Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 15 dicembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/ La Torraccia  www.cantinatollo.it Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/
mercoledi 13 novembre 2019

Caro Giappone, piacere di (ri)conoscerti

Durante la nostra tappa a Tokyo abbiamo conosciuto un nuovo Giappone, che ci domanda nuovi prodotti ed esperienze più intense, il tutto nel massimo rispetto della cultura orientale.


Caro Giappone, piacere di (ri)conoscerti

Masterclass a Tokyo


Lunedì 11 e martedì 12 novembre 2019 abbiamo presenziato, portando con noi una collettiva di aziende vitivinicole italiane, all'evento b2b in partnership con Wonderfud che, sebbene già avessimo lavorato in passato nel Paese, ci ha fatto conoscere un nuovo Giappone, che vi vogliamo assolutamente raccontare.

Partiamo con qualche dato aggiornato, oggetto del seminario di formazione iniziale a cui i produttori presenti hanno assistito condotto da Yoshihiro Nagase, presidente di Quattrovini Co Ltd. e Sebastiano Bazzano di Wonderfud.
Ad oggi il Giappone vanta una popolazione di 126.785.826 abitanti e, nonostante le irrisorie dimensioni geografiche rispetto ai suoi concorrenti, si posiziona come terza economia al mondo, dopo Stati Uniti e Cina. Si presenta anche al 5° posto come leader del commercio mondiale, portandosi a casa il 4,07% delle esportazioni mondiali tra beni, servizi e reddito.

Si rivela però anche un grande importatore e l’interscambio con l’Italia è più che favorevole, con una quota di mercato dell’1,4% e con una importante dose di prodotti importati tra cui pelletteria, abbigliamento, accessori, e beni agroalimentari. L’accordo di Libero Scambio UE-Giappone, siglato lo corso luglio, ci viene incontro, prevedendo l’eliminazione della maggioranza dei dazi all’importazione dei prodotti europei in arrivo nel Paese, l’eliminazione e la forte riduzione delle barriere non tariffarie, la protezione dei marchi e l’agevolazione negli investimenti.

Concentrandoci proprio sul vino, i dati a nostra disposizione, rilasciati da Nomisma Wine Monitor, dicono che il consumo totale di vino è passato da 2,9 milioni di ettolitri nel 2012 a 3,5 milioni di ettolitri nel 2017, con un consumo pro capite che ha fatto un salto da 2,3 litri annui a 2,8 nello stesso arco di tempo. Il concorrente principale è il sakè, la bevanda giapponese per eccellenza, che nel 2017 occupava 5,3 milioni di ettolitri ed un consumo pro capite di 4,3 litri annui.
I canali di vendita principali sono l’off trade con 2,2 milioni di ettolitri nel 2017, prevalentemente occupati al 50% dalla GDO, 32% dalla specialty e l’8% dalla vendita al dettaglio, e l’on trade per 1,3 milioni di ettolitri.

Urge però un altro aggiornamento: a che tipo di consumatore ci stiamo rivolgendo? Innanzitutto occorre sapere che il Giappone è un Paese ad altissimo sviluppo umano, su una scala da 0 a 100 si posiziona ad un valore di 89. L’età media del Paese è piuttosto avanzata, sui 46 anni, gli abitanti sopra i 60 anni sono pari al 32% mentre quelli sotto i 15 anni sono solamente il 13,1%. Inoltre c’è un alto tasso di urbanizzazione, il 93,5% della popolazione totale vive infatti in aree urbane. Tokyo, in particolare, nel complesso metropolitano è la città più popolosa al mondo, con circa 38 milioni di abitanti.

Il consumatore di vino in Giappone oggi è un consumatore mediamente consapevole, molto più preparato rispetto a prima. Ce lo ha confermato anche Osamu Hayashi, alla guida di Grande-sam e Accademie du Vin di Tokyo, un importatore che lavora da oltre vent’anni solo con il vino italiano, che ai nostri microfoni ha detto: “quando ho iniziato a lavorare con i vini italiani, cercavo solamente grandi classici, DOCG, DOC, qualche IGT, ma adesso c’è bisogno di qualcosa di nuovo. Possiamo dire che il Giappone sia un mercato quasi maturo perciò i classici tradizionali, storici non vanno più, abbiamo bisogno di qualcosa di nuovo, vitigni autoctoni, tipologie diverse dai grandi rossi, oggi più difficili che mai da piazzare. Qualcosa di mai visto, è questo che oggi ci richiedono i consumatori”.

Ha aggiunto anche Megumi Nishida, giornalista giapponese “la moda qui in Giappone ha sempre voluto vini rossi, adatti al nostro mercato, focalizzandosi soprattutto sulle zone del Piemonte, o sui vini francesi, ma d’ora in poi saranno i bianchi a dettare la moda, specie se sapientemente abbinati alla cucina locale, elemento a cui i consumatori giapponesi prestano molta attenzione.”

Non resta che chiedersi quindi quali siano le migliori strategie per farsi conoscere in questo mercato. Il rispetto delle tradizioni e della cultura locale è essenziale. Dobbiamo entrare nell’ottica e nella filosofia orientale, che non condivide i nostri stessi valori, bensì pone al centro sempre il gruppo, l’armonia, l’estetica, e non promuove l’individualismo, come in Occidente. Per concludere una trattativa in Giappone, quindi, bisogna armarsi di pazienza ed attenzione: non si concluderanno trattative da un giorno con l’altro, i giapponesi tendono a “farsi desiderare”, non antepongono mai le proprie esigenze a quelle del gruppo a cui appartengono e sono straordinariamente capaci di controllare le loro emozioni ed il loro linguaggio del corpo. Un dono, per loro, è sempre ben accetto e cosa più importante: lo scambio dei biglietti da visita è un vero è proprio rito da rispettare, 
il biglietto va accolto con entrambe le mani e poggiato davanti a sé, non nella tasca. Fa sorridere pensare come un così piccolo dettaglio possa essere, talvolta, decisivo in un incontro promettente, eppure alcuni dettagli sono elementi da non dimenticare.

Il Giappone si conferma un mercato dove
le potenzialità per i nostri autoctoni crescono e dove è giunto il momento di dare ai giapponesi ciò che domandano: l’emozione di vivere lo stile italiano, con un’esperienza, che sia un viaggio tra le colline toscane, o una degustazione in un altissimo palazzo di Tokyo. 


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Artigianalità, identità, ruralità ma anche monitoraggio di costi e margini, pianificazione strategica e sostenibilità economica. Il bilanciamento rappresenta la chiave di volta. sabato 14 dicembre 2019

Il successo? Un equilibrio tra pragmatismo e idealismo

Artigianalità, identità, ruralità ma anche monitoraggio di costi e margini, pianificazione strategica e sostenibilità economica. Il bilanciamento rappresenta la chiave di volta.

Emanuele Fiorio
Abbiamo degustato per voi il Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo sabato 14 dicembre 2019

Italian wines in the world: Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo

Abbiamo degustato per voi il Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo

I programmi formativi di successo sono quelli in grado di creare un network di contatti tra mercato, media, influencer e consumatori. venerdi 13 dicembre 2019

Il segreto di un percorso formativo qualificante sono i legami personali. Community significa maggior apprendimento e visibilità

I programmi formativi di successo sono quelli in grado di creare un network di contatti tra mercato, media, influencer e consumatori.

Emanuele Fiorio
I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino? venerdi 13 dicembre 2019

Sempre più “laico” il mercato del vino

I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino?

Fabio Piccoli
La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale. giovedi 12 dicembre 2019

Valle d’Aosta: avanguardia di una viticoltura tra terra e cielo

La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale.

Giovanna Romeo
Concretezza, praticità, aggiornamento, confronto costante con la realtà del  settore vinicolo: questa è la sintesi della proposta WinePeople Campus.  giovedi 12 dicembre 2019

WinePeople Campus, formazione a contatto con le esigenze aziendali: “insegniamo quello che facciamo e facciamo quello che insegniamo”

Concretezza, praticità, aggiornamento, confronto costante con la realtà del settore vinicolo: questa è la sintesi della proposta WinePeople Campus.

Emanuele Fiorio
Dal Gruppo Veronafiere nasce la nuova fiera Wine to Asia, programmata dal 9 all'11 novembre 2020, con l'obiettivo di diventare un riferimento permanente per il Far East, mercato che vale, solo per il comparto vino, 6,4 miliardi di euro di import. giovedi 12 dicembre 2019

Nasce la società Shenzen Baina International Exhibitions per operare sul mercato cinese e asiatico

Dal Gruppo Veronafiere nasce la nuova fiera Wine to Asia, programmata dal 9 all'11 novembre 2020, con l'obiettivo di diventare un riferimento permanente per il Far East, mercato che vale, solo per il comparto vino, 6,4 miliardi di euro di import.

La Master of Wine Annette Scarfe esplora questo competitivo mercato, hub commerciale nel sud est asiatico giovedi 12 dicembre 2019

Singapore: tra accise e premium wines

La Master of Wine Annette Scarfe esplora questo competitivo mercato, hub commerciale nel sud est asiatico

Agnese Ceschi
Roberto Salis, Direttore Commerciale di Cantina Santa Maria La Palma, ci racconta origini e aneddoti del vino da “record” Aragosta 
giovedi 12 dicembre 2019

Linea Aragosta, un’etichetta storica dal futuro scintillante

Roberto Salis, Direttore Commerciale di Cantina Santa Maria La Palma, ci racconta origini e aneddoti del vino da “record” Aragosta

Abbiamo degustato per voi mercoledi 11 dicembre 2019

Italian wines in the world: "Reius" Amarone della Valpolicella Classico di Casa Vinicola Sartori

Abbiamo degustato per voi "Reius" Amarone della Valpolicella Classico di Casa Vinicola Sartori

Con il progetto “lieviti e terroir”, realizzato in collaborazione con Startogen e con StarFinn, Tinazzi investe sui lieviti autoctoni per la produzione di Corvina e Primitivo 2019 e sposa la causa della ricerca innovativa e della salvaguardia del proprio patrimonio microbiologico. mercoledi 11 dicembre 2019

"Innovazione tradizionale": Tinazzi punta sui lieviti autoctoni nella vendemmia 2019

Con il progetto “lieviti e terroir”, realizzato in collaborazione con Startogen e con StarFinn, Tinazzi investe sui lieviti autoctoni per la produzione di Corvina e Primitivo 2019 e sposa la causa della ricerca innovativa e della salvaguardia del proprio patrimonio microbiologico.

Ha risposto a questa domanda Jonas H Röjerman, Master of Wine e Responsabile Qualità Prodotto per il monopolio svedese, durante un'interessante simulazione di un tender. mercoledi 11 dicembre 2019

Come faccio a vincere un tender in Svezia?

Ha risposto a questa domanda Jonas H Röjerman, Master of Wine e Responsabile Qualità Prodotto per il monopolio svedese, durante un'interessante simulazione di un tender.

Agnese Ceschi
Tramutare le sciagure in opportunità: andata e ritorno dall’Inferno martedi 10 dicembre 2019

Yannick Benjamin, l’Araba Fenice dell’Hospitality

Tramutare le sciagure in opportunità: andata e ritorno dall’Inferno

Emanuele Fiorio
Considerazioni e consigli preziosi sul mercato cinese martedi 10 dicembre 2019

Ombre cinesi

Considerazioni e consigli preziosi sul mercato cinese

Graziano Molon
Viaggio negli eventi internazionali, quali sono le reali probabilità di successo? martedi 10 dicembre 2019

Evento B2B: un contenitore perfetto

Viaggio negli eventi internazionali, quali sono le reali probabilità di successo?

Lavinia Furlani
We have tasted for you Tenuta Montemagno's Invictus tuesday 10 december 2019

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Invictus

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Invictus

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato
martedi 10 dicembre 2019

Come si costruisce un brand?

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato

Noemi Mengo


WineMeridian