Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 31 marzo 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


 www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine
venerdi 10 gennaio 2020

Ci voleva Trump per spaventarci con i dazi

Colpire i “nemici” con dazi sui prodotti più importanti è una delle strategie più evidenti dell’attuale presidente americano. Ma questa strategia è da tempo diffusa e, purtroppo, va ben oltre il Paese a stelle e strisce


Ci voleva Trump per spaventarci con i dazi
I dazi imposti e minacciati da Trump, un giorno sì e un altro pure, su numerosi prodotti importati nel suo Paese, compresi anche i nostri vini, sono purtroppo una realtà con la quale dobbiamo ormai fare i conti. Sarebbe però sbagliato considerarlo una sorta di fulmine a ciel sereno perché il nostro vino combatte da numerosi anni, spesso perdendola, una guerra, purtroppo silenziosa, su una serie innumerevole di barriere doganali innalzate da numerosi Paesi in varie parti del mondo.
Fa piacere notare adesso come tutti, a partire dalla varie organizzazioni professionali, si siano scatenati contro l’ennesima trovata radicale di Trump, ma forse sarebbe stato meglio “alzare la cresta” molto tempo fa.
E sì perché nonostante un mare di accordi commerciali internazionali, a partire dall’ormai storico Uruguay Round (iniziato a Punta dell’Este nel 1986) che portò nel 1994 (a Marrakesh) alla creazione dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Omc; Wto), di fatto gran parte di quello che doveva diventare un grande mercato libero mondiale, senza più protezionismi, è andato a farsi friggere.
Una serie innumerevole di buoni propositi che poi costantemente si sono scontrati con gli interessi dei singoli Paesi. Quello che doveva finalmente diventare un mondo senza più barriere si è trasformato invece in una babele costruita su dazi, accise e tasse di varia natura; una incredibile costruzione fatta di norme burocratiche che hanno reso l’attività dell’export sempre più complessa se non addirittura impossibile.
L’elenco dei Paesi che di fatto hanno reso quasi impossibile l’importazione di vino entro i loro confini è di anno in anno sempre più lunga. Basti pensare all’India dove tra dazi e tasse si arriva ad una media di circa il 160% (e in alcuni Stati si supera anche questa percentuale). O in Brasile dove siamo già abbondantemente sopra l’80%.
Certo, se le minacce di Trump su dazi del 100% anche sui vini italiani negli Usa, diventassero reali (e a questo punto non possiamo essere ottimisti) è chiaro che sarebbe una mannaia pericolosissima per il nostro export in questo Paese che, ricordiamo, anche nel 2019 si è confermato il primo nostro mercato (nei primi 9 mesi dello scorso anno il valore del nostro export negli Usa è stato di 1,124 miliardi di euro).
Ma questa, purtroppo è solo l’ennesima dimostrazione di come oggi le guerre non si disputano solo sui campi di battaglia ma anche attraverso “nuovi” protezionismi che possono causare, però, danni drammatici all’economia di molti Paesi, compreso il nostro.
Fare l’elenco di quanti nostri produttori sarebbero danneggiati dall’innalzamento spregiudicato dei dazi sul vino italiano negli Usa è un esercizio inutile perché basta dire che lo sarebbero tutti coloro che stanno già esportando in questo grande mercato ma anche coloro che si stavano oggi approcciando ad esso.
Ma se oggi abbiamo paura delle decisioni di Trump dobbiamo chiederci se abbiamo fatto tutto quello che era possibile per non essere così “ricattabili”.
Trump, a nostro parere, può agire così perché gran parte della normativa cosiddetta “liberista” è stata una bufala ed oggi non possiamo non chiederci quanto questo sia avvenuto per “ingenuità” o, invece, per reale volontà di non volere raggiungere accordi veri ed inderogabili.
Quella degli pseudo accordi commerciali ricorda tanto quanto avviene sul fronte delle cosiddette intese sul “clima”.
E se questi sono i presupposti essere ottimisti oggi diventa veramente difficile.
Se c’è, quindi, una cosa positiva in tutto questo è la consapevolezza che non possiamo più essere superficiali anche su tematiche economiche così cruciali per un Paese come il nostro dove, peraltro, l’export agroalimentare gioca un ruolo determinante.
L’Unione Europea ha l’ennesima occasione non solo per far sentire la sua voce (mai così flebile purtroppo) ma anche per far capire ai suoi numerosi detrattori il suo ruolo fondamentale.
La posta in palio, quindi, è ben più alta di quella del nostro amato vino.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave martedi 31 marzo 2020

Tempo inesorabile e tempo opportuno: come viverlo con “senso”

Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave

Lavinia Furlani
L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

È tempo di prepararsi ai mercati del futuro

L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

Lavinia Furlani
Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

La ricerca delle opportunità di lavoro nel mondo del vino: il Curriculum Vitae

Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

Redazione Wine Meridian
Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata martedi 31 marzo 2020

#OBIEZIONE 4: Perché devo pagare degli acconti alla società di Head Hunting?

Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata

Andrea Pozzan
Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione. lunedi 30 marzo 2020

“IO DEGUSTO A CASA” con FISAR Milano

Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione.

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza. lunedi 30 marzo 2020

Cielo e terra vini, dai clienti nel mondo messaggi di sostegno e solidarietà

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza.

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

La più importante lezione da questa emergenza

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

Fabio Piccoli
Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare lunedi 30 marzo 2020

Partecipa al nostro webinar solidale mercoledi 1 aprile alle 15

Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore. lunedi 30 marzo 2020

Spumanti Italia? Forti ma deboli

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore.

Emanuele Fiorio
I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca. lunedi 30 marzo 2020

Come può l’industria del vino affrontare il caos causato dal Covid-19?

I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca.

Agnese Ceschi
Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi. lunedi 30 marzo 2020

Champagne e Barolo, esempi di gestione virtuosa

Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi.

Emanuele Fiorio
Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no! lunedi 30 marzo 2020

Qualità-prezzo, parametro reale o fittizio?

Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no!

Emanuele Fiorio
Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning  “Vendita e wine marketing” e  “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro lunedi 30 marzo 2020

Formarsi per non fermarsi

Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning “Vendita e wine marketing” e “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro

Cristian Fanzolato
Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone. domenica 29 marzo 2020

Export Italia 2019: volumi da primato mondiale

Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone.

Emanuele Fiorio
Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo sabato 28 marzo 2020

Blocco generale: come fare quando il timore dipinge davanti a noi un disegno più distorto che veritiero.

Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo

Cristian Fanzolato
Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino? venerdi 27 marzo 2020

Ma quanto cambierà il mercato del vino?

Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino?

Fabio Piccoli


WineMeridian