Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
venerdi 22 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Farina Cantina Valpolicella Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy http://www.consorziomorellino.it/

Benvenuti nell’era dell’incertezza

Analizzando molte delle indagini elaborate in questi mesi per studiare i possibili scenari futuri, regna una parola d’ordine, incertezza, con la quale anche le imprese del vino dovranno inevitabilmente imparare a convivere


Benvenuti nell’era dell’incertezza
Siamo entrati nel 2019 ed è già una buona notizia. I pessimisti potrebbero affermare che è l’unica buona notizia perché andando a leggere le diverse previsioni per l’economia nel 2019, a livello mondiale, non ci sarebbe da stare molto allegri.
Abbiamo partecipato ad inizio dicembre dello scorso anno al webinar su “Global economy 2019”, organizzato da Euromonitor International. Le previsioni per il 2019 non sono particolarmente incoraggianti con un declino complessivo a livello mondiale del prodotto interno lordo (pil) del 3,6%. Anche le economie più avanzate registreranno, secondo le previsioni di Euromonitor International, un calo del 2,1% del loro pil quest’anno. Il pil delle economie emergenti rimarrà sostanzialmente stabile al 4,7%.
Sono comunque le economie emergenti a rappresentare il 77% della crescita globale del pil quindi, ci piaccia o no, sono a quei Paesi che anche il mondo del vino deve necessariamente guardare. E non si tratta di Paesi facili da presidiare come la Cina, ad esempio, o tutto il sud est asiatico nel suo complesso. Ma vi sono anche alcuni Paesi della nostra vecchia Europa come la Polonia, ad esempio, che da alcuni anni continuano a dare evidenti segnali di solidità economica, ma dove noi come sistema vino tuttoggi stentiamo ad intercettare.
Andando a guardare i fattori positivi per l’economia complessiva nel 2019 sempre Euromonitor rileva i seguenti aspetti: i tassi di interesse rimarranno bassi; la fiducia del settore privato rimane elevata; lo stimolo fiscale in corso e le dinamiche di ripresa stanno ancora incrementando la crescita delle economie avanzate; il rallentamento in Cina rimane graduale e appare sotto controllo, almeno a breve termine; la disoccupazione ai minimi storici in alcune economie avanzate.
I fattori negativi, però, non sono pochi: aumento dell’incertezza causata da numerose guerre commerciali; il commercio globale ha perso lo slancio del passato e sono aumentati i rischi derivanti da nuove forme di protezionismo; la fiducia del settore privato delle economie avanzate ha raggiunto il picco, in alcuni casi in calo (ad esempio nella zona euro); la volatilità del mercato azionario è aumentata e i rischi di correzione del mercato sono cresciuti; i livelli del debito globale rimangono elevati, sebbene i rischi si siano spostati verso i mercati emergenti; bassi tassi d'interesse e minore efficacia del QE (Quantitative Easing) con una politica monetaria più limitata in caso di shock negativi; lenta crescita della produttività del lavoro nelle economie avanzate; inasprimento monetario negli Stati Uniti per le economie emergenti.
Andando, pertanto, a leggere le varie previsioni appaiono certamente più evidenti i segnali negativi rispetto a quelli positivi.
Ma, venendo al settore che a noi interessa, il dato complessivo che deve maggiormente essere preso in esame è quello dell’incertezza del futuro.
Mai come oggi l’incertezza è diventata la vera protagonista della vita imprenditoriale, della quotidianità di tutti i manager del vino.
Non vi sono più certezze è la frase che maggiormente sentiamo durante la nostra attività.
Ma se fino a poco tempo fa quest’affermazione era legata alla speranza si potesse trattare di un fenomeno congiunturale oggi tutti sono consapevoli che si tratta di una realtà strutturale con la quale si deve e si dovrà fare i conti anche nel futuro.
Ma cosa significa incertezza per il settore vitivinicolo? Di quella climatica ne abbiamo già parlato anche nel nostro editoriale di fine anno (link), oggi ci soffermiamo su quella legata al mercato.
A partire da quello italiano che nel 2018 sembra veramente abbia ripreso a navigare con una certa dinamicità. Ma anche in questo caso sarebbe sbagliato parlare di ritorno alle positività del passato quanto ad una migliore capacità di alcune imprese e di parte del trade di stimolare ed intercettare i nuovi fabbisogni dei consumatori.
Non a caso le aziende del vino italiane che in quest’ultimo biennio si sono portate a casa risultati positivi sul mercato nazionale sono quelle che hanno investito ulteriormente nelle loro strategie commerciali Italia, nella loro rete di agenti, nelle loro relazioni con i clienti (sia di gdo che di horeca).
Hanno, insomma, risposto all’incertezza con la certezza della propria organizzazione produttiva e commerciale.
Lo stesso dicasi per i mercati internazionali che oggi sono positivi per quelle aziende che si stanno comportando con lo stesso spirito di presidio che stanno avendo sul mercato italiano.
Finite le “deleghe in bianco” a importatori ai quali si chiedeva la capacità di costruire da soli brand e nuovi clienti ogni giorno. Oggi vi è la consapevolezza di dover non solo dare un appoggio molto più forte ai propri importatori ma spesso di creare nuovi modelli di presidio, di costruire nuove strategie commerciali. Insomma di reinventarsi un nuovo modo per rimanere competitivi sui mercati.
Alcuni giorni fa un importante manager del vino ci raccontava come in un suo recente viaggio in Germania si fosse reso conto come gran parte dei loro importatori (ne hanno una quindicina) fossero di fatto obsoleti, sia per età anagrafica con pochi di loro organizzati nel cambio generazionale (“molti dei figli di questi importatori non hanno nessuna voglia di mettersi a fare un lavoro difficile e oggi con poche garanzie come hanno fatto i loro padri nel passato”) ma anche strutturati per gestire i fabbisogni attuali di un mercato complesso come quello tedesco.
Che fare allora? Pensare alla Germania come fosse l’Italia, cercando di costruire una rete commerciale molto più dinamica e capace di intercettare gli attuali fabbisogni di un trade e di consumatori in continua evoluzione.
E’ chiaro che si tratta di strategie più facili a dirsi che a realizzarsi, ma qui è in ballo la competitività del nostro sistema vitienologico in uno dei mercati più importanti al mondo.
E vale assolutamente la pena di provarci perché anche l’ultima recente indagine di IWSR realizzata per Vinexpo (di cui a breve daremo ampi dettagli) parla comunque di crescita nei principali mercati mondiali.
Dobbiamo pertanto necessariamente essere ottimisti ricordandoci che non solo il consumo di vino a livello globale è in crescita ma nonostante questo rappresenta tuttoggi una piccolissima fetta dei consumi di bevande alcoliche nel mondo.
La mission, quindi, è quella di curare, gestire meglio i “vecchi” clienti del vino a livello mondiale (a partire dall’Italia) ma anche di essere in grado di intercettare i nuovi consumatori.
In un mare di incertezze, infatti, il vino appare una bevanda “ideale” per i giovani di oggi alla ricerca, molto più che nel passato, di “esperienze” di consumo. Cioè di prodotti capaci di “far viaggiare”, di “aprirsi agli altri”, di “elevato valore emozionale”.
Ma per poter intercettare questi nuovi fabbisogni sono fondamentali migliore organizzazione aziendale e soprattutto donne e uomini del vino all’altezza del compito che gli è stato e gli verrà assegnato.
Buon anno!

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli
Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale. giovedi 14 marzo

Ettore Nicoletto, Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC.

Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale.

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative giovedi 14 marzo

Tenute Piccini rilanciano il Geografico

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/