Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 04 giugno 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR
giovedi 06 ottobre 2016

Berlino tra vini naturali e potenzialità ancora inespresse

Il racconto di un expat “alle prese” con il mondo berlinese della ristorazione e distribuzione di vini


Berlino tra vini naturali e potenzialità ancora inespresse
Storie di italiani all'estero. Lui è Emiliano Aimi, 32 anni, parmense di origine, sardo di adozione, berlinese “per un periodo”. Un passato come musicista e scrittore, da sempre nel mondo della ristorazione, Emiliano è uno degli italiani che ha scelto la strada dell’expat e ha fatto del vino italiano una fonte di reddito e una passione. A Berlino, dove si è trasferito seguendo la fidanzata tedesca, ha intrapreso la strada dell’export e della distribuzione del vino italiano, specializzandosi sul vino e partecipando alla creazione di Neontoaster Distribuzione, prima distribuzione di vini in città concentrata sui produttori artigiani naturali. Oggi, rientrato in Italia, per amore del Belpaese, si occupa di comunicazione per aziende vitivinicole, collaborando con Impresa Vino, che sviluppa progetti di consulenza e comunicazione globali. Con lui abbiamo parlato di ristorazione, consumatori tedeschi e di vini naturali…

Come è nata l’esperienza di distribuzione di vini italiani a Berlino?
Per scelte personali di vita, mi sono trasferito qualche anno fa a Berlino, dove ho iniziato a lavorare come consulente per la ristorazione. Essendomi trovato di fronte al problema della totale assenza di prodotti artigianali di qualità, ho pensato assieme a due soci, che avevano una gastronomia-ristorante a Berlino, di creare una società di distribuzione di vini, Neontoaster, dedicata esclusivamente ai piccoli produttori artigianali naturali, tutti rigorosamente visitati e conosciuti personalmente.
Questa realtà seppur piccola, basata sulla fiducia reciproca, ha coinvolto anche nomi importanti del vino italiano, assieme ad altri produttori quasi sconosciuti. Io personalmente mi sono dedicato alla scelta dei produttori, ai rapporti con gli stessi, all'elaborazione del catalogo e ai rapporti con i clienti.
L'esperienza è durata un anno soltanto perché la Germania mi andava stretta e il richiamo dell’Italia è stato più forte, così da poco sono tornato in Italia, tra la Sardegna e il Continente, e lavoro come consulente di comunicazione per le aziende vitivinicole.

Come definiresti il mercato tedesco?
Nella mia esperienza tedesca io ho lavorato principalmente a Berlino. Se la Germania è un paese difficile per tutti i produttori di vino, Berlino lo è ancora di più.
I tedeschi sono molto attenti al prezzo, e al rapporto qualità prezzo. E sono per natura diffidenti, soprattutto nei confronti degli italiani, per colpa delle truffe che generazioni di italiani hanno perpetrato nell'agroalimentare (si parla ancora in Germania del Parmigiano di Bufala).
A Berlino questo approccio è elevato all'ennesima potenza, perché è una città povera. Gli incassi medi di bar e ristoranti sono di gran lunga inferiori a quelli italiani, gli stipendi sono più bassi che nel resto della Germania. Certo, è una città che va di moda e ci vivono tantissimi ricchi, ma la stragrande maggioranza della popolazione è composta da giovani stranieri e da ex tedeschi dell'est.
Qui il vino di qualità deve guadagnarsi ancora lo spazio che gli spetta.

Come funziona il sistema della ristorazione in base alla tua esperienza?
Berlino è una città in evoluzione rapida, in cui la gastronomia e la ristorazione di qualità esistono da una manciata di anni. Dieci anni fa non era possibile parlare di ristorazione di qualità, se non per pochi ristoranti importanti e di classe. Ora, invece, a Berlino si mangia bene in tantissimi locali e l’attenzione al prodotto è diventata una politica comune. Si beve anche bene, più che altro francese, tedesco o austriaco.

E il vino italiano?
Il buon vino italiano, possiamo dire che ancora, se non per qualche eccezione, non è “piazzato” sul mercato, come invece lo è a Monaco, Norimberga, Francoforte, Dusseldorf... La Germania è uno Stato federale, e questo si ripercuote anche sulle reti commerciali.
Diciamo che tutta questa bella ristorazione di qualità è ancora una ristorazione dai numeri bassi, che compra poco e con attenzione. Il “poco” non è un eufemismo, si parla spesso di sei o dodici bottiglie, che per un ristorante in Italia sembra una barzelletta.

Che suggerimento daresti ai produttori italiani per vendere nel mercato tedesco? Cosa fanno bene e cosa sbagliano?
A Berlino ho sperimentato che se si tiene un profilo basso, onesto, attento con alle spalle un prodotto di valore, nel lungo termine si può fare bene.
È necessario offrire il prodotto giusto al prezzo giusto, e sembra banale, ma lì è ancora più importante che negli altri Paesi.
Bisogna evitare di generalizzare, tipo “i tedeschi bevono frizzante”, perché parliamo di un popolo molto attento, organizzato in uno Stato federale in cui ogni area ha caratteristiche completamente diverse e, per quanto riguarda Berlino, di una città che vive un'evoluzione a velocità incontrollata.
E, soprattutto, si sbaglia quando si raccontano le favole.

Cosa significa?
Le favole non funzionano più, le persone si informano autonomamente con facilità disarmante, le notizie girano e le fonti sono innumerevoli e rapidissime.
Quel che consiglio alle aziende con cui lavoro è costruire un bel racconto, far capire alle persone chi siete, come lavorate, da dove venite, come sviluppate la vostra passione, ma tutto questo deve partire dalla conoscenza del vino, e dal suo valore reale.

Vino naturale: quale futuro sui mercati?
Il vino naturale, o artigianale naturale è il futuro non soltanto sui mercati, ma in generale della viticoltura non industriale.
Sui mercati il futuro è del naturale senza dubbio: non conosco una sola persona che, dopo aver capito e sperimentato che naturale non significa “puzza e hippy”, ma che i più grandi vini al mondo sono naturali, riesca di nuovo a bere il vino industriale. Oggi va di moda fare “movimento” e sentirsene parte, ma parliamo di vino, di persone, di vigne, di storie, di sapori, di emozioni, di sensazioni e dunque sono convinto che il movimentismo esasperato cesserà di soffocare questo mercato meraviglioso, etico, puro e di alta qualità che pian piano si sta diffondendo, finalmente, anche in Italia. Credo che entro breve tutti i ristoranti e le enoteche di qualità avranno uno o più vini artigianali naturali in carta.
Berlino tra vini naturali e potenzialità ancora inespresse

Emiliano Aimi


Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da aprile 2020 Mandrarossa propone sul mercato due vini a denominazione Etna DOC, pura espressione di autenticità, sostenibilità ed eccellenza. giovedi 04 giugno 2020

Etna Mandrarossa: territorio in purezza

Da aprile 2020 Mandrarossa propone sul mercato due vini a denominazione Etna DOC, pura espressione di autenticità, sostenibilità ed eccellenza.

Emanuele Fiorio
In alcuni Stati ripartono locali, bar e ristoranti. Aspettative, piani e desideri dei consumatori Usa. giovedi 04 giugno 2020

Horeca Usa: tendenze post-lockdown

In alcuni Stati ripartono locali, bar e ristoranti. Aspettative, piani e desideri dei consumatori Usa.

Emanuele Fiorio
Come Vendere nel B2B con Alibaba, interessanti informazioni e spunti per valutare questa opportunità online, presente in 190 mercati nel mondo. giovedi 04 giugno 2020

Alibaba: opportunità B2B per il vino italiano

Come Vendere nel B2B con Alibaba, interessanti informazioni e spunti per valutare questa opportunità online, presente in 190 mercati nel mondo.

Emanuele Fiorio
Il Circolo Wine Meridian ti aiuta a trovare quello adatto a te! Ti stiamo aspettando.
mercoledi 03 giugno 2020

Qual è il giusto metodo per affrontare la ripresa post Covid?

Il Circolo Wine Meridian ti aiuta a trovare quello adatto a te! Ti stiamo aspettando.

Non perdere l’11 giugno alle ore 17 il webinar con Mario di Paolo - fondatore e direttore creativo di Spazio di Paolo e attualmente il wine designer più apprezzato a livello internazionale.  Mario rivelerà i segreti per come creare delle vere e proprie tendenze nel settore wine e spirits, ottenendo il consenso più importante: quello del consumatore. mercoledi 03 giugno 2020

“UNICI PER DISTINGUERSI”, primo webinar di Mario Di Paolo, il wine designer più premiato al mondo

Non perdere l’11 giugno alle ore 17 il webinar con Mario di Paolo - fondatore e direttore creativo di Spazio di Paolo e attualmente il wine designer più apprezzato a livello internazionale. Mario rivelerà i segreti per come creare delle vere e proprie tendenze nel settore wine e spirits, ottenendo il consenso più importante: quello del consumatore.

Calano frequenza, consumi e spesa media. Crisi enoteche ma crescono online, supermercati e negozi locali. mercoledi 03 giugno 2020

Lockdown in Portogallo: frequenza e consumi di vino in calo

Calano frequenza, consumi e spesa media. Crisi enoteche ma crescono online, supermercati e negozi locali.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina
wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina

We have tasted for you Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina

We have tasted for you Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc

We have tasted for you Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc

A dispetto di ogni aspettativa negativa, in Cina i consumatori hanno dimostrato di adattare il consumo del vino alla vita domestica e di utilizzare sempre di più canali online per acquistarlo. mercoledi 03 giugno 2020

La Cina verso un cambiamento di stili di consumo?

A dispetto di ogni aspettativa negativa, in Cina i consumatori hanno dimostrato di adattare il consumo del vino alla vita domestica e di utilizzare sempre di più canali online per acquistarlo.

Agnese Ceschi
We have tasted for you Le Morette's Lugana DOC Mandolara 
wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Le Morette's Lugana DOC Mandolara

We have tasted for you Le Morette's Lugana DOC Mandolara

Direttore Tecnico di cantina - Plant Manager martedi 02 giugno 2020

Candidati TOP di WinePeople Talent per le aziende del vino

Direttore Tecnico di cantina - Plant Manager

Redazione WinePeople
È venuto il momento di applicare i principi che i migliori leader al mondo ci hanno insegnato: donare ascolto, promuovere fiducia e apertura e creare un ambiente psicologicamente sicuro. martedi 02 giugno 2020

La "servant leadership" al servizio degli imprenditori

È venuto il momento di applicare i principi che i migliori leader al mondo ci hanno insegnato: donare ascolto, promuovere fiducia e apertura e creare un ambiente psicologicamente sicuro.

Agnese Ceschi
Il futuro è tecnologia, e-commerce e pagamenti contactless. Cambiamenti nella supply chain e nelle modalità di acquisto, grandi affari per i retailer di beni alimentari e di prima necessità. lunedi 01 giugno 2020

Impatto Covid-19 sul settore retail

Il futuro è tecnologia, e-commerce e pagamenti contactless. Cambiamenti nella supply chain e nelle modalità di acquisto, grandi affari per i retailer di beni alimentari e di prima necessità.

Emanuele Fiorio
La decisione giusta forse si può anche improvvisare, con un po’ di fortuna. Pensare di farlo sempre è molto rischioso e, da un punto di vista imprenditoriale, impensabile. L’importanza dell’autocheck-up:  noi vi possiamo aiutare. lunedi 01 giugno 2020

Prendere decisioni efficaci in condizioni di incertezza

La decisione giusta forse si può anche improvvisare, con un po’ di fortuna. Pensare di farlo sempre è molto rischioso e, da un punto di vista imprenditoriale, impensabile. L’importanza dell’autocheck-up: noi vi possiamo aiutare.

Claudia Meo