Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 31 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it
martedi 25 giugno 2019

Casale del Giglio: gli autoctoni laziali e i mercati internazionali

Intervista ad Antonio Santarelli, alla guida di Casale Del Giglio


Casale del Giglio: gli autoctoni laziali e i mercati internazionali

La bottaia


Radici profonde legate al territorio di Amatrice, dove, dal 1914, la allora “Ditta Berardino Santarelli & Figli” iniziò la propria storia nel commercio di vino. È Dino Santarelli che, nel 1955, diede avvio all’importante attività di export dei vini autoctoni laziali che iniziavano ad essere imbottigliati e non più sfusi. Oggi Antonio Santarelli alla guida di Casale del Giglio prosegue la tradizione familiare nello sviluppare l’attività di export con differenti progetti volti a valorizzare il grande patrimonio degli autoctoni laziali.

Dott. Santarelli qual è attualmente la situazione di sviluppo del mercato di Casale del Giglio?
Abbiamo creduto da subito nel “km Zero”, pertanto il nostro mercato è prevalentemente quello di Roma e del Lazio per il 70% circa. Un 20% delle nostre vendite si registrano in Italia (ristoranti, wine-bar ed enoteche). Il restante 10% è export. Su questo ultimo stiamo concentrando le nostre energie.

Quali sono le etichette che all’estero vi rappresentano maggiormente?
I vini più facilmente spendibili non sono, per il momento, le nostre etichette di punta come Mater Matuta o Anthium. Il mercato Europeo e Internazionale ha una conoscenza ancora limitata della nostra area geografica. Il focus riguarda gli autoctoni Bellone e Cesanese, etichette più facilmente comprensibili sia in Brasile, in Cina, in Canada, in Giappone così come in Europa, ad esempio in Germania. Educhiamo il consumatore alla conoscenza del nostro territorio nell’ottica di proporre vini sempre più esclusivi.

Ci parli del grande lavoro sugli autoctoni Bellone e Cesanese.
In effetti il primo autoctono valorizzato è stato quello di Ponza: la Biancolella. Poi il percorso è proseguito con i vitigni locali, di cui l’Italia è così ricca, come Bellone e Cesanese. Il primo è coltivato un po’ in tutto il Lazio, dai Castelli Romani sino ai Monti Lepini che dividono la provincia di Latina dalla provincia di Frosinone, fino alle propaggini della città di Anzio. Un vecchio detto racconta che il Bellone sia un vitigno che “ama l’aria del mare”; abbiamo recuperato alcuni filari di vecchie vigne su piede franco, poste proprio in questi areali, di proprietà di anziani viticoltori. Tralci rimessi a dimora, sui quali abbiamo sviluppato specifici progetti proprio perché è considerata una varietà di pregio dalle grandi potenzialità: uva dalla buccia piuttosto spessa che conferisce ricchezza in termini di profumi e di intensità gustativa.

Potremmo definire sperimentazione e dinamismo le vostre chiavi di lettura?
Sì, da sempre abbiamo creduto nella sperimentazione sviluppando piani di lavoro che andassero a valorizzare, inizialmente varietà internazionali, ad esempio, il Petit Verdot in purezza. Nel 1985 abbiamo messo a dimora 57 varietà diverse in un’area caratterizzata da terreni bonificati molto simili alla Maremma ed al Bordeaux, molto esposti alla brezza marina e favorevoli sia a vitigni italici che internazionali. Percorsi rischiosi ma entusiasmanti che hanno visto quale interprete determinante dell’intero progetto il direttore tecnico dell’azienda, l’Enologo Paolo Tiefenthaler, diplomatosi all’Istituto di San Michele all’Adige (TN).

Quali gli obiettivi futuri?
Tra gli obiettivi futuri c’è una bollicina di grande finezza che ci auguriamo di produrre fra Amatrice ed Accumoli, colpite dal terribile terremoto del 2016.
Abbiamo pertanto piantato nel 2018 un piccolo vigneto di Pecorino.
Con pazienza e passione siamo certi che arriveremo al nostro obiettivo!
Puntiamo ancora di più ad aumentare la presenza delle etichette laziali nelle Carte di Vini e, di conseguenza alla valorizzazione delle nostre eccellenze come Mater Matuta, blend di Syrah (85%) e una pennellata di Petit Verdot (15%) ed un Bellone evoluto, annata 2015, dal nome “Radix” affinato in barrique ed in anfora. 

Casale del Giglio: gli autoctoni laziali e i mercati internazionali

La tenuta


Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni. venerdi 29 maggio 2020

Superare la crisi: cercasi soluzioni

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni.

Fabio Piccoli
La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola. giovedi 28 maggio 2020

Signorvino apre il canale e-commerce

La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola.

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi giovedi 28 maggio 2020

I Consorzi di Tutela del vino protagonisti del nuovo enoturismo

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi "La Buona Italia 2020".

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei. giovedi 28 maggio 2020

SPEEDTASTING B2B DIGITAL: la nuova frontiera per intercettare importatori

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei.

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio