Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine
giovedi 30 maggio 2019

Aumento di consumi di alcolici al 2030: verso un cambiamento di rotta o un decollo in linea con le previsioni?

Lo studio pubblicato sulla rivista medica The Lancet messo in discussione da una serie di elementi avanzati da IWSR: uno di questi la premiumisation


Aumento di consumi di alcolici al 2030: verso un cambiamento di rotta o un decollo in linea con le previsioni?
Un nuovo studio pubblicato recentemente sulla rivista medica The Lancet registra negli ultimi 27 anni un incredibile aumento del consumo globale di bevande alcoliche. Lo studio suggerisce che tra il 1990 e il 2017 l'assunzione di alcolici è aumentata del 70%, ed anticipa una previsione di ulteriore aumento pro capite di circa il 18% nel 2030. Un numero decisamente incredibile, che per altro potrebbe destare anche qualche preoccupazione tra le organizzazioni internazionali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Decidiamo di approfondire meglio la questione e ci viene in aiuto un’interessante analisi fatta da IWSR.

Secondo IWSR, infatti, questa percentuale molto roboante del 70% sottenderebbe una serie di riflessioni che in realtà vanno in una direzione leggermente opposta dalla previsioni.
IWSR Drinks Market Analysis conferma, infatti, l’aumento del consumo di alcol pro capite negli ultimi 27 anni, ma segnala tendenze più recenti che potrebbero non confermare le previsioni di crescita per il 2030.
Se nei 10 anni tra il 1990 e il 2000 l'assunzione di alcol è aumentata molto velocemente, l’ultimo decennio ha visto un notevole rallentamento, con una crescita dei consumi che scende al 17%.
Quali sono i fattori che incidono in questa decrescita possibile?
Sicuramente il primo potrebbe essere l'approccio adottato dall’industria dei prodotti alcolici, che è cambiato verso una maggiore consapevolezza nel vendere non tanto vini a volume, ma nel cercare un aumento in valore. Tutto questo è incrementato da una forte etica verso la promozione di una cultura del bere responsabile in tutti i mercati al mondo.

Concentriamoci dunque su un aspetto importante che inciderebbe molto sui volumi.
Molti operatori del settore sono oggi più concentrati sulla generazione di valore che sul volume e questo è confermato dalla premiumisation del mercato e dalla rapida ascesa del movimento dei produttori artigianali.
I dati dell'IWSR mostrano che, mentre il mercato globale del vino e degli alcolici è sceso del -1,4% negli ultimi cinque anni, il volume delle bevande che rientrano nei segmenti "premium-and-above" è aumentato di un quinto. Questo ci fa affermare che in futuro si berrà sicuramente meno, ma meglio e questo processo è già iniziato.

Anche i governi stanno facendo la loro parte per scoraggiare alti livelli di consumo. Anche nei Paesi in via di sviluppo, regolamentazione e tasse stanno diventando più diffuse. Ad esempio? In un mercato come il Vietnam, dove la domanda di birra è aumentata vertiginosamente nell'ultimo decennio, un aumento delle tasse ha appiattito il mercato nel 2018.

Altra cosa sono invece i mercati sviluppati, dove non sono solo le iniziative di consumo responsabile e le attività governative che limitano i livelli di consumo, ma i consumatori stessi.
Stiamo registrando un cambiamento nelle abitudini di consumo; in particolare tra i Millennials, per i quali si sta registrando una sempre maggiore propensione al bere sano e responsabile, e perfino “alcohol free” (come dimostra una recente indagine IWSR). Ci chiediamo dunque cosa accadrà con la cosiddetta Generazione Z nel prossimo futuro.

"In futuro è probabile che tutti questi fattori vincolanti si uniranno per diluire i livelli di crescita pro capite delle bevande alcoliche, suggerendo che le proiezioni dello studio di The Lancet forse sono gonfiate", spiega Mark Meek, CEO di IWSR. "C'è anche un altro disgregatore che appare all'orizzonte che potrebbe potenzialmente ridefinire il panorama delle bevande come lo conosciamo. L'effetto domino della legalizzazione della cannabis potrebbe aprire ampiamente le porte entro il 2030 alle bevande di cannabis infuse con THC”.

Questo scenario è plausibile? Non abbiamo la palla di cristallo e non lo possiamo sicuramente confermare oggi, ma non ci sentiamo certamente di sottovalutare i messaggi che ci arrivano dai mercati e dai consumatori. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm