Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
lunedi 21 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella
wednesday 28 november

Casale del Giglio: story of an island, of a family and of a unique project

Ponza Project, the latest product of Casale del Giglio, the historic winery in the Agro Pontino


Casale del Giglio: story of an island, of a family and of a unique project

Paolo Tiefenthaler, winemaker of Casale del Giglio


Casale del Giglio is a winery located in the Agro Pontino, in Le Ferriere, in the province of Latina. It was founded in 1967 by Dino Santarelli, an entrepreneur from Amatrice who decided to bet on a territory still to be explored from the wine perspective.

And then, thanks to an ambitious research and development work, Casale del Giglio can now boast the primacy of having identified and matured the unexpressed potential of Agro Pontino. The interest to get involved in the field of research and varietal experimentation, combined with the desire to identify always new goals, has found fertile ground over the past years in an ambitious project that involved Ponza Island.
Ponza belongs to the province of Latina and it is the largest of the Ponziane Islands (whose archipelago also includes the islands of Gavi, Zannone, Palmarola, Ventotene and Santo Stefano) and is located in front of the Gaeta Gulf (in the Tyrrhenian Sea), 21 nautical miles south of San Felice Circeo.

In the 30's agriculture was one of the main activities of the island that counted almost 300 hectares cultivated of its 700 hectares of surface, among which about 100 were vineyards. After the 30's and because of the growth of tourism, the lands were slowly abandoned. Today we are witnessing a real recovery of the land and a return to the agricultural tradition, especially by young people. Casale del Giglio is one of the key players of this recovery and the company ownes 2 of the 5 hectares currently cultivated with vineyards on the whole island.

The project that Casale del Giglio started on the Ponza Island was born in 2012, with the help of Antonio Santarelli and Paolo Tiefenthaler and the priceless collaboration of the islanders Tommaso Tartaglione and Gino Scotti. The first step was to identify and recover old vineyards of Biancolella, whose genetic heritage was jealously protected by the elderly. It is a grape variety widespread throughout the Campania coast, particularly in Ischia, brought to the Ponza Island in the mid-700s at the time of the Kingdom of Naples, under the Borbone’s.

At the beginning, the first evidence was the quality and uniqueness of the environment: an ungrafted vineyard where the phylloxera, luckily, has not found a favorable ground. One of the characteristics of this variety is, in fact, the strong adaptability to the very windy climate, unspoilt and perfect for a very healthy environment. The absence of humidity, moreover, contributes to get a healthy grape, allowing then an organic farming. Another crucial aspect to take into consideration was the morphological one. In fact, the terraces created by the farmers from Ponza through the dry-stone walls, offer a biodiversity of insects and plants that are fundamental for the balance of the vineyard.
The volcanic nature of the soil, rich in mineral salts, also gives a significant help, together with the rich Mediterranean scrub that surrounds the entire island.

The real secret of this variety, however, lies in the skins, which are particularly rich in aromas. Traditionally, the vinification of white grapes on the island took place indeed with the permanence of the must with the skins during fermentation. This still partially happens for about 3-4 days, followed by pressing and keeping the must in contact with the yeasts for about 7-8 months before bottling.
The wine produced exclusively with Biancolella grapes takes its name from the Faro della Guardia, built in 1886 on a rock overlooking the sea (112 m. above sea level).

It is a pale yellow wine with slightly greenish reflections; its very intense aroma recalls yellow fruits (peach-apricot) and floral notes of broom and hawthorn. The taste has a strong minerality and a great sapidity, expression of the "volcanic-calcareous" soil. The long and persistent aftertaste offers fruity and citrus notes. Due to its remarkable structure and the integrity of the fruit, it is a wine suitable for aging for several years in bottle.

Through this project Casale del Giglio wants to preserve both the culture and the bond between the people of the island and the land, creating wines as result of a unique and inimitable terroir.
Casale del Giglio: story of an island, of a family and of a unique project


Download sheet PDF format




News from homepage
Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery monday 21 january

Durello Classic Method or Durello Charmat?

Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
lunedi 21 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
lunedi 21 gennaio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA



http://www.winemeridian.com/