Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi
lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?


120 cm ² per raccontare la propria storia
Chi fa vino, lo fa con passione. Sicuramente questa è un’affermazione condivisa da qualsiasi produttore con una storia e delle tradizioni alle spalle da raccontare.
Ma in che modo trasmettere tutto questo in 120 cm ², cioè tramite un'etichetta?
L’etichetta impone sicuramente un grande sforzo di sintesi, ma anche progettuale, che racchiuda in così poco spazio tutto il senso della vostra storia, affinché questa venga compresa e capita dal consumatore finale.
A Wine2Wine 2017, abbiamo seguito un interessante seminario di Luca Fois, docente del Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, che ha spiegato l’importanza che ogni produttore dovrebbe attribuire a questo piccolo, ma indispensabile strumento di comunicazione.

L’etichetta: la porta di accesso al tuo mondo
Per alcuni potrà sembrare un dettaglio, ma secondo Fois l’etichetta è un elemento fondamentale, il primo impatto che i clienti hanno con il prodotto.
Gli studi dimostrano che il valore intangibile dell’impatto dell’etichetta influenza più del 50% del valore totale del prodotto.
“Essendo l’approccio più veloce al brand, il messaggio che deve lasciare deve essere chiaro, pulito e memorabile. Le 5W giornalistiche classiche (what, where, when, who, why) sono applicabili anche al design e permettono di conoscere il proprio posizionamento sul mercato. L’immagine del brand deve rispondere a tutte le domande, pur rappresentandosi nella sua massima sintesi: questo è il lavoro da applicare al proprio logo e alle proprie etichette per lasciare il segno” ha spiegato Fois.
Il linguaggio efficace con cui ciò si comunica è uno solo. “La cosa più importante è rimanere veri, sé stessi, e lasciare che la storia del prodotto si racconti senza fronzoli. Tutte queste caratteristiche, rientrano tra i valori intangibili del prodotto, qualcosa che viene percepito pur non essendo evidente e calcolabile” ha continuato l’esperto.

Decontestualizzazione
Ulteriore parola chiave: decontestualizzazione, che si traduce in creatività.
“Per raggiungerla occorre seguire alcune tappe progettuali -spiega Luca Fois - il brief, da intendersi come una sorta di libreria da cui reperire tutte le informazioni che servono a creare l’immagine di design; l’analisi delle informazioni raccolte; il brainstorming di uno staff che si dedichi a tirare fuori tutte le idee applicabili; il concept, quindi il seme che sta alla base dell’idea, la parte più sintetica rilevabile; la stesura di un progetto concreto; il testing e infine la produzione”. Vige la regola assoluta del “less is more”, meno è meglio, quindi creativo e d’impatto.

Materiali: l’importanza del tatto
Da non dimenticare l’importanza del materiale scelto per produrre l’etichetta, poiché la sensazione tattile e la resistenza ai fenomeni esterni sono fattori fondamentali per veicolare una percezione di vera qualità del prodotto.
“Ad oggi, esistono tecnologie e tecniche di stampa in grado di creare prototipi resistenti e piacevoli al tatto. Normalmente si predilige la stampa offset, che garantisce rese qualitative di alto livello anche sulle carte goffrate, ma altri effetti si ottengono tramite la serigrafia e le impressioni a caldo; in alcuni casi l’aggiunta di grafismi in rilievo e tasselli metallici, aiuta a impreziosire, ma non deve essere eccessiva” ha concluso Fois.

Dunque, ora che avete le coordinate, potete sbizzarrirvi nel creare la vostra immagine d’etichetta.  


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian