Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
mercoledi 20 febbraio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos italian wine academy Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura Tommasi WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it
lunedi 11 febbraio

È tempo di ascolto per il vino italiano

Il nostro mondo del vino è in gran parte occupato a come comunicare i propri prodotti, la propria azienda, il proprio territorio ma è quasi sempre sordo rispetto alle aspettative del trade e soprattutto dei consumatori


È tempo di ascolto per il vino italiano
C’è un problema di sordità nel nostro settore vitivinicolo. Ce ne rendiamo conto ogni giorno di più. Tutto il sistema è da tempo assillato dal problema della comunicazione, di cosa dire ma ormai ha perso di vista “a chi lo sta dicendo”.
Non è un problema da poco e non si può incolpare del tutto i nostri produttori per questa difficoltà a capire meglio cosa vuole da loro il cosiddetto target di riferimento.
Le indagini, infatti, sui consumatori di vino sono quasi sempre, a parte rare eccezioni, molto generiche e fanno fatica a fare emergere le tante stratificazioni che vi sono oggi sul fronte dei consumi.
Ma anche le analisi con le cosiddette categorie “intermedie” come i ristoratori, gli enotecari, i gestori dei wine bar, i responsabili acquisti della gdo sono rare e molto approssimative.
Recentemente abbiamo incontrato il responsabile del più grande consorzio di distributori di bevande in Italia e ci diceva che loro hanno tantissime informazioni rispetto ai fabbisogni del trade nei riguardi del vino, ma nessuno gliele ha mai chieste.
Di fatto, allo stato attuale, anche quel poco che sappiamo dell’horeca viene dalle informazioni ricevute dai produttori.
E spesso si tratta di informazioni decisamente parziali, ovviamente di parte, condizionate da molti fattori.
I produttori, inoltre, sono molto restii al divulgare le informazioni in loro possesso riguardo, ad esempio, il mondo della distribuzione con cui dialogano quotidianamente.
La morale è che, in assenza di entità terze che realizzano indagini approfondite e utili, non ci resta altro che supporre quello che i consumatori finali oggi vorrebbero.
Parliamo spesso di stili di vino che piacciono al mercato. Ma in che senso? Se un tempo c’era il riferimento sintetizzato nel concetto del “gusto internazionale” oggi anche questa caratteristica, se così si può chiamare, non è in grado di darci risposte chiare.
Il paradosso ulteriore è che mentre continuiamo ad affermare che i consumatori sono sempre più segmentati in molte tipologie, decisamente superiori rispetto al passato, di fatto poi li analizziamo solo dal punto di vista generazionale o talvolta per capacità di spesa.
Leggiamo talvolta indagini sui consumatori o sul trade realizzate da alcune società internazionali (es. Wine Intelligence), alcune anche interessanti, seppur parziali, ma ci risulta che raramente sono state finanziate da aziende o consorzi italiani.
Il problema si aggrava considerando che anche le attività di “intelligence” delle singole aziende, degli imprenditori, dei manager durante le loro azioni commerciali sul mercato sono molto rare.
Ci si preoccupa sempre molto, troppo di cosa dire, ma raramente si approfondisce la conoscenza degli interlocutori che si hanno davanti: importatore, distributore, ristoratore, enotecario, cliente finale.
Ci eravamo illusi che i social media avrebbero accorciato moltissimo le distanze tra produttori e consumatori.
Questo è vero, è innegabile. Il problema che abbiamo facilitato la comunicazione ma non abbiamo ancora capito cosa interessa ai nostri “follower” o “amici social”.
Anche nel nostro recente viaggio in Usa abbiamo incontrato alcuni cosiddetti influencer che ci hanno manifestato una certa preoccupazione sul riuscire a capire bene chi sono i loro “fans”.
Non a caso tuttoggi sono veramente pochi quelli in grado di condizionare non solo le scelte di acquisto di consumatori ma a volte anche più semplicemente la reputazione di un’azienda, di un vino su un determinato mercato.
Cosa fare? Sicuramente intanto provare a modificare l’approccio e iniziare ad ascoltare almeno il target più vicino, come i clienti che vengono a trovarci in azienda, i ristoratori che vediamo più spesso, anche i nostri commerciali che sono quotidianamente sul campo.
Poi iniziare a capire, almeno a livello consortile od organizzazioni di categoria che sono necessari maggiori investimenti per indagare meglio sul mondo dei consumatori di vino.
Non possiamo più accontentarci di generalizzazioni della serie, le donne oggi amano di più i rosati o i millennials sono curiosi ma anche attenti al portafoglio.
Ci risulta che in questi mesi i Master of Wines, si sempre loro, starebbero indagando meglio sul tema dell’appeal commerciale dei vini.
È una buona notizia perché finalmente cominciamo a capire che il vino sarà anche uno straordinario ambasciatore di storia e cultura, ma dobbiamo anche conoscere meglio le sue caratteristiche “commerciali” perché senza la vendita non c’è comunicazione che tenga.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori mercoledi 20 febbraio

Polonia: da mercato emergente ad economia in crescita

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori

Noemi Mengo
Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
mercoledi 20 febbraio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano martedi 19 febbraio

Offerta di Lavoro

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano martedi 19 febbraio

Benvenuto Brunello, la grande sfida tra passato e futuro

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano

Giovanna Romeo
Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere
martedi 19 febbraio

Live Wine 2019: a Milano la quinta edizione del Salone Internazionale del Vino Artigianale

Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano 
martedi 19 febbraio

Viaggio nel mondo della cooperazione e delle denominazioni

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo. martedi 19 febbraio

Perchè è cosi difficile vendere vino?

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo.

Roberta Zantedeschi
Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i lunedi 18 febbraio

Nuova Zelanda: l’educazione al vino italiano partendo dalla GDO

Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i "segreti" di questo piccolo ma interessante mercato del vino che presenta anche buone opportunità di sviluppo per le nostre imprese

Noemi Mengo
We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3 saturday 16 february

Italian wines in the world: Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis 
sabato 16 febbraio

Italian wines in the world: Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.
venerdi 15 febbraio

Innovazione in vigneto: la parola a chi ha accolto la sfida

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

AAA cultura di vendita cercasi

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

Fabio Piccoli
Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita
giovedi 14 febbraio

A Singapore dove il Prosecco fa recuperare quote all'Italia del vino

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita

Noemi Mengo
Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce
mercoledi 13 febbraio

Fascia premium e diversità le parole chiave della rinascita del vino australiano in Usa

Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce

Agnese Ceschi
Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo. mercoledi 13 febbraio

Partecipa al concorso "Il Meridiano del vino": Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo.

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Un libro per gli imprenditori del mondo del vino di oggi

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Roberta Zantedeschi
Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy

lunedi 11 febbraio

Uno sguardo all’interno di Italian Wine Academy

Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy



http://www.winemeridian.com/