Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi Cantina Valpolicella
martedi 25 giugno 2019

Casale del Giglio: gli autoctoni laziali e i mercati internazionali

Intervista ad Antonio Santarelli, alla guida di Casale Del Giglio


Casale del Giglio: gli autoctoni laziali e i mercati internazionali

La bottaia


Radici profonde legate al territorio di Amatrice, dove, dal 1914, la allora “Ditta Berardino Santarelli & Figli” iniziò la propria storia nel commercio di vino. È Dino Santarelli che, nel 1955, diede avvio all’importante attività di export dei vini autoctoni laziali che iniziavano ad essere imbottigliati e non più sfusi. Oggi Antonio Santarelli alla guida di Casale del Giglio prosegue la tradizione familiare nello sviluppare l’attività di export con differenti progetti volti a valorizzare il grande patrimonio degli autoctoni laziali.

Dott. Santarelli qual è attualmente la situazione di sviluppo del mercato di Casale del Giglio?
Abbiamo creduto da subito nel “km Zero”, pertanto il nostro mercato è prevalentemente quello di Roma e del Lazio per il 70% circa. Un 20% delle nostre vendite si registrano in Italia (ristoranti, wine-bar ed enoteche). Il restante 10% è export. Su questo ultimo stiamo concentrando le nostre energie.

Quali sono le etichette che all’estero vi rappresentano maggiormente?
I vini più facilmente spendibili non sono, per il momento, le nostre etichette di punta come Mater Matuta o Anthium. Il mercato Europeo e Internazionale ha una conoscenza ancora limitata della nostra area geografica. Il focus riguarda gli autoctoni Bellone e Cesanese, etichette più facilmente comprensibili sia in Brasile, in Cina, in Canada, in Giappone così come in Europa, ad esempio in Germania. Educhiamo il consumatore alla conoscenza del nostro territorio nell’ottica di proporre vini sempre più esclusivi.

Ci parli del grande lavoro sugli autoctoni Bellone e Cesanese.
In effetti il primo autoctono valorizzato è stato quello di Ponza: la Biancolella. Poi il percorso è proseguito con i vitigni locali, di cui l’Italia è così ricca, come Bellone e Cesanese. Il primo è coltivato un po’ in tutto il Lazio, dai Castelli Romani sino ai Monti Lepini che dividono la provincia di Latina dalla provincia di Frosinone, fino alle propaggini della città di Anzio. Un vecchio detto racconta che il Bellone sia un vitigno che “ama l’aria del mare”; abbiamo recuperato alcuni filari di vecchie vigne su piede franco, poste proprio in questi areali, di proprietà di anziani viticoltori. Tralci rimessi a dimora, sui quali abbiamo sviluppato specifici progetti proprio perché è considerata una varietà di pregio dalle grandi potenzialità: uva dalla buccia piuttosto spessa che conferisce ricchezza in termini di profumi e di intensità gustativa.

Potremmo definire sperimentazione e dinamismo le vostre chiavi di lettura?
Sì, da sempre abbiamo creduto nella sperimentazione sviluppando piani di lavoro che andassero a valorizzare, inizialmente varietà internazionali, ad esempio, il Petit Verdot in purezza. Nel 1985 abbiamo messo a dimora 57 varietà diverse in un’area caratterizzata da terreni bonificati molto simili alla Maremma ed al Bordeaux, molto esposti alla brezza marina e favorevoli sia a vitigni italici che internazionali. Percorsi rischiosi ma entusiasmanti che hanno visto quale interprete determinante dell’intero progetto il direttore tecnico dell’azienda, l’Enologo Paolo Tiefenthaler, diplomatosi all’Istituto di San Michele all’Adige (TN).

Quali gli obiettivi futuri?
Tra gli obiettivi futuri c’è una bollicina di grande finezza che ci auguriamo di produrre fra Amatrice ed Accumoli, colpite dal terribile terremoto del 2016.
Abbiamo pertanto piantato nel 2018 un piccolo vigneto di Pecorino.
Con pazienza e passione siamo certi che arriveremo al nostro obiettivo!
Puntiamo ancora di più ad aumentare la presenza delle etichette laziali nelle Carte di Vini e, di conseguenza alla valorizzazione delle nostre eccellenze come Mater Matuta, blend di Syrah (85%) e una pennellata di Petit Verdot (15%) ed un Bellone evoluto, annata 2015, dal nome “Radix” affinato in barrique ed in anfora. 

Casale del Giglio: gli autoctoni laziali e i mercati internazionali

La tenuta


Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo
L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud. sabato 13 luglio 2019

Partecipa con noi alla missione in Giappone con b2b con agenda programmata

L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud.



sfondo_wm