Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 22 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri
venerdi 12 luglio 2019

Come il Prosecco può “sfruttare” l’Unesco

Il riconoscimento da parte dell’Unesco delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene potrebbe aprire una nuova pagina per la valorizzazione del sito produttivo storico della più nota bollicina italiana


Come il Prosecco può “sfruttare” l’Unesco
Sgombriamo subito il campo alle cattive interpretazioni: siamo anche noi orgogliosi e felici che le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene siano diventate il 55° sito italiano al quale l’Unesco ha riconosciuto il titolo di “Patrimonio dell’Umanità”.
Ci accodiamo, quindi, senza difficoltà ai tanti plausi che il governatore della Regione Veneto, Luca Zaia ha ricevuto in questi giorni per essersi speso alla grande per fare arrivare allo storico sito produttivo del Prosecco questo ambito riconoscimento.
Qui, però, finiamo i convenevoli e passiamo al pragmatico: come si può sfruttare al meglio un riconoscimento così importante? Sappiamo infatti troppo bene che i “premi” sono una bella cosa ma devono rappresentare un inizio di un nuovo percorso e non una celebrazione finale.
Quindi la domanda fondamentale da porsi oggi è come capitalizzare un tale riconoscimento.
Per questo abbiamo apprezzato il commento di Innocente Nardi, presidente del Consorzio di tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg che in un comunicato ha dichiarato che “questo riconoscimento non rappresenta il punto di arrivo, ma un’importante tappa di un percorso che mira alla valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e agricolo presente in questo piccolo territorio, noto per il suo prodotto principe, il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore”.
Se si tratta, quindi, di una tappa e non di un punto di arrivo come si può sfruttarla al meglio per dare ulteriore valore aggiunto ad un territorio e, soprattutto, ad un prodotto di grande popolarità, ma che necessita di una difesa sempre maggiore sul fronte del posizionamento e dell’immagine nel suo complesso?
Non è semplice, meglio esserne coscienti. Chiamarsi Prosecco oggi significa avere sicuramente tanti vantaggi in termini di notorietà ma anche tante responsabilità e rischi, senza dimenticare le numerose “invidie” che si attraggono quotidianamente.
Pertanto, a nostro parere, questo ambito riconoscimento deve portare prima di tutto ad una maggiore consapevolezza dei produttori di questo territorio straordinario del valore che rappresentano e che devono gestire.
Una consapevolezza che si traduce in una frase molto forte ma per noi fondamentale se si vuole dare il giusto valore, posizionamento, reputazione a questa terra e al suo prodotto principe: il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore non è un “semplice” Prosecco.
L’Unesco, a nostro parere, ha fornito un assist fondamentale a questa denominazione per uscire definitivamente dal complesso di un nome, il Prosecco appunto.
Un assist decisamente più prezioso, ci auguriamo, di quanto lo siano stati la docg e il termine “superiore”.
E su questo fronte, quale è il modo migliore per testimoniare concretamente la consapevolezza del proprio valore, delle proprie peculiarità, unicità: presidiare al meglio i prezzi. Non si può rappresentare una zona così importante ma anche decisamente complessa dal punto di vista produttivo, dove l’aggettivo “eroica” riferito alla propria viticoltura non è certo un’esagerazione, e poi non tenere la barra ferma sui prezzi.
Il Prosecco prodotto in queste colline patrimonio dell’umanità deve essere per forza sempre più caro, decisamente più caro rispetto agli altri “Prosecco”.
Altro fattore chiave per dare risalto a questo prestigioso riconoscimento è il miglioramento della comunicazione di questo territorio. Anche le recenti aggressioni sul tema della sostenibilità ambientale subite dalla denominazione testimoniano che si deve alzare il tiro sul fronte della comunicazione.
È chiaro, infatti, che quando si è costantemente sotto i riflettori, aumentano anche i possibili attacchi e non sempre fatti in perfetta buona fede.
Ma per migliorare la comunicazione serve dimostrare costante trasparenza sui dati della denominazione, sui numeri di produzione ma anche sui costi generati dal produrre Prosecco in un’area così affascinante ma anche così complessa.
Significa fare “testimonianza attiva” riuscendo a portare in queste bellissime colline i più autorevoli influencer, opinion leader, non necessariamente “solo” del mondo del vino.
Insomma, bisogna evitare che questo riconoscimento faccia la fine di alcuni degli altri 54 ricevuti dal nostro Belpaese.
Siamo andati proprio in questi giorni a rileggerci la lista e da un lato ancora una volta ci siamo resi conto di quante stupefacenti ricchezze è pieno il nostro Paese, ma dall’altro di quanta strada ci sia ancora da fare per dare il giusto risalto e capitalizzare al meglio un tale tesoro.
Che le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene oggi siano in compagnia di miracoli dell’arte e della natura come Venezia e la sua Laguna, del Centro storico di Siena, della Basilica di San Francesco, delle Isole Eolie, delle Dolomiti, tanto per citarne alcune, non può non rendere orgogliosi, ma è bene evitare di dormire sugli allori.
La strada è stata tracciata ma i produttori del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore devono essere pronti a percorrerla, consapevoli che la fatica sarà ancora tanta.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Wine Spectator, Robert Parker Wine Advocate e Falstaff premiano la storica realtà della Valpolicella con punteggi eccellenti sabato 21 settembre 2019

Importanti riscontri a livello internazionale per Tedeschi

Wine Spectator, Robert Parker Wine Advocate e Falstaff premiano la storica realtà della Valpolicella con punteggi eccellenti

Abbiamo degustato per voi il Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.
sabato 21 settembre 2019

Italian wines in the world: Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.

Abbiamo degustato per voi il Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.

The dynamic international wine industry forum organized by Veronafiere, now in its 6th edition, this year will be held on November 25th and 26th in Verona, Italy. friday 20 september 2019

Mobilising New Technologies for Wine Producers at wine2wine 2019

The dynamic international wine industry forum organized by Veronafiere, now in its 6th edition, this year will be held on November 25th and 26th in Verona, Italy.

Lunedì 28 ottobre a Officine Farneto di Roma la competizione degli chef emergenti con show cooking e la parallela di Migliore Emergente Pizza venerdi 20 settembre 2019

Torna il Festival della Gastronomia a Roma ed è tutto per i professionisti dell’Ho.re.ca quest’anno

Lunedì 28 ottobre a Officine Farneto di Roma la competizione degli chef emergenti con show cooking e la parallela di Migliore Emergente Pizza

Presentato a Milano il nuovo Merlot in purezza, etichetta rinnovata nel solco dell’identità e dell’evoluzione. venerdi 20 settembre 2019

Il nuovo Montiano della Famiglia Cotarella

Presentato a Milano il nuovo Merlot in purezza, etichetta rinnovata nel solco dell’identità e dell’evoluzione.

Giovanna Romeo
Il nostro Wine Manager Day ha testimoniato ancora una volta che nelle relazioni tra i manager si possono individuare gran parte delle soluzioni alle problematiche del nostro settore vitivinicolo
venerdi 20 settembre 2019

Manager del vino: nel network le risposte e le opportunità

Il nostro Wine Manager Day ha testimoniato ancora una volta che nelle relazioni tra i manager si possono individuare gran parte delle soluzioni alle problematiche del nostro settore vitivinicolo

Fabio Piccoli
Ernesto Abbona di Unione Italiana Vini: “Serve azione diplomatica per scongiurare sanzioni”. venerdi 20 settembre 2019

Dazi USA: UIV si appella al premier Conte per risparmiare le aziende italiane

Ernesto Abbona di Unione Italiana Vini: “Serve azione diplomatica per scongiurare sanzioni”.

Nomisma Wine Monitor ci aggiorna su questi ultimi 30 anni di export italiano nel mondo 
giovedi 19 settembre 2019

I 30 anni che hanno cambiato l’export italiano

Nomisma Wine Monitor ci aggiorna su questi ultimi 30 anni di export italiano nel mondo

Noemi Mengo
Intervista a Jay Whiteley, esperto del mercato di Toronto, in particolare del monopolio LCBO, che ci espone la sua visione sulle potenzialità del vino italiano in Canada.  
mercoledi 18 settembre 2019

Toronto: là dove scegliere il canale giusto fa la differenza

Intervista a Jay Whiteley, esperto del mercato di Toronto, in particolare del monopolio LCBO, che ci espone la sua visione sulle potenzialità del vino italiano in Canada.

Noemi Mengo
We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC wednesday 18 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo


sfondo_wm