Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go
lunedi 04 febbraio 2019

Ad Anteprima Amarone in scena i successi e i problemi del vino italiano

Una delle più prestigiose denominazioni italiane testimonia perfettamente lo stato di salute del nostro vino dove si continuano a mischiare grandi potenzialità ed impressionanti fragilità


Ad Anteprima Amarone in scena i successi e i problemi del vino italiano
Si sta concludendo in queste ore il rito dell’Anteprima Amarone quest’anno dedicata all’entrata sul mercato dell’annata 2015 (anche se non sono molto le aziende, fortunatamente, che la immetteranno sul mercato perché parecchie preferiscono dare più tempo al loro Amarone per affinarsi al meglio).
Esauriamo velocemente il tema dell’annata 2015 che praticamente tutti hanno considerato tra le migliori degli ultimi 30 anni. Anche i nostri tasting, seppur riconoscendo la necessità di dare più tempo a questo grande vino per esprimere tutto il suo valore (a questo riguardo una modifica al disciplinare che aumenti il periodo di affinamento e obblighi utilizzo del legno non sarebbe male a nostro parere), hanno confermato il giudizio ufficiale del Consorzio di tutela.
Ma la presentazione dell’Anteprima Amarone, tenutasi come di consuetudine ormai nella suggestiva Gran Guardia di Verona, è stata un’occasione molto interessante per fare il “ripasso” dei vizi e virtù del vino italiano.
La presentazione è stata gestita come un’intervista doppia al presidente del Consorzio Valpolicella Andrea Sartori e al ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio.
Si è partiti da una delle problematiche più annose del vino italiano, la mancanza di coordinamento della promozione sfilacciata in una miriade di enti pubblici e privati.
Per chi, come chi sta scrivendo, si occupa da oltre vent’anni di questa tematica la tentazione sarebbe stata quella di scappare, prevendendo facilmente quali sarebbero state le risposte.
Il pragmatico ministro Centinaio ha subito detto che il progetto di realizzare un unico coordinamento per la promozione del vino italiano è “molto difficile e molto lento”. “E non potrebbe essere altrimenti" ha aggiunto Centinaio "considerando la miriade di realtà che sono oggi impegnate su questo fronte, come Ice, Enit, Ministero affari economici, Regioni, Camere di commercio, Ministero esteri, i Consorzi di tutela e sicuramente me ne sarò dimenticato qualcuno”.
“Una disorganizzazione" ha proseguito Centinaio "che ci fa anche perdere quattrini, considerando, ad esempio, che il nostro export enogastronomico si ferma ai 42 miliardi di euro mentre la Germania, ad esempio, grazie ad un modello unico di promozione, supera i 60 miliardi (dobbiamo informarci meglio grazie a quali prodotti ndr)”.
E fino a qui nulla di nuovo. Poi però Centinaio aggiunge, sotto pressione dell’intervistatore, che potrebbe essere Vinitaly l’ente ideale per promuovere l’Italia del vino nel mondo.
Centinaio ovviamente non si fa scappare l’occasione e, visto anche che si trova a Verona (dove è venuto spesso ultimamente), rilascia un importante supporto alla “candidatura” di Vinitaly/Veronafiere come l’entità perfetta per svolgere questo difficile ruolo.
Ma anche questo endorsement a Vinitaly non lo possiamo considerare una novità, in quanto, di tanto in tanto in questi ultimi anni è emersa spesso questa ipotesi.
Quindi tutti, o almeno i più “vecchi” di questo mestiere, ci attendavamo una proposta pratica al riguardo. E invece silenzio, se non la solita affermazione che “bisogna riunire tutti gli interessati e trovare una linea comune. Bisogna che tutti accettino di fare un passo indietro, eccetera, eccetera”.
Proviamo noi allora a scrivere quello che, dal nostro modesto punto di vista, avrebbe potuto dire il nostro ministro delle politiche agricole.
Ci sta bene che sia Vinitaly a coordinare la promozione del vino italiano nel mondo. Ha un brand ormai noto da tempo in numerosi mercati mondiali, ha maturato un’esperienza importante su questa tematica, è collocato a Verona che rappresenta una sorta di capitale del vino italiano.
Ma le condizioni perché questo possa avvenire sono le seguenti:
  • analisi approfondite sui fabbisogni attuali delle imprese del vino italiano sul fronte dell’internazionalizzazione. Non si può costruire nessun coordinamento serio e progettualità adeguate se non si parte dai fabbisogni delle imprese. Indagine sulle peculiarità dei mercati che si vogliono intercettare. Costruire azioni promozionali senza capire quali target si vogliono colpire vuol dire investire ingenti risorse senza nessuna certezza;
  • costruzione di un management capace di gestire una delle attività più complesse come la promozione del made in Italy enologico a livello internazionale. Le competenze devono essere messe al primo posto. Servono professionisti di primo livello per svolgere un compito così strategico;
  • definizione di un progetto chiaro e dettagliato. In quali Paesi, con quali strumenti, con quali risorse. Un progetto che risponda a due tematiche chiave, da un lato l’aumento della conoscenza sul vino italiano, dall’altro l’accompagnamento delle imprese sui mercati internazionali (tra quelli maturi e quelli emergenti).
Ecco questo ci saremmo aspettati perché è alquanto inconcepibile, dopo tutti questi anni di discussione riguardo al tema del coordinamento della promozione del vino italiano nel mondo, che si parli solo a quale soggetto assegnare questo ruolo invece di partire dai progetti e dai manager che dovranno gestirli.
E lo diciamo con molta chiarezza allo stato attuale nessuna entità italiana, né pubblica né privata, ha risorse umane sufficienti per svolgere un ruolo così importante e complesso.
Molti rispondono a questa obiezione che se le risorse economiche verranno concentrate su di loro allora potranno dotarsi di un numero adeguato e competente di professionalità.
Noi pensiamo invece sia necessario partire prima da analisi corrette, adeguata budgetizzazione, e definizione della squadra che dovrà progettare e realizzare tale attività.
Purtroppo questo non rientra nella cultura italiana, dove continuiamo a parlare solo di contenitori e mai di contenuti.
Ma Centinaio ha dato un altro importante suggerimento per migliorare il nostro export vitienologico: ”concentrarsi sulle denominazioni che sono maggiormente ricercate sui mercati. Inutile, ad esempio, andare in Cina con bollicine o vini bianchi, quando là tuttoggi prediligono vini rossi”.
Da un punto di vista pragmatico nulla da dire. Rimane però poi da capire cosa ce ne facciamo delle nostre oltre 550 denominazioni di origine (non tutte rosse), dei nostri oltre 530 vitigni autoctoni registrati.

Illudersi che tutta la nostra biodiversità vitienologica possa avere successo nel mondo è ovviamente sbagliato ma se continuiamo a concentrarci, come stiamo facendo oggi, in poche denominazioni di successo sarà dura per molte nostre tipologie di vino trovare sbocchi sui mercati internazionali.
E non dimentichiamoci che al momento dei circa 45 milioni di hl che produciamo (mediamente) in Italia ne stiamo consumando meno della metà.
E’ vero, come bene ha ricordato il ministro Centinaio, che non utilizziamo bene lo strumento dell’enoturismo e quindi di una maggiore vendita diretta, ma qui la strada è ancora lunga e non tanto per l’assenza di leggi adeguate ma per un problema cronico culturale sul versante dell’organizzazione aziendale, dei territori, e dell’accoglienza nel suo complesso.
Lo stesso presidente del Consorzio Sartori ha ricordato come nonostante la provincia di Verona attragga ogni anno oltre 17 milioni di turisti (di cui quasi 13 milioni solo sul Lago di Garda), la Valpolicella riesce portarne nel suo territorio un numero tuttoggi irrisorio.
E qui ci permettiamo di dire più che un problema di legge è un problema di organizzazione, di capacità di accoglienza, di offrire un servizio che stimoli un turista a non “limitarsi” solo all’Arena o a lungomare di Bardolino e Lazise ma di fare un salto anche in qualche bella azienda di Fumane, di Negrar, di Valgatara.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio
Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: gli spumanti italiani non perdono un colpo

Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 wednesday 27 may 2020

Italian wines in the world: Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali. mercoledi 27 maggio 2020

Export vini sfusi: la “Belle Èpoque” prima del Covid-19

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali.

Emanuele Fiorio
In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19
mercoledi 27 maggio 2020

Prepararsi al rilancio del vino italiano negli Usa

In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19

Astrid Panizza
Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur. martedi 26 maggio 2020

Nasce CrowdWine: la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al vino italiano

Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur.

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna. martedi 26 maggio 2020

Con “The Buyer” nel Regno Unito in epoca Covid-19

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna.

Federica Mataluna
Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale. martedi 26 maggio 2020

Prepararsi alla ripresa: la gestione del capitale umano

Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale.

Astrid Panizza
Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato. martedi 26 maggio 2020

Puntare sull’Italia con nuovi dirigenti capaci di fare rete

Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato.

Emanuele Fiorio