Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 31 marzo 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


cantina settesoli mossi 1558 perdomini Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it
giovedi 13 febbraio 2020

Accordini Stefano, la nuova generazione ecosostenibile

Produzione biologica, energie rinnovabili e valorizzazione del territorio: quando la viticoltura eroica diventa ecosostenibile.


Accordini Stefano, la nuova generazione ecosostenibile
Cavalo di Fumane è un paesino immerso tra i vigneti e situato a 550 metri di altitudine, da qui lo sguardo vola sino alle magnifiche pendici della Lessinia, il Monte Pastello, il Corno d’Aquilio.
In questo scenario sorge l’Azienda Agricola Stefano Accordini,
la Cantina più alta della Valpolicella Classica e qui nascono vini unici grazie alle peculiari condizioni climatiche e del suolo.
Un’azienda di montagna capace di domare terreni calcarei - terrazzati con le “marogne”, tipici muri a secco di architettura rurale - e caratterizzati da un microclima particolare con temperature che anche d’estate, restano al di sotto dei 32 gradi.
Un territorio aspro che impone una viticoltura eroica e che ha permesso alla famiglia Accordini di vincere per due anni consecutivi (2018 e 2019) il celebre concorso “Mondial des Vins extrêmes indetto dal Cervim con il suo Valpolicella Classico Superiore Doc Ripasso Acinatico.

Un’azienda che - grazie a Marco, Giacomo e Paolo Accordini rappresentanti della quarta generazione - ha intrapreso scelte coraggiose e fruttuose rivolte all’ ecosostenibilità, alle fonti rinnovabili e alla valorizzazione dell’ambiente.
Su questi temi abbiamo voluto intervistare Marco Accordini, enologo e gestore dell’Agriturismo Acinatico Wine Relais.

> Siete in conduzione biologica già dal 2015, la certificazione è arrivata l’anno scorso. Il processo di conversione è stato complesso?
Le peculiarità territoriali ci avvantaggiano molto, i nostri vigneti seguiti da Giacomo Accordini, si trovano a 550m circa in zona montana, c’è poco ristagno, poca umidità, un clima ideale e molta ventilazione.
Il passaggio al biologico è stato un processo lineare, la scelta è stata ponderata e misurata. Abbiamo dovuto lavorare molto in prevenzione ma non è stato complicato o macchinoso. Una delle scelte più efficaci è stata l’utilizzo delle capannine metereologiche, attrezzature connesse ad internet che si installano nel vigneto e forniscono parametri utili per gestire al meglio il vigneto ed i trattamenti fitosanitari.
Oltre alla temperatura e all’umidità, le nostre 4 capannine forniscono dati riguardanti la bagnatura foliare che permettono di verificare quante ore la foglia di vite rimane bagnata dopo le interperie. Questo è un elemento fondamentale per prevenire la peronospora, un fungo che si sviluppa solo quando le foglie restano bagnate per parecchie ore.
In questa zona accade che, dopo un temporale passeggero, si alzi un vento intenso che asciuga rapidamente i ristagni idrici.
L’analisi dei risultati relativi alla bagnatura foliare, ci permette di valutare le effettive possibilità di sviluppo della peronospora ed evitare trattamenti inutili, azzerando gli sprechi, ottimizzando i tempi ed azzerando l'impatto sull’ambiente. Anche questa è sostenibilità, non solo lavoriamo sulla prevenzione ma anche sull’analisi e sugli impatti del nostro lavoro sull’ecosistema circostante.

> La vostra linea biologica (Valpolicella Classico DOC Biologico, Valpolicella Classico Ripasso DOC Biologico, Amarone della Valpolicella Classico DOCG Biologico), quali sono le caratteristiche distintive di questa novità?
Usciremo con il Valpolicella Classico DOC Biologico ad Aprile 2020. Si tratta di una linea di alta gamma con un packaging unico ed originale, di cui si occupa Paolo Accordini.
I prodotti di questa nuova linea hanno una caratteristica peculiare e rara: non solo provengono da vigneti biologici di montagna ma sono il frutto di una selezione ancora più accurata. L’uva è stata raccolta a mano solo nelle zone interamente naturali, prive di appezzamenti confinanti. Questo per azzerare completamente la possibilità di contaminazione da parte di altre aziende che producono attraverso metodi convenzionali.

