Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 24 novembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca
mercoledi 04 maggio

C’è ancora molta strada da fare per la promozione del vino italiano nel Regno Unito

Intervista a Peter McCombie, Master of Wine e consulente del settore vinicolo inglese


C’è ancora molta strada da fare per la promozione del vino italiano nel Regno Unito
I vini italiani e il Regno Unito. I prodotti delle nostre vigne sono apprezzati ormai da tempo dagli inglesi, anche se, la promozione non è ancora abbastanza. E, come nel detto "l'unione fa la forza", i produttori che condividono, oltre alla terra, anche le stesse idee, dovrebbero darsi una mano per migliorare la diffusione dei propri prodotti. È quanto ha affermato Peter McCombie, neozelandese di nascita e inglese d'adozione, Master of Wine e consulente del settore vinicolo, soprattutto per hotel e ristoranti, e allo stesso tempo comunicatore e formatore, Wine & Spirit Education Trust Accredited Tutor. Peter ha spiegato a Michele Shah, che lo ha intervistato, quali sono le regioni del vino più apprezzate nel panorama vinicolo del Regno Unito e ha dato qualche consiglio sulla promozione dei prodotti vinicoli Made in Italy.


Quali vini si vendono meglio in UK?
Sono sempre i classici ad essere i più apprezzati. Al primo posto troviamo il Barolo e il Brunello, seguiti dal Chianti. In termini di grandi volumi e prezzi bassi, i vini rossi della Puglia, etichettati e DOC, sono i primi, seguiti dai vini siciliani, soprattutto i rossi, senza dimenticare Prosecco e Pinot Grigio.

Quali sono le varietà preferite nel mercato?
Senza dubbio, il Pinot Grigio è quello più gradito. Ma vista la grande diversità dei vini italiani è difficile stabilire quali siano le varietà maggiormente apprezzate. Ad ogni modo, hanno successo il Nero d'Avola, il Barbera, il Sangiovese, il Primitivo e il Montepulciano.

Quale fascia di prezzo vende meglio?
Le ultime statistiche della Nielsen mostrano che in media il prezzo a litro, e non a bottiglia, è di £7,18. L’Italia raggiunge un prezzo medio di £4,96 per bottiglia, tra i vini italiani il Pinot Grigio sembra ricoprire una fascia di prezzo rispettabile, si parla di £5,17. È interessante, invece, scoprire che il Sauvignon Blanc italiano riporta un prezzo come £6,00, mentre quello proveniente dalla Nuova Zelanda raggiunge la cifra di £7,11, la più alta tra tutti i Paesi. Bisogna ricordarsi, però, che l’accisa supera le £2 per bottiglia e non lascia molto spazio per il vino di qualità.

In base alla Sua esperienza nel mondo delle degustazioni e della promozione cosa manca?
A parte i grandi nomi, alcune volte sono stato coinvolto in degustazioni e masterclass di organizzazioni meno conosciute, che hanno avuto un discreto successo, ma purtroppo rimangono eventi ad hoc e sporadici, quando invece sono un’occasione interessante di contatto con produttori meno conosciuti. Al fine di avere un maggiore effetto, dovrebbero essere più innovativi e più regolari. Ma anche ICE, Borsa Vini Italiani e altre associazioni hanno creato eventi in cui ho avuto la sensazione che le liste di partecipanti fossero limitate ai soliti personaggi. Penso che questi eventi potrebbero essere più efficaci se venisse dedicato a loro più spazio e si aggiornassero più spesso le liste dei partecipanti.

Quale è il modo migliore per promuovere il vino italiano nel mercato del suo Paese?
Per promuovere meglio i prodotti vinicoli Made in Italy, i produttori dovrebbero avere maggiore visibilità. Alcuni importatori hanno fatto un buon lavoro organizzando degustazioni a cui hanno preso parte anche piccoli produttori dedicati ad una piccola audience commerciale.Inoltre, dovrebbero essere organizzate altre attività non solo a Londra, ma anche nelle città e nelle regioni lontane dalla capitale. Così aumentano le possibilità di avere un impatto maggiore.

In base alla Sua esperienza personale, cosa suggerirebbe ai produttori italiani per promuovere i propri prodotti?
Credo che i singoli produttori debbano pensare a come poter lavorare in modo produttivo con il proprio importatore. Non parlo solo di Consorzi o di gruppi generici, ma anche di produttori della stessa zona con gli stessi interessi e lo stesso modo di pensare. È un approccio che può portare buoni frutti. L’unione fa la forza!
Michele Shah

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Wine People Campus, quando la formazione parla il linguaggio degli imprenditori

A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso giovedi 23 novembre

L’arte è di casa a Cucina Madre

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER giovedi 23 novembre

Offerta di lavoro

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina giovedi 23 novembre

Miami: quando il vino diventa generoso e si fa conoscere a tutti…

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici
giovedi 23 novembre

Numeri e highlights del 26° Merano WineFestival

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna mercoledi 22 novembre

"Il giro d'Italia del vino"

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino mercoledi 22 novembre

Sei alla ricerca di un Export Manager? HireMeVinitaly torna a Wine2wine 2017

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona mercoledi 22 novembre

Cerchi lavoro per l'export? #HireMeVinitaly ti presenta le migliori aziende in cerca di Export Manager durante Wine2wine a Verona

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Wine Campus, la scuola dei venditori del vino

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno. 
lunedi 20 novembre

Vini sardi: tra longevità, terroir e il concetto di "autoctono"

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno.

Agnese Ceschi
Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina venerdi 17 novembre

Il Panettone sposa l’Amarone

Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina

Noemi Mengo
Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero venerdi 17 novembre

Consorzio Vini Venezia, cinque denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio.

Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

venerdi 17 novembre

Born to be wine. Persone oltre il vino

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet friday 17 november

The 2018 tipples to watch

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Quando la risposta è racchiusa nel limite

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Fabio Piccoli


WineMeridian