Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 20 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it

“Mosto (Il succo delle storie)”, il Festival di narrazione torna per la sua seconda edizione

Dal 6 all'8 settembre a Poderi dal Nespoli, nelle colline forlivesi ai piedi dell'Appennino, un evento che coniuga il saper raccontare ed il buon vino.


“Mosto (Il succo delle  storie)”, il Festival di narrazione torna per la sua seconda edizione
Attori, registi, giornalisti, poeti e cantautori saranno i protagonisti della seconda edizione di Mosto (Il succo delle storie), primo festival dedicato interamente ai mestieri della narrazione, diretto da Matteo Caccia, apprezzato autore e conduttore di Radio Due (Pascal), e Rosario Tedesco, regista teatrale, attore e viaggiatore con una visione europea e nomade del raccontare.

“La novità principale di quest’anno è che tutti gli interventi e spettacoli prenderanno forma attorno al tema “L’attimo prima della partenza” - spiega Matteo Caccia - perché da sempre le partenze e le storie a loro legate rappresentano un atto fondativo nelle biografie delle persone e in quelle dei popoli. Mosto ha deciso di dedicare a quel momento che precede ogni partenza questa seconda edizione. Inoltre, il festival si svolgerà dal 6 all’8 settembre anziché in luglio come avvenuto nella prima edizione. La tematica sarà declinata nel modo più vario possibile, e ci sarà spazio per temi molto differenti, da quelli più sociali quali quello dell’immigrazione, a quelli più intimi, fino ad una comicità narrata o di sport.”
“Lavoro tutti i giorni con le storie raccogliendole e raccontandole alla radio, e dal vivo. I modi di raccontarle sono infiniti e diversi tra loro: con Mosto cerchiamo di mostrarne alcuni tra i più interessanti, perché raccontare storie è il modo migliore per conoscere il mondo”.
GLI OSPITI
Nell’arco dei tre giorni si alterneranno perciò tante storie, proposte attraverso formule differenti. Ecco il programma completo.

Giovedì 6 settembre
Sul palco nel parco della cantina, aprirà ufficialmente le danze alle ore 21 “Il rìding tristocomico” di Arianna Porcelli Safonov, un reading show con il quale porta in scena i suoi monologhi satirici, una selezione di racconti sempre diversi: un format che propone la defibrillazione mentale attraverso il sorriso intelligente.
A seguire, alle 22,30 un dialogo che promette momenti indimenticabili: Federico Buffa, noto giornalista e telecronista sportivo, incontra Matteo Caccia, a confronto sul come si raccontano “Piccole, grandi storie”.
Venerdì 7 settembre
La seconda giornata del festival vedrà invece in scena, alle ore 21, il monologo teatrale di Davide Enia “Scene dalla frontiera” con le musiche composte ed eseguite da Giulio Barocchieri. Lo spettacolo tratto dall’ultimo romanzo di Enia Appunti per un naufragio (Sellerio Editore) narra di ciò che sta accadendo nel Mediterraneo, gli sbarchi e i naufragi di Lampedusa. La storia ben nota è vista dal di dentro, dal sotto del mare, da un palombaro che sta in mezzo ai rottami, agli esserti umani che affondano tra navi e barconi che si scontrano e cerca di salvare vite buttando i corpi in alto. Al centro c’è un pugno di uomini e donne sul confine di un’epoca e di un continente.
Alle 22,30 “Contemporaneamente insieme anche d’estate”, uno spettacolo di DENTE & Guido Catalano che intreccerà nuovi fili di musica e parole, consegnando un’esperienza singolare, difficilmente definibile con un semplice aggettivo: non un reading, non un concerto, ma rime semiacustiche, metafore in quattro quarti, in cui il poeta torinese ed il cantautore emiliano incrociano chitarra e penna per parlare d’amore a modo loro, giocando con le parole e con il pubblico.
Grande novità di questa seconda edizione è inoltre la collaborazione con l’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano: insieme a loro, è stata organizzata, a partire dalla mezzanotte, una maratona notturna di lettura di pagine di diari, selezionati per affinità all’argomento del festival. Lettori volontari che si alterneranno per tutta la notte, nello spazio confortevole della Vela eventi. 

E’ possibile candidarsi per diventare lettori inviando una mail a info@festivalmosto.com. Una notte di letture, di diari a tema, di attimi prima della partenza.


Sabato 8 settembre
La giornata conclusiva sarà aperta alle 18 con una visita inconsueta alla Poderi dal Nespoli, nel percorso “Storie dalla Cantina”, un percorso a tappe per scoprire l’anima della cantina attraverso le parole ed i racconti di chi ogni giorno si prende cura dei vigneti, della raccolta, della vinificazione, per portare sulle tavole di tutto il mondo i migliori frutti della Romagna.
Il percorso è a numero chiuso e su prenotazione a info@festivalmosto.com.
Alle 21, ancora teatro attraverso una delle voci femminili più originali di questo periodo, Annagaia Marchioro, attrice comica e poetica, che porta in scena “Fame mia - Quasi una biografia”, ispirato al testo di Amélie Nothomb: uno spettacolo che parla della fame, ma non solo quella di cibo. La fame è d’amore, di storie, di vita e di riconoscimento. Ed è un paesaggio che ci accomuna tutti, tanto è universale come sentimento.
Alle 22,30 chiude la rassegna il reading di Frankie Hi-NRG. Il rapper, compositore e autore di alcuni dei rap più importanti della storia musicale italiana, tra cui ricordiamo "Fight da faida” e “Quelli che benpensano”, mette in scena “Faccio la mia cosa”, un viaggio nel tempo alla scoperta delle radici del rap in Italia.

INSTALLAZIONE PERMANENTE
Si chiama “Da dove sto chiamando” l’installazione permanente che sarà presente per tutte le giornate del festival, e che servirà per raccogliere i racconti e le voci di chi vorrà accettare l’invito. “Una cabina telefonica, uno spazio privato ed intimo, un telefono per poter raccontare a qualcuno che è appena partito qualcosa che non gli hai mai detto prima.” Si ringrazia Città di Ebla - Ipercorpo 2018 / Il Padre, per l’ispirazione e per la collaborazione.

STREET FOOD
Ogni sera, a partire dalle 19, si aprono le porte del festival con lo spazio dedicato al cibo ed alle degustazioni, a cura dell’agriturismo in cantina, Borgo dei Guidi, per degustare i sapori del territorio valorizzati ed interpretati dallo chef Nicholas Cacchi, oltre che naturalmente tutti i vini della cantina.

DOVE NASCE MOSTO
Perché un festival sulla narrazione? La tradizione orale rappresenta la prima forma di racconto e conservazione della memoria storica. Oggi più che mai si avverte il bisogno di un ritorno a questa ritualità, questa antica forma di socializzazione e condivisione diretta. Poderi Dal Nespoli ha deciso di investire sull'evento assecondando alcuni principi che ne caratterizzano l'identità aziendale, come la creatività, l'innovazione e le relazioni tra persone.
“Racconto, parola, pensiero: sono sempre affascinato dalle persone in grado di raccontarmi qualcosa - spiega Marco Martini, Presidente di Poderi Dal Nespoli - da chi mi prende per mano e mi porta in un luogo diverso attraverso la parola. Abbiamo deciso di intraprendere questo viaggio con passione e fiducia, perché il valore del racconto in sé si inserisce in un contesto più ampio in cui crediamo: quello del saper comunicare, del saper trasmettere valore.”

“Mosto" spiega Rosario Tedesco, co-direttore del Festival "sarà immerso nel paesaggio che ci accoglie, con le storie che verranno a viverlo per tre giorni. Storie di incontri, di viaggi e identità. Saremo in cantina, dove tutto è gravido di futuro, nel periodo della vendemmia, momento di trasformazione e di attesa per eccellenza. Il mosto rappresenta un momento di passaggio, da una materia, l'uva, ad un'altra, il vino, che acquisisce un valore maggiore grazie al lavoro dell'uomo; così il racconto è un interludio, un passaggio che ci trasforma e ci arricchisce rispetto a quello che eravamo prima.”


Gli incontri si svolgeranno nel parco di Poderi Dal Nespoli, nell'area della cantina che ha subito negli ultimi anni un profondo rinnovamento all'insegna della sostenibilità, dell’innovazione e della qualità.



Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito, con prenotazione consigliata a info@festivalmosto.com 

Tutte le informazioni dettagliate sul Festival sono online sul sito www.festivalmosto.com



“Mosto (Il succo delle  storie)”, il Festival di narrazione torna per la sua seconda edizione


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
venerdi 18 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano 
mercoledi 09 gennaio

Come recuperare l'appeal del vino italiano in Svizzera

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano

Federica Lago
Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi martedi 08 gennaio

Vietnam Wine Tour 2019: due tappe per presidiare uno dei più promettenti mercati asiatici

Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi



http://www.winemeridian.com/