Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 18 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

www.wine2wine.net Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it
venerdi 06 aprile

Autenticità, ricordi e rispetto per la natura: gli ingredienti di un meritato successo per Zorzettig

Intervista ad Annalisa Zorzettig, titolare di Zorzettig “Friuli Colli Orientali”


Autenticità, ricordi e rispetto per la natura: gli ingredienti di un meritato successo  per Zorzettig

Annalisa Zorzettig


Il vino è un piacere ed un dono prezioso della natura. Quando sono la passione e la tradizione a renderlo simbolo di convivialità, si può dire di aver costruito un prodotto di successo. La filosofia aziendale di Zorzettig, azienda storica friulana, vede il vino in quest’ottica: un regalo fatto dalla terra in grado di costruire relazioni ed esaltare le nostre emozioni.
Abbiamo chiacchierato con Annalisa Zorzettig, titolare dell'azienda di Cividale del Friuli, che ci ha raccontato la storia che sta dietro a questa realtà, ricca di tradizione e di amore per il prodotto vino. 


Come è nata la vostra azienda?
La storia della mia famiglia nel vino inizia più di 100 anni fa, in un Friuli uscito dalla Grande Guerra, quando sulle colline di Spessa, nel cuore dei Colli Orientali del Friuli, si riprende a valorizzare la coltura della vite, ridando una fisionomia al territorio lacerato. Le prime bottiglie arrivano circa 70 anni fa, in pieno sviluppo industriale, quando ancora erano pochi i coraggiosi che decidevano di investire risorse e fatiche nella terra.
La mia famiglia, oltre ai terreni di proprietà, coltivava le vigne dell’ospedale di Cividale. Quando l’ente ospedaliero decise di vendere le proprietà terriere, furono acquisite dalla mia famiglia e così iniziò una lenta, ma progressiva crescita, gestita dai tre fratelli Zorzettig, che ci portò a diventare una delle realtà più importanti del territorio.
Circa 30 anni fa la svolta per la famiglia: i tre fratelli intrapresero strade indipendenti attraverso tre marchi distinti. Giuseppe, mio padre, fu colui che collegò il nome della famiglia al marchio aziendale e che assieme a mia madre e ai miei fratelli, riuscì a creare un’azienda solida ed efficiente, conosciuta non solo in Friuli, ma anche al di fuori dei confini regionali.
Il resto è storia recente, negli ultimi 10 anni c’è stata una crescita e una riqualificazione che ci ha permesso di arrivare ai vertici della produzione regionale.

Come definirebbe la vostra azienda?
Un tourbillon. Siamo in continuo movimento, una perenne evoluzione che ci consente di non seguire le mode del momento ma di affermare con orgoglio un nostro modo di essere fatto di autenticità, attenzione per uno stile di vita moderno e in armonia con la natura. Sono concetti che voglio trasmettere anche con le etichette dove il vino è un’onda, un pensiero “liquido” che fluisce sul foglio come il fluire della vita e del tempo.   
Il tempo ci attraversa senza che una stagione sia mai uguale all’altra e Zorzettig asseconda il normale lavoro della natura, così il vino che scorre nei nostri bicchieri non è mai uguale a quello dell’anno precedente. 

Qual è la filosofia che sta dietro ai vostri vini?
La nostra è una viticoltura che vuole essere parte integrante di un ecosistema dove ogni componente possa portare il suo prezioso contributo nel rispetto della natura e delle sue leggi.
Grande importanza è riservata all’ospitalità, con il vino che diviene una sorta di catalizzatore del pensiero e delle emozioni di chi fa visita all’azienda. Gli ospiti arrivano nell’antica casa di contadinanza, dove si respira la storia rurale, che racconta le vicissitudini della vita contadina di queste terre. Credo fermamente nell’indissolubile binomio tra vino e cultura, che mi piace condividere anche negli spazi del nostro agriturismo, il Relais La Collina, con manifestazioni e momenti di incontro.

Che vini producete e in che territorio?
La linea principale è la Classica Zorzettig che comprende vini bianchi e rossi autoctoni. 
La mia sfida più grande, quella in cui ho creduto con tutta me stessa e che sento del tutto mia, è la selezione Myò Vigneti di Spessa. Al suo interno troviamo gli autoctoni friulani, bianchi e rossi e due vitigni alloctoni, il Pinot Bianco e il Sauvignon, che sanno esprimersi ai massimi livelli sui declivi nei dintorni di Cividale. I vigneti per questa produzione sono stati accuratamente selezionati fra i più vecchi e fra i più promettenti della tenuta e tutte le uve sono vendemmiate a mano.
Nei nostri vigneti di Spessa, a poca distanza da Cividale del Friuli, possono beneficiare di un terroir e un microclima ideali per la viticoltura, protetti dalle fredde correnti dalle Alpi e godendo della benefica ventilazione dal mare Adriatico.

Qual è il vino che vi rappresenta di più?
Sicuramente il Friulano, quello che nei nostri cuori si chiamerà sempre Tocai. Quando abbiamo dovuto abbandonare questo nome storico, ho voluto ricordare l’ultima vendemmia di Tocai con un’etichetta speciale “L’Ultin” che in friulano significa l’ultimo. Un’etichetta legata alla mia famiglia che è stata anche insignita del Label Award 2008 per la Cultura del vino “a riconoscimento dell'intuizione straordinaria di far diventare un tributo alla storia del Tocai italiano elemento di comunicazione valoriale”.
Noi, però, guardiamo sempre avanti e il cambio di nome è stato uno stimolo ancora maggiore per lavorare sulla qualità del nostro Friulano, perché potesse diventare ancor più rappresentativo del carattere della nostra terra e della nostra gente.

Qual è la sfida più grande oggi per un produttore di vino?
Preservare un insieme di valori legati ad un territorio e trasmetterli attraverso il vino ad un pubblico ampio e variegato. Dentro una bottiglia c'è la saggezza dei nostri avi, c'è il sole e l'aria che hanno maturato le uve, c'è una cultura agricola e imprenditoriale che ci ha permesso di arrivare a livelli qualitativi un tempo inimmaginabili. Se non si riesce a veicolare questi valori, se non si riesce a far comprendere l'essenza di quanto facciamo anche a chi ha una cultura molto diversa dalla nostra, tutto il nostro lavoro è vano. Dobbiamo trovare linguaggi e modi di comunicare che siano in sintonia con i ritmi di oggi, per poter affermare valori senza tempo.

Quali sono i mercati del mondo in cui siete più presenti?

Siamo presenti in diversi mercati, dall’Asia agli Stati Uniti, all’Australia oltre ovviamente all’Europa, dove Germania e Austria sono i mercati più storici. Non ci poniamo limiti: i vini Friulani portano con sé un messaggio globale, fatto di autenticità e rispetto per la natura.





Autenticità, ricordi e rispetto per la natura: gli ingredienti di un meritato successo  per Zorzettig
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero
Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. mercoledi 12 settembre

Ultimi 10 posti per iscriversi al Wine Export Manager Day

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People.

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare? mercoledi 12 settembre

Guida alla buona riuscita della fiera

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare?

Agnese Ceschi
Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile
martedi 11 settembre

L’Italia fra i maggiori esportatori in Canada: è il Prosecco a scalare le classifiche

Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile

Noemi Mengo
Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente lunedi 10 settembre

Un angolo di Italia (biologica e biodinamica) nel cuore di Notting Hill

Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente

Agnese Ceschi
Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione. venerdi 07 settembre

Sull’Etna si festeggiano le 10 candeline del progetto Volcanic Wines

Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione.

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Fabio Piccoli
Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione 
venerdi 07 settembre

La vendemmia dei ricordi di Dal Maso

Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018 venerdi 07 settembre

Merano WineFestival 2018: ecco tutti gli appuntamenti da non perdere

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018 giovedi 06 settembre

Vendemmia 2018: l'Italia si conferma primo produttore al mondo

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Caro export manager ti scrivo….

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Fabio Piccoli
Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Soave Versus: un successo annunciato per i 50 anni della DOC

Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

Fabio Piccoli
I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale mercoledi 05 settembre

Medaglia d’oro e d’argento per Aragosta Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau Riserva all’Asia Wine Trophy

I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale