Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace
mercoledi 30 marzo

Canada: una, mille facce di un mercato in grande espansione

La lezione di Luc Desroches, esperto del mercato e Sales Managing Director di Masi in America e Asia


Canada: una, mille facce di un mercato in grande espansione
Canada: un Paese, tanti mercati, in una linea geografica che va da Montreal a Vancouver e ritorno, passando per l’Alberta. La parola chiave è Monopolio, ma non come è inteso nei Paesi del nord Europa dove il motivo dell’esistenza di questo sistema di controllo è la predisposizione all’eccessivo consumo di vino che in passato costituiva un problema sociale. In Canada il Monopolio è nato nel periodo del Proibizionismo americano degli anni Venti per consentire alla popolazione di consumare alcolici, seppur in modo selezionato, nonostante il divieto americano.
Uno dei massimi esperti del mercato canadese, Sales Director di una delle aziende italiane di spicco, Masi Agricola, è Luc Desroches, che abbiamo incontrato durante un’interessante lezione sul mercato alla Fondazione Mach di San Michele all’Adige.

Dopo una prima panoramica del Canada, Paese con 6 milioni di abitanti, concentrati per l’85% nelle province dell’Ontario, Quebec, British Columbia e Alta, Desroches si concentra proprio sul concetto della grande diversità che caratterizza le 10 province del territorio canadese. Ogni area, che raggruppa più province, è regolata da un diverso Monopolio (SAQ, LCBQ, BCLDB), ad esclusione dell’Alberta che è un mercato libero. Il consumo di vino nelle diverse aree subisce varie influenze: la costa ovest risente dalla vicinanza con l’Asia, al contrario la costa est delle correnti che arrivano dall’Europa.

I numeri del vino superano i 46 milioni di casse di vino importate con un aumento del 4% rispetto agli anni precedenti. Tra le province più virtuose, Ontario e Quebec rappresentano il 67,6% del mercato totale. Tra i vini preferiti dai canadesi al primo posto il vino locale (blend di vino importato e imbottigliato in Canada), poi quello italiano e al terzo posto quello francese; a seguire Stati Uniti, Australia, Cile.
"Ogni area del Canada manifesta poi preferenze peculiari: ad esempio la costa est è più predisposta verso i vini americani, preferenza dovuta alla vicinanza con la California, mentre il Quebec è più portato verso i vini di importazione o i blend di vino sfuso che viene imbottigliato localmente e venduto come vino canadese.
Per quanto riguarda i vini italiani, il trend di crescita è esponenziale negli ultimi anni, con una forte concentrazione nell’area est e una preferenza spiccata per il Veneto" racconta Desroches.

Desroches ci svela anche alcune interessanti curiosità sul mercato del vino in Canada. La prima?
L’e-commerce va molto forte in Canada, ma non ancora abbastanza per il settore food and wine. Nonostante ciò le prospettive di crescita di questo settore sono molto promettenti nei prossimi anni.
La seconda curiosità riguarda l’esigenza di sfatare un mito: i vini in Canada costano molto.
"Un vino venduto dal produttore a 5 dollari, lo si trova sugli scaffali a 15 dollari. I prezzi non sono molto differenti da quelli praticati negli USA" dice Desroches. L’esperto spiega questo aumento di prezzo motivando il fatto che i Monopoli ricoprono molti ruoli e sono al tempo stesso importatori, distributori, retailer, proprietari di negozi…

Come entrare in questo esigente mercato? Desroches spiega che è possibile essere inseriti in diversi listini:

- regular listing: l’inserimento nel listino generale avviene tramite un invito con bando di gara sul sito del monopolio. La selezione avviene preventivamente sulla base di dati forniti dal produttore chiamato a compilare una scheda sul sito e successivamente tramite colloquio individuale. Al produttore viene richiesto di raggiungere una quota minima di vendite annua per rimanere sugli scaffali.
- vintages o speciality listing: per entrare in questo listino il meccanismo di selezione può avvenire o tramite bando o offerta spontanea del produttore. I criteri sono molto più selettivi e comportano una distribuzione limitata da parte del Monopolio, il che significa che sono necessari partner locali che possano supportare la distribuzione. Il Monopolio inoltre acquista una quantità limitata di prodotto e dà una valutazione basata sulla velocità di vendita (90 giorni per dimostrare di meritare di rimanere nel listino).
- private import: questo canale comporta l’approvazione da parte del Monopolio, ma una completa autonomia di distribuzione del prodotto tramite agenti locali nel settore HoReCA e a consumatori privati, non nei negozi ufficiali del Monopolio.


La bellezza del mercato canadese? Secondo l’esperto sono tre gli elementi a favore di questo mercato: la sicurezza dei pagamenti, che avvengo sempre regolarmente; il produttore può conoscere esattamente il prezzo di vendita dei propri prodotti fin dalla selezione; il mercato è trasparente, statistiche ed indagini aggiornate sono sempre disponibili.
Di contro il mercato canadese si presenta come un terreno molto esigente ed impegnativo da affrontare, in cui sono presenti molti gate keepers, guardiani del mercato, e dove le regole, seppur eque, non sono molto flessibili.
Il consiglio dell’esperto? Scegliere accuratamente i propri agenti promozionali locali, fondamentali nella relazione con il Monopolio e nella gestione dei contatti commerciali. "Cercate i contatti prima, chiedete loro di visitarvi in Italia, stringete l’accordo con quello adatto a voi per area di competenza e tipologia di vini curati. Non lasciate nulla al caso in un mercato così competitivo ed esigente" conclude Desroches.

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo