Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 28 luglio 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Vini Cina WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com SWF MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics
mercoledi 04 maggio

C’è ancora molta strada da fare per la promozione del vino italiano nel Regno Unito

Intervista a Peter McCombie, Master of Wine e consulente del settore vinicolo inglese


C’è ancora molta strada da fare per la promozione del vino italiano nel Regno Unito
I vini italiani e il Regno Unito. I prodotti delle nostre vigne sono apprezzati ormai da tempo dagli inglesi, anche se, la promozione non è ancora abbastanza. E, come nel detto "l'unione fa la forza", i produttori che condividono, oltre alla terra, anche le stesse idee, dovrebbero darsi una mano per migliorare la diffusione dei propri prodotti. È quanto ha affermato Peter McCombie, neozelandese di nascita e inglese d'adozione, Master of Wine e consulente del settore vinicolo, soprattutto per hotel e ristoranti, e allo stesso tempo comunicatore e formatore, Wine & Spirit Education Trust Accredited Tutor. Peter ha spiegato a Michele Shah, che lo ha intervistato, quali sono le regioni del vino più apprezzate nel panorama vinicolo del Regno Unito e ha dato qualche consiglio sulla promozione dei prodotti vinicoli Made in Italy.


Quali vini si vendono meglio in UK?
Sono sempre i classici ad essere i più apprezzati. Al primo posto troviamo il Barolo e il Brunello, seguiti dal Chianti. In termini di grandi volumi e prezzi bassi, i vini rossi della Puglia, etichettati e DOC, sono i primi, seguiti dai vini siciliani, soprattutto i rossi, senza dimenticare Prosecco e Pinot Grigio.

Quali sono le varietà preferite nel mercato?
Senza dubbio, il Pinot Grigio è quello più gradito. Ma vista la grande diversità dei vini italiani è difficile stabilire quali siano le varietà maggiormente apprezzate. Ad ogni modo, hanno successo il Nero d'Avola, il Barbera, il Sangiovese, il Primitivo e il Montepulciano.

Quale fascia di prezzo vende meglio?
Le ultime statistiche della Nielsen mostrano che in media il prezzo a litro, e non a bottiglia, è di £7,18. L’Italia raggiunge un prezzo medio di £4,96 per bottiglia, tra i vini italiani il Pinot Grigio sembra ricoprire una fascia di prezzo rispettabile, si parla di £5,17. È interessante, invece, scoprire che il Sauvignon Blanc italiano riporta un prezzo come £6,00, mentre quello proveniente dalla Nuova Zelanda raggiunge la cifra di £7,11, la più alta tra tutti i Paesi. Bisogna ricordarsi, però, che l’accisa supera le £2 per bottiglia e non lascia molto spazio per il vino di qualità.

In base alla Sua esperienza nel mondo delle degustazioni e della promozione cosa manca?
A parte i grandi nomi, alcune volte sono stato coinvolto in degustazioni e masterclass di organizzazioni meno conosciute, che hanno avuto un discreto successo, ma purtroppo rimangono eventi ad hoc e sporadici, quando invece sono un’occasione interessante di contatto con produttori meno conosciuti. Al fine di avere un maggiore effetto, dovrebbero essere più innovativi e più regolari. Ma anche ICE, Borsa Vini Italiani e altre associazioni hanno creato eventi in cui ho avuto la sensazione che le liste di partecipanti fossero limitate ai soliti personaggi. Penso che questi eventi potrebbero essere più efficaci se venisse dedicato a loro più spazio e si aggiornassero più spesso le liste dei partecipanti.

Quale è il modo migliore per promuovere il vino italiano nel mercato del suo Paese?
Per promuovere meglio i prodotti vinicoli Made in Italy, i produttori dovrebbero avere maggiore visibilità. Alcuni importatori hanno fatto un buon lavoro organizzando degustazioni a cui hanno preso parte anche piccoli produttori dedicati ad una piccola audience commerciale.Inoltre, dovrebbero essere organizzate altre attività non solo a Londra, ma anche nelle città e nelle regioni lontane dalla capitale. Così aumentano le possibilità di avere un impatto maggiore.

In base alla Sua esperienza personale, cosa suggerirebbe ai produttori italiani per promuovere i propri prodotti?
Credo che i singoli produttori debbano pensare a come poter lavorare in modo produttivo con il proprio importatore. Non parlo solo di Consorzi o di gruppi generici, ma anche di produttori della stessa zona con gli stessi interessi e lo stesso modo di pensare. È un approccio che può portare buoni frutti. L’unione fa la forza!
Michele Shah

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nel mondo vi è una crescente domanda di vino “etico”, non solo rispettoso dell’ambiente ma anche delle regole di comportamento nei confronti dei lavoratori del settore

Nel mondo sempre più voglia di vino etico

Nel mondo vi è una crescente domanda di vino “etico”, non solo rispettoso dell’ambiente ma anche delle regole di comportamento nei confronti dei lavoratori del settore

Fabio Piccoli
Importanti aziende del vino sudafricane stanno investendo nel Nebbiolo considerata una varietà capace di adattarsi al meglio al loro terroir. Cresce l'interesse e l'investimento nelle nostre varietà in vari paesi produttori nel mondo, un aspetto che fa riflettere

Le potenzialità “uniche” del Nebbiolo in Sud Africa

Importanti aziende del vino sudafricane stanno investendo nel Nebbiolo considerata una varietà capace di adattarsi al meglio al loro terroir. Cresce l'interesse e l'investimento nelle nostre varietà in vari paesi produttori nel mondo, un aspetto che fa riflettere

Fabio Piccoli
Scegli Wine Meridian come partner per i mercati internazionali giovedi 27 luglio

Promozione Media partnership

Scegli Wine Meridian come partner per i mercati internazionali

6 aziende vinicole mediterranee a Gibellina (Trapani) dal 28 al 30 luglio per parlare di cultura, vino e mediterraneo mercoledi 26 luglio

Scirocco Wine Fest: una manifestazione per parlare di Mediterraneo

6 aziende vinicole mediterranee a Gibellina (Trapani) dal 28 al 30 luglio per parlare di cultura, vino e mediterraneo

Agnese Ceschi
L'intervista alla proprietaria del ristorante italiano a Bangkok Charlotte Buzzanca mercoledi 26 luglio

Sensi Restaurant: il fascino chic del vino italiano in Thailandia

L'intervista alla proprietaria del ristorante italiano a Bangkok Charlotte Buzzanca

Il gruppo vinicolo rafforza la leadership nel comparto dei vini bianchi, acquisendo l'azienda bandiera del Lugana DOC mercoledi 26 luglio

Santa Margherita Gruppo Vinicolo acquisisce il controllo di Cà Maiol, storico produttore del Lugana DOC.

Il gruppo vinicolo rafforza la leadership nel comparto dei vini bianchi, acquisendo l'azienda bandiera del Lugana DOC

Proseguiranno i programmi in un'ottica di innovazione per il nuovo presidente mercoledi 26 luglio

Ernesto Abbona è il nuovo presidente di Unione Italiana Vini

Proseguiranno i programmi in un'ottica di innovazione per il nuovo presidente

Mentre noi continuiamo ad interrogarci sull’utilità di una promozione “istituzionale” del vino italiano nel mondo, l’Australia ci fornisce quotidianamente esempi illuminanti e utili

Quando il sistema Paese funziona, l’esempio dell’Australia

Mentre noi continuiamo ad interrogarci sull’utilità di una promozione “istituzionale” del vino italiano nel mondo, l’Australia ci fornisce quotidianamente esempi illuminanti e utili

Fabio Piccoli
Il parere dell'esperta di social media marketing Elena Mazzali lunedi 24 luglio

Instagram & Vino: la coppia vincente nella degustazione digitale!

Il parere dell'esperta di social media marketing Elena Mazzali

L'intervista tripla ai fondatori di The Wine Net sabato 22 luglio

Aldo Franchi, Cesare Barbero e Daniele Accordini: gli uomini del cambiamento nel mondo delle cooperative italiane

L'intervista tripla ai fondatori di The Wine Net

Agnese Ceschi
Per uno storytelling del vino che sia efficace è necessario esaltare sempre di più il valore “eroico” di alcuni elementi chiave della produzione. Il parere del prof. Attilio Scienza e i vitigni mito secondo Rupert Millar di The Drink Business

Quando i vitigni diventano “eroi”

Per uno storytelling del vino che sia efficace è necessario esaltare sempre di più il valore “eroico” di alcuni elementi chiave della produzione. Il parere del prof. Attilio Scienza e i vitigni mito secondo Rupert Millar di The Drink Business

Fabio Piccoli
La decisione ponderata nasce dalla difficoltà di coniugare impegni di azienda ed Associazione giovedi 20 luglio

Antonio Rallo lascia la Presidenza di Unione Italiana Vini

La decisione ponderata nasce dalla difficoltà di coniugare impegni di azienda ed Associazione

La certificazione più ambita di TripAdvisor, che analizza lo stato di gradimento della sua utenza, premia le aziende che si sono distinte sulle altre giovedi 20 luglio

TripAdvisor premia ancora Rocca Sveva con il Certificato di Eccellenza

La certificazione più ambita di TripAdvisor, che analizza lo stato di gradimento della sua utenza, premia le aziende che si sono distinte sulle altre



WineMeridian