Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 13 novembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/ https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione


C’era una volta il brand ambassador
Abbiamo iniziato a conoscere i primi brand ambassador nel mondo del vino circa una quindicina di anni fa. Alcuni di loro lo stavano facendo già da qualche anno ma senza essere ancora realmente consapevoli del loro ruolo.
Si trattava, normalmente, di professionisti, spesso enologi o sommelier, dalle spiccate capacità comunicative che lavoravano come dipendenti o collaboratori di aziende nella maggioranza dei casi di grandi dimensioni. Aziende che si potevano permettere di avere figure professionali “intermedie” tra l’attività produttiva e quella commerciale.
Un patrimonio di risorse umane molto utile perché da un lato riusciva a formare internamente l’azienda di contenuti “tecnici” più facilmente comunicabili, dall’altro, in particolare, consentiva di “preparare il terreno” all’azione commerciale andando ad incontrare potenziali clienti (ristoratori, giornalisti, wine manager, ecc.) attraverso soprattutto una lunga serie di degustazioni in giro per il mondo.
Perché stiamo scrivendo utilizzando verbi al passato?
Perché le cose sono e stanno molto cambiando, in particolare in quest’ultimo quinquennio dove, come spesso ripetiamo nei nostri articoli, ma lo sanno bene tutti gli addetti ai lavori, sui mercati è avvenuta una vera e propria rivoluzione.
Una rivoluzione che di fatto ha costretto e sta costringendo tutti i produttori ad avvicinare molto di più la fase produttiva a quella comunicativa e commerciale.
Oggi, pertanto, tutte le principali risorse umane di un’azienda vitivinicola, a partire dal titolare, ma anche l’agronomo, l’enologo, senza parlare di tutti i collaboratori commerciali, devono essere dei brand ambassador.
L’idea che oggi si possa dare una sorta di “delega in bianco” ad un proprio ambasciatore che racconti l’azienda e i suoi prodotti sui diversi mercati e sperare che questo da solo sia in grado di “educare” il proprio target senza il contributo di tutte le altre figure sopra menzionate, è una pericolosa illusione.
Indubbiamente le aziende che oggi hanno a loro disposizione brand ambassador capaci e autorevoli, con una lunga gavetta ed esperienza alle spalle hanno un ottimo supporto ma non “solo” per la loro azione esterna ma anche per la possibilità di formare internamente i collaboratori che in qualche misura hanno responsabilità anche sul fronte comunicativo.
In particolare, ad esempio, gli enologi che sempre di più sono chiamati a raccontare non solo i vini che contribuiscono a produrre ma anche l’azienda, il territorio, in un concetto unico “l’identità di un’azienda” in tutti suoi molteplici fattori.
Per questa ragione la capacità divulgativa se un tempo la si poteva considerare un valore aggiunto oggi si è trasformata in un obbligo per chi ha responsabilità che lo portano ad avere relazioni con il pubblico, sia esso rappresentato da addetti ai lavori o da consumatori finali.
Ma nel frattempo, i cambiamenti dei mercati, il loro allargamento anche in aree del mondo con culture molto diverse dalle nostre occidentali, stanno obbligando i “brand ambassador” ad ampliare fortemente le loro competenze e abilità comunicative.
Proprio nei giorni scorsi, a questo riguardo, un noto wine ambassador ci ricordava come nei suoi ormai oltre 50 viaggi in Cina negli ultimi 10 anni abbia dovuto sviluppare delle capacità comunicative inimmaginabili all’inizio.
“In ogni viaggio in Cina, che dura mediamente due settimane " ci spiegava " conduco una trentina di degustazioni. Ma i contenuti prettamente “tecnici” di questi tasting rappresentano ormai meno del 50% perché il resto è inerente a fattori culturali, storici, ma anche di costume. Non è, addirittura, così raro che in qualche wine club cinese si venga chiamati a cantare qualche canzone italiana”.
Certo, quest’ultima esemplificazione rappresenta un’estremizzazione del ruolo attuale del brand ambassador, ma è utile per fare capire come esso oggi rappresenti un fondamentale “connettore” tra diverse culture.
Il pensare che il contenuto “tecnico” da solo sia sufficiente per educare il target internazionale, anche quello più professionale, è un grave errore.
Ma questa è un’ulteriore dimostrazione che non solo oggi il brand ambassador deve essere dotato di molte più competenze rispetto al passato, ma che è anche fondamentale che tutti i principali responsabili dell’aziende aumentino le loro attitudini comunicative.
Nei contatti con l’esterno le aziende hanno, pertanto, sempre più bisogno di figure intermediarie che seguano il marketing e le varie attività che legate alla promozione del Brand. Ma questo non deve generare l’illusione che queste figure da sole siano in grado di svolgere un compito così complesso e, soprattutto, in continua evoluzione.
Non solo, il brand ambassador deve oggi essere in grado di saper leggere molto di più rispetto al passato le dinamiche dei mercati. Se prima poteva essere sufficiente la competenza “comunicativa”, oggi è indispensabile anche quella “commerciale”. Un brand ambassador che non ha nessuna competenza, ad esempio, sulla costruzione di un listino prezzi, del posizionamento di un prodotto, rischia di perdere gran parte della sua utilità.
Il pensare che “tanto questo è un problema non mio ma dei commerciali”, è un elemento che può essere molto rischioso e sicuramente limita fortemente l’efficacia dell’azione del brand ambassador.
Certo, la finalità principale di questa figura rimane quella di promuovere e diffondere un’immagine corretta dell’azienda, tramite un’interazione positiva con i clienti/consumatori. Ma tra i suoi compiti, oggi ancor di più che nel passato, ci sono quelli di approfondimento sulla concorrenza, sul movimento dei marchi, sui prezzi e sulla distribuzione. Deve lavorare incessantemente sul piano delle relazioni tramite i contatti esistenti o mediante la creazione di network efficaci.
Se riuscirà ad adempiere, con la collaborazione di tutti i responsabili aziendali, ai difficili compiti sopra evidenziati, metterà a tacere quelle sempre più frequenti voci che parlano di una figura oggi figura superflua che gira il mondo, pagata più del dovuto, per intraprendere azioni commerciali costose e spesso inefficaci.
Voci che hanno portato anche alcune aziende del settore vinicolo a rinunciare tout-court a questo tipo di professionisti, creando una sorta di effetto “vade retro” al solo sentir nominare il ruolo.
Ma il problema, a nostro parere, non sta certamente nel ruolo del brand ambassador che può rappresentare anche oggi (forse ancor di più che nel passato) una figura strategica per lo sviluppo di un’azienda e dei suoi prodotti sui mercati.
L’importante è che aumenti la sua competenza, migliori la sua capacità di generare sia network commerciali che sul fronte della comunicazione e, soprattutto, non sia “lasciato da solo”.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il tempo è la risorsa più importante per le aziende che vogliono essere competitive sui mercati internazionali

Il fattore tempo nell’export del vino

Il tempo è la risorsa più importante per le aziende che vogliono essere competitive sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Si è conclusa con successo di pubblico e operatori la prima tappa di Organic Value a Copenhagen lunedi 12 novembre

Danimarca loves Italian organic wines

Si è conclusa con successo di pubblico e operatori la prima tappa di Organic Value a Copenhagen

Agnese Ceschi
The research “Yeats and terroir” is launched by Cantine Tinazzi with the cooperation of Starogen anche StarFinn. monday 12 november

Yeasts and Terroir: when biodiversity meets science

The research “Yeats and terroir” is launched by Cantine Tinazzi with the cooperation of Starogen anche StarFinn.

Ci sono opportunità che passano una volta sola! Ultimi due posti a disposizione per i nosti Campus. Che fai?

Prendere o lasciare?

Ci sono opportunità che passano una volta sola! Ultimi due posti a disposizione per i nosti Campus. Che fai?

Roberta Zantedeschi
On November 8th, 2018, two new Italian Wine Experts and seven new Italian Wine Ambassadors officially joined the Vinitaly International Academy (VIA) community of dedicated wine professionals worldwide friday 09 november

VIA's Italian Wine Ambassador Course celebrates two new Experts and seven new Ambassadors in Hong Kong

On November 8th, 2018, two new Italian Wine Experts and seven new Italian Wine Ambassadors officially joined the Vinitaly International Academy (VIA) community of dedicated wine professionals worldwide

Non rappresenta più il gate preferenziale per l’ingresso dei vini sul grande mercato cinese ma Hong Kong continua a rappresentare il più interessante laboratorio per capire le dinamiche di sviluppo del mercato asiatico. Intervista Jessica Anne Tan, Italian Wine Ambassador di Vinitaly International Academy venerdi 09 novembre

Ad Hong Kong, dove le rivoluzioni asiatiche arrivano prima

Non rappresenta più il gate preferenziale per l’ingresso dei vini sul grande mercato cinese ma Hong Kong continua a rappresentare il più interessante laboratorio per capire le dinamiche di sviluppo del mercato asiatico. Intervista Jessica Anne Tan, Italian Wine Ambassador di Vinitaly International Academy

Lavinia Furlani
L’iniziativa nel campo della ricerca scientifica e della tutela del territorio “Lieviti e terroir” porta la firma Cantine Tinazzi con la collaborazione di Startogen e StarFinn. venerdi 09 novembre

Lieviti e terroir: quando la biodiversità incontra la scienza

L’iniziativa nel campo della ricerca scientifica e della tutela del territorio “Lieviti e terroir” porta la firma Cantine Tinazzi con la collaborazione di Startogen e StarFinn.

Intervista all'esperto di vini italiani Thomas Ilkjaer a un giorno dall'inizio dell'evento Organic Value giovedi 08 novembre

Danimarca: dove il biologico è di casa

Intervista all'esperto di vini italiani Thomas Ilkjaer a un giorno dall'inizio dell'evento Organic Value

Agnese Ceschi
Prima puntata: la Maestrina, quando la lucida negatività non paga! mercoledi 07 novembre

Approcci al mondo del vino che non funzionano

Prima puntata: la Maestrina, quando la lucida negatività non paga!

Tutti li rincorrono, tutti li vogliono, ma quanto un premio può aiutare un vino a farsi comprare o bere dai nostri millenials? martedi 06 novembre

L'importanza dei premi per i millenials 2.0 (o 3.0?)

Tutti li rincorrono, tutti li vogliono, ma quanto un premio può aiutare un vino a farsi comprare o bere dai nostri millenials?

Bastano pochi “tap” per vendere e acquistare in modo pratico, veloce ed efficace 
martedi 06 novembre

Enosocial®, l’app che dà valore al Direct to Consumer

Bastano pochi “tap” per vendere e acquistare in modo pratico, veloce ed efficace

Veronafiere and Vinitaly International Academy (VIA) have teamed up with ICE-Italian Trade Agency in Toronto and two of the leading Canadian Monopolies, Nova Scotia Liquor Corporation (NSLC) and the Newfoundland and Labrador Liquor Corporation (NFLC), to bring Canada Roadshow Executive Seminars to cities in Eastern Canada.
tuesday 06 november

Canada Roadshow Executive Seminars offer up a taste of the "bella vita"

Veronafiere and Vinitaly International Academy (VIA) have teamed up with ICE-Italian Trade Agency in Toronto and two of the leading Canadian Monopolies, Nova Scotia Liquor Corporation (NSLC) and the Newfoundland and Labrador Liquor Corporation (NFLC), to bring Canada Roadshow Executive Seminars to cities in Eastern Canada.

Presente anche il Ministro Centinaio durante la settimana del CIIE dal 5 al 10 novembre martedi 06 novembre

Veronafiere apre una sede permanente a Shanghai

Presente anche il Ministro Centinaio durante la settimana del CIIE dal 5 al 10 novembre

Vinitaly International Academy (VIA) launches its reformatted Italian Wine Ambassador certification course in Hong Kong from November 4th to 8th at the Hong Kong in the lead-up to the region’s famous International Wine and Spirits Fair starting on November 8th monday 05 november

Vinitaly International Academy to launch reformatted, tasting-intensive Italian Wine Ambassador course in Hong Kong

Vinitaly International Academy (VIA) launches its reformatted Italian Wine Ambassador certification course in Hong Kong from November 4th to 8th at the Hong Kong in the lead-up to the region’s famous International Wine and Spirits Fair starting on November 8th

La storia dei Monovitigno iniziata con il Cabernet Franc passa il testimone alle nuove etichette di Vignamaggio dedicate a Sangiovese e Merlot. lunedi 05 novembre

Nascono i Cru monovitigno di Vignamaggio

La storia dei Monovitigno iniziata con il Cabernet Franc passa il testimone alle nuove etichette di Vignamaggio dedicate a Sangiovese e Merlot.

Domenica 11 novembre la cantina di Spessa sarà presente con quattro vini della linea Myò nella nuova area in piazza della Rena lunedi 05 novembre

I vini Zorzettig al Merano Wine Festival protagonisti allo spazio The Circle

Domenica 11 novembre la cantina di Spessa sarà presente con quattro vini della linea Myò nella nuova area in piazza della Rena

Preparate il passaporto: ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
lunedi 05 novembre

Wine Meridian around the world

Preparate il passaporto: ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare molti vantaggi.

Ibrido è bello

Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare molti vantaggi.

Lavinia Furlani
  Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona lunedi 05 novembre

Informazione pubblicitaria
AVVISO DI VENDITA COMPETITIVA

Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona

We tasted for you MGM Mondo del Vino’s Asio Otus saturday 03 november

Italian wines in the world: MGM Mondo del Vino’s Asio Otus

We tasted for you MGM Mondo del Vino’s Asio Otus

Abbiamo degustato per voi Asio Otus di MGM Mondo del Vino sabato 03 novembre

Italian wines in the world: Asio Otus di MGM Mondo del Vino

Abbiamo degustato per voi Asio Otus di MGM Mondo del Vino

I consumatori più giovani valutano decine, centinaia, migliaia di brand, scartandone moltissimi per poi affezionarsi ad una lista molto limitata di essi. Lo spostamento dai grandi marchi verso qualcosa di più piccolo, più locale e più artigianale, che meglio rispecchia i valori di ognuno, è ormai un dato di fatto

Millennials più fedeli ai brand degli spirits che di vino e birra

I consumatori più giovani valutano decine, centinaia, migliaia di brand, scartandone moltissimi per poi affezionarsi ad una lista molto limitata di essi. Lo spostamento dai grandi marchi verso qualcosa di più piccolo, più locale e più artigianale, che meglio rispecchia i valori di ognuno, è ormai un dato di fatto

Francesco Piccoli
La relazione è una delle regole chiave per la vendita: quali sono le altre?
giovedi 01 novembre

Le 7 caratteristiche del venditore ideale

La relazione è una delle regole chiave per la vendita: quali sono le altre?

Noemi Mengo
Si conferma una delle province canadesi più dinamiche e curiose, con agenzie di importazione alla ricerca di novità e consumatori sempre più sofisticati. La sfida però è di fare vivere esperienze del made in Italy autentico

In British Columbia, dove la curiosità è di casa

Si conferma una delle province canadesi più dinamiche e curiose, con agenzie di importazione alla ricerca di novità e consumatori sempre più sofisticati. La sfida però è di fare vivere esperienze del made in Italy autentico

Fabio Piccoli
Partirà il 23 novembre il corso di otto lezioni totalmente dedicato agli imprenditori che vogliono migliorare la loro capacità di gestione dell’azienda, la loro competenza sui mercati italiano ed esteri, la loro facoltà a scegliere e guidare in maniera adeguata le risorse umane, la loro efficienza comunicativa.

CAMPUS IMPRESA: l'unico corso formativo per gli imprenditori del vino

Partirà il 23 novembre il corso di otto lezioni totalmente dedicato agli imprenditori che vogliono migliorare la loro capacità di gestione dell’azienda, la loro competenza sui mercati italiano ed esteri, la loro facoltà a scegliere e guidare in maniera adeguata le risorse umane, la loro efficienza comunicativa.