Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs
martedi 12 marzo 2019

Anteprima Chiaretto 2019: il rosé gardesano al vertice assoluto nel panorama italiano dei rosati

120 vini in assaggio del Consorzio di tutela Chiaretto e Bardolino e del Consorzio Valtènesi nella due giorni alla Dogana di Lazise


Anteprima Chiaretto 2019: il rosé gardesano al vertice assoluto nel panorama italiano dei rosati


Dieci milioni di bottiglie prodotte, che dovranno diventare 15 in cinque anni, un milione di bottiglie in più ogni anno. È questa la sfida lanciata dalla nascitura doc Chiaretto per voce del direttore dell’area comunicazione del Consorzio di tutela Chiaretto e Bardolino, Angelo Peretti e del presidente dello stesso, Franco Cristoforetti. L’occasione è stata l’Anteprima del Chiaretto, appuntamento fisso in Dogana a Lazise con il meglio della produzione vinicola in “rosa” del Lago di Garda che quest’anno ha avviato una collaborazione con il Consorzio Valtènesi, presente con 22 produttori. Quarantuno erano invece quelli del Chiaretto di Bardolino per un totale di 120 vini in assaggio. Oltre all’annata nuova anche quella precedente per consentire un confronto comparato.
I dati di produzione illustrati alla due giorni di Lazise posizionano il rosé gardesano al vertice assoluto nel panorama italiano dei rosati. «Abbiamo voluto aprire le presentazioni del Chiaretto 2018 in Francia - ha spiegato Cristoforetti- perché l’idea era quella di confrontarsi con i numeri uno, primi produttori al mondo, ma anche primi importatori di vini rosa che si attestano al 30% dei consumi, quando in Italia la percentuale tocca appena il 6%. Rispetto alle 10 milioni di bottiglie prodotte, la quota destinata all’export ha superato il 60%». E proprio la Francia è per il Chiaretto il secondo mercato per quanto riguarda l’export, dopo la leadership della Germania. Ma il dato più interessante riguardante l’export riguarda il mercato statunitense che è quello che sta crescendo più velocemente e ripaga gli investimenti in promozione internazionale del Consorzio, che negli ultimi due anni ha dato i suoi frutti. «Per questo chiuderemo il programma di appuntamenti internazionali - ha puntualizzato Cristoforetti - con la presenza al ProWein di Düsseldorf, dove il Chiaretto sarà protagonista insieme agli altri cinque vini rosa italiani, con i quali il Consorzio ha sottoscritto un patto di collaborazione per la promozione congiunta all’estero».
La crescita qualitativa del Chiaretto, certificata dai riconoscimenti delle guide e degli esperti in degustazione ha una appendice importante anche nei numeri che riguardano i soci e gli ettari. I soci del Consorzio ad oggi sono 1029 (795 viticoltori, 120 vinificatori, 114 imbottigliatori), mentre il vigneto a doc arriva a 2576 ettari, di cui 1000 di Chiaretto.

A dimostrazione di questa crescita qualitativa del Chiaretto quest’anno è arrivata una degustazione guidata del tutto particolare di quattro annate dal 2011 al 2015 di Molmenti, il rosa della cantina Costaripa di Moniga, di Mattia Vezzola. Solo la scelta della quattro annate la dice lunga della filosofia di Costaripa che è quella di ricavare dall’uvaggio Groppello un rosa in grado di invecchiare bene negli anni: «Almeno cinque per la precisione - ha spiegato Vezzola - due di affinamento in botte e tre in bottiglia. Per raggiungere questo obiettivo ovviamente non basta lavorare al meglio in cantina e in vigna, ma serve la vocazionalità, ovvero la predisposizione che ha il Garda per produrre rosati di straordinario livello. A questo si aggiunga l’obbligo di lavorare soltanto con le migliori uve, raccolte a maturazione fenolica, vendemmiate all’alba per controllare la temperatura, sane, senza pressatura meccanica e con una macerazione controllata di tre ore a dieci gradi per ridurre l’estrazione di colori, mantenendo quella dei profumi e delle concentrazioni, che ci porta ad estrarre sino al 60 per dal grappolo».

E alla prova degustativa tutte e quattro le annate hanno superato brillantemente l’esame. Anche la 2011 si è mostrata con una bella evoluzione, non ancora completata e sorretta da una buona acidità. La 2012 che ha segnato il passaggio al controllo delle temperature in macerazione ha mostrato, assieme ad un colore tenue, buccia di cipolla, un’ottima acidità, una componente aromatica articolata ed interessante, floreale, in grado di lasciar presagire uno sviluppo ulteriore nel tempo. Insomma la sfida della longevità, assieme a quella della crescita sui mercati americani, sono state lanciate e i presupposti per vincerle entrambe sono incoraggianti.

Anteprima Chiaretto 2019: il rosé gardesano al vertice assoluto nel panorama italiano dei rosati
Alberto Tonello

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo
L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud. sabato 13 luglio 2019

Partecipa con noi alla missione in Giappone con b2b con agenda programmata

L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud.



sfondo_wm