Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 24 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

italian wine academy Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://corte-de-pieri.business.site/

Anche il vino deve fare i conti con i “clean lifers”

La generazione tra i 20-29 anni evidenzia sempre di più un nuovo modello di comportamento molto più sobrio e idealista dove anche i consumi di bevande alcoliche vengono visti con una modalità molto diversa rispetto il recente passato


Anche il vino deve fare i conti con i “clean lifers”
Leggendo il report di Euromonitor International dal titolo “Top 10 Global Consumer Trends 2018”, siamo rimasti particolarmente colpiti da questa nuova categoria generazionale individuata dall’importante società di ricerca e definita con il termine di “clean lifers”, cioè persone che hanno adottato una “vita pulita”.
E si tratta di persone giovani, tra i 20-29 anni, con una stile di vita che si potrebbe definire minimalista, dove la moderazione e la probità sono i due capisaldi della loro esistenza.
Fa un certo effetto leggere attitudini di questa natura legate ad una giovane generazione ma per certi aspetti, pur non essendo noi sociologi, sempre più spesso ci accorgiamo come sia molto difficile oggi “incasellare” i giovani in pochi modelli comportamentali come nel passato.
Oggi sicuramente le giovani generazioni evidenziano una ampia segmentazione di comportamenti e attitudini e quella dei cosiddetti “clean lifers” non va assolutamente trascurata perché potrebbe avere effetti (sicuramente già li sta avendo) anche sui consumi di vino.
Si tratta di una tipologia di giovani che ha conosciuto una delle depressioni economiche più complesse della storia moderna, che ha vissute (e vive) in una delle fasi politiche più difficili convivendo costantemente con il drammatico fenomeno del terrorismo cosiddetto “religioso”.
I ricercatori di Euromonitor International la definiscono una fascia di giovani che ritiene che con il loro comportamento anche nei consumi possano cambiare il destino del mondo.
Sono decisamente più idealisti della generazione che li ha preceduti, molto meno tolleranti e molto più scettici.
In sostanza significa che non sono facilmente “condizionabili”, anche se, e questa può apparire una contraddizione, credono molto alla guida dei loro genitori, in qualche modo evidenziando così un atteggiamento tradizionalista e di minor autostima.
Un atteggiamento che li porta a dire no a molte cose, tra cui l’alcol, non a caso dall’indagine di Euromonitor International emerge la crescita impressionante del consumo di birra analcolica dal 2011 ad oggi (il cui consumo è cresciuto molto di più di quella alcolica che è rimasto nel medesimo periodo sostanzialmente stabile) con previsioni di ulteriore aumento fino al 2021.
Ma si tratta di giovani che dicono no anche agli acquisti “non misurati” e, soprattutto “non informati”. E qui entra in ballo l’importanza di una comunicazione trasparente capace di apparire realmente autentica e credibile.
Sempre in termini di stile di vita, si tratta di giovani che preferiscono rilassarsi ma non certo in discoteca o locali notturni in generale, ma soprattutto privilegiano vivere un’esperienza piuttosto che acquistare un prodotto.
Il tema di riuscire a “fare vivere esperienze” è uno degli aspetti più importanti, e lo sarà sempre di più in futuro, anche per il mondo del vino.
Più si riuscirà a non confinare il vino a semplice prodotto ma sempre di più a “venderlo”, “promuoverlo”, come uno strumento esperenziale più avremo la possibilità di renderlo affascinante e competitivo. In questa direzione il cosiddetto turismo enogastronomico in tutte le sue forme appare una scelta obbligata dove, però, ancora oggi vi sono ritardi preoccupanti nel nostro Paese.
Euromonitor International, infine, ha voluto mettere a confronto questa generazione con tutte le altre in relazione ai maggiori “strong beliefs” (forti credenze) e preferenze.
Da questo confronto sono emersi in seguenti aspetti: i “clean lifers” ritengono, molto di più del campione generale, di poter influenzare il mondo con le loro scelte di vita e di consumo; preferiscono, molto di più degli “altri” di spendere i loro soldi in esperienze piuttosto che in prodotti; preferiscono non consumare cibo che contenga prodotti animali (vegani, vegetariani); infine privilegiano, molto di più del campione totale, la vita insieme ai propri genitori.
Si tratta, pertanto, di atteggiamenti, preferenze che inevitabilmente stanno avendo e avranno sempre più influenza sui consumi e più in generale sul business delle imprese.
Ignorare queste tendenze è sempre sbagliato e pericoloso. Cercare di interpretarle e dare risposte adeguate è una scelta obbligata.
Può darsi che si tratti di una tipologia di giovani che non diventerà mai un target interessato al vino ma rimane però importante, anche per il nostro settore, comprendere da un lato la grande segmentazione dei consumatori (e non limitarsi più a considerare soprattutto i cosiddetti Millennials come una categoria uniforme), dall’altro la crescita di uno spirito “idealista” che impone anche alle nostre aziende maggiore autenticità e trasparenza.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC saturday 23 march

Italian wines in the world: Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia

We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma sabato 23 marzo

Italian wines in the world: Ràfia di Cantina Santa Maria La Palma

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/