Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 16 giugno 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://events.editricetemi.com/events/WorkshopFood&Beverage/registrazione.html?idpg=497 Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it
giovedi 03 gennaio 2019

Caro Export italiano, come stai?

Uno sguardo alla situazione odierna: i dati di consumo nel mondo e lo stop di import fra Cina e Usa ci danno la speranza che meritiamo


Caro Export italiano, come stai?
“Export all’italiana, tutti per uno e nessuno per tutti” era il titolo di uno dei più importanti seminari presentati all’interno del forum wine2wine, prezioso momento di riflessione per tutti i membri del comparto del vino. Il titolo, provocatorio non a caso, parla chiaro sulla situazione odierna dell’export italiano: dalle grandi potenzialità ma all’interno del quale si fa ancora fatica a comunicare. Per capire meglio quali sono le novità, ci avvaliamo delle statistiche esposte durante l’evento da Denis Pantini, Responsabile Wine Monitor di Nomisma, che ci ha reso chiari i dati di import di fonte doganale, risultanti dalle indagini dell’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor.

Export e mercati del mondo: che succede?
Negli ultimi 5 anni la domanda di vino italiana è cresciuta quasi ovunque, in Australia e Nuova Zelanda, nell’Europa dell’Est, in Chile e in Argentina, in alcuni Stati centrali dell’Africa e in Cina è cresciuto oltre il 50%, mentre in Russia, nei Paesi Scandinavi, in Brasile, in Francia e in Inghilterra, negli Stati Uniti e in Alaska ha subito una crescita che va dal 20% al 50% tra il 2012 e il 2017.

Non bisogna però adagiarsi sugli allori, i consumi di vino nel 2018 sono calati in 4 mercati su 10. I consumi assoluti maggiori si riscontrano negli Stati Uniti, con 32 milioni di hl e in Germania con 20.1 milioni di hl, mercato che però ha subito nell’ultimo anno un ribasso di -0.1%. In calo anche il mercato inglese con una perdita tra il 2012 e il 2017 del -4.7% e dal 2017 al 2018 del -1.6%, il mercato del Giappone con un valore di consumo di 3.5 milioni di hl, ma con un calo nel corso dell’ultimo anno del -1.3%, e il mercato svizzero, che è calato dal 2012 al 2017 del -1.9% e nell’ultimo anno di -0.9%.

Segnano il passo le importazioni (non solo italiane) di vini fermi, in particolare in USA, il cui valore di importazione si attesta a 3.876 milioni di euro, di cui 1.263 milioni riferiti al vino italiano, nel 2018, UK con 2.167 milioni di euro, di cui 370 milioni di vino italiano, e Germania con 1.570 milioni di euro, di cui 621 milioni di vino italiano.

Continuano il loro viaggio sull’onda di tendenza i vini sparkling, che crescono in USA, nell’ultimo anno sono cresciuti del +4.9% toccando i 1.115 milioni di euro come valore di importazione, di cui 386 di vino italiano; in UK, dove dal 2012 al 2017 erano calati del -5.1% ed ora sono ricresciuti del +4.2% con 736 milioni di euro, di cui 345 milioni di vino italiano; e in Giappone, cresciuti del -10.5% con 527 milioni di euro, di cui 33 milioni di vino italiano, nel 2018.

E la Cina? Si è presa una pausa di riflessione dagli USA
A causa della recente guerra commerciale dei dazi che ha visto protagonisti gli Stati Uniti di Donald Trump e la Cina, per la quale è stato dichiarato lo stop alle importazioni statunitensi, è difficile avvalersi di statistiche aggiornate, in quanto i dati doganali non sono facilmente reperibili, ma ripercorrendo a ritroso i flussi e ricostruendoli ci è dato sapere che le possibilità di crescita per noi ci sono. Proprio per via delle vicende accadute, in Cina sono oggi presenti forti accumuli di scorte, fattore che mette il Paese nelle condizioni di prendersi una sorta di pausa di riflessione e ridimensionare le proprie entrate di vino. Tendiamo le orecchie noi italiani, perché alla lunga lo stallo fra Usa e Cina potrebbe portarci bei vantaggi. Secondo uno studio svolto da Coldiretti su dati Istat infatti, sembra che Il vino italiano potrebbe avvantaggiarsi della guerra commerciale tra Usa e Cina dopo che le esportazioni dello stesso all’interno del Paese hanno raggiunto il massimo storico di oltre 130 milioni di euro nel 2017, grazie all’aumento del 29%.

