Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 22 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3
martedi 12 dicembre

Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta


Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Siamo onesti, è stato frustrante per l’ennesima volta sentire delle difficoltà del vino italiano in Cina. E’ una vecchia litania che ci accompagna da molti anni e non è stata un’eccezione anche il seminario di Wine2Wine dall’eloquente e speranzoso titolo: “Perché l’Italia del vino ha ceduto terreno alla Francia sul mercato cinese e come rimediare”. Speaker del seminario Ian Ford, sicuramente uno dei maggiori esperti internazionali di mercato cinese. Un americano che si è trasferito in Cina nel 1995 lavorando con alcuni dei più grandi brand mondiali del calibro di Martell Cognac, Chivas Regal, Absolute Vodka per introdurli nel mercato cinese. Ma soprattutto nel 1999 cofondatore di Summergate, oggi una delle realtà più importanti sul fronte dell’importazione e distribuzione di bevande in Cina (Concha y Toro, Penfolds, Lafite, per citare i brand enologici più importanti).
Si è sentita molto l’esperienza di Ian Ford con le grandi aziende. Il leit motiv, infatti, del suo intervento è stato “dovete investire a medio lungo termine, e non pensare che con poche risorse frammentate potete ottenere qualcosa di interessante sul mercato cinese”. Parole che farebbero dire “bella forza, se si hanno parecchi soldi è facile sfondare nei mercati”. Poi però riflettiamo e ci rendiamo conto di quante risorse “polverizzate” l’Italia del vino ha buttato via in Cina in quest’ultimo decennio.
Un mare di iniziative singole, di aziende, consorzi, associazioni che presentavano progetti come la “ricetta magica” per essere vincenti sul mercato cinese.
Ad alcuni di questi abbiamo partecipato anche noi e, lo scriviamo con onestà, pure noi pensavamo, ingenuamente, che avrebbero potuto aprire le porte di questo straordinario mercato.
Ian Ford ci ha aperto ancora una volta gli occhi ricordandoci che serve un investimento almeno triennale ed è indispensabile un partner cinese affidabile.
“Non voglio parlare male di molti consulenti italiani sul mercato cinese - ha detto Ford - alcuni sono probabilmente bravi e in buona fede, il problema è che se vuoi essere competitivo in Cina devi avere un partner serio di questo Paese altrimenti perdi tempo e soldi. E’ necessario avere là qualcuno che ti dica come fare. Senza dimenticare mai l’importanza della lingua che rimane spesso un ostacolo insormontabile per la maggioranza degli occidentali”.
“E invece - ha proseguito Ford - continuo a vedere produttori italiani in Cina che utilizzano consulenti italiani che li portano a vendere i loro vini nei ristoranti italiani. Se questa è la strategia non ci si può meravigliare dei risultati attuali”.
Tre i modelli di presidio del mercato presentati da Ford, il “sole agent” (l’agente unico a cui proporre un programma di lavoro), l’employee led (dipendente manager) e l’hybrid model (un agente locale con cui costruire insieme una strategia).
“Ma bisogna sempre essere cosciente - ha sottolineato Ford - che fare azioni di marketing in Cina è sempre molto difficile e costoso”.
Ford ha inoltre evidenziato come in Italia potremmo utilizzare meglio il “fattore turismo” e, in particolare, utilizzare i turisti big spendere cinesi che di anno in anno crescono anche nella nostra penisola.
Ci sono già alcuni soggetti che stanno utilizzando questo “veicolo” portando ricchi cinesi a visitare importanti cantine italiane (Michele Shah srl è un esempio interessante in tale direzione).
Come pure Ford ha ricordato l’importanza dei social media nella comunicazione in Cina e, sopra tutti, il famoso We Chat. “Ma anche in questo caso inutile illudersi di poterlo gestire da occidentali - ha spiegato Ford - è fondamentale un social manager cinese”.
Ma il punto sul quale Ford ha insistito maggiormente è la necessità di adeguarsi ai costumi, alla cultura cinese. “Se si pensa da italiani per vendere vino in Cina si è già perso all’inizio”, ha detto senza mezzi termini Ford.
Dal pubblico arriva l’osservazione che “i cinesi continuano ad apprezzare vini facili, con residuo zuccherino elevato ed è inutile provare ad imporre vini complessi”.
Ford risponde sicuro: ”Attenti a queste generalizzazioni, in Cina stanno crescendo in maniera vorticosa i consumatori più informati, capaci di gestire anche le degustazioni più professionali. State lontani da molti luoghi comuni sulla Cina”.
“Ma vincere in Cina - ha aggiunto Ford - non è utile solo per questo mercato perché significa imparare ad essere competitivi in tutto il mondo. Chi oggi, infatti, è vincente in Cina può affrontare senza timori qualsiasi mercato internazionale”.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile. mercoledi 11 aprile

Convegni: turisti tra le vigne toccano 13 milioni di arrivi

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile.

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti mercoledi 11 aprile

Villa Favorita 2018: Vinnatur guarda al futuro

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli
mercoledi 11 aprile

Borgo La Caccia si rinnova: un restyling creativo e tante altre novità

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.
mercoledi 11 aprile

Bertani ad OperaWine 2018 con l'Amarone Classico 2008

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.

Dopo due mesi dall'inizio della nostra attvità formativa, i protagonisti ci raccontano la loro esperienza

Campus Vendita e Campus Impresa: la formazione pratica per il mondo del vino

Dopo due mesi dall'inizio della nostra attvità formativa, i protagonisti ci raccontano la loro esperienza