Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace Cantina Valpolicella

Asia Centrale, area strategica per il futuro del vino italiano

Crescita economica, socio-culturale e turistica alla base dell’aumento delle opportunità del nostro export vitivinicolo in Asia Centrale, a partire dai Paesi come il Kazakistan e l’Uzbekistan


Asia Centrale, area strategica per il futuro del vino italiano
Scriviamo da Almaty, la seconda città del Kazakistan (la prima è la capitale Astana), la città che si accredita di essere il luogo di sepoltura (1227) di Genghis Khan, il leggendario conquistatore la cui nascita è contesa da tempo tra la Mongolia e appunto il Kazakistan.
Da tempo gruppi di archeologi sono alla ricerca di questa tomba che secondo alcuni storici dovrebbe custodire gran parte dell’oro conquistato dal noto guerriero mongolo o kazako.
Non è certo che questo tesoro vi sia, quello che è più sicuro è che il Kazakistan, e più in generale tutta l’Asia centrale, potrebbe rappresentare a breve uno straordinario bacino economico anche per il nostro export vitivinicolo.
Ne abbiamo avuto conferma in questi giorni, nell’ambito dell’Unit Wine Tour, il primo evento b2b dedicato al vino italiano organizzato da Unexpected Italian in Kazakistan e che ci vede ancora una volta al loro fianco dopo l’iniziativa dello scorso anno in Vietnam (saremo ancora con loro in Corea del Sud a Seoul il 27 settembre e in Vietnam ad Hanoi ed Ho Chi Min City dal 30 settembre al 3 ottobre).
A guidarci all’interno dell’economia dell’Asia centrale, ed in particolare a quella del Kazakistan e dell’Uzbekistan, Salvatore Parano, responsabile ufficio Ice di questi due Paesi. Non lo facciamo spesso ma Parano merita sicuramente un plauso particolare non solo per essere stato uno straordinario partner nell’organizzazione dell’Unit Wine Tour, ma anche perché rappresenta il funzionario ideale che si vorrebbe sempre incontrare in azioni di questo genere, grazie ad una eccellente competenza e squisita disponibilità.
Parano ha evidenziato come il Kazakistan rappresenta un Paese enorme, di fatto una sorta di continente di oltre 2 milioni di km2 (di fatto 4,5 volte la Francia ndr), con un’economia paragonabile ad una regione come il Veneto.
Uno Stato che dopo la gravissima crisi economica del 2015, con una svalutazione di circa il 50% della valuta locale (il Tenghe kazako), ha ripreso fortunatamente a correre, a dimostrazione che ci si trovi di fronti a Paesi che difficilmente incappano in fasi di stagnazione.
Ma ancor più in crescita l’Uzbekistan che a meno di due anni dalla sua apertura al libero mercato, dopo decenni di rigida impostazione statalista, sta conoscendo un “rinascimento” impressionante registrando, tra l’altro, uno dei maggiori processi di investimenti immobiliari al mondo (grazie soprattutto all’incremento del turismo che sta obbligando il Paese ad una potente accelerazione sul fronte della costruzione di alberghi).
Di fatto, ha ricordato Parano, in Uzbekistan è in atto un forte processo di occidentalizzazione, nonostante questo Paese abbia una forte influenza dell’Islam, ben superiore al Kazakistan che pur essendo di prevalenza islamica da tempo è secolarizzato e tollerante.
Se a questo aggiungiamo che si tratta di due Paesi con una popolazione di età media di vent’anni di meno di quella della nostra vecchia Europa, si fa presto a capire quanto possano essere interessanti per il nostro Made in Italy nel suo complesso.
E a proposito di Made in Italy, Parano ha sottolineato come si tratti di due Paesi che amano l’Italia anche sotto il profilo culturale. Ed è facile rendersene conto anche muovendosi per le città di questi Stati, in particolare in Kazakistan, dove insegne italiane, sia della ristorazione che dell’abbigliamento, sono presenti ovunque.
Altro vantaggio, non certo indifferente, è la presenza in Kazakistan di un unico codice di importazione per i prodotti dall’UE e questo facilita notevolmente anche tutti i processi burocratici nelle dinamiche degli scambi commerciali.
Ma di quanto questi Paesi dell’Asia centrale, compreso anche il Kirghizistan, possano rappresentare una straordinaria opportunità per il nostro export enologico, ce lo ha fatto ben capire Stefano Sermenghi, partner di Unexpected Italian che ha sottolineato come già oggi il vino italiano è leader in quest’area con una quota del 24,4% in Kazakistan e del 44,9% in Uzbekistan.
Sarmenghi ha inoltre evidenziato come i consumi pro capite, pur ancora modesti, sono in crescita in tutta questa regione geografica (2,9 litri in Kazakistan e 1,4 litri in Uzbekistan secondo gli ultimi dati disponibili).
“Ma le prospettive sono decisamente incoraggianti" ha spiegato Sermenghi " non solo per gli aspetti economici ma anche per la crescita culturale di questi Paesi. Una crescita testimoniata pure dall’aumento di addetti ai vini nell’on trade capaci di accompagnare con competenza la vendita dei prodotti anche di fascia premium”.
E a proposito di posizionamento dei vini su questi mercati i dati sono abbastanza incoraggianti, soprattutto in quest’ultimo periodo di ripresa dalla crisi del 2015.
Anche in quest’area, infatti, ha spiegato Sermenghi è in atto quel processo di “premiumization” che sta caratterizzando gran parte dei mercati mondiali.
La sfida, come ormai è sempre più chiaro, starà nella capacità del nostro Paese e soprattutto delle nostre imprese di presidiare al meglio questi mercati.
I partner a disposizione (importatori in primis) che abbiamo incontrato ad Almaty ci sembrano pronti e all’altezza. Adesso tocca a noi fare la nostra parte.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo
L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud. sabato 13 luglio 2019

Partecipa con noi alla missione in Giappone con b2b con agenda programmata

L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud.



sfondo_wm