Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet

A Pantelleria, capitale mondiale dei passiti di qualità

Intervista a Benedetto Renda, amministratore delegato di Cantine Pellegrino, uno degli osservatori più autorevoli al mondo per capire le evoluzioni dei vini passiti sui mercati internazionali


A Pantelleria, capitale mondiale dei passiti di qualità

Benedetto Renda


“Vorrei essere un grande uomo e lasciare un segno del mio passaggio su questa terra” . Era questo il sogno di Paolo Pellegrino, notaio di professione e viticoltore per passione, fondatore nel 1880 di quella che è diventata oggi una delle aziende vitivinicole più floride di Marsala, proprietaria di circa 150 ettari di vigneti concentrati nel lembo occidentale della Sicilia, a Mazara del Vallo e di un ettaro a Pantelleria. Giunte alla settima generazione, Cantine Pellegrino oggi sono guidate da Pietro Alagna, Presidente e Benedetto Renda, Amministratore Delegato.

Ho intervistato quest’ultimo mentre trascorreva qualche giorno di vacanza a Pantelleria, perla nera del Mediterraneo, dove nel 1997 è stato costituito il Consorzio per la tutela e la valorizzazione dei vini DOC dell’isola, di cui è Presidente.
Dottor Renda, cosa rappresenta il consorzio per l’isola?
Quello di Pantelleria è il Consorzio più piccolo d’Italia: i soci sono contadini ed agricoltori che ogni anno realizzano circa 30.000 quintali di uva. Lo Zibibbo è il vitigno da cui si ricava il Passito, un vino dolce unico per le sue caratteristiche organolettiche e prezioso che consente di ripagare la fatica ed i costi di una viticoltura a ragione definita “eroica” che si fonda sull’alberello pantesco, dal 2014 iscritto nella lista dei beni dell’UNESCO. Il sistema di potatura fa sviluppare la pianta con un andamento orizzontale e quasi strisciante sul terreno, in grado pertanto di sopravvivere al maestrale. Nella culla scavata la vite si nutre dell’umidità notturna, che compensa la totale assenza di piovosità. I terrazzamenti poi sorretti dai muretti a secco difendono il paesaggio dalla lenta erosione. Talvolta sembra impossibile che in una terra così dura e per certi versi ostile possa essere prodotto un nettare come il Passito, grazie sopratutto alla tenacia e alla caparbietà dei coltivatori. Oggi il Consorzio conta circa 300 agricoltori ma contiamo di allargare sempre più la base delle adesioni. Pur avendo una base partecipativa molto eterogenea gli iscritti del Consorzio sono accomunati dalla volontà di produrre vini di qualità, preziosi e ricercati e di promuoverli sia in Italia che all’estero su canali distributivi e con modalità di comunicazioni diverse ma efficaci.

Cosa rappresenta un’isola come Pantelleria per Benedetto Renda e le Cantine Pellegrino?
Da oltre 9 anni mi occupo a tempo pieno della gestione aziendale delle Cantine Pellegrino che dispone oggi di tre unità operative ben distinte: una dedicata ai vini bianchi e rossi, una ai vini di marsala ed una ai passiti con territori di approvvigionamento delle uve, enologi specializzati e cantine altrettanto dedicate.

Quali sono state le sfide più difficili del suo percorso?
Sicuramente la diffidenza dei panteschi verso “lo straniero”, sentimento profondamente radicato negli isolani, che, pur essendo protetti dal mare, covano un’atavica paura ed erigono muri difensivi verso i potenziali aggressori. La Pellegrino, dopo 25 anni di presenza fattiva ma rispettosa del territorio e dei suoi abitanti riveste oggi un ruolo fondamentale per l’economia dell’isola: qui non si coltiva l’uva in proprio per non togliere il lavoro ai locali ma si acquista e vinifica quelle dei contadini, trasformando oltre il 60% di tutta la produzione di uve Zibibbo dell’isola. Si sente sempre più la necessità di creare momenti di aggregazione tra i piccoli produttori, come il Passitaly, che quest’anno avrà luogo dal 7 al 10 settembre.

Qual è dal suo osservatorio l’attuale consapevolezza dei mercati sui vini della sua terra?
Negli ultimi 20 anni Pantelleria è diventata l’isola dei vip perché stilisti e attori vi hanno stabilito fissa dimora estiva, lontano dal clamore dei paparazzi. Non è raro passeggiare per l’isola ed incontrare Zingaretti, Armani e Ficarra. All’estero invece è meno conosciuta essendo anche difficilmente raggiungibile. Il passito, come molti vini liquorosi, da dessert è un prodotto che va capito e rimane lontano dalle logiche consumistiche-commerciali

Ad oggi quale è stata l’attività promozionale che ha svolto personalmente o il consorzio che rappresenta?
L’appuntamento più importante per la nostra promozione è Passitaly, la grande rassegna dei vini passiti del Mediterraneo, giunta quest’anno alla sua quarta edizione, La kermesse vuole offrire concretezza alla domanda di unità e collaborazione tra le piccole aziende produttrici di vino di qualità delle isole minori ed, in particolare, dei vini passiti dolci naturali. Pantelleria è un territorio produttivo d’eccellenza, un luogo che merita di essere vissuto ed amato perché per il suo contesto unico, difficile e per certi versi persino ostile esprime e rende chiaro il concetto di viticoltura eroica che è anche un tratto identitario dell’isola


Cristina Gregori

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino