Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 28 febbraio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it cantina settesoli mossi 1558 Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it

Benedetta Awareness

Quanti dei nostri brand vitienologici italiani sono oggi riconosciuti negli Usa? Come aumentare il livello di awareness (consapevolezza) di alcune nostre denominazioni o tipologie di vino (vitigno) al fine di renderle vincenti sul più importante mercato del vino a livello mondiale?


Benedetta Awareness
L’avevamo promesso che saremmo tornati sulla ricerca “Wine Opinions Vinitaly Survey”, relativa alle percezioni dei consumatori americani rispetto ai vini italiani. Un’indagine che ci ha fornito numerosi spunti di riflessione e, tra questi, quelli relativi al tema della cosiddetta awareness e cioè la consapevolezza, la conoscenza dei consumatori americani rispetto ai nostri brand, alle nostre tipologie di vino, alle nostre denominazioni.
Su questo fronte sono due gli aspetti indagati dalla ricerca: il primo riguarda i termini, le parole che vengono maggiormente associate ai vini italiani. In estrema sintesi al panel di 1.463 consumatori (provenienti dai 12 più importanti Stati Usa) è stata rivolta la domanda: "Quando pensi ai vini italiani, quale è la parola o le parole che ti vengono in mente immediatamente?”; il secondo riguarda, invece, l’awareness, appunto, cioè il grado di conoscenza di alcuni dei nostri più famosi (o ritenuti tali) vini.
Riguardo al primo aspetto, le parole associate ai nostri vini, i risultati, espressi attraverso la classica “nuvola di parole” (con la parola di dimensioni più grandi che rappresenta i termini più utilizzati, “associati”), hanno fatto emergere molti motivi sui quali riflettere, alcuni appaiono più scontati, altri molto meno e taluni potrebbero rappresentare anche vere e proprie preoccupazioni.
Innanzitutto la “nuvola” fa emergere in maniera nettissima “Chianti” come la parola più associata, in maniera immediata, al vino italiano. Al secondo posto, con un livello di “associazione” praticamente uguale troviamo 5 parole: Toscana, Sangiovese, Barolo, Rosso e Dry. E di dimensione solo leggermente più ridotta (ma si tratta di differenze realmente minime) troviamo altre 6 parole: Earthy (terroso), Prosecco, Food, Fruity (fruttato), Robust (robusto), Diversity (diversità).
Vi sono tante altre parole ma intanto soffermiamoci su queste. Osservare come, tuttoggi, il Chianti rappresenti il termine maggiormente associato al vino italiano, già da solo testimonia come forse i tanti messaggi frammentati sul vino italiano, diffusi anche in quest’ultimi anni, sono stati poco efficaci e si sono dispersi nel nulla.
E non si può non notare come allo stesso Chianti non si associ, ad esempio, il termine “classico” ad ulteriore dimostrazione di come vi sia ancora una mare di cose da fare sul fronte della promozione e formazione.
Interessante anche evidenziare come la Toscana rappresenti un altro grande termine associato al vino italiano e se a questo aggiungiamo anche il termine Sangiovese, potremmo dire che complessivamente nella mente dei consumatori americani la trilogia “Chianti, Toscana, Sangiovese” continua a rappresentare un valore altamente evocativo.
Siamo riusciti a sfruttare al meglio anche queste “associazioni” made in Toscana? Guardando i posizionamenti attuali anche del re Chianti sul mercato Usa qualche dubbio ci viene. E se poi andiamo alle altre denominazioni toscane non è che sempre i dati siano così incoraggianti. Lo stesso Brunello è presente nella nuvola ma ci aspettavamo “dimensioni” più grandi (ma probabilmente hanno influito anche i profili del panel degli intervistati), per non parlare di “super tuscan”, anch’esso presente come termine ma in maniera alquanto ridotta (almeno rispetto alle aspettative).
Anche sul termine Barolo (di dimensioni comunque di un terzo rispetto a Chianti) potremmo dire quanto già affermato per il Chianti, e cioè che anche in questo caso siamo di fronte ad vino legato fortemente alla tradizione italiana. Praticamente gli unici vini italiani più “recenti” presenti nella nuvola, sono Pinot Grigio (circa la metà di dimensioni rispetto a Brunello) e Amarone e Barbera (parità di dimensione pur essendo due vini con una storia e un’evoluzione commerciale molto diversa).
Ma tornando ai termini più associati appare sorprendente “dry” (secco) che, probabilmente, rimanda anche in questo caso ad una percezione del passato dove i vini italiani apparivano più secchi, acidi, robusti (non a caso anche i termini robust e acidity sono ben evidenziati).
Molto incoraggiante l’associazione al termine “food”, ma è presente anche il binomio “food friendly” (amici a tavola), che testimonia come il vino italiano tuttoggi sia percepito come uno straordinario prodotto da portare a tavola ed abbinarlo al cibo. Siamo sicuri, però, di aver investito in maniera adeguata per promuovere a valorizzare al meglio questo straordinario punto di forza?
Chiudiamo questo aspetto dell’indagine evidenziando il termine “diversity” che senza ombra di dubbio rappresenta una chiave di straordinaria importanza nella caratterizzazione della nostra vitienologia. La percezione però che ci viene confermata da questa indagine è che gli americani abbiano capito che siamo “diversi”, che abbiamo un’incredibile varietà di vitigni e di vini, ma purtroppo continuano a conoscerne molto pochi.
E quest’ultima osservazione ci porta inevitabilmente al tema dell’awareness. Su questo fronte l’indagine appare per certi aspetti impietosa e speriamo vivamente che, trattandosi di un’indagine qualitativa e non quantitativa (cioè statisticamente attendibile), vi siano alcuni “vizi” sul panel indagato.
Pur facendo la tara ad alcuni dati è indubbio che la conoscenza da parte dei consumatori americani nei confronti dei nostri vini continua ad essere decisamente troppo bassa.
Del Fiano, del Franciacorta, del Greco di Tufo, della Falanghina, del Salice Salentino, del Vin Santo e dell’Aglianico che si “portano a casa” un indice di “non conoscenza” superiore al 50% ne abbiamo già scritto nel nostro precedente articolo.
Ma poco incoraggiante è anche che il 48% dichiari di non aver mai sentito parlare di Gavi, il 47% di Vermentino, il 45% di Verdicchio, il 44% di Orvieto e Frascati (che coincidenza per due delle storiche denominazioni “bianche” italiane), il 40% di Nero d’Avola.
Evitiamo di andare ad evidenziare percentuali più basse del 40% se non rilevando un sorprendente 35% di “never heard” (mai sentito) al Soave, il 33% al Nobile di Montepulciano e il 30% a Valpolicella.
Ma se alcune delle denominazioni sopracitate, pur portandosi a casa risultati bassi sul tema dell’awareness, si difendono poi sul mercato (che significa che pur non essendo conosciute appieno hanno consumatori molto fedeli e generosi), per altre la “scarsa conoscenza” è fatalmente abbinata anche a vendite ridotte.
Non vogliamo andare oltre, anche se sono tanti altri gli spunti di riflessione che vorremmo condividere con i nostri lettori. Ci limitiamo, pertanto, a concludere con due domande: possiamo proseguire nelle nostre azioni di promozione (sia da parte di aziende private che consortili) senza tenere conto dell’attuale livello di percezione dei consumatori americani nei confronti dei nostri vini? Continuiamo a ritenere così poco utili le azioni di sistema per far conoscere meglio il valore delle nostre denominazioni?

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nel Customer Comunication Report, realizzato da Twilio, emerge come 7 aziende su 10 pensano di comunicare efficacemente con i propri clienti, ma solo 2 su 10 consumatori sono d’accordo
venerdi 28 febbraio 2020

Ma i consumatori sono soddisfatti della comunicazione delle aziende?

Nel Customer Comunication Report, realizzato da Twilio, emerge come 7 aziende su 10 pensano di comunicare efficacemente con i propri clienti, ma solo 2 su 10 consumatori sono d’accordo

Fabio Piccoli
Oltre 5 miliardi di perdite, turismo già in difficoltà, PIL 2020 stimato a -0,1%: a rischio 15mila aziende e 60mila posti di lavoro. giovedi 27 febbraio 2020

Coronavirus e stime PIL Italia, tutti concordi sarà recessione

Oltre 5 miliardi di perdite, turismo già in difficoltà, PIL 2020 stimato a -0,1%: a rischio 15mila aziende e 60mila posti di lavoro.

Emanuele Fiorio
I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato. giovedi 27 febbraio 2020

Le previsioni 2020 nel mercato americano

I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato.

Agnese Ceschi
I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia giovedi 27 febbraio 2020

Un viaggio alla scoperta del promettente mercato lituano

I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia

Traduzione di un articolo di Michele Shah
Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino giovedi 27 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 18 e 19 giugno focus Vendita Italia

Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino

Cristian Fanzolato
Dal 22 al  23 maggio in Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande. giovedi 27 febbraio 2020

Vyno Dienos 2020: partecipa con Wine Meridian ad uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Dal 22 al 23 maggio in Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese». mercoledi 26 febbraio 2020

Veronafiere: Vinitaly conferma la data nella terza decade di Aprile 2020 (19/22)

Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese».

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile. mercoledi 26 febbraio 2020

Mercato vino in flessione? il bio crescerà a 3 cifre

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile.

Emanuele Fiorio
Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale. mercoledi 26 febbraio 2020

Gruppo Meregalli, inossidabile certezza

Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale.

Emanuele Fiorio
Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud
mercoledi 26 febbraio 2020

B2B a Toronto: ultimi giorni per aderire

Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale martedi 25 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 16 e 17 giugno due giornate di “English for wineries”

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale

Cristian Fanzolato
We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore tuesday 25 february 2020

Italian wines in the world: Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Come si conduce una trattativa di vendita?

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015. lunedi 24 febbraio 2020

Vino: chiusura a 5 stelle per Benvenuto Brunello 2020

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015.

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione lunedi 24 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian: Multibrand Export Manager il 6 e 7 maggio

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione

Cristian Fanzolato
Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso. lunedi 24 febbraio 2020

Il coronavirus contagia l’industria degli alcolici

Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso.

Emanuele Fiorio


WineMeridian