Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
mercoledi 28 giugno 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


HKIWSC IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Consorsio Morellino di Scansano Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com vinojobs
lunedi 12 giugno

Chi vuole vino di qualità in Thailandia deve spendere molto

L'intervista al ristoratore Nicola Bonazza, wine director e titolare insieme al padre di Enoteca Italiana a Bangkok


Chi vuole vino di qualità in Thailandia deve spendere molto

Enoteca Italiana - interni


Enoteca Italiana nasce nel 2004 da un’idea di Giancarlo Bonazza e di suo figlio Nicola. L’idea di partenza era di promuovere il vino italiano abbinandolo a piatti semplici della tradizione italiana. Ora, a distanza di tredici anni, questa realtà è divenuta una dei più prestigiosi ristoranti gourmet italiani a Bangkok. Questa crescita non ha cambiato però la loro filosofia che vuole ancora unire tradizione, innovazione e semplicità attraverso prodotti di qualità guardando con occhio particolare lo Slow Food e i prodotti biodinamici.
Abbiamo intervistato Nicola Bonazza, Wine director e colui che si occupa della selezione dei vini e propone quotidianamente i prodotti italiani agli esigenti clienti thailandesi.

Come vengono scelti i vini nella vostra carta dei vini?
Un vino per essere inserito nella nostra carta dei vini deve essere di qualità. Questo è ciò a cui noi diamo più importanza, perché se c’è qualità il costo passa in secondo piano.
Per l’orientamento nella selezione utilizzo molto internet, organizzo incontri con gli importatori e frequento eventi, in particolare quelli organizzati da James Suckling. Molti spunti mi sono spesso dati dai fornitori che vengono in visita per promuovere il loro vino, oppure, quando torno in Italia, mi piace andare alla ricerca di nuovi produttori o andare a visitare altri che negli anni sono divenuti amici.

Sono presenti solo vini italiani o anche di altre nazionalità?
La nostra carta dei vini è interamente costituita da vini italiani e contiene circa 400 etichette nostrane per un totale di 1452 bottiglie in loco. Unica eccezione sono alcune etichette francesi di Champagne, per la precisione sono sei.

Che relazione esiste tra la vostra cucina e la vostra carta dei vini?
A fare da filo conduttore tra la nostra cucina gourmet ed i nostri vini è senza alcun dubbio l’alta qualità di entrambi.

Chi decide la selezione dei vini? Avete un Wine Director?
La scelta dei vini è un mio compito, infatti ricopro il ruolo di Wine Director per l’Enoteca Italiana.

Come vengono proposti i vini ai vostri clienti?
L’approccio al cliente è semplice, gli porgo alcune domande per comprendere al meglio i suoi gusti e alla fine avanzo alcune proposte.

Avete una filosofia per scegliere al meglio i vini che proponete?
La nostra filosofia è semplice: mettere la qualità sempre prima di tutto.

Che relazione hanno i clienti con il vino italiano? Hanno preferenze?
Una bella domande alla quale è difficile rispondere. Dopo tredici anni mi chiedo ancora se capiscano qualcosa di vino o se in realtà è tutta questione di moda. Qui in Thailandia i vini italiani hanno “ sfondato” grazie al lavoro di molti bravi ristoratori. Negli ultimi anni ho notato ad esempio un crescente interesse nei confronti del Nebbiolo e in molti hanno iniziato a chiedere questo vino.

Qual’è la sensibilità verso il prezzo del vino?
In Thailandia le tasse di importazione sono molto alte e ciò va ad incidere sul prezzo finale delle bottiglie. In sostanza, chi vuole bere buon vino in Thailandia deve spendere.

Enoteca Italiana
Sukhumvit Soi 27
Bangkok 10110www.enotecabangkok.com



Chi vuole vino di qualità in Thailandia deve spendere molto

Enoteca Italiana - esterni


Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il presidente del Consorzio Vino Chianti, ritorna sul tema, troppo spesso dimenticato, della necessità di un coordinamento nazionale per la promozione del sistema vitivinicolo italiano ma anche per difenderci da una burocrazia sempre più esasperata

Necessaria una regia per il made in Italy vitivinicolo

Il presidente del Consorzio Vino Chianti, ritorna sul tema, troppo spesso dimenticato, della necessità di un coordinamento nazionale per la promozione del sistema vitivinicolo italiano ma anche per difenderci da una burocrazia sempre più esasperata

Fabio Piccoli
Una nuova tappa di AgroInnovation Tour targato Image Line per approfondire le potenzialità di strumenti di lavoro sempre più innovativi
e rispondere alle esigenze normative del settore vitivinicolo

Vigneti 2.0: la rivoluzione è in campo

Una nuova tappa di AgroInnovation Tour targato Image Line per approfondire le potenzialità di strumenti di lavoro sempre più innovativi e rispondere alle esigenze normative del settore vitivinicolo

Azienda della Valpolicella ricerca responsabile operation (acquisti - imbottigliamento - magazzino)

Offerta di lavoro

Azienda della Valpolicella ricerca responsabile operation (acquisti - imbottigliamento - magazzino)

Venerdi 30 giugno ad Asolo presentazione del libro

Sono le risorse umane la chiave per il successo nel mondo del vino

Venerdi 30 giugno ad Asolo presentazione del libro " XFactor per il successo nel mondo del vino" . Questo il titolo del libro scritto a quattro mani da Lavinia Furlani e Andrea Pozzan per valorizzare le competenze delle risorse umane per essere competitivi sui mercati.

L'analisi sul mercato giapponese del consulente export Roberto Bosticco martedi 27 giugno

Il futuro del vino guarda ad Oriente

L'analisi sul mercato giapponese del consulente export Roberto Bosticco

L'Osservatorio del Vino fornisce gli aggiornamenti sull’export del primo trimestre 2017
lunedi 26 giugno

L'export italiano cresce, ma il valore medio a bottiglia resta basso

L'Osservatorio del Vino fornisce gli aggiornamenti sull’export del primo trimestre 2017

Cerchiamo un Wine Sales Manager

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager

Al via a New York il tour mondiale dell'International Accademy venerdi 23 giugno

Vinitaly negli Stati Uniti con MISE e ICE

Al via a New York il tour mondiale dell'International Accademy

Sempre più forte l’investimento nelle cosiddette varietà alternative dove spiccano nomi a noi noti come il Nero d’Avola, il Vermentino, il Fiano, l’Arneis, il Friulano, il Dolcetto, il Sagrantino e il Teroldego

L’Australia del vino fa più paura adesso

Sempre più forte l’investimento nelle cosiddette varietà alternative dove spiccano nomi a noi noti come il Nero d’Avola, il Vermentino, il Fiano, l’Arneis, il Friulano, il Dolcetto, il Sagrantino e il Teroldego

Fabio Piccoli
Abbiamo bisogno del tuo supporto attraverso un breve questionario che ci permetterà di focalizzare le prossime attività in base alle tue esigenze

Indagine per capire i vostri fabbisogni sui mercati internazionali

Abbiamo bisogno del tuo supporto attraverso un breve questionario che ci permetterà di focalizzare le prossime attività in base alle tue esigenze

Lavinia Furlani
A Milano anche i Docg e Doc dell’azienda vincola Siddùra.
giovedi 22 giugno

I vini sardi “sfilano” alla settimana della moda

A Milano anche i Docg e Doc dell’azienda vincola Siddùra.



WineMeridian