaccamento alla nostra terra e ai suoi meravigliosi frutti ha sempre fatto parte della nostra vita. Dopo decenni trascorsi a coltivare vendemmie, è nata la visione di un nuovo percorso enologico, alla ricerca della qualità assoluta. Con la consapevolezza di avere le risorse giuste, il luogo adatto, uno straordinario microclima e le persone qualificate, prende così vita l’idea del Baglio del Cristo di Campobello.

Come mai il nome Baglio del Cristo di Campobello?
Il nome non è di fantasia, ma è composto da tre elementi reali del nostro territorio: la zona di produzione, per l’appunto Campobello di Licata, un paese della Sicilia agrigentina; un antico baglio, tipica struttura agricola dove i contadini un tempo vivevano e svolgevano tutte le loro attività; un Cristo ligneo che si erge tra i vigneti, risalente a circa duecento anni fa. Fu posto lì da un contadino che lavorava questi terreni in seguito ad una grazia ricevuta. Da allora, il Cristo divenne un punto di riferimento nella zona per tutti i contadini, tanto che la contrada, pur chiamandosi Favarotta, è nota come contrada “Cristo”. La devozione al Cristo è rimasta tale negli anni che ogni 3 maggio si rinnova la tradizione di un pellegrinaggio di fedeli che partono da Campobello di Licata e raggiungono a piedi il Cristo.

Dove si trova la vostra azienda e che peculiarità ha il vostro territorio?
Siamo a Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, in una zona collinare, a circa 300 metri sul livello del mare e a 8 km dalla costa di Licata. Un luogo incontaminato, dalle infinite sfumature ambientali, vocato alle tradizioni religiose locali e coltivato con passione e dedizione, con sapienza ed esperienza dai suoi tre “padri di famiglia”. Qui i terreni gessosi insieme ad un microclima ottimale rendono unici i nostri vini.

Se dovessi scegliere un aggettivo, come definiresti la tua azienda?
Territoriale, nel senso che è estremamente legata al territorio di cui ne è espressione. Il vino diventa così un mezzo prezioso per veicolare l’identità del nostro territorio, la sua storia, la cultura e le tradizioni del popolo siciliano. Quindi, il nostro quotidiano impegno risiede nella costante ricerca di poter realizzare vini che abbiano sempre più un forte carattere e una spiccata personalità, che siano espressione del nostro territorio e che trovino l'apprezzamento di chi li berrà.

Qual è la vostra filosofia aziendale?
La nostra filosofia è di prestare molta attenzione alle piccole cose, alla cura continua dei dettagli, ricercando ad ogni vendemmia, un nuovo traguardo, un’altra opportunità di miglioramento, cercando di non stravolgere quello che la terra ci dà in modo di dar vita a vini che siano sempre espressione di un territorio unico come il nostro.

Qual è il percepito dei vini siciliani nel mondo secondo la tua esperienza?
L’interesse nei confronti del vino siciliano è in forte crescita, le potenzialità della nostra regione e dei nostri vini sono immense, ma occorre comunicare bene le peculiarità dei vari territori e dei vari vitigni che ritroviamo in questo grande “continente". Ogni vino è unico, perché nasce da una terra unica. Degustare un vino significa quindi scoprire e conoscere un determinato territorio. Le caratteristiche che contraddistinguono i nostri vini dipendono principalmente da questo: l'armonia tra il terreno gessoso, che contraddistingue il nostro territorio, le varietà coltivate, altitudine e condizioni climatiche adatte, insieme alla cura maniacale per le nostre vigne giorno dopo giorno. Inoltre, il nostro vino è anche espressione di un territorio unico poiché ricco di storia, tradizione e cultura. Per questo la comunicazione diventa un elemento fondamentale e decisivo per la percezione dei vini siciliani.
Occorre anche continuare a puntare su una qualità sempre crescente che è quello che da sempre facciamo noi.

