Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/
mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo


Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?
Negli ultimi tempi si parla tanto di enoturismo e della necessità da parte delle aziende vinicole di organizzarsi per fare accoglienza ed aprire i propri magnifici luoghi all'ospitalità. Oggi, però, vogliamo ampliare il raggio di riflessione e andare scoprire una branca del marketing che ha a che fare con l'ospitalità territoriale intesa in senso ampio. Per riflettere sul Destination marketing, e capire perché vale la pena che le aziende vinicole ne capiscono qualcosa di più, abbiamo intervistato un'esperta in questo settore, Emma Taveri, la Management CEO di una delle principali società di consulenza in questo ambito, Destination Makers. 

Che cosa è il Destination Marketing?
Destination Marketing o Marketing territoriale e promozione di destinazione negli anni è cambiato molto. Il modo di fare promozione territoriale è cambiato e, soprattutto all’estero, oggi si fanno campagne di marketing, puntando su temi specifici e intercettando esigenze di viaggiatori che cambiano in continuazione, anche su canali non tradizionali. Esiste da sempre, ma oggi si usano più strumenti online e digitali, che si affiancano all’offline. Per destinazione si può intendere anche una destinazione tematica, come il mondo del vino. Coinvolgiamo in questo modo operatori diversi, come le aziende vinicole o i consorzi o gli enti preposti, che possono lavorare in rete per creare le strategie di marketing adatte per la destinazione.

In che senso?
Oggi la destinazione non è più legata ad un logo o a un brand, è invece legata all’offerta, fornendo un’esperienza chiara e mettendo tutti gli operatori di una destinazione in rete.
Oggi le destinazioni ed i tour operator partono dalle esigenze dei viaggiatori, infatti si può chiedere al consumatore cosa vuole e confezionare l’offerta in base ai suoi bisogni. Le destinazioni più all’avanguardia segmentano il turista e individuano le esigenze e i profili. Un esempio virtuoso si può rintracciare in Napa Valley dove viene tutto customizzato nell’esperienza legata al vino.

Quali sono i trend di viaggio attuali?
Siamo di fronte sempre di più a nuovi viaggiatori, nuove tendenze ed esigenze. Dalle nostre indagini i “travel trends” del 2019, e dunque le motivazioni che spingono i viaggiatori e gli stili di viaggio, sono realizzare se stessi, viaggiare per ricaricarsi, fare attività esperienziali, condividere, unicità e customizzazione, turismo sostenibile, disconnessione, viaggi brevi e frequenti, digital e data driver travel.

Che opportunità concreta può rappresentare per i produttori di vino la creazione di una wine destination?
Per i produttori è utile fare rete e avere delle linee guida unitarie di prodotto, di veicolazione attraverso strategie di marketing. Da un lato c’è l’ente pubblico, il consorzio, o chi si occupa della promozione e dall’altro le imprese, che devono fornire un prodotto e dunque delle esperienze interessanti per il turista e sono chiamati a lavorare alla costruzione di questo. Le imprese devono dunque garantire il prodotto a fronte di azioni da parte dell’ente di promozione della destinazione.
In Italia, la Toscana sta ideando delle buone opportunità, Verona ci sta lavorando. Però in generale siamo un pò indietro rispetto alla costruzione di wine destinations. Ci sono più singole aziende che lavorano bene.
L’Italia è la principale destinazione per i turisti le cui vacanze si concentrano su degustazioni di vini e cucina. Il 66% dei tour operators ha dichiarato che il vino è un elemento importante per le loro offerte.

Mi puoi fare degli esempi virtuosi nel mondo?
Ci sono diverse destinazioni nel mondo che stanno lavorando bene per legare il brand della destinazione al vino. Abbiamo esempi eccellenti, come Porto o la Napa Valley. Stanno lavorando per garantire ai viaggiatori esperienze, come le varie formule di degustazione, la partecipazione alla vendemmia, la cena in vigna… Ci sono davvero molte possibilità, incluso il riadattamento delle location alla ricettività. L’Italia è considerata la Best wine country, ma la valorizzazione dell’esperienza del vino viene lasciata alle imprese, invece che fare un ragionamento di rete territoriale o di destinazione.

E il mondo digitale?
Il mondo del digitale sta invadendo anche il travel, infatti il 91% degli utenti ha prenotato online almeno una volta negli ultimi 12 mesi e utilizza i motori di ricerca come principale fonte per pianificare una vacanza: una percentuale molto elevata. Per dare alcuni dati ulteriori il 42% utilizza un device mobile per pianificare, prenotare, informarsi; si visitano in media 47 siti prima di procedere alla prenotazione e il 40% degli utenti crea direttamente nuovi contenuti e li condivide, divenendo egli stesso fonte di ispirazione.

3 consigli da cui partire per ideare una wine destination?
- Fare un’analisi di prodotto: mappare l’offerta e capire cosa abbiamo in destinazione e cosa può essere utilizzato. Capire se questo prodotto è adatto al target a cui ci vogliamo rivolgere.
- Fare una rete di operatori, lavorare sul miglioramento dell’esistenza
- Lavorare sul marketing: destinando un budget alle azioni di marketing e mettendole in atto. 


destination-makers.com


Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm