Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 21 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore


Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Angelo, Domenico e Carmelo Bonetta


È un racconto di passione per la Sicilia e i suoi frutti quello di cui Carmelo Bonetta, titolare dell’azienda Baglio del Cristo di Campobello, ci ha reso partecipi con questa intervista. La dimostrazione di come da un luogo storico del Sud Italia e dalle sue innate caratteristiche possa nascere una realtà felice ed impegnata che, con l’attenzione anche ai dettagli più piccoli, raccoglie successi e non sembra decisa a fermarsi.

Come è nata la vostra azienda?

Apparteniamo a una famiglia di vignaioli da generazioni, quindi la passione e l’attaccamento alla nostra terra e ai suoi meravigliosi frutti ha sempre fatto parte della nostra vita. Dopo decenni trascorsi a coltivare vendemmie, è nata la visione di un nuovo percorso enologico, alla ricerca della qualità assoluta. Con la consapevolezza di avere le risorse giuste, il luogo adatto, uno straordinario microclima e le persone qualificate, prende così vita l’idea del Baglio del Cristo di Campobello.

Come mai il nome Baglio del Cristo di Campobello?
Il nome non è di fantasia, ma è composto da tre elementi reali del nostro territorio: la zona di produzione, per l’appunto Campobello di Licata, un paese della Sicilia agrigentina; un antico baglio, tipica struttura agricola dove i contadini un tempo vivevano e svolgevano tutte le loro attività; un Cristo ligneo che si erge tra i vigneti, risalente a circa duecento anni fa. Fu posto lì da un contadino che lavorava questi terreni in seguito ad una grazia ricevuta. Da allora, il Cristo divenne un punto di riferimento nella zona per tutti i contadini, tanto che la contrada, pur chiamandosi Favarotta, è nota come contrada “Cristo”. La devozione al Cristo è rimasta tale negli anni che ogni 3 maggio si rinnova la tradizione di un pellegrinaggio di fedeli che partono da Campobello di Licata e raggiungono a piedi il Cristo.

Dove si trova la vostra azienda e che peculiarità ha il vostro territorio?
Siamo a Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, in una zona collinare, a circa 300 metri sul livello del mare e a 8 km dalla costa di Licata. Un luogo incontaminato, dalle infinite sfumature ambientali, vocato alle tradizioni religiose locali e coltivato con passione e dedizione, con sapienza ed esperienza dai suoi tre “padri di famiglia”. Qui i terreni gessosi insieme ad un microclima ottimale rendono unici i nostri vini.

Se dovessi scegliere un aggettivo, come definiresti la tua azienda?
Territoriale, nel senso che è estremamente legata al territorio di cui ne è espressione. Il vino diventa così un mezzo prezioso per veicolare l’identità del nostro territorio, la sua storia, la cultura e le tradizioni del popolo siciliano. Quindi, il nostro quotidiano impegno risiede nella costante ricerca di poter realizzare vini che abbiano sempre più un forte carattere e una spiccata personalità, che siano espressione del nostro territorio e che trovino l'apprezzamento di chi li berrà.

Qual è la vostra filosofia aziendale?
La nostra filosofia è di prestare molta attenzione alle piccole cose, alla cura continua dei dettagli, ricercando ad ogni vendemmia, un nuovo traguardo, un’altra opportunità di miglioramento, cercando di non stravolgere quello che la terra ci dà in modo di dar vita a vini che siano sempre espressione di un territorio unico come il nostro.

Qual è il percepito dei vini siciliani nel mondo secondo la tua esperienza?
L’interesse nei confronti del vino siciliano è in forte crescita, le potenzialità della nostra regione e dei nostri vini sono immense, ma occorre comunicare bene le peculiarità dei vari territori e dei vari vitigni che ritroviamo in questo grande “continente". Ogni vino è unico, perché nasce da una terra unica. Degustare un vino significa quindi scoprire e conoscere un determinato territorio. Le caratteristiche che contraddistinguono i nostri vini dipendono principalmente da questo: l'armonia tra il terreno gessoso, che contraddistingue il nostro territorio, le varietà coltivate, altitudine e condizioni climatiche adatte, insieme alla cura maniacale per le nostre vigne giorno dopo giorno. Inoltre, il nostro vino è anche espressione di un territorio unico poiché ricco di storia, tradizione e cultura. Per questo la comunicazione diventa un elemento fondamentale e decisivo per la percezione dei vini siciliani.
Occorre anche continuare a puntare su una qualità sempre crescente che è quello che da sempre facciamo noi.

Qual è la vostra percentuale di export? Quale la vostra esperienza con il mondo dei mercati internazionali?

Il nostro mercato di riferimento principale è quello italiano. Tuttavia l’estero rappresenta un mercato importante, al quale ci siamo approcciati fin dall’inizio pian piano, facendo crescere anno dopo anno la nostra presenza così da arrivare oggi al 35% della produzione esportata all’estero.
Alla base della nostra attività di export non vi è la ricerca delle cosiddette “vendite spot”, ma piuttosto l’idea di creare legami forti e duraturi con i nostri partners, in modo da riuscire a far conoscere e comunicare attraverso di loro il nostro vino, il nostro territorio e la storia, la cultura e le tradizioni della Sicilia agrigentina.

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

L'azienda




Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla saturday 20 april

Italian wines in the world: Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita sabato 20 aprile

Italian wines in the world: Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China friday 19 april

Export: Dal Forno’s Amarone conquers China

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China

Federica Lago
Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Il mercato del vino va bene, ma per chi?

Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Fabio Piccoli
Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East) venerdi 19 aprile

Offerta di lavoro

Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East)

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello



sfondo_wm