Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe
sabato 03 febbraio

50 anni di Valpolicella tra sostenibilità e nuovi specialisti nel mondo

Intervista al direttore del Consorzio Tutela Vini Valpolicella, Olga Bussinello


50 anni di Valpolicella tra sostenibilità e nuovi specialisti nel mondo

Olga Bussinello, direttore del Consorzio Tutela Vini Valpolicella


Lei è una delle donne del vino italiano. Olga Bussinello è una delle poche donne alla direzione di un Consorzio (le donne nel Cda dei Consorzi di tutela attualmente sono meno del 10%), di una delle denominazioni più conosciute al mondo, la Valpolicella, che negli ultimi decenni ha visto l’exploit dell’elegante Amarone nel mondo, protagonista della due giorni di Anteprima che inizia in questi giorni a Verona.
Quest’anno la denominazione veronese ha molto da festeggiare perché spegne 50 candeline e celebra questa ricorrenza con numerose novità: la sempre più crescente “presa di posizione” del Consorzio nei confronti della sostenibilità (protagonista del Summit 2018 “Sustainable winegrowing” svoltosi il 2 febbraio) e la nascita del Valpolicella Education Program (VEP), il corso di formazione di altissimo livello sulla Valpolicella, che ha certificato 7 nuovi Valpolicella Wine Specialist provenienti da Cina, USA, Canada, Germania, Polonia e Singapore.
Abbiamo fatto il punto con Olga Bussinello, ragionando su traguardi e sfide future, su mercati e nuovi trend di consumo.

Quest’anno Anteprima Amarone festeggia i 50 anni della denominazione. Quali traguardi sono stati raggiunti?
Il traguardo più importante è il consolidamento della qualità del vino. Intesa non tanto come caratteristiche di tipicità in senso organolettico, quanto come riconoscimento da parte del consumatore finale del prodotto in termini di eccellenza e piacevolezza e riconoscibilità dell’Amarone come rappresentativo del Made in Italy di qualità nel mondo.
Ciò non esaurisce il lavoro che deve essere ancora fatto dalle singole aziende e dal Consorzio ,come associazione rappresentativa della filiera, per porre le basi per un mantenimento del risultato e per garantirsi una competitività per gli anni futuri.

Quali sono invece le sfide future?

Non dobbiamo dimenticare che il vino è un prodotto destinato ad essere commercializzato. È certamente un prodotto nobile e ha una componente di poesia e di cultura, ma rimane un prodotto che deve essere venduto. Dunque il mercato e il consumatore vanno costantemente tenuti sotto occhio.
Una delle sfide future più importanti sarà garantire una risposta alla ricerca costante di valore aggiunto al prodotto vino, che rientra nella sfera della valutazione etica.
Un prodotto che nasce in un territorio molto bello, da un procedimento in linea con le richieste di ecosostenibilità e tutela dell’ambiente e degli abitanti della zona è un prodotti valutato molto bene dal punto di vista etico. In questa direzione stiamo andando con i nostri programmi di sostenibilità.
Un’altra sfida futura che in realtà è appena iniziata è il raggiungimento di tutti i soggetti che sono l’interconnessione tra produttori e consumatori: operatori commerciali, esperti di vino, sommelier, giornalisti…
Per loro abbiamo costruito una scuola di specializzazione per specialisti della Valpolicella, che possano in futuro essere punti di riferimento nei vari Paesi e che siano formati in modo adeguato. Quest’anno è partito il VEP, Valpolicella Education Program, il corso di formazione di altissimo livello sulla Valpolicella, il suo territorio e i suoi vini a cui hanno partecipato 21 persone tra sommelier, distributori, importatori, educatori, comunicatori e influencer provenienti dai principali Paesi degli 87 in cui siamo presenti. Tra loro si sono diplomati 7 Valpolicella Wine Specialist. Questi specialisti dei vini della Valpolicella saranno una grande opportunità per il Consorzio e per le aziende. Essi rappresenteranno una fondamentale risorsa nelle attività di comunicazione e promozione estera dei vini, permettendo di raggiungere in maniera più efficace il consumatore finale.

Quali sono i mercati più interessanti per la Valpolicella del vino oggi?
Individuerei due Paesi. Il primo, e sembrerebbe il più banale, sono gli Stati Uniti perché noi siamo presenti solo in 14 Stati su 41. C’è ancora molto lavoro da fare.
La seconda area del mondo che, a mio avviso, è molto importante per la Valpolicella è quella della Russia e dell’Ucraina. L’Ucraina è un Paese molto aperto all’approfondimento sul vino e presenta un PIL in crescita, una forte attenzione verso il prodotto italiano, dunque un’ottima marginalità per uno sviluppo in termini di posizionamento,
La Russia vedrà sciogliersi una serie di nodi. Non si è mai fermato il mercato russo, ha avuto dei rallentamenti rispetto all’impennata di 6-7 anni fa, ma riprenderà presto.

E la Cina?
È più semplice oggi approcciarsi al mondo russo rispetto alla Cina. La Cina sconta un approccio rispetto al vino molto lontano da quello con cui noi abitualmente lavoriamo. Stiamo ragionando come Consorzio sull’impronta europea nella comunicazione del vino: noi spieghiamo il vino in termini tecnici e lo proponiamo a soggetti con una preparazione di base e delle esperienze europee. Questa non è la chiave di penetrazione del mercato cinese.
Per affrontare bene la Cina occorre prepararsi strategicamente ancora.
Ad esempio, il cinese non beve vino mangiando, ma nei momenti di festa. Noi invece ci ostiniamo ancora a proporlo in abbinamento al cibo. 

La sostenibilità è un tema che non si può più rimandare… Voi lo avete messo al centro del progetto del protocollo RRR e dell’incontro del Summit sulla sostenibilità.
Il tema sostenibilità si è tradotto per noi in un progetto che sia vicino al territorio e che crei le condizioni per una crescita culturale del territorio stesso.
Quando parliamo di Valpolicella sostenibile non parliamo né di biologico, né di biodinamico. Facciamo un processo di educazione per i nostri produttori per lo sviluppo di pratiche in vigneto che siano rispettose dell’operatore e della sua salute, degli abitanti della zona, del paesaggio e di risparmio energetico. L’idea è di fare un salto culturale perché nel mondo richiedono ormai vini che non abbiano residualità, soprattuto Stati Uniti, Canada, Germania, Singapore, i mercati che registrano un segno positivo per i nostri prodotti. È un’esigenza anche commerciale oltre che di rispetto dell’ambiente, infatti 282 milioni di euro è l’importo stimato nel 2016 come giro d’affari legato a prodotti sostenibili.
Nello stesso tempo è un accompagnamento verso quello che sarà un futuro già scritto.

Il fenomeno Ripasso sembra aver avuto una flessione nell’ultimo periodo. Me lo conferma?
Il Ripasso ha ottime potenzialità per alcuni mercati che cercano un prodotto intermedio con qualità superiore al Valpolicella, ma ad un prezzo inferiore all’Amarone. Per alcuni mercati è un driver di altri prodotti.
Per l’ultimo decennio circa, il Ripasso è stato prodotto “cavallo di Troia” per i mercati a monopolio. Ultimamente la concorrenza di altre regioni italiane, che propongono vini ad un prezzo nettamente inferiore, hanno determinato una contrazione di questo vino soprattutto nei mercati del Nord Europa, dove è maggiormente concentrata la vendita.
La contrazione è contenuta, complessivamente un 6% in meno nel corso di un anno, ma stiamo monitorando la cosa.
Stabili sono invece Valpolicella e Amarone, che hanno un segno positivo. Dunque il prodotto entry level e top hanno reso positivamente, forse anche perché sono concentrati come vendite di più negli Stati Uniti e in Canada a differenza del Ripasso.
Staremo a vedere cosa accadrà nel 2018. 

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino