Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 26 gennaio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/  www.cantinatollo.it pradellaluna.com Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/

I dazi di Trump dannosi anche per gli americani

Blocco degli acquisti, riduzione dell’offerta, un mercato del vino regressivo. Cosa accadrebbe negli States se i dazi punitivi paventati da Trump sull’import UE entrassero in vigore?


 I dazi di Trump dannosi anche per gli americani
E’ di stretta attualità la notizia che il ministro francese dell’Economia, Bruno Le Maire, ha avuto recentemente una lunga conversazione telefonica con il Ministro del Tesoro americano Steven Mnuchin. I due hanno trovato un compromesso sulla “web tax”, 15 giorni di tregua (fino a fine gennaio 2020) per evitare che Washington imponga le sanzioni minacciate dopo la decisione di Parigi di tassare i giganti Usa del web.

I ventilati dazi punitivi fino al 100% sull’export francese, rappresentano la “rappresaglia” statunitense in risposta alla “web tax” approvata da Parigi nel luglio 2019 che ha previsto un'aliquota del 3% sui ricavi superiori a 25 milioni di euro in Francia e a 750 milioni di euro a livello mondiale, derivanti dai servizi digitali delle società web (non solo americane).

Anche in Italia dal 1° gennaio di quest’anno è entrata in vigore la “web tax” che l’anno prossimo dovrebbe portare nella casse dello Stato circa 708 milioni di euro provenienti principalmente dai cosiddetti GAFA (acronimo di Google, Apple, Facebook e Amazon). Il prelievo sarà del 3% per le imprese con ricavi globali superiori a 750 milioni e ricavi derivanti dalla vendita di beni e servizi sul mercato italiano superiori a 5,5 milioni.
L'USTR (Office of the United States Trade Representative) e il presidente Donald Trump hanno definito questa tassa discriminatoria nei confronti delle compagnie americane.

Il comparto vinicolo francese da ottobre 2019 sta già subendo dazi del 25%, all’interno di una guerra commerciale in risposta ai sussidi dell’UE ad Airbus (rivale dell’americana Boeing). È fisiologico il timore dei transalpini per un eventuale ulteriore inasprimento delle sanzioni già paventato dal governo Trump.
Il comparto vinicolo italiano sinora non è stato coinvolto, anche se alcuni prodotti gastronomici hanno subito la stessa sorte dei vini francesi, in particolare prosciutti (cotti), Parmigiano reggiano, Pecorino romano e Provolone.

L'USTR ha annunciato che sta valutando dazi fino al 100% sui prodotti alimentari europei, compresi tutti i vini (sia fermi che spumanti, indipendentemente dal contenuto alcolico).


Come riportato da Shanken News Daily (portale statunitense di news su vino, alcolici e birra) questa eventualità ha scatenato il panico nel comparto vitivinicolo, tra i viticoltori europei ma anche tra i più grandi attori dell'industria americana, i grandi negozi al dettaglio ed i ristoranti.
Le enoteche hanno inviato e-mail ai loro clienti più influenti per spingerli a contattare e fare pressioni sull'USTR e sui membri del Congresso americano, suggerendogli inoltre di rifornirsi di stock prima che i dazi siano effettivamente applicati.

Sul tavolo la questione prioritaria è legata alla reale minaccia di dazi al 100% e di ciò che comporterebbero per i consumatori americani.
Quando i dazi del 25% entrarono in vigore il 18 ottobre 2019 - nonostante il preavviso di sole 2 settimane - gli importatori e le aziende vinicole si mostrarono fiduciosi sul fatto che si trattasse di un episodio di breve durata. Ma questo ottimismo si è dissolto rapidamente, tramutandosi in rassegnazione.
Molti importatori quando i dazi furono annunciati, stavano trasportando vino su navi container nell’Atlantico e furono costretti a pagare sanzioni dopo aver sdoganato la merce.
Anche per questi episodi emblematici, pochi ad oggi sono disposti a scommettere sul fatto che l'amministrazione Trump stia bluffando.
Molti hanno fatto ordini importanti, sperando di fare scorta di vini prima che entrino in vigore dazi maggiori. Diversi importatori hanno optato per il trasporto aereo per evitare nuove spiacevoli sorprese in mare.

Harmon Skurnik, presidente dell’azienda importatrice Skurnik Wines, ha ammesso di aver completamente bloccato i nuovi acquisti: "abbiamo congelato tutti gli acquisti dall'Europa, perché non sappiamo quando entreranno in vigore i dazi. Se questo avverrà, non compreremo i vini europei perché sarebbero destinati a rimanere nei nostri magazzini".
Diversi importatori hanno messo in stand-by i piani per inserire nuovi vini nel loro portafoglio.