Qual è la vostra percentuale di export? Quale la vostra esperienza con il mondo dei mercati internazionali?

Il nostro mercato di riferimento principale è quello italiano. Tuttavia l’estero rappresenta un mercato importante, al quale ci siamo approcciati fin dall’inizio pian piano, facendo crescere anno dopo anno la nostra presenza così da arrivare oggi al 35% della produzione esportata all’estero.
Alla base della nostra attività di export non vi è la ricerca delle cosiddette “vendite spot”, ma piuttosto l’idea di creare legami forti e duraturi con i nostri partners, in modo da riuscire a far conoscere e comunicare attraverso di loro il nostro vino, il nostro territorio e la storia, la cultura e le tradizioni della Sicilia agrigentina.

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

L'azienda




Download scheda formato PDF



monday 03 september

Discovering the Italian native vines: Catarratto by Principe di Corleone

History of an autochthonous Sicilian vine


Discovering the Italian native vines: Catarratto by Principe di Corleone

Vincenzo Pollara


Continuing our journey in search of the most interesting native vines of our territory, we landed in Sicily, to discover the Catarratto, an ancient grape, typically located above all of western Sicily, then developed in Palermo, Agrigento and Trapani zones. Pollara family, owner of the company Principe di Corleone, has been cultivating this vine among its vineyards for centuries.
Precisely in 1892 the history of this company began, founded by the ancestors of Vincenzo Pollara who had chosen to start the cultivation of Catarratto. The winery, intended as it is today, started in 1979, and since then has pursued the intent to recover this historic vine.

"The Catarratto - tells us Vincenzo Pollara - is a very ancient vine and it’s very resistant to the climatic factors of the area. Even during the drier years we have never had any problems, always having a phenomenal taste.
I have been keen on this grape variety in the last decades and I have conducted several researches on it. I found that if the Catarratto grape is harvested a little before normal ripening, around 16 degrees, the wine has an important acidity and a low pH. It therefore remains an intense freshness, is fragrant, lends itself to making long-lived wines and even sparkling wines. "Continues Pollara.

Of course, continues Vincenzo, promotion abroad is not the easiest, the Italian market is more ready for a product like that and the name, a little difficult to pronounce, often represents an obstacle with foreigners . But the taste then speaks for itself.
The percentage of production is still low compared to the total range, around 6-7%, but the numbers in anticipation make us hope. "The presence on the markets is growing, with 15% of exports mainly in northern Europe, including Germany, Belgium, Switzerland and England" continues Pollara.
"For me, Catarratto is a fragrant and seductive wine - concludes Vincenzo Pollara - a wine that once known, leaves you a beautiful memory. I hope to succeed in making the world consumers fall in love with this vine".
Discovering the Italian native vines: Catarratto by Principe di Corleone


Download sheet PDF format



giovedi 09 agosto

Casale del Giglio, produzione sostenibile nell'Agro Pontino

"La gente conosce il prezzo di tutte le cose, ma non conosce il valore di nessuna": la filosofia dell'azienda di proprietà di Antonio Santarelli


Casale del Giglio, produzione sostenibile nell'Agro Pontino

Antonio Santarelli e l'enologo Paolo Tiefenthaler


Casale del Giglio, una realtà dagli obiettivi ambiziosi, ma sempre orientati a garantire il meglio per le generazioni che verranno. Questa la forza motrice di questa realtà dell’Agro Pontino, a sud della Capitale, una realtà che fonda le proprie radici sui valori familiari trasmessi di generazione in generazione, fino ad arrivare ad oggi, con obiettivi sinceri ed un percorso avviato di produzione ecosostenibile, che rende il terreno e il suo ecosistema veri protagonisti dell’attività aziendale.
Abbiamo intervistato
Antonio Santarelli, titolare di Casale Del Giglio, che ci ha raccontato l’azienda in tutte le sue sfaccettature, senza mai dimenticare la storia da cui proviene.

Quando e come è nata Casale del Giglio?
Casale del Giglio è stata fondata nel 1967 da Berardino Santarelli, originario di Amatrice, e si trova nell’Agro Pontino in località Le Ferriere, a circa 50 km a sud di Roma. Questo territorio, rappresentava, rispetto ad altre zone del Lazio e di altre regioni d’Italia, un ambiente tutto da esplorare dal punto di vista vitivinicolo.
Per questa ragione nel 1985 si diede vita al progetto di ricerca e sviluppo “Casale del Giglio”, autorizzato dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio e al quale ha dato impulso determinante il nostro direttore tecnico Paolo Tiefenthaler.
Ad oggi Casale del Giglio ha provveduto a riconvertire a filare tutti i suoi 160 ettari di vigneto e ad introdurre nuove varietà caratterizzate dall’alto grado di interazione qualitativa con il Territorio.

Qual è la vostra filosofia aziendale?

Dopo tanti anni di ricerca mirata a trovare vitigni che dessero il meglio dell’Agro Pontino e tecniche di vinificazione atte a preservare il massimo del potenziale qualitativo derivante dalle nostre uve, abbiamo dato vita da qualche anno, ad un nuovo progetto rivolto al territorio ed all’ambiente. Casale del Giglio ha intrapreso un percorso di “produzione ecosostenibile” dove il terreno, le piante e tutto l’ecosistema sono i veri obiettivi del progetto prospettando uno sviluppo tecnico economico che sia in grado di soddisfare i bisogni del presente senza compromettere alle generazioni future la possibilità di soddisfare i propri.
Citando una frase di Oscar Wilde “La gente conosce il prezzo di tutte le cose, ma non conosce il valore di nessuna”, noi siamo consapevoli del grande valore della nostra terra.

Qual è il vostro vino più rappresentativo? 

Anthium Bellone, un vitigno di origini antichissime, diffuso nel Lazio già in epoca romana e citato da Plinio come “uva pantastica”.
Nasce nella zona di Anzio da un vecchio vigneto franco di piede (viti senza portainnesto) dove, grazie alla natura del suolo, la filossera non è riuscita a diffondersi. L’età delle viti (più di 60 anni), l’influenza diretta del mare, la natura sabbiosa del suolo fanno sì che questa piccola zona sia unica per la produzione del Bellone, potendo parlare di specifico “Terroir” ovvero di perfetta simbiosi fra vitigno, suolo, clima e tradizione, veri cardini per produrre un grande vino.

Se un wine lover straniero oggi Le chiedesse di dirgli chi è Casale del Giglio in poche parole…
Casale del Giglio è un’azienda che ha creduto nell’alto potenziale del territorio dell’Agro Pontino. Attraverso un complesso progetto di ricerca e sperimentazione è riuscita ad individuarlo ed a concretizzarlo attraverso la peculiare somma dei propri vini.

Che percentuale fate di export e in quali mercati siete presenti?
L’export rappresenta oggi il 10% del fatturato. Siamo presenti in più di trenta paesi tra cui U.S.A., Canada, Giappone, Svizzera, Germania, Danimarca, Australia…

Nuovi progetti per il 2018?
Vorremmo proseguire nel progetto degli autoctoni di nicchia coma la Biancolella dell’Isola di Ponza ed il Pecorino di Accumoli ed Amatrice, cratere del terremoto del 2016, ed intensificare la presenza della Casale del Giglio nei mercati internazionali.


Download scheda formato PDF




News from homepage
Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 was awarded with the gold medal at Mondial des Vins extrêmes 2018
tuesday 11 december

Azienda Agricola Accordini Stefano awarded at the Mondial des Vins Extrêmes wine competition

Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 was awarded with the gold medal at Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro martedi 11 dicembre

L'azienda agricola Accordini Stefano premiata al Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild
martedi 11 dicembre

Vino italiano nel mondo: educare partendo dal principio

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild

Noemi Mengo