> Ecosostenibilità ha un significato ampio per voi, dalla coltivazione in vigna all’energia rinnovabile. Ci vuoi parlare di questo processo di conversione all’energia rinnovabile (fotovoltaico ed energia elettrica)?
Nel nostro Wine Relais Agriturismo Acinatico abbiamo voluto dotarci di un
impianto fotovoltaico e solare, in grado di garantire ai nostri ospiti acqua calda ed energia pulita anche di notte grazie ad un accumulatore a batterie di ultima generazione in grado di stoccare l’energia prodotta.
Anche la scelta dei materiali con cui abbiamo ristrutturato l’agriturismo è in linea con il nostro impegno verso l’ambiente, non abbiamo scelto materiali plastici, abbiamo privilegiato il legno invece del poliuretano.
All’interno abbiamo voluto il massimo dell’efficienza energetica per ottimizzare la dispersione termica e rendere l’immobile più sostenibile possibile.

> Pensate di ampliare l’utilizzo di fonti rinnovabili anche ai processi di produzione?
Certo, l’obiettivo in futuro è quello di implementare l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili, beneficiando di un impianto fotovoltaico anche per i processi produttivi in cantina.

> Non solo produzione ma anche visite guidate in vigna, degustazioni e hospitality, la diversificazione in azienda è un valore aggiunto. Hai notato una crescita in questo senso?
Mi occupo personalmente di queste attività, stiamo lavorando molto bene sull’hospitality, organizziamo visite guidate, degustazioni, pranzi e cene.
Il nuovo Wine Relais è stato inaugurato a giugno 2019 nei pressi del vigneto La Cà, cinque stanze circondate dalla natura, ogni stanza è curata nei minimi dettagli e dedicata ad un vino dell’azienda.
Già durante la prima stagione abbiamo avuto ottimi riscontri con prenotazioni fino a gennaio inoltrato, il 70% dei nostri ospiti sono stranieri e non si tratta di turisti “mordi e fuggi”, pernottano in media 3 notti.
Il nostro cliente è alla ricerca di una vacanza lontano dalla confusione del Lago di Garda e ricerca il relax, il contatto con la natura in un contesto vitivinicolo e rurale.
Accordini Stefano, la nuova generazione ecosostenibile

La nuova generazione Accordini: Marco, Paolo e Giacomo


Emanuele Fiorio

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave martedi 31 marzo 2020

Tempo inesorabile e tempo opportuno: come viverlo con “senso”

Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave

Lavinia Furlani
L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

È tempo di prepararsi ai mercati del futuro

L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

Lavinia Furlani
Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

La ricerca delle opportunità di lavoro nel mondo del vino: il Curriculum Vitae

Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

Redazione Wine Meridian
Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata martedi 31 marzo 2020

#OBIEZIONE 4: Perché devo pagare degli acconti alla società di Head Hunting?

Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata

Andrea Pozzan
Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione. lunedi 30 marzo 2020

“IO DEGUSTO A CASA” con FISAR Milano

Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione.

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza. lunedi 30 marzo 2020

Cielo e terra vini, dai clienti nel mondo messaggi di sostegno e solidarietà

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza.

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

La più importante lezione da questa emergenza

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

Fabio Piccoli
Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare lunedi 30 marzo 2020

Partecipa al nostro webinar solidale mercoledi 1 aprile alle 15

Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore. lunedi 30 marzo 2020

Spumanti Italia? Forti ma deboli

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore.

Emanuele Fiorio
I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca. lunedi 30 marzo 2020

Come può l’industria del vino affrontare il caos causato dal Covid-19?

I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca.

Agnese Ceschi
Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi. lunedi 30 marzo 2020

Champagne e Barolo, esempi di gestione virtuosa

Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi.

Emanuele Fiorio
Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no! lunedi 30 marzo 2020

Qualità-prezzo, parametro reale o fittizio?

Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no!

Emanuele Fiorio
Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning  “Vendita e wine marketing” e  “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro lunedi 30 marzo 2020

Formarsi per non fermarsi

Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning “Vendita e wine marketing” e “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro

Cristian Fanzolato
Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone. domenica 29 marzo 2020

Export Italia 2019: volumi da primato mondiale

Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone.

Emanuele Fiorio
Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo sabato 28 marzo 2020

Blocco generale: come fare quando il timore dipinge davanti a noi un disegno più distorto che veritiero.

Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo

Cristian Fanzolato
Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino? venerdi 27 marzo 2020

Ma quanto cambierà il mercato del vino?

Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino?

Fabio Piccoli


WineMeridian