Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere
giovedi 07 febbraio 2019

Cina: l’export italiano si tinge di rosa

Previsioni stabili per l’export italiano ed un target all’orizzonte più strategico che mai: le donne!


Cina: l’export italiano si tinge di rosa
Non è certo la prima volta che affrontiamo il mercato cinese, ma abbiamo deciso di tornare a sbirciare gli ultimi aggiornamenti, perché il mercato della Cina (proprio come le donne) "ne sa una più del diavolo". Per farlo, ci avvaliamo dei dati forniti da IWSR, nel report quinquennale 2017/2022, che rassicura i produttori italiani riguardo al mercato dei vini importati, al momento forte e stabile. Un target sempre più importante va delineandosi ed è quello del mondo femminile, categoria di consumo le cui peculiarità tratteremo in conclusione a questo articolo.

Prima di tutto, un po’ di background
La crescita del comparto vitivinicolo in Cina si prevede rimanga forte, anche se subirà un lieve declino nei prossimi 5 anni. Una stabilità che però non prende in considerazione eventuali periodi di crisi finanziaria o politica che potrebbero svilupparsi durante questo periodo, vista la vulnerabilità delle istituzioni cinesi. Anche la disoccupazione dovrebbe rimanere stabile, mentre la popolazione aumenterà raggiungendo i 19 milioni nel periodo futuro. Tra i consumatori però si sta registrando un generale invecchiamento, la categoria dai 50 anni in su sta crescendo mentre i giovani diminuiscono in numero.

Vini fermi
Il vino fermo importato è attualmente la categoria più forte in Cina: al contrario degli anni passati, c’è stato un recupero impressionante. Nel 2018 sono è stato registrato un volume di 66.5 milioni in casse da 9 litri per i vini importati, che si prevede cresca a 89.7 nel 2022, e 87.0 milioni in casse da 9 litri per i vini di produzione locale, che pare diminuiranno a 66.9 milioni.
I rossi, che hanno perso terreno tra il 2012 e il 2014, recuperando leggermente nel 2016 ma tornando a decrescere in volume nel 2018 (133.5 milioni) rimarranno pressoché stabili all’interno del mercato: le previsioni al 2022 registrano un volume di 132.6 milioni in casse da 9 litri.
I vini bianchi, invece, aumenteranno il proprio volume, passando da 18.9 milioni nel 2018 a 22.5 milioni nel 2022. I consumatori finalmente percepiscono il vino come un drink per ogni occasione, e la crescente quantità di consumatori anziani sembra tendere verso i vini bianchi fermi e delicati, poiché dà loro la sensazione di guardare anche all’aspetto salutare.

Il consumo pro capite è sceso rispetto agli anni precedenti e le previsioni lo attestano stabile tra 1.29 e 1.30 litri per adulto annui fino al 2022. Ciò avverrà probabilmente a causa dell’invecchiamento della popolazione e della conseguente minore attitudine al consumo. Infatti, in contrasto con la tendenza generale degli altri paesi, gli uomini cinesi bevono di meno man mano che invecchiano, perché frequentano meno eventi o cene di lavoro per mantenere il proprio network di contatti.

Bollicine

Le previsioni segnalano importanti progressi per quanto riguarda i vini sparkling, dove Champagne e Prosecco cresceranno e guideranno i consumi fino al 2022. Anche qui i vini importati occupano uno spazio ingombrante nel mercato, lasciando davvero poco territorio alle bollicine di produzione locale. Nel 2018 sono stati registrati 1.5 milioni in casse da nove litri per quanto riguarda il volume, mentre le bollicine locali occupavano solamente 0.2 milioni. Nel 2022 si prevede che il volume degli sparkling importati cresca fino a 1.9 milioni e che il locale rimanga attorno ai 0,2 milioni. Il consumo pro capite subirà un’impennata: da 0.014 litri annui per adulto a 0.018 litri annui nel 2022.
L’Italia è il primo importatore nel Paese, seguito da Spagna, Francia e Australia, ed il suo prodotto di punta, il Prosecco, affronterà una crescita sostanziosa negli anni a venire, dovendo però sempre fare i conti con la popolarità del concorrente Champagne.

A livello di prezzi, è bene segnalare una differenza fra le categorie vini fermi e bollicine. Per quanto riguarda i vini fermi la categoria più consumata è quella dal prezzo più basso, anche se sembra essere una tendenza in diminuzione, considerando che il CAGR quinquennale è negativo, -5.9% tra 2017 e 2022. Le bollicine più consumate sono invece quelle appartenenti alla categoria “standard” con un CAGR più che positivo di 7.6%.

Più la popolazione cinese si arricchisce, più la conoscenza e l’educazione riportano il vino ad essere un indicatore di status di benessere sociale, ed in questo, le donne cinesi, che per tradizione non hanno mai bevuto, stanno giocando un ruolo importante nel mercato.

Women Power
Le donne asiatiche stanno vivendo in un periodo storico che le occidentali hanno dovuto già affrontare in passato, per quanto, a dire la verità (ed è una donna a scrivere) certi progressi non potranno mai dirsi realmente compiuti. Stiamo parlando di una ricerca dell’indipendenza femminile ma allo stesso tempo di accettazione all’interno di una società che non ostacola le donne ma, semplicemente, facilita gli uomini. Il vino sta progressivamente diventando un messaggio di status symbol, un fenomeno a cui chi fa export in Cina non può rinunciare e che dovrà sfruttare a proprio vantaggio. Pare che le donne asiatiche consumatrici di vino siano in espansione, poiché cominciano a considerare il vino, oltre che come status symbol, come un’alternativa più “stilosa” alla birra. La soluzione migliore per conquistarle è perciò donare loro un modo per dichiarare la propria indipendenza, il proprio stato di benessere economico e sociale: la possibilità di acquistare del buon vino.. italiano (e sfruttiamola questa reputazione!).

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm