Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 17 dicembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/ https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/  http://acquesi.it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/
giovedi 06 dicembre

Brasile: il mercato di chi ama le sfide

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice


Brasile: il mercato di chi ama le sfide
“Brazil, the real deal” era il titolo di uno dei seminari tenutosi durante wine2wine 2018, il forum che ci ha guidati verso la scoperta di nuovi mercati e la ri-scoperta di quelli che, spesso banalmente, consideriamo mercati saturi. Parliamo del Brasile, che si colloca in mezzo, non è un mercato nuovo ma non è un mercato saturo, anzi, è un Paese sul quale si può e si deve puntare, rimanendo consapevoli che sarà un percorso ripido, ma alla lunga efficace.

Partiamo dal considerare alcuni dati, forniti da Wine Intelligence e sapientemente esposti da
Bernardo Pinto, direttore tecnico della società importatrice “Zahil Importadora” ed esperto del mercato brasiliano.
Il Brasile non è proprio un puntino sul mappamondo. Si estende su 8516 milioni di km2, è grande quasi quanto l’Europa, e al suo interno vivono 153.4 milioni di abitanti adulti. Fra questi, ci sono 89 milioni di lavoratori, 44.4 milioni di essi però guadagnano poco, in media 172 euro al mese, mentre il reddito familiare medio è di 287 euro. L’affitto medio in Brasile è di 428 euro, in particolare a San Paolo è più alto e arriva a circa 556 euro, a cui vanno sommate le spese di trasporto, circa 71 euro al mese e le spese per l’alimentazione di 162 euro al mese.

Se vi fermaste a leggere l’articolo proprio ora, pensereste che lo spazio per il vino è inesistente. Ma le buone notizie stanno per arrivare, non temete.
Addentriamoci nel mondo del vino: il Brasile è considerata l’ottava economia al mondo ed il diciassettesimo mercato del vino. Il volume di consumi nel Paese si aggira intorno ai 34.054.000 in cartoni da 9 litri, il 25% dei quali si riferisce a vini importati, quindi un totale di 8.541.000 cartoni da 9l.
In Brasile si registrano 29.7 milioni di consumatori regolari di vino, 23.8 milioni di questi consumano vino importato, e sono ben 12 milioni i consumatori che dichiarano di bere settimanalmente vino importato. Di questi, il 14% è poco coinvolto nel mondo vino, il 28% è mediamente coinvolto, il 54%, quindi la maggioranza, è altamente coinvolto.

Perché compra il consumatore brasiliano? Ecco svelati i principali motivi: l’85% per il marchio conosciuto, l’82% per il vitigno, l’80% perché il prodotto gli è stato raccomandato da famiglia e amici, il 77% per la regione di origine, il 76% per il Paese d’origine, il 70% grazie alla promozione, il 64% per il contenuto alcolico, il 58% per le premiazioni ricevute, il 58% perché raccomandato dallo staff (camerieri, sommelier, ecc), il 57% per il design dell’etichetta.

Certo, gli ostacoli ci sono: a partire dal potere d’acquisto, la burocrazia, la geografia, la poca professionalità ed educazione al vino, ma più di tutte la tassazione. Il vino è tassato al 100%, e il sistema di tasse è volutamente contorto e incomprensibile, tanto da far inspiegabilmente pagare ai consumatori doppie tasse sullo stesso prodotto. In sostanza il vino costa da 3 a 5 volte di più in Brasile, rispetto all’Italia.

Inoltre, la GDO è pronta a vendere vino di qualità e l’e-commerce (come già segnalato qui) funziona alla grande. C’è bisogno di educazione al vino, certo, ma arrivare ai wine lovers è possibile, ed il consiglio è quello di unirsi, di promuovere le denominazioni, le zone di produzione e non solo le singole realtà. Di puntare sul turismo, di creare eventi e di sfruttare il più possibile agenti e importatori.

Il dialogo è fondamentale e tra “simili” è più semplice. Infatti, oltre al fatto che nel Paese ci sono più di 520.000 cittadini italiani e dai 25 ai 30 milioni di abitanti brasiliani hanno discendenze italiane, ci sentiamo di sottolineare che il Brasile in molti suoi aspetti ricorda l’Italia: un paese dai forti contrasti e dal sentito flolklore, con una gran passione per vino e arti culinarie, rispetto delle proprie tradizioni e degli usi e costumi, e una burocrazia complessa. Un’immagine speculare no?
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Intervista a Massimiliano Naso, ingegnere ambientale e Responsabile Vendite Italia Grandi Clienti di Liquigas lunedi 17 dicembre

GPL e GNL soluzioni energetiche sostenibili per le aziende del vino

Intervista a Massimiliano Naso, ingegnere ambientale e Responsabile Vendite Italia Grandi Clienti di Liquigas

In questi ultimi mesi, in particolare, vi è una proliferazione di pagine pubblicitarie di aziende del vino sui media generalisti. Quali i significati di questo grande “ritorno”?

Il gran ritorno della pubblicità sul vino

In questi ultimi mesi, in particolare, vi è una proliferazione di pagine pubblicitarie di aziende del vino sui media generalisti. Quali i significati di questo grande “ritorno”?

Fabio Piccoli
Un modo di narrare complesso ma efficace, ancora sconosciuto nel mondo del vino
lunedi 17 dicembre

Mai sentito parlare del Transmedia Storytelling?

Un modo di narrare complesso ma efficace, ancora sconosciuto nel mondo del vino

Noemi Mengo
We tasted for you Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 saturday 15 december

Italian wines in the world: Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016

We tasted for you Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016

In pre-anteprima a Bardolino l’annata 2018 della DOC gardesana venerdi 14 dicembre

Il Chiaretto cavalca l’onda della pink revolution

In pre-anteprima a Bardolino l’annata 2018 della DOC gardesana

Celebrati i risultati ottenuti da Cantina di Soave e presentato il resoconto del Bilancio d’esercizio, attraverso la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno
venerdi 14 dicembre

Cantina di Soave: traguardi, novità ed un bilancio che eleva il lavoro dei soci

Celebrati i risultati ottenuti da Cantina di Soave e presentato il resoconto del Bilancio d’esercizio, attraverso la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial® 
giovedi 13 dicembre

Credere nel valore delle proprie idee: il successo del caso Enosocial®

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial®

Abbiamo degustato per voi l'Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra giovedi 13 dicembre

Italian Wines in the World: Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra

Abbiamo degustato per voi l'Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra

Troppo spesso l’operatività supera la progettualità con il rischio di sprecare risorse e non centrare il vero obiettivo. mercoledi 12 dicembre

Marketing e comunicazione: trova la tua strategia!

Troppo spesso l’operatività supera la progettualità con il rischio di sprecare risorse e non centrare il vero obiettivo.

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Dall'acino al bicchiere per la tracciabilità e trasparenza del processo produttivo mercoledi 12 dicembre

Wine Blockchain: quali i vantaggi per l’industria vitivinicola?

Dall'acino al bicchiere per la tracciabilità e trasparenza del processo produttivo

Agnese Ceschi
A spiegarcelo ci pensa “4 colori per vendere il vino”, il nuovo libro di Lavinia Furlani e Andrea Pozzan di WinePeople mercoledi 12 dicembre

Vendere il vino. Sì, ma a chi?

A spiegarcelo ci pensa “4 colori per vendere il vino”, il nuovo libro di Lavinia Furlani e Andrea Pozzan di WinePeople

Progetto Ponza, la novità della storica azienda vinicola dell'Agro Pontino, Casale del Giglio. mercoledi 12 dicembre

Casale del Giglio: storia di un'isola, di una famiglia ed un progetto inimitabile

Progetto Ponza, la novità della storica azienda vinicola dell'Agro Pontino, Casale del Giglio.

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro martedi 11 dicembre

L'azienda agricola Accordini Stefano premiata al Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild
martedi 11 dicembre

Vino italiano nel mondo: educare partendo dal principio

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild

Noemi Mengo
  Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona martedi 11 dicembre

Informazione pubblicitaria
AVVISO DI SOLLECITAZIONE OFFERTE

Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Giganti in un popolo di nani

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Andrea Pozzan
We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014 saturday 08 december

Italian wines in the world: Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro sabato 08 dicembre

Italian wines in the world: Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis
venerdi 07 dicembre

Il coraggio di puntare sull’identità del Collio

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis

Agnese Ceschi
L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino. venerdi 07 dicembre

Winebel debutta a wine2wine 2018

L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino.

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Si chiama trasparenza la svolta comunicativa dello Champagne

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Fabio Piccoli
Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani! giovedi 06 dicembre

Anna Spinato: focus sui Millenials

Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani!

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice 
giovedi 06 dicembre

Brasile: il mercato di chi ama le sfide

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice

Noemi Mengo
Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi? mercoledi 05 dicembre

Vinexpo New York: i 10 motivi per cui non mancare!

Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi?

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017 mercoledi 05 dicembre

Il restyling di Rigoloccio

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017