Chris Adams, presidente del noto negozio di New York Sherry-Lehmann Wine & Spirits, pone l’accento su quello che ritiene essere il pericolo maggiore, i consumatori avranno molta meno scelta: "il problema non è il fatto che una bottiglia di Veuve Clicquot Yellow Label del valore di 50$, sarà venduta al doppio, il problema è che semplicemente non ci sarà più sugli scaffali".
Skurnik è d'accordo, "sentire che i prezzi raddoppieranno è ormai routine, ma non è questo il problema reale. Il prezzo non raddoppierà semplicemente perchè molti dei vini che gli americani amano, non saranno più disponibili".
"I consumatori americani che adorano, ad esempio, i vini premium della Borgogna devono essere consapevoli che quei vini andranno in altri paesi (Canada, UE, Asia), se questi dazi saranno applicati", dichiara Mounir Saouma, co-proprietario del concessionario borgognone Lucien Le Moine.
"La parte più triste per me sarebbe vedere la riduzione dell'offerta ai consumatori sugli scaffali dei negozi e nei menù dei ristoranti", ha detto José Luis Ripa, direttore commerciale di Lopez de Heredia (Rioja) "gli Stati Uniti potrebbero passare dall'essere uno dei mercati del vino più specializzati al mondo, ad essere uno dei più carenti e inadeguati nel giro di pochi mesi".

Una guerra commerciale su larga scala rimodellerebbe anche l'industria vinicola statunitense, in particolare l’import. Decine di piccoli importatori, molti dei quali hanno costruito portafogli specializzati focalizzati sul vino europeo, andranno in fallimento, molti hanno già annunciato licenziamenti.
"L'industria vinicola è molto competitiva e la maggior parte del settore lavora con margini ridotti" afferma Nicolo Stianti, co-proprietario del Castello di Volpaia nel Chianti Classico.

"I volumi rallenteranno con un impatto diretto sul business di importatori, distributori, rivenditori e ristoratori statunitensi che ne pagheranno il prezzo".
Alcune aziende vinicole americane potrebbero trarre beneficio dalla diminuzione della concorrenza, ma gli stessi viticoltori statunitensi sottolineano che i vantaggi non saranno in grado di bilanciare i danni complessivi al mercato del vino.
Il Wine Institute, l'associazione dell'industria vitivinicola californiana, si è pronunciata contro i dazi, partendo da un dato di fatto: l'Europa è Il principale mercato di esportazione della California con circa 469 milioni di dollari nel 2018.

A lungo termine, la guerra dei dazi potrebbe ridurre l'acquisto di vino da parte degli americani. "Il lato negativo per l’intero comparto è che questa misura estrema potrebbe comportare l’allontanamento delle persone dal consumo di vino", ha detto Stephen Rannekleiv, consulente Rabobank specializzato nel settore beverage. "Probabilmente alcune persone potrebbero rivolgersi ai distillati. E qualora i prezzi tornassero a scendere, i consumatori tornerebbero ad acquistare vino? Alcuni di loro tornerebbero senz’altro sui propri passi, ma una piccola percentuale non tornerebbe mai più indietro".

Emanuele Fiorio

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione
venerdi 24 gennaio 2020

Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti

Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione

Fabio Piccoli
Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization. venerdi 24 gennaio 2020

Thailandia: il prossimo mercato emergente in cui vale davvero la pena esserci

Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization.

Parole molto forti: proposta economica - definita giovedi 23 gennaio 2020

Il Consorzio Tutela Vini Valpolicella risponde alla proposta de Le Famiglie Storiche

Parole molto forti: proposta economica - definita "semplice lascito di una somma di denaro" a fronte di una condanna grave - bocciata dal consiglio di amministrazione del Consorzio, e augurio di una riconciliazione gestita da professionisti e non a mezzo stampa.

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Le Famiglie Storiche offrono al Consorzio Vini Valpolicella una soluzione per chiudere il contenzioso pendente

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”.

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Vyno Dienos a Vilnius in Lituania: uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte giovedi 23 gennaio 2020

Cocktail trends in the U.S.? benessere, qualità, sostenibilità ed un tocco di stravaganza

Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte

Emanuele Fiorio
2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston wednesday 22 january 2020

2020 Slow Wine Us Tour celebrates the 10th anniversary of its annual English language guide and a decade of success

2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical. mercoledi 22 gennaio 2020

Quando l’abito fa (davvero) il monaco…

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical.

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata mercoledi 22 gennaio 2020

DOCG, la vera sfida del Prosecco negli USA

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata

Emanuele Fiorio
Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato. mercoledi 22 gennaio 2020

I concetti chiave per affrontare il mercato canadese

Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato.

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale martedi 21 gennaio 2020

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative nelle fiere internazionali

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea. martedi 21 gennaio 2020

Mission Asia 2020

Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea.

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Campus Export Manager: diventa export manager del vino

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali. lunedi 20 gennaio 2020

Anteprima Amarone: l'annata 2016 a battesimo l'1 e 2 febbraio a Verona

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali.

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie lunedi 20 gennaio 2020

Il futuro appare radioso per il vino biologico, +34% entro il 2023

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie

Emanuele Fiorio


WineMeridian