Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 18 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor
martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano


Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna
Questa è la storia di un’azienda che ha avuto il coraggio di essere differente. Di allontanarsi dalla zona di comfort della produzione classica.
La storia di Castelluccimiano fonda le sue radici in tempi recenti, ma su un terreno fertile e con una sua grande storicità, sulle pendici delle Madonie, in Sicilia. La storia di questa azienda inizia del recupero di vecchi vitigni ad alberello, massima espressione della viticoltura di montagna siciliana, rendendoli unici esempi di biodiversità del territorio di Valledolmo.
Abbiamo intervistato Piero Buffa, responsabile commerciale dell’azienda, che ci ha raccontato la sua versione della Sicilia dentro al calice, una versione nuova e totalmente biologica.

Come è nata Castelluccimiano?

Castelluccimiano è un progetto relativamente giovane, nato nel 2005 sulle ceneri di una vecchia cantina sociale risalente al 1964. L’azienda è stata rilevata da un piccolo gruppo di conferitori, che hanno deciso di delegare a me in qualità di responsabile commerciale e a Tonino Guzzo, in qualità di enologo, il nuovo progetto produttivo. Il nome deriva invece dall’unione di due contrade Castellucci e Miano.

Qual è il cuore pulsante del progetto Castelluccimiano?
Assolutamente la valorizzazione dei vigneti storici della zona, che sono il Catarratto e il Perricone. Siamo stati i primi a puntare sulla valorizzazione di questi due vitigni che in passato non erano considerati adatti a fare vini di qualità, l’idea era proprio di mettere questi vitigni al centro della nostra filosofia produttiva. Questa scelta ci ha premiati, complice anche l’esigenza del mercato internazionale, che cerca l’autenticità territoriale.

Come siete arrivati a ciò?
Dopo un attento studio, sono stati recuperati vecchi vigneti ad alberello, ereditati dalla grande estensione di un tempo, resi unici esempi di biodiversità del territorio di Valledolmo. I vini prodotti da queste uve rappresentano a pieno la filosofia produttiva aziendale, e consistono in un raro esempio di identità territoriale.

Dove vi trovate precisamente?
A Valledolmo, 800 m di altitudine in provincia di Palermo, sul versante interno delle Madonie. Le vigne sono allocate tra gli 800 e i 1100 m. Abbiamo recuperato un vecchio patrimonio viticolo indigeno, che fino ai primi del ‘900 contava quasi 570 ettari di vigneti ad alberello, ne abbiamo recuperato quello che ne rimane, 75 ettari, in parte di proprietà, in parte donateci da conferitori.
Sono piccoli appezzamenti di solito al di sotto di un ettaro, situati nell’agro di Valledolmo. Io li chiamo giardini agricoli, perché all’interno si trova di tutto: la vite, ma anche gli alberi da frutto, come il pero, il ciliegio, il mandorlo, l’olivo…

Questi piccoli giardini agricoli quindi producono vino biologico?

La sostenibilità ambientale e un’agricoltura biologica naturale sono la nostra filosofia.
I nostri vini sono naturalmente organici, al di là della certificazione, perché chi li cura e li coltiva fa solamente concimazione naturale con stallatico e l’unico prodotto chimico che viene utilizzato è lo zolfo.

Con quale aggettivo definirebbe il vostro progetto?

“Indigeni con orgoglio”. Quando abbiamo iniziato a fare vino, tutti ci ridevano quasi dietro le spalle, perché avevamo scelto di fare vino con il Catarratto, l’uva bianca più coltivata in Sicilia, e Perricone, che era per di più scomparso. Adesso per noi è fonte di grandissimo vanto e orgoglio il fatto che anche gli altri abbiano iniziato a coltivare queste varietà.

Qual è la vostra percentuale di export?

Siamo quasi al 50 % ad oggi.

In che aree esportate maggiormente?
Siamo principalmente negli Stati Uniti ed in Europa, che tra loro si bilanciano, ma anche in Canada.
Negli Stati uniti, esportiamo nella East Coast, quindi tutta la zona di New York, Massachusetts, Washington e Georgia, ora però ci sposteremo anche sulla West Coast. Per quanto riguarda l’Europa, esportiamo in Belgio, Francia,Germania, Francia, Svizzera, Polonia e Olanda.

Cosa si percepisce della Sicilia dai vostri vini?
Considerando l’immagine percepita generalmente del vino siciliano, praticamente nulla.
Secondo quella percezione comune, i nostri non sono “vini siciliani”. Noi siamo in montagna, o alta collina a seconda delle definizioni, quindi abbiamo vini con una spiccata acidità, un’ottima mineralità, e soprattutto una buona sapidità, che generalmente nei vini siciliani non è molto riconoscibile. Insomma, siamo differenti in tutti i sensi. 
Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero
Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. mercoledi 12 settembre

Ultimi 10 posti per iscriversi al Wine Export Manager Day

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People.

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare? mercoledi 12 settembre

Guida alla buona riuscita della fiera

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare?

Agnese Ceschi
Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile
martedi 11 settembre

L’Italia fra i maggiori esportatori in Canada: è il Prosecco a scalare le classifiche

Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile

Noemi Mengo
Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente lunedi 10 settembre

Un angolo di Italia (biologica e biodinamica) nel cuore di Notting Hill

Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente

Agnese Ceschi
Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione. venerdi 07 settembre

Sull’Etna si festeggiano le 10 candeline del progetto Volcanic Wines

Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione.

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Fabio Piccoli
Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione 
venerdi 07 settembre

La vendemmia dei ricordi di Dal Maso

Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018 venerdi 07 settembre

Merano WineFestival 2018: ecco tutti gli appuntamenti da non perdere

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018 giovedi 06 settembre

Vendemmia 2018: l'Italia si conferma primo produttore al mondo

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Caro export manager ti scrivo….

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Fabio Piccoli
Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Soave Versus: un successo annunciato per i 50 anni della DOC

Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

Fabio Piccoli
I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale mercoledi 05 settembre

Medaglia d’oro e d’argento per Aragosta Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau Riserva all’Asia Wine Trophy

I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale