Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 22 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi
giovedi 29 agosto 2019

Cambiare angolazione: la chiave per comprendere il consumatore USA

I consumatori si evolvono in fretta negli Stati Uniti. Prendiamo l'azienda E&J Gallo come esempio: se il consumatore si evolve, la sfida è evolversi con loro.


Cambiare angolazione: la chiave per comprendere il consumatore USA
Consumatori e gusti in evoluzione? Non ci stanchiamo mai di parlarne, anche perché cambiano davvero in poco tempo ed è interessante fare considerazioni sulle evoluzioni, non basandoci solo sulla teoria, ma osservando i casi reali di chi si trova a dover evolvere i propri prodotti alla stessa velocità dei gusti dei consumatori. Come farlo? A volte basta variare di poco la propria angolazione, senza aver pausa di rischiare, giusto un po'.

Oggi parliamo di millennials, baby boomers, generation X e generation Z grazie alle dichiarazioni di E&J Gallo, l’azienda, con sede in California, più che nota per essere ad oggi fra le più grandi aziende vinicole a conduzione familiare al mondo. Ci porta all’attenzione il suo caso, un articolo del magazine Fortune, che a giugno scorso si addentrava nel capire l’evoluzione delle preferenze dei consumatori statunitensi più giovani rispetto agli anziani e la reazione strategica di E&J Gallo.

Avete presente le piccole damigiane “Carlo Rossi” realizzate da Gallo e tanto apprezzate dai consumatori detti “baby boomers”? Pare che i Millennials americani le stiano evitando, così come respingono il vino sfuso in generale, specie se a basso prezzo.
E&J Gallo ha reagito da tempo, e verso la fine del 2017, ha debuttato con Carlo Rossi in bottiglie da 750 millilitri, la prima volta che ha deciso di vendere il marchio in questo formato, per accontentare i Millennials. Per attrarre la loro attenzione, E. & J. Gallo ha anche diversificato la linea, aggiungendo ad essa anche le versioni più “trendy” di Sangria Rosa Moscato e Sangria Fiesta allontanandosi dai vini del Vecchio Mondo come Borgogna e Chianti.

"
La prossima generazione vuole vino saporito", afferma Stephanie Gallo, responsabile marketing di E. & J. Gallo. "Stiamo evolvendo il nostro marchio per attrare questa categoria."
Gli americani di età compresa tra 21 e 34 anni (un gruppo che include in una certa parte la generazione Z, ma si tratta principalmente di Millenials) acquistano solo il 10% del vino venduto nei negozi al dettaglio, ma rappresentano il 17% della popolazione acquirente, secondo i dati rilevati dalla multinazionale Nielsen.

"Questo è un problema per la categoria del vino" è il pensiero di Danny Brager, vicepresidente senior della alcohol practice di Nielsen. "Il cuore del vino è targato boomers e senior."
I boomer sono responsabili del più grande periodo di crescita delle vendite di vino nella storia degli Stati Uniti. Man mano che invecchiavano, il vino acquisiva un’idea sempre maggiore di eleganza, soprattutto se paragonato all’alternativa più immediata, ovvero alle birre a basso contenuto calorico o ai liquori economici. Non dimentichiamo che questa fascia demografica ha potuto beneficiare di un'economia sana, che ha dato loro il potere d'acquisto adeguato per permettersi anche vini costosi.

Ma i millennial, sappiamo bene, sono di tutt’altro stampo. Sono attenti ai costi ed i “lividi” provocati dalla crisi finanziaria del 2008 si fanno ancora sentire. In generale, negli USA, i Millenials stanno allungando i tempi in molti aspetti della loro vita: l'acquisto di case, il matrimonio e, sì, ovviamente anche l’evoluzione all'acquisto di vini pregiati. Per porzione o bicchiere, il vino è più costoso della birra e degli altri alcolici, ciò rende quindi difficile per loro consumare una bottiglia di vino da $ 30 con circa cinque bicchieri (ed il vino si ossida, quindi non può essere consumato a lungo una volta aperto), mentre una bottiglia di Maker’s Mark a prezzo simile ne offre 25 e ha una durata nettamente più lunga.

Come se non ci fossero problemi a sufficienza, la crescita dell’industria dei liquori, può decisamente rappresentare un problema.
La quota di mercato della birra nel mercato totale degli alcolici negli Stati Uniti è passata dal 56% nel 1999 al 45,5% l'anno scorso, secondo i dati di Distilled Spirits Council. I produttori di liquori hanno catturato 9,1 punti percentuali dalle perdite di share della birra, contro solo 1,4 per il vino.

