Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca

“Cercasi giovani con esperienza”

I paradossi del mondo del lavoro riguardano anche il settore vinicolo?
Purtroppo sì, rispondiamo noi.


“Cercasi giovani con esperienza”
Prendendo spunto dalle parole di un aspirante manager che ci ha scritto tempo fa, dobbiamo constatare che le aziende disposte a investire nella costruzione di un profilo professionale solido, fatto di esperienza maturata sul campo e non solo di qualifiche e formazione, siano davvero poche.

Molti sono i giovani in Italia che spendono tempo e risorse per acquisire competenze e riconoscimenti formativi, ma pochi sono quelli che poi vengono realmente sostenuti nel mondo del lavoro. La conseguenza è che molti si ritrovano a non avere la possibilità di “costruire le fondamenta”, di acquisire la sicurezza e la dimestichezza necessaria per affrontare realmente i successivi sviluppi professionali che, si sa, richiedono l’affinamento del tempo e della pratica.

Il giovane che abbiamo citato prima, scrive: “(…) ad oggi, pur consultando costantemente le varie offerte di lavoro per ruoli in cantine e aziende vitivinicole, non ne ho trovata neanche una volenterosa di investire in una figura junior, con molta passione per il prodotto e conoscenze tecniche, ma senza un portafoglio clienti consolidato. Quindi mi chiedo: come hanno fatto i vari export manager attivi sul mercato ad iniziare, e dove andrà a finire il mondo del vino di questo passo se nessuno vuole investire su figure giovani?”.

Effettivamente ce lo chiediamo anche noi, perché è un problema abbastanza comune quello di molte figure “troppo giovani” che hanno investito molto nella propria formazione per poi ritrovarsi improvvisamente “troppo vecchie”, senza aver avuto la possibilità di maturare esperienze lavorative significative.
La problematica è trasversale e comune a molti settori in cui l’occupazione giovanile risente di situazioni paradossali: da un lato si cercano figure giovani, con un bagaglio formativo degno di nota, con la tipica freschezza mentale e tanta disponibilità, dall’altro si richiede unitamente un’esperienza professionale altrettanto notevole.
In tutto questo, cosa non deve sfuggire alla nostra attenzione?
In primo luogo, è da sottolineare che da parte delle aziende dovrebbe esserci una presa di coscienza forte di come spesso non sia così produttivo, soprattutto nel medio lungo termine, attingere solo da figure professionali già affermate ed “esperte”. Pur avendo magari un portafoglio clienti già ampio, spesso questi manager non operano davvero in sintonia con la vision dell’azienda e rincorrono i “propri” obiettivi. Sarebbe molto più proficuo dare la possibilità di crescere alle figure interne all’impresa, trasmettendo loro il più possibile non solo le conoscenze necessarie ma anche il senso profondo dello spirito aziendale, in modo da trasformarli in efficaci ambasciatori del proprio brand.

Come abbiamo notato anche nelle esperienze dei partecipanti al nostro Campus Vendita, il settore del vino ha un’attrattiva molto forte sulle persone e questo spinge molti giovani ad avventurarsi nella ricerca di sbocchi professionali in tale ambito. Ovviamente, per rendere realizzabile questa possibilità, il primo requisito è iniziare un percorso formativo adeguato, che possa dare le conoscenze indispensabili per affrontare il settore vinicolo e la vendita del vino nei mercati internazionali. E così sono molti i giovani, e anche meno “giovani” a dire il vero, che hanno deciso di dare una svolta alla loro carriera, intraprendendo un percorso formativo “su misura” per lavorare nel mondo del vino. Alcuni provengono da settori molto diversi, ma questo non ci ha lasciati per nulla perplessi, anzi: nel prossimo articolo metteremo meglio in luce quali sono i punti di forza di questi professionisti “ibridi”, portatori di un bagaglio di contaminazioni preziose con altri settori.

Non sarebbe necessario, ma forse è importante dirlo: anche in un mondo particolarmente autoreferenziale come quello del vino, si può imparare molto da ambiti professionali diversi. Questo rispecchierebbe anche in modo più fedele l’eterogeneità delle dinamiche di mercato odierne.



Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm