Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
mercoledi 20 febbraio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos italian wine academy Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura Tommasi WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/
giovedi 07 febbraio

Accordini Stefano: l’azienda di montagna che sfida gli stereotipi classici della Valpolicella

La prima azienda della Valpolicella a produrre vini di montagna, vuole farsi conoscere al mondo per le proprie unicità. Una sfida accattivante per il 2019.


Accordini Stefano: l’azienda di montagna che sfida gli stereotipi classici della Valpolicella
La Valpolicella è un territorio estremamente vocato alla produzione di vini, ed è una delle regioni italiane più conosciute ed apprezzate al mondo per i prodotti enologici che può offrire. Ciò che molti non sanno è che questo territorio non vanta solamente vini provenienti da territori pianeggianti o collinari. La produzione di montagna c’è e va elevata per l’alta qualità che la contraddistingue. Certo, dissociarsi dalla classica immagine dei vigneti della Valpolicella, una fotografia tatuata nella mente di tutti i wine lovers di questa zona, non è un compito semplice. Questa è la sfida che ha nel cuore la quarta generazione Accordini, composta da Giacomo, Paolo e Marco. Ce ne ha parlato, durante questa intervista, Marco Accordini dell’Azienda Accordini Stefano, la prima azienda di montagna della Valpolicella a produrre vini di alta qualità.

Come è nata l’azienda?

L’azienda nasce a fine ‘800 con Gaetano Accordini, che era un mezzadro, quindi ancora non possedeva terreni ma lavorava per un proprietario terriero. Solamente Stefano, mio nonno, negli anni ‘70 con la fine della mezzadria, ha potuto acquistare 1.4 ettari di terreni, grazie al diritto di prelazione che aveva. Acquistò l’azienda e continuò a produrre vino valpolicella (un tempo non si produceva Ripasso, o Amarone come ora, si produceva Valpolicella Classico, un vino comune, vino sfuso venduto in damigiana, nel nostro caso soprattutto nella città di Verona). Mio nonno Stefano proseguì il lavoro iniziato da Gaetano fino al 1984 circa, quando il figlio Tiziano iniziò a produrre vino di qualità e lo indirizzò nei mercati del Nord Europa. La svolta vera e propria è stata negli anni 2000, quando vennero acquistati i vigneti a Cavalo (Fumane , VR) sui quali oggi sorge l’azienda. È stata una vera scommessa, poiché in quegli anni nessuno credeva che fosse possibile coltivare le varietà autoctone della Valpolicella, in un territorio a 550 metri di altitudine, a causa di un clima leggermente più freddo di adesso. L’azienda, inaugurata nel 2011, oggi è composta da circa 25 ettari vitati, la maggior parte situati in zona montana, fattore che ci conferisce unicità sia dal punto di vista del suolo che del clima.

Che vini producete?
La produzione si basa sui vini rossi classici della Valpolicella: Classico, Classico Superiore, Ripasso, Amarone Classico, Recioto Classico, e poi si estende su gli IGT freschi, quindi “Tempus” e un IGT ottenuto da uva appassita che è il “Paxxo”. L’intenzione nel produrre questi vini è quella di fare un blend che sposi i vantaggi delle varietà autoctone, molto delicate e dagli eccellenti profumi, che ricordano il frutto maturo, con la complessità e la morbidezza al palato delle varietà internazionali. Nel Tempus utilizziamo infatti il 90% di vitigni autoctoni Corvina, e un 10% di Merlot; mentre nel Paxxo utiliziamo il 70% di Corvina e Rondinella ed il restante 30% di Cabernet Sauvignon e Merlot in parti uguali.

Quale vino vi rappresenta maggiormente?
Il vino che più ci identifica a livello mondiale è il Ripasso Acinatico, è quello per cui siamo più noti, ma quello che invece rappresenta più il cuore dell’azienda è il Paxxo, ossia quello che rappresenta maggiormente la nostra impronta enologica.

Qual è la filosofia dell’azienda?
La nostra filosofia è “produrre vini in alta Valpolicella”, ci consideriamo infatti un’azienda di montagna, ed è questa la nostra unicità che ci distingue dal resto delle circa 300 aziende presenti in Valpolicella. Inoltre, parte della nostra filosofia si concretizza nella produzione biologica, con un occhio attento per l’eco sostenibilità intesa come vigneto biologico, ma anche come sostenibilità energetica.

In quali mercati siete più presenti e qual è la percentuale di export?
La percentuale di export è sopra il 90%, i mercati di maggior interesse sono quelli del Nord Europa in generale, ma se dovessi fare una classifica direi Svizzera, Olanda, Norvegia e Danimarca. Poi siamo presenti in Russia, Germania, Usa, Canada, Cina, Giappone, Australia, Svezia e Vietnam.

Qual è la sfida più grande per voi?
La sfida è quella di farci conoscere a livello mondiale come un’azienda di montagna della Valpolicella, come produttori di vini di alta qualità. Vorremo far capire ai consumatori che siamo l'unica azienda a produrre vini di montagna, di qualità, in una zona tanto nota come la Valpolicella.. L’unicità del nostro territorio, e la produzione che esso ci regala sono i nostri punti di forza, ed il nostro obiettivo è renderlo chiaro a tutti. 






Accordini Stefano

www.accordinistefano.it 
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori mercoledi 20 febbraio

Polonia: da mercato emergente ad economia in crescita

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori

Noemi Mengo
Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
mercoledi 20 febbraio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano martedi 19 febbraio

Offerta di Lavoro

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano martedi 19 febbraio

Benvenuto Brunello, la grande sfida tra passato e futuro

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano

Giovanna Romeo
Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere
martedi 19 febbraio

Live Wine 2019: a Milano la quinta edizione del Salone Internazionale del Vino Artigianale

Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano 
martedi 19 febbraio

Viaggio nel mondo della cooperazione e delle denominazioni

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo. martedi 19 febbraio

Perchè è cosi difficile vendere vino?

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo.

Roberta Zantedeschi
Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i lunedi 18 febbraio

Nuova Zelanda: l’educazione al vino italiano partendo dalla GDO

Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i "segreti" di questo piccolo ma interessante mercato del vino che presenta anche buone opportunità di sviluppo per le nostre imprese

Noemi Mengo
We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3 saturday 16 february

Italian wines in the world: Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis 
sabato 16 febbraio

Italian wines in the world: Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.
venerdi 15 febbraio

Innovazione in vigneto: la parola a chi ha accolto la sfida

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

AAA cultura di vendita cercasi

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

Fabio Piccoli
Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita
giovedi 14 febbraio

A Singapore dove il Prosecco fa recuperare quote all'Italia del vino

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita

Noemi Mengo
Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce
mercoledi 13 febbraio

Fascia premium e diversità le parole chiave della rinascita del vino australiano in Usa

Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce

Agnese Ceschi
Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo. mercoledi 13 febbraio

Partecipa al concorso "Il Meridiano del vino": Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo.

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Un libro per gli imprenditori del mondo del vino di oggi

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Roberta Zantedeschi
Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy

lunedi 11 febbraio

Uno sguardo all’interno di Italian Wine Academy

Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy



http://www.winemeridian.com/