Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 31 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace

Asia Centrale, area strategica per il futuro del vino italiano

Crescita economica, socio-culturale e turistica alla base dell’aumento delle opportunità del nostro export vitivinicolo in Asia Centrale, a partire dai Paesi come il Kazakistan e l’Uzbekistan


Asia Centrale, area strategica per il futuro del vino italiano
Scriviamo da Almaty, la seconda città del Kazakistan (la prima è la capitale Astana), la città che si accredita di essere il luogo di sepoltura (1227) di Genghis Khan, il leggendario conquistatore la cui nascita è contesa da tempo tra la Mongolia e appunto il Kazakistan.
Da tempo gruppi di archeologi sono alla ricerca di questa tomba che secondo alcuni storici dovrebbe custodire gran parte dell’oro conquistato dal noto guerriero mongolo o kazako.
Non è certo che questo tesoro vi sia, quello che è più sicuro è che il Kazakistan, e più in generale tutta l’Asia centrale, potrebbe rappresentare a breve uno straordinario bacino economico anche per il nostro export vitivinicolo.
Ne abbiamo avuto conferma in questi giorni, nell’ambito dell’Unit Wine Tour, il primo evento b2b dedicato al vino italiano organizzato da Unexpected Italian in Kazakistan e che ci vede ancora una volta al loro fianco dopo l’iniziativa dello scorso anno in Vietnam (saremo ancora con loro in Corea del Sud a Seoul il 27 settembre e in Vietnam ad Hanoi ed Ho Chi Min City dal 30 settembre al 3 ottobre).
A guidarci all’interno dell’economia dell’Asia centrale, ed in particolare a quella del Kazakistan e dell’Uzbekistan, Salvatore Parano, responsabile ufficio Ice di questi due Paesi. Non lo facciamo spesso ma Parano merita sicuramente un plauso particolare non solo per essere stato uno straordinario partner nell’organizzazione dell’Unit Wine Tour, ma anche perché rappresenta il funzionario ideale che si vorrebbe sempre incontrare in azioni di questo genere, grazie ad una eccellente competenza e squisita disponibilità.
Parano ha evidenziato come il Kazakistan rappresenta un Paese enorme, di fatto una sorta di continente di oltre 2 milioni di km2 (di fatto 4,5 volte la Francia ndr), con un’economia paragonabile ad una regione come il Veneto.
Uno Stato che dopo la gravissima crisi economica del 2015, con una svalutazione di circa il 50% della valuta locale (il Tenghe kazako), ha ripreso fortunatamente a correre, a dimostrazione che ci si trovi di fronti a Paesi che difficilmente incappano in fasi di stagnazione.
Ma ancor più in crescita l’Uzbekistan che a meno di due anni dalla sua apertura al libero mercato, dopo decenni di rigida impostazione statalista, sta conoscendo un “rinascimento” impressionante registrando, tra l’altro, uno dei maggiori processi di investimenti immobiliari al mondo (grazie soprattutto all’incremento del turismo che sta obbligando il Paese ad una potente accelerazione sul fronte della costruzione di alberghi).
Di fatto, ha ricordato Parano, in Uzbekistan è in atto un forte processo di occidentalizzazione, nonostante questo Paese abbia una forte influenza dell’Islam, ben superiore al Kazakistan che pur essendo di prevalenza islamica da tempo è secolarizzato e tollerante.
Se a questo aggiungiamo che si tratta di due Paesi con una popolazione di età media di vent’anni di meno di quella della nostra vecchia Europa, si fa presto a capire quanto possano essere interessanti per il nostro Made in Italy nel suo complesso.
E a proposito di Made in Italy, Parano ha sottolineato come si tratti di due Paesi che amano l’Italia anche sotto il profilo culturale. Ed è facile rendersene conto anche muovendosi per le città di questi Stati, in particolare in Kazakistan, dove insegne italiane, sia della ristorazione che dell’abbigliamento, sono presenti ovunque.
Altro vantaggio, non certo indifferente, è la presenza in Kazakistan di un unico codice di importazione per i prodotti dall’UE e questo facilita notevolmente anche tutti i processi burocratici nelle dinamiche degli scambi commerciali.
Ma di quanto questi Paesi dell’Asia centrale, compreso anche il Kirghizistan, possano rappresentare una straordinaria opportunità per il nostro export enologico, ce lo ha fatto ben capire Stefano Sermenghi, partner di Unexpected Italian che ha sottolineato come già oggi il vino italiano è leader in quest’area con una quota del 24,4% in Kazakistan e del 44,9% in Uzbekistan.
Sarmenghi ha inoltre evidenziato come i consumi pro capite, pur ancora modesti, sono in crescita in tutta questa regione geografica (2,9 litri in Kazakistan e 1,4 litri in Uzbekistan secondo gli ultimi dati disponibili).
“Ma le prospettive sono decisamente incoraggianti" ha spiegato Sermenghi " non solo per gli aspetti economici ma anche per la crescita culturale di questi Paesi. Una crescita testimoniata pure dall’aumento di addetti ai vini nell’on trade capaci di accompagnare con competenza la vendita dei prodotti anche di fascia premium”.
E a proposito di posizionamento dei vini su questi mercati i dati sono abbastanza incoraggianti, soprattutto in quest’ultimo periodo di ripresa dalla crisi del 2015.
Anche in quest’area, infatti, ha spiegato Sermenghi è in atto quel processo di “premiumization” che sta caratterizzando gran parte dei mercati mondiali.
La sfida, come ormai è sempre più chiaro, starà nella capacità del nostro Paese e soprattutto delle nostre imprese di presidiare al meglio questi mercati.
I partner a disposizione (importatori in primis) che abbiamo incontrato ad Almaty ci sembrano pronti e all’altezza. Adesso tocca a noi fare la nostra parte.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni. venerdi 29 maggio 2020

Superare la crisi: cercasi soluzioni

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni.

Fabio Piccoli
La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola. giovedi 28 maggio 2020

Signorvino apre il canale e-commerce

La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola.

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi giovedi 28 maggio 2020

I Consorzi di Tutela del vino protagonisti del nuovo enoturismo

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi "La Buona Italia 2020".

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei. giovedi 28 maggio 2020

SPEEDTASTING B2B DIGITAL: la nuova frontiera per intercettare importatori

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei.

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio