Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 26 gennaio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/  www.cantinatollo.it pradellaluna.com Farina Cantina Valpolicella
venerdi 10 gennaio 2020

Ci voleva Trump per spaventarci con i dazi

Colpire i “nemici” con dazi sui prodotti più importanti è una delle strategie più evidenti dell’attuale presidente americano. Ma questa strategia è da tempo diffusa e, purtroppo, va ben oltre il Paese a stelle e strisce


Ci voleva Trump per spaventarci con i dazi
I dazi imposti e minacciati da Trump, un giorno sì e un altro pure, su numerosi prodotti importati nel suo Paese, compresi anche i nostri vini, sono purtroppo una realtà con la quale dobbiamo ormai fare i conti. Sarebbe però sbagliato considerarlo una sorta di fulmine a ciel sereno perché il nostro vino combatte da numerosi anni, spesso perdendola, una guerra, purtroppo silenziosa, su una serie innumerevole di barriere doganali innalzate da numerosi Paesi in varie parti del mondo.
Fa piacere notare adesso come tutti, a partire dalla varie organizzazioni professionali, si siano scatenati contro l’ennesima trovata radicale di Trump, ma forse sarebbe stato meglio “alzare la cresta” molto tempo fa.
E sì perché nonostante un mare di accordi commerciali internazionali, a partire dall’ormai storico Uruguay Round (iniziato a Punta dell’Este nel 1986) che portò nel 1994 (a Marrakesh) alla creazione dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Omc; Wto), di fatto gran parte di quello che doveva diventare un grande mercato libero mondiale, senza più protezionismi, è andato a farsi friggere.
Una serie innumerevole di buoni propositi che poi costantemente si sono scontrati con gli interessi dei singoli Paesi. Quello che doveva finalmente diventare un mondo senza più barriere si è trasformato invece in una babele costruita su dazi, accise e tasse di varia natura; una incredibile costruzione fatta di norme burocratiche che hanno reso l’attività dell’export sempre più complessa se non addirittura impossibile.
L’elenco dei Paesi che di fatto hanno reso quasi impossibile l’importazione di vino entro i loro confini è di anno in anno sempre più lunga. Basti pensare all’India dove tra dazi e tasse si arriva ad una media di circa il 160% (e in alcuni Stati si supera anche questa percentuale). O in Brasile dove siamo già abbondantemente sopra l’80%.
Certo, se le minacce di Trump su dazi del 100% anche sui vini italiani negli Usa, diventassero reali (e a questo punto non possiamo essere ottimisti) è chiaro che sarebbe una mannaia pericolosissima per il nostro export in questo Paese che, ricordiamo, anche nel 2019 si è confermato il primo nostro mercato (nei primi 9 mesi dello scorso anno il valore del nostro export negli Usa è stato di 1,124 miliardi di euro).
Ma questa, purtroppo è solo l’ennesima dimostrazione di come oggi le guerre non si disputano solo sui campi di battaglia ma anche attraverso “nuovi” protezionismi che possono causare, però, danni drammatici all’economia di molti Paesi, compreso il nostro.
Fare l’elenco di quanti nostri produttori sarebbero danneggiati dall’innalzamento spregiudicato dei dazi sul vino italiano negli Usa è un esercizio inutile perché basta dire che lo sarebbero tutti coloro che stanno già esportando in questo grande mercato ma anche coloro che si stavano oggi approcciando ad esso.
Ma se oggi abbiamo paura delle decisioni di Trump dobbiamo chiederci se abbiamo fatto tutto quello che era possibile per non essere così “ricattabili”.
Trump, a nostro parere, può agire così perché gran parte della normativa cosiddetta “liberista” è stata una bufala ed oggi non possiamo non chiederci quanto questo sia avvenuto per “ingenuità” o, invece, per reale volontà di non volere raggiungere accordi veri ed inderogabili.
Quella degli pseudo accordi commerciali ricorda tanto quanto avviene sul fronte delle cosiddette intese sul “clima”.
E se questi sono i presupposti essere ottimisti oggi diventa veramente difficile.
Se c’è, quindi, una cosa positiva in tutto questo è la consapevolezza che non possiamo più essere superficiali anche su tematiche economiche così cruciali per un Paese come il nostro dove, peraltro, l’export agroalimentare gioca un ruolo determinante.
L’Unione Europea ha l’ennesima occasione non solo per far sentire la sua voce (mai così flebile purtroppo) ma anche per far capire ai suoi numerosi detrattori il suo ruolo fondamentale.
La posta in palio, quindi, è ben più alta di quella del nostro amato vino.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione
venerdi 24 gennaio 2020

Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti

Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione

Fabio Piccoli
Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization. venerdi 24 gennaio 2020

Thailandia: il prossimo mercato emergente in cui vale davvero la pena esserci

Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization.

Parole molto forti: proposta economica - definita giovedi 23 gennaio 2020

Il Consorzio Tutela Vini Valpolicella risponde alla proposta de Le Famiglie Storiche

Parole molto forti: proposta economica - definita "semplice lascito di una somma di denaro" a fronte di una condanna grave - bocciata dal consiglio di amministrazione del Consorzio, e augurio di una riconciliazione gestita da professionisti e non a mezzo stampa.

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Le Famiglie Storiche offrono al Consorzio Vini Valpolicella una soluzione per chiudere il contenzioso pendente

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”.

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Vyno Dienos a Vilnius in Lituania: uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte giovedi 23 gennaio 2020

Cocktail trends in the U.S.? benessere, qualità, sostenibilità ed un tocco di stravaganza

Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte

Emanuele Fiorio
2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston wednesday 22 january 2020

2020 Slow Wine Us Tour celebrates the 10th anniversary of its annual English language guide and a decade of success

2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical. mercoledi 22 gennaio 2020

Quando l’abito fa (davvero) il monaco…

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical.

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata mercoledi 22 gennaio 2020

DOCG, la vera sfida del Prosecco negli USA

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata

Emanuele Fiorio
Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato. mercoledi 22 gennaio 2020

I concetti chiave per affrontare il mercato canadese

Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato.

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale martedi 21 gennaio 2020

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative nelle fiere internazionali

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea. martedi 21 gennaio 2020

Mission Asia 2020

Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea.

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Campus Export Manager: diventa export manager del vino

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali. lunedi 20 gennaio 2020

Anteprima Amarone: l'annata 2016 a battesimo l'1 e 2 febbraio a Verona

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali.

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie lunedi 20 gennaio 2020

Il futuro appare radioso per il vino biologico, +34% entro il 2023

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie

Emanuele Fiorio


WineMeridian