Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 20 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione


C’era una volta il brand ambassador
Abbiamo iniziato a conoscere i primi brand ambassador nel mondo del vino circa una quindicina di anni fa. Alcuni di loro lo stavano facendo già da qualche anno ma senza essere ancora realmente consapevoli del loro ruolo.
Si trattava, normalmente, di professionisti, spesso enologi o sommelier, dalle spiccate capacità comunicative che lavoravano come dipendenti o collaboratori di aziende nella maggioranza dei casi di grandi dimensioni. Aziende che si potevano permettere di avere figure professionali “intermedie” tra l’attività produttiva e quella commerciale.
Un patrimonio di risorse umane molto utile perché da un lato riusciva a formare internamente l’azienda di contenuti “tecnici” più facilmente comunicabili, dall’altro, in particolare, consentiva di “preparare il terreno” all’azione commerciale andando ad incontrare potenziali clienti (ristoratori, giornalisti, wine manager, ecc.) attraverso soprattutto una lunga serie di degustazioni in giro per il mondo.
Perché stiamo scrivendo utilizzando verbi al passato?
Perché le cose sono e stanno molto cambiando, in particolare in quest’ultimo quinquennio dove, come spesso ripetiamo nei nostri articoli, ma lo sanno bene tutti gli addetti ai lavori, sui mercati è avvenuta una vera e propria rivoluzione.
Una rivoluzione che di fatto ha costretto e sta costringendo tutti i produttori ad avvicinare molto di più la fase produttiva a quella comunicativa e commerciale.
Oggi, pertanto, tutte le principali risorse umane di un’azienda vitivinicola, a partire dal titolare, ma anche l’agronomo, l’enologo, senza parlare di tutti i collaboratori commerciali, devono essere dei brand ambassador.
L’idea che oggi si possa dare una sorta di “delega in bianco” ad un proprio ambasciatore che racconti l’azienda e i suoi prodotti sui diversi mercati e sperare che questo da solo sia in grado di “educare” il proprio target senza il contributo di tutte le altre figure sopra menzionate, è una pericolosa illusione.
Indubbiamente le aziende che oggi hanno a loro disposizione brand ambassador capaci e autorevoli, con una lunga gavetta ed esperienza alle spalle hanno un ottimo supporto ma non “solo” per la loro azione esterna ma anche per la possibilità di formare internamente i collaboratori che in qualche misura hanno responsabilità anche sul fronte comunicativo.
In particolare, ad esempio, gli enologi che sempre di più sono chiamati a raccontare non solo i vini che contribuiscono a produrre ma anche l’azienda, il territorio, in un concetto unico “l’identità di un’azienda” in tutti suoi molteplici fattori.
Per questa ragione la capacità divulgativa se un tempo la si poteva considerare un valore aggiunto oggi si è trasformata in un obbligo per chi ha responsabilità che lo portano ad avere relazioni con il pubblico, sia esso rappresentato da addetti ai lavori o da consumatori finali.
Ma nel frattempo, i cambiamenti dei mercati, il loro allargamento anche in aree del mondo con culture molto diverse dalle nostre occidentali, stanno obbligando i “brand ambassador” ad ampliare fortemente le loro competenze e abilità comunicative.
Proprio nei giorni scorsi, a questo riguardo, un noto wine ambassador ci ricordava come nei suoi ormai oltre 50 viaggi in Cina negli ultimi 10 anni abbia dovuto sviluppare delle capacità comunicative inimmaginabili all’inizio.
“In ogni viaggio in Cina, che dura mediamente due settimane " ci spiegava " conduco una trentina di degustazioni. Ma i contenuti prettamente “tecnici” di questi tasting rappresentano ormai meno del 50% perché il resto è inerente a fattori culturali, storici, ma anche di costume. Non è, addirittura, così raro che in qualche wine club cinese si venga chiamati a cantare qualche canzone italiana”.
Certo, quest’ultima esemplificazione rappresenta un’estremizzazione del ruolo attuale del brand ambassador, ma è utile per fare capire come esso oggi rappresenti un fondamentale “connettore” tra diverse culture.
Il pensare che il contenuto “tecnico” da solo sia sufficiente per educare il target internazionale, anche quello più professionale, è un grave errore.
Ma questa è un’ulteriore dimostrazione che non solo oggi il brand ambassador deve essere dotato di molte più competenze rispetto al passato, ma che è anche fondamentale che tutti i principali responsabili dell’aziende aumentino le loro attitudini comunicative.
Nei contatti con l’esterno le aziende hanno, pertanto, sempre più bisogno di figure intermediarie che seguano il marketing e le varie attività che legate alla promozione del Brand. Ma questo non deve generare l’illusione che queste figure da sole siano in grado di svolgere un compito così complesso e, soprattutto, in continua evoluzione.
Non solo, il brand ambassador deve oggi essere in grado di saper leggere molto di più rispetto al passato le dinamiche dei mercati. Se prima poteva essere sufficiente la competenza “comunicativa”, oggi è indispensabile anche quella “commerciale”. Un brand ambassador che non ha nessuna competenza, ad esempio, sulla costruzione di un listino prezzi, del posizionamento di un prodotto, rischia di perdere gran parte della sua utilità.
Il pensare che “tanto questo è un problema non mio ma dei commerciali”, è un elemento che può essere molto rischioso e sicuramente limita fortemente l’efficacia dell’azione del brand ambassador.
Certo, la finalità principale di questa figura rimane quella di promuovere e diffondere un’immagine corretta dell’azienda, tramite un’interazione positiva con i clienti/consumatori. Ma tra i suoi compiti, oggi ancor di più che nel passato, ci sono quelli di approfondimento sulla concorrenza, sul movimento dei marchi, sui prezzi e sulla distribuzione. Deve lavorare incessantemente sul piano delle relazioni tramite i contatti esistenti o mediante la creazione di network efficaci.
Se riuscirà ad adempiere, con la collaborazione di tutti i responsabili aziendali, ai difficili compiti sopra evidenziati, metterà a tacere quelle sempre più frequenti voci che parlano di una figura oggi figura superflua che gira il mondo, pagata più del dovuto, per intraprendere azioni commerciali costose e spesso inefficaci.
Voci che hanno portato anche alcune aziende del settore vinicolo a rinunciare tout-court a questo tipo di professionisti, creando una sorta di effetto “vade retro” al solo sentir nominare il ruolo.
Ma il problema, a nostro parere, non sta certamente nel ruolo del brand ambassador che può rappresentare anche oggi (forse ancor di più che nel passato) una figura strategica per lo sviluppo di un’azienda e dei suoi prodotti sui mercati.
L’importante è che aumenti la sua competenza, migliori la sua capacità di generare sia network commerciali che sul fronte della comunicazione e, soprattutto, non sia “lasciato da solo”.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
venerdi 18 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano 
mercoledi 09 gennaio

Come recuperare l'appeal del vino italiano in Svizzera

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano

Federica Lago
Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi martedi 08 gennaio

Vietnam Wine Tour 2019: due tappe per presidiare uno dei più promettenti mercati asiatici

Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi



http://www.winemeridian.com/