Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 17 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ STUDIO GIURI http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi

Asia Centrale, area strategica per il futuro del vino italiano

Crescita economica, socio-culturale e turistica alla base dell’aumento delle opportunità del nostro export vitivinicolo in Asia Centrale, a partire dai Paesi come il Kazakistan e l’Uzbekistan


Asia Centrale, area strategica per il futuro del vino italiano
Scriviamo da Almaty, la seconda città del Kazakistan (la prima è la capitale Astana), la città che si accredita di essere il luogo di sepoltura (1227) di Genghis Khan, il leggendario conquistatore la cui nascita è contesa da tempo tra la Mongolia e appunto il Kazakistan.
Da tempo gruppi di archeologi sono alla ricerca di questa tomba che secondo alcuni storici dovrebbe custodire gran parte dell’oro conquistato dal noto guerriero mongolo o kazako.
Non è certo che questo tesoro vi sia, quello che è più sicuro è che il Kazakistan, e più in generale tutta l’Asia centrale, potrebbe rappresentare a breve uno straordinario bacino economico anche per il nostro export vitivinicolo.
Ne abbiamo avuto conferma in questi giorni, nell’ambito dell’Unit Wine Tour, il primo evento b2b dedicato al vino italiano organizzato da Unexpected Italian in Kazakistan e che ci vede ancora una volta al loro fianco dopo l’iniziativa dello scorso anno in Vietnam (saremo ancora con loro in Corea del Sud a Seoul il 27 settembre e in Vietnam ad Hanoi ed Ho Chi Min City dal 30 settembre al 3 ottobre).
A guidarci all’interno dell’economia dell’Asia centrale, ed in particolare a quella del Kazakistan e dell’Uzbekistan, Salvatore Parano, responsabile ufficio Ice di questi due Paesi. Non lo facciamo spesso ma Parano merita sicuramente un plauso particolare non solo per essere stato uno straordinario partner nell’organizzazione dell’Unit Wine Tour, ma anche perché rappresenta il funzionario ideale che si vorrebbe sempre incontrare in azioni di questo genere, grazie ad una eccellente competenza e squisita disponibilità.
Parano ha evidenziato come il Kazakistan rappresenta un Paese enorme, di fatto una sorta di continente di oltre 2 milioni di km2 (di fatto 4,5 volte la Francia ndr), con un’economia paragonabile ad una regione come il Veneto.
Uno Stato che dopo la gravissima crisi economica del 2015, con una svalutazione di circa il 50% della valuta locale (il Tenghe kazako), ha ripreso fortunatamente a correre, a dimostrazione che ci si trovi di fronti a Paesi che difficilmente incappano in fasi di stagnazione.
Ma ancor più in crescita l’Uzbekistan che a meno di due anni dalla sua apertura al libero mercato, dopo decenni di rigida impostazione statalista, sta conoscendo un “rinascimento” impressionante registrando, tra l’altro, uno dei maggiori processi di investimenti immobiliari al mondo (grazie soprattutto all’incremento del turismo che sta obbligando il Paese ad una potente accelerazione sul fronte della costruzione di alberghi).
Di fatto, ha ricordato Parano, in Uzbekistan è in atto un forte processo di occidentalizzazione, nonostante questo Paese abbia una forte influenza dell’Islam, ben superiore al Kazakistan che pur essendo di prevalenza islamica da tempo è secolarizzato e tollerante.
Se a questo aggiungiamo che si tratta di due Paesi con una popolazione di età media di vent’anni di meno di quella della nostra vecchia Europa, si fa presto a capire quanto possano essere interessanti per il nostro Made in Italy nel suo complesso.
E a proposito di Made in Italy, Parano ha sottolineato come si tratti di due Paesi che amano l’Italia anche sotto il profilo culturale. Ed è facile rendersene conto anche muovendosi per le città di questi Stati, in particolare in Kazakistan, dove insegne italiane, sia della ristorazione che dell’abbigliamento, sono presenti ovunque.
Altro vantaggio, non certo indifferente, è la presenza in Kazakistan di un unico codice di importazione per i prodotti dall’UE e questo facilita notevolmente anche tutti i processi burocratici nelle dinamiche degli scambi commerciali.
Ma di quanto questi Paesi dell’Asia centrale, compreso anche il Kirghizistan, possano rappresentare una straordinaria opportunità per il nostro export enologico, ce lo ha fatto ben capire Stefano Sermenghi, partner di Unexpected Italian che ha sottolineato come già oggi il vino italiano è leader in quest’area con una quota del 24,4% in Kazakistan e del 44,9% in Uzbekistan.
Sarmenghi ha inoltre evidenziato come i consumi pro capite, pur ancora modesti, sono in crescita in tutta questa regione geografica (2,9 litri in Kazakistan e 1,4 litri in Uzbekistan secondo gli ultimi dati disponibili).
“Ma le prospettive sono decisamente incoraggianti" ha spiegato Sermenghi " non solo per gli aspetti economici ma anche per la crescita culturale di questi Paesi. Una crescita testimoniata pure dall’aumento di addetti ai vini nell’on trade capaci di accompagnare con competenza la vendita dei prodotti anche di fascia premium”.
E a proposito di posizionamento dei vini su questi mercati i dati sono abbastanza incoraggianti, soprattutto in quest’ultimo periodo di ripresa dalla crisi del 2015.
Anche in quest’area, infatti, ha spiegato Sermenghi è in atto quel processo di “premiumization” che sta caratterizzando gran parte dei mercati mondiali.
La sfida, come ormai è sempre più chiaro, starà nella capacità del nostro Paese e soprattutto delle nostre imprese di presidiare al meglio questi mercati.
I partner a disposizione (importatori in primis) che abbiamo incontrato ad Almaty ci sembrano pronti e all’altezza. Adesso tocca a noi fare la nostra parte.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC tuesday 17 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo
We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017 wednesday 11 september 2019

Italian wines in the world: Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri mercoledi 11 settembre 2019

Italian wines in the world: Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Giovanna Romeo
Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative. martedi 10 settembre 2019

Pinot grigio delle Venezie DOC sulla Vendemmia 2019: quando la viticoltura crea valore

Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative.

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette martedi 10 settembre 2019

La coraggiosa scelta di Col Vetoraz: produrre solo "Valdobbiadene Docg"

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM
martedi 10 settembre 2019

Vino e Neuromarketing: ce ne parla Vincenzo Russo

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM

Noemi Mengo
A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli
martedi 10 settembre 2019

Wine Export Manager Day: gli speaker vi aspettano

A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?
lunedi 09 settembre 2019

Terregiunte, le polemiche nascondono la “rivoluzione”

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?

Fabio Piccoli
Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini
lunedi 09 settembre 2019

Fattoria Varramista: una sfida per il futuro, che cresce su radici antiche

Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini

Noemi Mengo
La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori. 
domenica 08 settembre 2019

Il Riesling renano ama gli Stati Uniti

La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori.

Giovanna Romeo


sfondo_wm