Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
lunedi 18 dicembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3
martedi 10 ottobre

Alla ricerca della mineralità

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti


Alla ricerca della mineralità
“È là. Esiste. È la parte più filosofica e intellettuale, che ancora deve essere analizzata”. Così è stata definita la “mineralità” da Jean Trimbach. Uno dei termini più controversi del mondo delle degustazioni enologiche, la “mineralità” è un descrittore spesso usato nelle note d’assaggio ma è fonte di grande confusione. Spesso ci si domanda: da dove vengono i sentori “minerali”? Come definirli? Cosa li determina?
Sulla “mineralità” non c’è consenso scientifico, e dunque, nel mondo dei descrittori sensoriali, in mancanza di accordo, ognuno la definisce a modo proprio: è un riferimento olfattivo o gustativo, o entrambi? Recentemente su questo concetto si è anche espresso l’enologo e professore Luigi Moio nel libro “Il Respiro del vino”, associandola più ad un concetto gustativo legato all’acidità e alla purezza sensoriale.
Oltre a riflessioni di carattere tecnico-scientifico, di “mineralità” oggi si parla anche in riferimento alle neuroscienze e all’appeal commerciale che ha questo descrittore, oggi molto di moda.

Vogliamo oggi concentrarci su un recente progetto dal titolo “Alla ricerca della Mineralità” promosso da Tebaldi srl, che si è avvalso del lavoro di ricerca svolto dal Laboratorio Excell Iberica, con in testa Antonio Tomás Palacios García.
Un progetto che ci è parso molto interessante e degno di essere raccontato, perché tenta di mettere dei punti fermi scientificamente provati.

La mineralità esiste, è una metafora di un carattere complessivo ed è collegata a diversi fattori oggettivi, sia di valenza gustativa che olfattiva.
Questo è il messaggio che i ricercatori del progetto hanno lanciato. Una definizione che va chiaramente in una direzione precisa.
Il Laboratorio Excell Iberica ha analizzato 17 vini internazionali che si distinguono per le loro caratteristiche minerali tramite analisi chimiche, sensoriali e statistiche, panel di degustazione, individuazione della strategie di vinificazione favorevoli alla mineralità.
A seguito di queste analisi Tebaldi srl ha pensato di estendere in modo applicativo queste informazioni ed esperienze con un progetto tutto italiano a partire dalla vendemmia 2017 a livello nazionale.

La scoperta da cui parte il progetto è questa: la percezione sensoriale della mineralità nel vino non è legata a unico fattore (terroir o composizione minerale), infatti essa è associata tanto alla percezione olfattiva come a quella gustativa.
I risultati dell'analisi mostrano che in parte il suo uso può essere dovuto a situazioni di soggettività, distorsione e preferenze prestabilite.
Inoltre secondo gli esperti, esistono tecniche viticole ed enologiche che portano a una maggiore predisposizione sensoriale del vino verso la percezione minerale.
La mineralità dipende da fattori gustativi ed anche olfattivi ed è un po' l'antitesi al concetto di fruttato, ma non significa ricchezza di minerali nel vino. La mineralità dipende pochissimo dal suolo, maggiormente da fattori pedoclimatici complessivi e da attitudine del vitigno.
 
Da queste considerazioni dunque è partito il progetto di Tebaldi, che a partire dalle evidenze scientifiche disponibili ha redatto protocolli sperimentali da applicare su scala industriale a ciascun vitigno vocato per influenzare la maggior espressione del carattere minerale per via tecnica, nei vari territori. Le aziende aderenti applicheranno i protocolli e alla fine della vinificazione, preleveremo dei campioni per l’analisi chimica e sensoriale, che produrrà delle evidenze scientifiche applicate.
Dunque torniamo al concetto di partenza: è possibile oggi portare il più “filosofico ed intellettuale” dei descrittori del vino ad una sua definizione chiara e provata scientificamente? E addirittura ad essere perfino controllato? Qualcuno ci sta provando. Staremo a vedere, curiosi. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L'opinione dell'esperta Felicity Carter su enoturismo ed esempi eccellenti nel mondo lunedi 18 dicembre

L'Enoturismo oggi: tra esperienza e collaborazione

L'opinione dell'esperta Felicity Carter su enoturismo ed esempi eccellenti nel mondo

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015 saturday 16 december

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra sabato 16 dicembre

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer. venerdi 15 dicembre

Igers Veneto, la comunità veneta di instagram, brinda al Natale al caffè Dante di Verona

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer.

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

venerdi 15 dicembre

In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

Fabio Piccoli
Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator giovedi 14 dicembre

A Miami il vino italiano risveglia i ricordi dei turisti

Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo
mercoledi 13 dicembre

The Wine Net sbarca in Giappone

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

Il Venditore di vino tradizionale è in via di estinzione

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero. mercoledi 13 dicembre

Consorzio Vini Venezia - una storia con radici profonde, 5 denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio!

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero.

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Monte Zovo, dove qualità fa rima con modernità

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta martedi 12 dicembre

Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta

Fabio Piccoli
Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano lunedi 11 dicembre

Nasce a Castiglione del Lago 'Il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell'Olio e dei Sapori italiani'

Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra lunedi 11 dicembre

L’International Bulk Wine and Spirits Show sbarca a Londra

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi lunedi 11 dicembre

Impasse italiano negli Usa, Francia allunga

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi



WineMeridian