Il momento di agire quindi è proprio questo. Abbiamo tutte le carte in regola per fare una promozione sensata e strategica, portando il vino italiano nel mondo come forza unita e compatta, e non spingendo solo le singole aziende, modalità che sembra vincente all’inizio ma controproducente poi, perché è facile dimenticare. Il lavoro da fare è tanto, e ci vorrà del tempo, degli accordi bilaterali e la volontà di cambiare un quadro che da decenni ha smesso di funzionare. 
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi il Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 di Vigna Dogarina sabato 15 giugno 2019

Italian wines in the world: Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 di Vigna Dogarina

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 di Vigna Dogarina

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori venerdi 14 giugno 2019

Torna Roséxpo il Salone Internazionale dei Vini Rosati

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole. venerdi 14 giugno 2019

Un percorso attraverso il tempo e lo spazio degli spumanti metodo classico

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole.

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano venerdi 14 giugno 2019

Più che cambio è rivoluzione generazionale

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano

Fabio Piccoli
Una collezione di risultati che non può non essere raccontata 
venerdi 14 giugno 2019

Cantina di Soave, un 2019 da record

Una collezione di risultati che non può non essere raccontata

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi venerdi 14 giugno 2019

Le potenzialità del "vulcano"

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi

Agnese Ceschi
Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 
giovedi 13 giugno 2019

Hong Kong International Wine and Spirits Fair, unisciti a noi!

Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 

L'ondata di consumo di vini SOLA (sostenibile, biologico, a bassa gradazione alcolica e altri prodotti alternativi) è in aumento secondo l’ultimo rapporto Wine Intelligence giovedi 13 giugno 2019

SOLA: cosa ci dice il nuovo report di Wine Intelligence?

L'ondata di consumo di vini SOLA (sostenibile, biologico, a bassa gradazione alcolica e altri prodotti alternativi) è in aumento secondo l’ultimo rapporto Wine Intelligence

Agnese Ceschi
Analizziamo una recente tendenza di consumo che arriva da Oltreoceano mercoledi 12 giugno 2019

Il vino in lattina? È arrivato il suo momento...

Analizziamo una recente tendenza di consumo che arriva da Oltreoceano

Agnese Ceschi
Migliaia di persone, tra ospiti, appassionati e operatori del settore, hanno partecipato alle numerose iniziative in programma per il Conegliano Valdobbiadene Festival martedi 11 giugno 2019

Grande successo del Conegliano Valdobbiadene Festival per i 50 anni della Denominazione

Migliaia di persone, tra ospiti, appassionati e operatori del settore, hanno partecipato alle numerose iniziative in programma per il Conegliano Valdobbiadene Festival

Unico vino sardo premiato, primo vermentino di Gallura nella storia martedi 11 giugno 2019

Bèru di Siddùra conquista il Platino al Decanter World Wine Awards

Unico vino sardo premiato, primo vermentino di Gallura nella storia

Come è cambiato il ruolo dell'agente nel corso degli ultimi 20 anni? Perché nonostante questi cambiamenti è ancora fondamentale? martedi 11 giugno 2019

L'importanza degli agenti ieri e oggi

Come è cambiato il ruolo dell'agente nel corso degli ultimi 20 anni? Perché nonostante questi cambiamenti è ancora fondamentale?

Lorenzo Righi
I consumatori tedeschi si evolvono ed i loro acquisti si orientano su scelte diverse rispetto al passato. lunedi 10 giugno 2019

In Germania c’è poco spazio per la “brand awareness”, vincono qualità e regione d'origine

I consumatori tedeschi si evolvono ed i loro acquisti si orientano su scelte diverse rispetto al passato.

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Gironia Biferno Rosso Riserva DOC 2010 di Cantine Borgo di Colloredo sabato 08 giugno 2019

Italian wines in the world: Gironia Biferno Rosso Riserva DOC 2010 di Cantine Borgo di Colloredo

Abbiamo degustato per voi Gironia Biferno Rosso Riserva DOC 2010 di Cantine Borgo di Colloredo

Vantaggi del digitale in campo, nuove strategie di difesa della vite e analisi del quadro normativo che regola l’utilizzo di rame: Image Line e Donne della Vite fanno il punto a Enovitis in Campo 2019 venerdi 07 giugno 2019

Viticoltura sostenibile: la gestione dei vigneti è sempre più smart

Vantaggi del digitale in campo, nuove strategie di difesa della vite e analisi del quadro normativo che regola l’utilizzo di rame: Image Line e Donne della Vite fanno il punto a Enovitis in Campo 2019

Oggi si discute molto sul ruolo dei cosiddetti influencer del vino ma nella realtà spesso sono molti meno di quelli che immaginiamo, ma è solo questione di tempo e di qualcos'altro…

venerdi 07 giugno 2019

Si fa presto a dire influencer

Oggi si discute molto sul ruolo dei cosiddetti influencer del vino ma nella realtà spesso sono molti meno di quelli che immaginiamo, ma è solo questione di tempo e di qualcos'altro…

Fabio Piccoli


sfondo_wm