Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
lunedi 21 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis
martedi 20 dicembre

Biologico, biodinamico, naturale o senza solfiti?

Facciamo chiarezza sulle "parole" del vino


Biologico, biodinamico, naturale o senza solfiti?
“Le parole sono importanti” diceva Nanni Moretti, e le parole sono lo scoglio da superare. Quando parlo ai miei clienti, o ai miei amici, o a chi incontro a degustazioni ed eventi, del naturale artigianale, le domande più tipiche sono “ovvero senza solfiti?”, “ovvero bio?”, “quello che puzza?”.
E’ doveroso, per terminare la nostra introduzione (iniziata qui e continuata qui), dare qualche informazioni sulle parole utilizzate nel mondo del vino artigianale naturale, o almeno su quelle che stanno sulla bocca di tutti: biologico, biodinamico, naturale, senza solfiti.

La certificazione Bio (o Organic) è propria del processo di vinificazione da pochi anni ma, per quanto riguarda l’agricoltura, nasce negli anni ‘80 ed è stata la prima grande lotta, e la prima grande vittoria, dei contadini che volevano difendere l’ambiente e il territorio.
Ha diverse sfaccettature per ogni ambito agricolo ma, di base, possiamo dire che vieta l’uso della maggior parte degli antiparassitari, funghicidi e pesticidi, e punta alla salvaguardia dell’ecosistema, del suolo, dell’ambiente e della pianta.
Da pochi anni esiste anche la certificazione Vino Biologico, che controlla anche la lavorazione in cantina. Ogni ingrediente utilizzato deve essere certificato Bio, e il limite massimo di solforosa totale è più basso rispetto al normale limite legale.
Sul Biologico il dibattito è aperto: si conviene quasi unanimemente sul fatto che la certificazione, per quanto riguarda il vino, sia troppo permissiva. Certamente non è una garanzia di qualità e di artigianalità, ma non lo vuole essere.
C’è chi la considera un punto di partenza, e chi la considera un imbroglio e chi, credendoci, la considererebbe un punto di arrivo se resa più restrittiva.
Di recente diversi casi hanno dimostrato quanto sia facile eludere la certificazione, ma il fatto che una legge sia facile da infrangere non significa, probabilmente, che non dobbiamo fare le leggi.

La biodinamica è una disciplina derivata dall’antroposofia di Rudolf Stainer, intellettuale austriaco vissuto a cavallo tra il XIX e il XX Secolo. Nel 1924, sulla base di ricerche empiriche sulle tradizioni contadine e dell’osservazione astronomiche, in una serie di letture espose la teoria della Biodinamica.
E’ qualcosa di non dimostrato e non dimostrabile ma, a livello empirico, tutti coloro che seguono questo metodo affermano che sia fondamentale per la vitalità del terreno.
Non scendo nei particolari, ma la biodinamica è un insieme di pratiche che derivano da millenni di esperienza contadina, che puntano sulla relazione e interconnessione tra la terra, la luna, i pianeti e la pianta.
C’è chi pensa che sia più stregoneria che altro, c’è chi contesta il fatto che diventi un metodo, perdendo quindi la sua componente esoterica e olistica, chi la considera semplicemente una pratica biologica potenziata.
Sta di fatto che, tra mille polemiche, dagli anni ‘80 si utilizza in viticoltura, anche e soprattutto grazie al lavoro di Nicolas Joly e dell’Associazione Renaissance des Appellations, che ha promosso il metodo in tutto il Mondo.
Esistono diverse certificazione biodniamiche, tra le quali la meglio conosciuta è certamente Demeter, che si ottiene dimostrando l’utilizzo (o la preparazione) dei preparati biodinamici, e dopo cinque anni di certificazione Biologica. Nell’immaginario collettivo, i vini biodinamici sono quelli che puzzano, ma questo è un grandissimo equivoco, perché potrei elencare centinaia di vini biodinamici nei quali un degustatore non esperto non noterebbe alcuna differenza con i vini cosiddetti convenzionali.

Naturale è la parola più divertente, forse la più bella, certamente quella più confusa.
Non esiste una certificazione naturale, ma esistono diverse associazioni (non tante, ne contiamo al massimo cinque o sei tra Italia e Francia) che pongono regole più o meno restrittive agli associati: citiamo AVN in Francia, Vini Veri e Vinnatur in Italia, giusto per offrire i nomi più famosi.
Partendo da una pratica agricola quantomeno Biologica (anche non certificata), dall’utilizzo esclusivo di rame, zolfo, preparati di erbe e preparati biodinamici, in ogni caso escludendo i fertilizzanti, la discriminante principale sta nell’utilizzo in fermentazione dei soli lieviti indigeni.
Significa, in poche parole, che non si utilizzano lieviti acquistati da aziende enotecniche (nemmeno quelli certificati Bio) per far fermentare l’uva.
Non si utilizzano stabilizzatori e additivi, poi il dibattito è aperto sulla selezione massale o clonale, sui vitigni cosiddetti autoctoni e cosiddetti internazionali, sulla chiarifica (certamente non con prodotti di sintesi, ma la chiarifica col bianco d’uovo si fa da secoli), sull’aggiunta di zuccheri in rifermentazione, sulla filtrazione, sulla quantità di solforosa totale, sul controllo di temperatura.

Con il termine naturale si definisce anche il movimento che, negli ultimi dieci anni, ha segnato la svolta nel mondo del vino. Come ogni movimento, è un contenitore di posizioni e idee diverse, spesso in conflitto tra loro, ma che vanno nella stessa direzione. C’è chi lotta per creare un disciplinare, chi lo rifiuta perché “fatta la legge fatto l’inganno” e teme che la grande industria possa, tra le pieghe di un regolamento, far proprio il termine, chi punta solo e soltanto al rapporto diretto di fiducia. In generale, quasi tutti convergono sull’importanza di indicare in etichetta gli ingredienti del vino, come accade per ogni prodotto alimentare, per chiarezza nei confronti del consumatore che potrebbe, dallo scaffale, scegliere liberamente tra un vino fatto di uva e zolfo e uno fatto di venti/trenta ingredienti diversi.

Poi, l’ultima parola famosa, è Senza Solfiti o, nella sua sigla francese, S.A.I.N.S.
Significa semplicemente che il produttore non aggiunge solfiti (il solfito non è una sostanza unica, ma si articola in diverse composizioni chimiche a base di zolfo e ossigeno, tra i quali il più diffuso è il bisolfito di potassio) in alcuna fase della vinificazione.
Formalmente, un vino senza solfiti può anche non essere naturale né biodinamico né biologico ma, generalmente, questa lotta appartiene ai produttori naturali.
L’uva produce anidride solforosa, è una protezione naturale contro il degradamento e l’ossidazione, quindi non esiste un vino con zero solfiti. L’aggiunta di solfiti, sempre per la produzione di anidride solforosa, è dovuta alla ricerca di una maggiore protezione per l’invecchiamento, il trasporto, gli sbalzi di temperatura. La solforosa naturalmente prodotta si disperde con i travasi in altri momenti, quindi l’aggiunta rappresenta proprio una garanzia in più
In generale, tutti i produttori naturali tendono a utilizzarne il minimo indispensabile per sentirsi sicuri, e sempre più produttori rischiano il non utilizzo. Chiaro: meno se ne usa meglio è.
Sotto i 10mg/l non è obbligatorio scrivere sull’etichetta “contiene solfiti” e oltre questa soglia, anche se non se ne sono aggiunti, è obbligatorio scriverlo. Alcuni indicano la quantità effettiva, alcuni scrivono frasi come “i solfiti contenuti nel vino sono naturalmente prodotti dall’uva”.
Un ex-collega, che importa vini in Polonia, definiva il suo catalogo “nulla aggiunto, nulla tolto” e, fin ora, è forse la definizione più bella, disarmante nella sua semplicità, di questa ultima categoria di vini.

Credo che ora il quadro sia chiaro, semplice e abbastanza completo. Presto inizieremo a pubblicare le interviste ai produttori e ai professionisti, le loro storie, le loro idee.

EMILIANO AIMI
www.winethics.com/it
Fondatore di Winethics. Consulente e ricercatore di vini per importatori, distributori, ristoranti, wine bar, eventi (qualcuno dice wine hunter, qualcuno wine broker), scrittore, consulente di comunicazione, viene da esperienze in Italia, Germania e Stati Uniti da cuoco, ristoratore, selezionatore vini, organizzatore di eventi e importatore.


Emiliano Aimi | Winethics

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery monday 21 january

Durello Classic Method or Durello Charmat?

Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
lunedi 21 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
lunedi 21 gennaio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA



http://www.winemeridian.com/