Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
giovedi 21 febbraio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

wm Vyno Dienos italian wine academy Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura Tommasi WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/  http://acquesi.it/
giovedi 09 agosto

Casale del Giglio, produzione sostenibile nell'Agro Pontino

"La gente conosce il prezzo di tutte le cose, ma non conosce il valore di nessuna": la filosofia dell'azienda di proprietà di Antonio Santarelli


Casale del Giglio, produzione sostenibile nell'Agro Pontino

Antonio Santarelli e l'enologo Paolo Tiefenthaler


Casale del Giglio, una realtà dagli obiettivi ambiziosi, ma sempre orientati a garantire il meglio per le generazioni che verranno. Questa la forza motrice di questa realtà dell’Agro Pontino, a sud della Capitale, una realtà che fonda le proprie radici sui valori familiari trasmessi di generazione in generazione, fino ad arrivare ad oggi, con obiettivi sinceri ed un percorso avviato di produzione ecosostenibile, che rende il terreno e il suo ecosistema veri protagonisti dell’attività aziendale.
Abbiamo intervistato
Antonio Santarelli, titolare di Casale Del Giglio, che ci ha raccontato l’azienda in tutte le sue sfaccettature, senza mai dimenticare la storia da cui proviene.

Quando e come è nata Casale del Giglio?
Casale del Giglio è stata fondata nel 1967 da Berardino Santarelli, originario di Amatrice, e si trova nell’Agro Pontino in località Le Ferriere, a circa 50 km a sud di Roma. Questo territorio, rappresentava, rispetto ad altre zone del Lazio e di altre regioni d’Italia, un ambiente tutto da esplorare dal punto di vista vitivinicolo.
Per questa ragione nel 1985 si diede vita al progetto di ricerca e sviluppo “Casale del Giglio”, autorizzato dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio e al quale ha dato impulso determinante il nostro direttore tecnico Paolo Tiefenthaler.
Ad oggi Casale del Giglio ha provveduto a riconvertire a filare tutti i suoi 160 ettari di vigneto e ad introdurre nuove varietà caratterizzate dall’alto grado di interazione qualitativa con il Territorio.

Qual è la vostra filosofia aziendale?

Dopo tanti anni di ricerca mirata a trovare vitigni che dessero il meglio dell’Agro Pontino e tecniche di vinificazione atte a preservare il massimo del potenziale qualitativo derivante dalle nostre uve, abbiamo dato vita da qualche anno, ad un nuovo progetto rivolto al territorio ed all’ambiente. Casale del Giglio ha intrapreso un percorso di “produzione ecosostenibile” dove il terreno, le piante e tutto l’ecosistema sono i veri obiettivi del progetto prospettando uno sviluppo tecnico economico che sia in grado di soddisfare i bisogni del presente senza compromettere alle generazioni future la possibilità di soddisfare i propri.
Citando una frase di Oscar Wilde “La gente conosce il prezzo di tutte le cose, ma non conosce il valore di nessuna”, noi siamo consapevoli del grande valore della nostra terra.

Qual è il vostro vino più rappresentativo? 

Anthium Bellone, un vitigno di origini antichissime, diffuso nel Lazio già in epoca romana e citato da Plinio come “uva pantastica”.
Nasce nella zona di Anzio da un vecchio vigneto franco di piede (viti senza portainnesto) dove, grazie alla natura del suolo, la filossera non è riuscita a diffondersi. L’età delle viti (più di 60 anni), l’influenza diretta del mare, la natura sabbiosa del suolo fanno sì che questa piccola zona sia unica per la produzione del Bellone, potendo parlare di specifico “Terroir” ovvero di perfetta simbiosi fra vitigno, suolo, clima e tradizione, veri cardini per produrre un grande vino.

Se un wine lover straniero oggi Le chiedesse di dirgli chi è Casale del Giglio in poche parole…
Casale del Giglio è un’azienda che ha creduto nell’alto potenziale del territorio dell’Agro Pontino. Attraverso un complesso progetto di ricerca e sperimentazione è riuscita ad individuarlo ed a concretizzarlo attraverso la peculiare somma dei propri vini.

Che percentuale fate di export e in quali mercati siete presenti?
L’export rappresenta oggi il 10% del fatturato. Siamo presenti in più di trenta paesi tra cui U.S.A., Canada, Giappone, Svizzera, Germania, Danimarca, Australia…

Nuovi progetti per il 2018?
Vorremmo proseguire nel progetto degli autoctoni di nicchia coma la Biancolella dell’Isola di Ponza ed il Pecorino di Accumoli ed Amatrice, cratere del terremoto del 2016, ed intensificare la presenza della Casale del Giglio nei mercati internazionali.


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Venerdì 1 marzo 2019 ritorna giovedi 21 febbraio

Ritorna "L'Amarone" a Villa de Winckels

Venerdì 1 marzo 2019 ritorna "L'Amarone" a Villa de Winckels, l'appuntamento di degustazione con le Aziende Agricole Veronesi, giunto ormai alla sua decima edizione

Focus su un grande interprete del Brunello: a tu per tu con Giacomo Neri di Casanova di Neri. giovedi 21 febbraio

Interpreti del Brunello

Focus su un grande interprete del Brunello: a tu per tu con Giacomo Neri di Casanova di Neri.

Giovanna Romeo
Intervista a Timo Jokinen, uno dei maggiori esperti del mercato finlandese, importatore e con un'intensa attività di formazione, e grande conoscitore di vini italiani. Il Monopolio continua ad essere un grande ostacolo ma sono in crescita le importazioni private dell'horeca.
giovedi 21 febbraio

Finlandia, così lontana eppure così vicina al vino italiano

Intervista a Timo Jokinen, uno dei maggiori esperti del mercato finlandese, importatore e con un'intensa attività di formazione, e grande conoscitore di vini italiani. Il Monopolio continua ad essere un grande ostacolo ma sono in crescita le importazioni private dell'horeca.

Noemi Mengo
Un’opportunità straordinaria per le piccole e medie imprese del vino italiane per aumentare la propria forza comunicativa e il proprio appeal commerciale in Italia e all’estero

Ultimi giorni per aderire alla Rete delle pmi del vino italiane

Un’opportunità straordinaria per le piccole e medie imprese del vino italiane per aumentare la propria forza comunicativa e il proprio appeal commerciale in Italia e all’estero

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori mercoledi 20 febbraio

Polonia: da mercato emergente ad economia in crescita

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori

Noemi Mengo
Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
mercoledi 20 febbraio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano martedi 19 febbraio

Offerta di Lavoro

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano martedi 19 febbraio

Benvenuto Brunello, la grande sfida tra passato e futuro

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano

Giovanna Romeo
Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere
martedi 19 febbraio

Live Wine 2019: a Milano la quinta edizione del Salone Internazionale del Vino Artigianale

Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano 
martedi 19 febbraio

Viaggio nel mondo della cooperazione e delle denominazioni

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo. martedi 19 febbraio

Perchè è cosi difficile vendere vino?

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo.

Roberta Zantedeschi
Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i lunedi 18 febbraio

Nuova Zelanda: l’educazione al vino italiano partendo dalla GDO

Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i "segreti" di questo piccolo ma interessante mercato del vino che presenta anche buone opportunità di sviluppo per le nostre imprese

Noemi Mengo
We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3 saturday 16 february

Italian wines in the world: Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis 
sabato 16 febbraio

Italian wines in the world: Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.
venerdi 15 febbraio

Innovazione in vigneto: la parola a chi ha accolto la sfida

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

AAA cultura di vendita cercasi

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

Fabio Piccoli
Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita
giovedi 14 febbraio

A Singapore dove il Prosecco fa recuperare quote all'Italia del vino

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita

Noemi Mengo


http://www.winemeridian.com/