E gli stili? Quali i favoriti?
I millennial favoriscono il pinot nero, il moscato, gli spumanti e, naturalmente, il rosato. Stanno invece evitando Chardonnay, White Zinfandel e, praticamente, tutto il resto.
I produttori di vino hanno bisogno di una rapida inversione di tendenza perché, entro il 2027, si prevede che i Millennial superino la Generation X, soffiandogli il posto di più grande fascia demografica consumatrice di vino.

"Ciò che amo dei millennial è che non vedono il vino come una bevanda formale ma come una bevanda sociale informale", continua Stephanie Gallo.
L’idea dell’azienda infatti è che i viticoltori si allontanino dal marketing del vino elitario, sostenendo inoltre che l'industria potrebbe fare un lavoro migliore commercializzando e producendo vini per una popolazione più diversificata, e non solo per nicchie d’elite.


Visto che stiamo parlando delle scelte di E&J Gallo per ammaliare i giovani di questa categoria, è bene citare anche un'altra strategia che è riuscita a portarli in posizione di vantaggio: le linee dedicate al vino in lattina, Apothic, Dark Horse e Barefoot Spritzers. Ciò ha aperto nuove opportunità di distribuzione per l'azienda, che hanno garantito l'evolversi della conoscenza del brand anche a fasce di consumatori nuovi, i vini in scatola infatti trovano contesti di consumo diversi, come gli stadi, i concerti o le feste in spiaggia, ambienti tipicamente frequentati dai Millenials e dalla Generazione Z, il futuro del consumo mondiale.
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Wine Spectator, Robert Parker Wine Advocate e Falstaff premiano la storica realtà della Valpolicella con punteggi eccellenti sabato 21 settembre 2019

Importanti riscontri a livello internazionale per Tedeschi

Wine Spectator, Robert Parker Wine Advocate e Falstaff premiano la storica realtà della Valpolicella con punteggi eccellenti

Abbiamo degustato per voi il Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.
sabato 21 settembre 2019

Italian wines in the world: Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.

Abbiamo degustato per voi il Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.

The dynamic international wine industry forum organized by Veronafiere, now in its 6th edition, this year will be held on November 25th and 26th in Verona, Italy. friday 20 september 2019

Mobilising New Technologies for Wine Producers at wine2wine 2019

The dynamic international wine industry forum organized by Veronafiere, now in its 6th edition, this year will be held on November 25th and 26th in Verona, Italy.

Lunedì 28 ottobre a Officine Farneto di Roma la competizione degli chef emergenti con show cooking e la parallela di Migliore Emergente Pizza venerdi 20 settembre 2019

Torna il Festival della Gastronomia a Roma ed è tutto per i professionisti dell’Ho.re.ca quest’anno

Lunedì 28 ottobre a Officine Farneto di Roma la competizione degli chef emergenti con show cooking e la parallela di Migliore Emergente Pizza

Presentato a Milano il nuovo Merlot in purezza, etichetta rinnovata nel solco dell’identità e dell’evoluzione. venerdi 20 settembre 2019

Il nuovo Montiano della Famiglia Cotarella

Presentato a Milano il nuovo Merlot in purezza, etichetta rinnovata nel solco dell’identità e dell’evoluzione.

Giovanna Romeo
Il nostro Wine Manager Day ha testimoniato ancora una volta che nelle relazioni tra i manager si possono individuare gran parte delle soluzioni alle problematiche del nostro settore vitivinicolo
venerdi 20 settembre 2019

Manager del vino: nel network le risposte e le opportunità

Il nostro Wine Manager Day ha testimoniato ancora una volta che nelle relazioni tra i manager si possono individuare gran parte delle soluzioni alle problematiche del nostro settore vitivinicolo

Fabio Piccoli
Ernesto Abbona di Unione Italiana Vini: “Serve azione diplomatica per scongiurare sanzioni”. venerdi 20 settembre 2019

Dazi USA: UIV si appella al premier Conte per risparmiare le aziende italiane

Ernesto Abbona di Unione Italiana Vini: “Serve azione diplomatica per scongiurare sanzioni”.

Nomisma Wine Monitor ci aggiorna su questi ultimi 30 anni di export italiano nel mondo 
giovedi 19 settembre 2019

I 30 anni che hanno cambiato l’export italiano

Nomisma Wine Monitor ci aggiorna su questi ultimi 30 anni di export italiano nel mondo

Noemi Mengo
Intervista a Jay Whiteley, esperto del mercato di Toronto, in particolare del monopolio LCBO, che ci espone la sua visione sulle potenzialità del vino italiano in Canada.  
mercoledi 18 settembre 2019

Toronto: là dove scegliere il canale giusto fa la differenza

Intervista a Jay Whiteley, esperto del mercato di Toronto, in particolare del monopolio LCBO, che ci espone la sua visione sulle potenzialità del vino italiano in Canada.

Noemi Mengo
We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC wednesday 18 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo


sfondo_wm