Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet
giovedi 30 maggio 2019

Aumento di consumi di alcolici al 2030: verso un cambiamento di rotta o un decollo in linea con le previsioni?

Lo studio pubblicato sulla rivista medica The Lancet messo in discussione da una serie di elementi avanzati da IWSR: uno di questi la premiumisation


Aumento di consumi di alcolici al 2030: verso un cambiamento di rotta o un decollo in linea con le previsioni?
Un nuovo studio pubblicato recentemente sulla rivista medica The Lancet registra negli ultimi 27 anni un incredibile aumento del consumo globale di bevande alcoliche. Lo studio suggerisce che tra il 1990 e il 2017 l'assunzione di alcolici è aumentata del 70%, ed anticipa una previsione di ulteriore aumento pro capite di circa il 18% nel 2030. Un numero decisamente incredibile, che per altro potrebbe destare anche qualche preoccupazione tra le organizzazioni internazionali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Decidiamo di approfondire meglio la questione e ci viene in aiuto un’interessante analisi fatta da IWSR.

Secondo IWSR, infatti, questa percentuale molto roboante del 70% sottenderebbe una serie di riflessioni che in realtà vanno in una direzione leggermente opposta dalla previsioni.
IWSR Drinks Market Analysis conferma, infatti, l’aumento del consumo di alcol pro capite negli ultimi 27 anni, ma segnala tendenze più recenti che potrebbero non confermare le previsioni di crescita per il 2030.
Se nei 10 anni tra il 1990 e il 2000 l'assunzione di alcol è aumentata molto velocemente, l’ultimo decennio ha visto un notevole rallentamento, con una crescita dei consumi che scende al 17%.
Quali sono i fattori che incidono in questa decrescita possibile?
Sicuramente il primo potrebbe essere l'approccio adottato dall’industria dei prodotti alcolici, che è cambiato verso una maggiore consapevolezza nel vendere non tanto vini a volume, ma nel cercare un aumento in valore. Tutto questo è incrementato da una forte etica verso la promozione di una cultura del bere responsabile in tutti i mercati al mondo.

Concentriamoci dunque su un aspetto importante che inciderebbe molto sui volumi.
Molti operatori del settore sono oggi più concentrati sulla generazione di valore che sul volume e questo è confermato dalla premiumisation del mercato e dalla rapida ascesa del movimento dei produttori artigianali.
I dati dell'IWSR mostrano che, mentre il mercato globale del vino e degli alcolici è sceso del -1,4% negli ultimi cinque anni, il volume delle bevande che rientrano nei segmenti "premium-and-above" è aumentato di un quinto. Questo ci fa affermare che in futuro si berrà sicuramente meno, ma meglio e questo processo è già iniziato.

Anche i governi stanno facendo la loro parte per scoraggiare alti livelli di consumo. Anche nei Paesi in via di sviluppo, regolamentazione e tasse stanno diventando più diffuse. Ad esempio? In un mercato come il Vietnam, dove la domanda di birra è aumentata vertiginosamente nell'ultimo decennio, un aumento delle tasse ha appiattito il mercato nel 2018.

Altra cosa sono invece i mercati sviluppati, dove non sono solo le iniziative di consumo responsabile e le attività governative che limitano i livelli di consumo, ma i consumatori stessi.
Stiamo registrando un cambiamento nelle abitudini di consumo; in particolare tra i Millennials, per i quali si sta registrando una sempre maggiore propensione al bere sano e responsabile, e perfino “alcohol free” (come dimostra una recente indagine IWSR). Ci chiediamo dunque cosa accadrà con la cosiddetta Generazione Z nel prossimo futuro.

"In futuro è probabile che tutti questi fattori vincolanti si uniranno per diluire i livelli di crescita pro capite delle bevande alcoliche, suggerendo che le proiezioni dello studio di The Lancet forse sono gonfiate", spiega Mark Meek, CEO di IWSR. "C'è anche un altro disgregatore che appare all'orizzonte che potrebbe potenzialmente ridefinire il panorama delle bevande come lo conosciamo. L'effetto domino della legalizzazione della cannabis potrebbe aprire ampiamente le porte entro il 2030 alle bevande di cannabis infuse con THC”.

Questo scenario è plausibile? Non abbiamo la palla di cristallo e non lo possiamo sicuramente confermare oggi, ma non ci sentiamo certamente di sottovalutare i messaggi che ci arrivano dai mercati e dai consumatori. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Comportamenti sociali e tendenze di consumo nel prossimo futuro, le risposte dei consumatori di 17 Paesi a confronto su questioni vitali per il mercato. lunedi 25 maggio 2020

Consumi: come sarà la riapertura?

Comportamenti sociali e tendenze di consumo nel prossimo futuro, le risposte dei consumatori di 17 Paesi a confronto su questioni vitali per il mercato.

Emanuele Fiorio
Un’esperienza digitale interattiva per presentare la nuova linea Vènt: questa l’iniziativa della cooperativa trentina della Valle dei Laghi in collaborazione con Microsoft Teams e il partner Si-Net. lunedi 25 maggio 2020

Cantina Toblino abbraccia la trasformazione digitale

Un’esperienza digitale interattiva per presentare la nuova linea Vènt: questa l’iniziativa della cooperativa trentina della Valle dei Laghi in collaborazione con Microsoft Teams e il partner Si-Net.

Un formato troppo spesso sottovalutato, se non vittima di sbagliati pregiudizi, oggi rappresenta un packaging capace di garantire un basso impatto ambientale e anche minori rischi sul fronte della contaminazione a Covid-19 lunedi 25 maggio 2020

Francia: il ruolo strategico del bag in box

Un formato troppo spesso sottovalutato, se non vittima di sbagliati pregiudizi, oggi rappresenta un packaging capace di garantire un basso impatto ambientale e anche minori rischi sul fronte della contaminazione a Covid-19

Astrid Panizza
Abbiamo degustato per voi Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 di Masot sabato 23 maggio 2020

Italian wines in the world: Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 di Masot

Abbiamo degustato per voi Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 di Masot

Si terrà a settembre il meeting b2b digitale in cui buyer e produttori si incontreranno a distanza ma con le stesse opportunità di degustazione e di promozione delle realtà italiane. venerdi 22 maggio 2020

India mercato emergente per il vino: partecipa all'incontro con i buyer di questo Paese

Si terrà a settembre il meeting b2b digitale in cui buyer e produttori si incontreranno a distanza ma con le stesse opportunità di degustazione e di promozione delle realtà italiane.

Bordeaux al minimo storico e Borgogna in calo, nel contesto dell’emergenza emergono i vini pregiati italiani che beneficiano anche dell’esclusione dai dazi Usa. venerdi 22 maggio 2020

Italy fine wines: 2020 da record

Bordeaux al minimo storico e Borgogna in calo, nel contesto dell’emergenza emergono i vini pregiati italiani che beneficiano anche dell’esclusione dai dazi Usa.

Emanuele Fiorio
Mai come in questa fase abbiamo scoperto quanto gli strumenti digitali ci possono aiutare e supportare nelle nostre attività imprenditoriali e manageriali ma attenti a non considerarli la soluzione a tutti i nostri problemi e la risposta a qualsiasi fabbisogno venerdi 22 maggio 2020

La pericolosa demagogia del digitale

Mai come in questa fase abbiamo scoperto quanto gli strumenti digitali ci possono aiutare e supportare nelle nostre attività imprenditoriali e manageriali ma attenti a non considerarli la soluzione a tutti i nostri problemi e la risposta a qualsiasi fabbisogno

Fabio Piccoli
Il Rinascimento del vino italiano

“Metodo Wine Meridian”: come ripartire nel post covid-19 in 10 mosse

Il Rinascimento del vino italiano

Cristian Fanzolato
All’interno dei negozi del gruppo Eataly sono state posizionate delle scatole di raccolta per i tappi della Green Line di Nomacorc, il marchio di punta di Vinventions. giovedi 21 maggio 2020

Ambiente: Vinventions e Eataly insieme per l'economia circolare

All’interno dei negozi del gruppo Eataly sono state posizionate delle scatole di raccolta per i tappi della Green Line di Nomacorc, il marchio di punta di Vinventions.

“Made in Italy” denominatore comune e punto di forza sul quale Vino e Ho.Re.Ca devono puntare per una ripartenza di “inaspettato” successo.

Nuova Allenza tra Vino e Ho.Re.Ca, compila il questionario di Wine Meridian

“Made in Italy” denominatore comune e punto di forza sul quale Vino e Ho.Re.Ca devono puntare per una ripartenza di “inaspettato” successo.

Cristian Fanzolato
Il primo Paese produttore a sperimentare la vendemmia con distanziamento sociale. Una vendemmia che sarà ricordata anche tra le più calde nella storia della viticoltura argentina giovedi 21 maggio 2020

La vendemmia “distanziata” e caldissima dell’Argentina

Il primo Paese produttore a sperimentare la vendemmia con distanziamento sociale. Una vendemmia che sarà ricordata anche tra le più calde nella storia della viticoltura argentina

Fabio Piccoli
La pandemia sta avendo enormi conseguenze sui mercati: Euromonitor International ha analizzato in un report il futuro mondiale dell'economia. giovedi 21 maggio 2020

Implicazioni e ripercussioni del Covid-19 sull'economia mondiale

La pandemia sta avendo enormi conseguenze sui mercati: Euromonitor International ha analizzato in un report il futuro mondiale dell'economia.

Astrid Panizza
La Cina è il mercato da tenere d'occhio in questo momento per apprendere dalla sua esperienza, anche se i consumatori cinesi hanno risposto in modo diverso al Covid-19 rispetto a quelli di mercati affermati come gli Stati Uniti e l'Europa. Boom online anche nel mercato del Dragone. giovedi 21 maggio 2020

Cina, si riparte con cautela

La Cina è il mercato da tenere d'occhio in questo momento per apprendere dalla sua esperienza, anche se i consumatori cinesi hanno risposto in modo diverso al Covid-19 rispetto a quelli di mercati affermati come gli Stati Uniti e l'Europa. Boom online anche nel mercato del Dragone.

Agnese Ceschi
La cantina di Luogosanto scommette sui social e la ripresa del mercato. Massimo Ruggero: “Valorizziamo gli acquisti sul sito www.siddura.com mercoledi 20 maggio 2020

La Fase 2 di Siddùra: in vendita le nuove annate dei vini

La cantina di Luogosanto scommette sui social e la ripresa del mercato. Massimo Ruggero: “Valorizziamo gli acquisti sul sito www.siddura.com

Tenere traccia delle informazioni è fondamentale per il controllo dell'azienda e delle vendite

L’importanza della buona gestione delle informazioni

Tenere traccia delle informazioni è fondamentale per il controllo dell'azienda e delle vendite

Filippo Ganzaroli