Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi
giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?


3 ragioni per essere
Perché mai un produttore di vini, oggi, dovrebbe credere nei vini alternativi? Si parla tanto di autenticità, di identità, di terroir, ma una serie di condizioni, da tenere seriamente in considerazione, sta virando la prospettiva dalla lista dei “soliti noti” ad una categoria nuova: i vini alternativi, per l’appunto.
Avevamo già introdotto mesi fa questa tipologia di prodotto (qui) e il perché della scelta di alcuni produttori in questo senso.
Facciamo, prima, un passo indietro e rivediamo assieme cosa intendiamo oggi per vini alternativi: “Si tratta di vini, innanzitutto, che non rientrano nelle più storiche e famose tipologie (denominazioni). Tanto per intenderci non lo è il Barolo mentre lo può essere il Lacrima Morro d’Alba, non lo è il Brunello di Montalcino mentre può appartenere a questa categoria il Tai dei Colli Berici. Ma per essere considerati “alternativi” non basta appartenere ad una tipologia poco nota (se non addirittura semi sconosciuta), ma avere evidenti caratteristiche di personalità, un’identità peculiare e riconoscibile” ha spiegato il nostro direttore Fabio Piccoli, nel precedente articolo.

Dopo aver definito questa categoria, la domanda iniziale ritorna: perché, dunque, essere oggi alternativi?
Non abbiamo di certo noi la pretesa di dare una risposta, ma vogliamo vedere assieme tre ragioni che ci sono sembrate sufficientemente interessanti a favore della causa dei “vini alternativi”. Queste ragioni le abbiamo incontrate in un interessante saggio del critico inglese Richard Siddle.
“Certo le liste vini e gli scaffali dei supermercati sono ancora piene di vini delle solite aree di produzione, conosciute dai consumatori, e metà del vino che beviamo è realizzato con solo 12 varietà di uvaggio che in alcuni Paesi al mondo rappresentano il 90% dei vitigni piantati secondo il Nature Climate Change Report” spiega Siddle.
Ma, nel tempo, alcuni fattori decisivi si stanno facendo avanti nella direzione di un modo alternativo di concepire il vino, che guardi al futuro e alle sfide imminenti che esso presenterà.

Vediamo assieme, dunque, tre buone ragioni per essere alternativi:

- La mentalità dei giovani produttori, i produttori del futuro. Secondo Siddle, i giovani produttori che viaggiano sempre di più nel mondo, sono spinti dalla curiosità di conoscere i diversi stili produttivi, le tecniche e le diverse combinazioni di suolo, piante e risposte alle variazioni climatiche. Ciò costruirà nel tempo un nuovo modo di concepire la viticoltura, al passo con i tempi e le evoluzioni generazionali.

- Un importante fattore che sta pesando, già oggi, sulle scelte produttive è sicuramente il cambiamento climatico. Il cambiamento climatico sta forzando, i giovani e i meno giovani, ad adottare risposte pronte ed efficaci, che spesso vanno oltre (e non sempre contro) tradizioni millenarie. Ciò li costringe a vendemmiare prima, anche un mese in anticipo, e a lavorare in modo più attivo in vigneto per proteggere la salute della pianta e la qualità del frutto. La necessità di guardare ai vigneti in modo diverso significa, secondo il critico, che quelle 12 varietà nella top list potrebbero essere differenti tra 10 anni. Anche se i produttori hanno sempre voluto produrre vini con il meglio di quello che il proprio suolo e il proprio territorio può dare, oggi sono costretti a cambiare leggermente paradigma. Sono chiamati oggi ad avere la mente più aperta a considerare nuove varietà più resistenti ai cambiamenti climatici presenti e del futuro.

- Infine, i consumatori. Tra le ragioni per modificare la propria attitudine alla produzione del vino, quelle commerciali sono, forse, le più convincenti? I consumatori sono oggi sempre più interessati a ciò che è nuovo, autentico e radicato in un concetto a metà tra tradizione e artigianalità. Vogliono inoltre conoscere ciò che mangiano e bevono e che tipo di impatto questi prodotti hanno nei confronti della propria salute, ma anche della salute del pianeta. Si parla di “vini sostenibili”, (alternativi nel loro essere parte di un progetto che mette attenzione all’impatto che tutta la macchina produttiva, e non solo, ha sul pianeta) che cambieranno, forse, nuovamente il modo di produrre vino?

Abbiamo messo assieme tutte queste considerazioni, nella speranza di suscitare in chi ci legge un'analisi e ancora una volta il coraggio di indagare nella propria identità ed unicità. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino