Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs
mercoledi 17 ottobre

Brexit ed export italiano: ci sono aggiornamenti?

Agrifood Monitor, Nomisma e Crif rilasciano un aggiornamento importante in merito alle condizioni dell'export italiano all'interno del mercato del Regno Unito


Brexit ed export italiano: ci sono aggiornamenti?
Ci eravamo già soffermati in passato a parlare della Brexit e dei suoi effetti per il mercato di esportazione del vino italiano (potete trovare l’articolo qui) ma cosa è cambiato ad oggi? 
A sei mesi dalla data ufficiale del divorzio del Regno Unito dall’Unione Europea (29 marzo 2019), e in occasione del III Forum Agrifood Monitor di Nomisma e Crif, sono emersi dati importanti e significativi per il comparto, utili per fare il punto rispetto al ruolo del nostro sistema agroalimentare e i rischi per esso dopo la Brexit.
Facciamo un passo indietro e focalizziamoci sul visualizzare il mercato inglese nella situazione odierna. Con un valore superiore ai 3 miliardi di euro, il Regno Unito rappresenta il quarto mercato per l’export agroalimentare italiano, ma il primo per Prosecco (4 bottiglie su 10 esportate finiscono in questo Paese), pelati e polpe di pomodoro (20% dell’export a valore). Svalutazione della sterlina e tutela delle indicazioni geografiche rappresentano le grandi incognite collegate alla Brexit, alla luce della “sensibilità” delle nostre esportazioni al tasso di cambio e del fatto che quasi un terzo delle vendite di food&beverage “Made in Italy” sul mercato britannico riguardano prodotti Dop/Igp. 

Il Regno Unito, inoltre, rappresenta il sesto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari e il secondo per consumi a livello europeo (250 miliardi di euro nel 2017). Si tratta di un Paese dove l’autosufficienza alimentare non supera il 50% e per tale motivo fortemente dipendente dalle importazioni, in particolare dei partner europei, dato che il 70% delle forniture di prodotti alimentari proviene proprio da quest'area. In particolare, l’Italia figura come il sesto fornitore, con una quota a valore vicina al 6% dell’import britannico. 

Vista dall’altra sponda, la Gran Bretagna si configura come il nostro quarto mercato di export alimentare più importante, dopo Germania, Francia e Stati Uniti. Un mercato che nell’ultimo decennio ha aumentato i propri acquisti di prodotti del “Made in Italy” del 43%, ben più di quanto fatto nei confronti dei nostri concorrenti francesi o olandesi, ma meno rispetto a quelli spagnoli o tedeschi (+55%). Nei mesi successivi alla dichiarazione di uscita dall’Ue sancita con il referendum e con una sterlina svalutata di oltre il 10% rispetto all’euro, i tassi di crescita delle nostre vendite sul mercato britannico si sono ridotti per poi riprendersi nei primi sette mesi del 2018, quando l’import di prodotti alimentari dal nostro Paese ha registrato un quasi +3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Tuttavia, se dal dato dell’export agroalimentare complessivo si passa a considerare quello delle singole produzioni, la rilevanza del Regno Unito assume ben altri contorni.
Se ci concentriamo sulle indicazioni geografiche, non bisogna sottovalutare il fatto che tra vini e prodotti alimentari Dop e Ipg finisce in Gran Bretagna circa un miliardo di euro del nostro export “di eccellenze”, quindi quasi un terzo dell’intero valore delle esportazioni italiane di food&beverage nel mercato inglese. 

Questi importanti numeri invitano a prestare attenzione all’evolversi nel negoziato in corso tra Ue e Uk, anche perché da come saranno definiti gli accordi di uscita (e da come questi impatteranno sulla tenuta del potere di acquisto degli inglesi e sul sistema della tutela delle denominazioni di origine) non dipende solo il futuro di alcuni tra i principali prodotti del food&beverage italiano ma anche delle economie locali collegate. Un esempio? Per tre regioni italiane (Campania, Veneto e Basilicata), il Regno Unito arriva a pesare fino al 15% sull’export agroalimentare regionale

Dunque staremo a vedere cosa accadrà. 






Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)
martedi 16 aprile

Il Prosecco guida il boom degli sparkling anche negli Usa

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)

Fabio Piccoli
Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali
lunedi 15 aprile

Pinot Grigio, esiste uno stile italiano?

Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste. lunedi 15 aprile

Le Donne del Vino delle Marche protagoniste a Vinitaly 2019

Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste.

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero lunedi 15 aprile

Gotto D'oro a Vinitaly: Vinea Domini mostra il suo lato Nobile alla Roma Stellata

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico saturday 13 april

Italian wines in the world: Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone sabato 13 aprile

Italian wines in the world: San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi venerdi 12 aprile

Allarme “riconoscibilità origine” anche negli Usa

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi

Fabio Piccoli


sfondo_wm