Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
sabato 21 luglio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it Farina Enartis Tebaldi wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet

Come le aziende comunicano il loro Vinitaly

A pochi giorni dall’inizio della 52a edizione di Vinitaly abbiamo elaborato una breve analisi su come le aziende italiane stanno comunicando la loro presenza all’importante kermesse veronese


Come le aziende comunicano il loro Vinitaly
tempo di lettura: 3,30 minuti

Esattamente tra 5 giorni si apriranno i cancelli di VeronaFiere per ospitare la 52a edizione di Vinitaly. Non ci dilunghiamo troppo per descrivere cos’è Vinitaly perché riteniamo che tutti i nostri lettori, chi da più tempo chi da meno, ha vissuto l’esperienza di questa fiera che nel tempo si è accreditata come uno dei più importanti appuntamenti per il comparto vitivinicolo a livello mondiale. Sicuramente rappresenta la vetrina più ampia e famosa del vino italiano.

Proprio nei giorni scorsi gli organizzatori hanno divulgato i numeri di questa prossima edizione che così si possono sintetizzare: Aumentato del 25% il numero degli espositori esteri presenti all’interno del padiglione International_Wine Hall; sold out degli spazi in quartiere già a dicembre 2017; incoming di delegazioni commerciali selezionate da 58 Paesi; una media di operatori professionali provenienti ogni anno da 140 nazioni (nel 2017, 128 mila presenze totali di cui 48 mila dall’estero, di cui 30.200 buyer accreditati da 142 Paesi); una crescita costante dell’offerta “green” con le aree ViVIT, VinitalyBio e Fivi; una innovativa directory online con 4.319 espositori da 33 Paesi e 13.000 vini iscritti ad oggi.

A fronte di un appuntamento così importante a noi è interessato andare a vedere come le aziende italiane (ovviamente una parte di esse) si stanno approcciando dal punto di vista comunicativo a questa manifestazione.
Dal nostro punto di vista è importante e utile analizzare le scelte “comunicative” delle aziende partecipanti a Vinitaly perché, come tutti sanno, si tratta di una manifestazione dove il “fattore comunicazione” spesso prevale sul “fattore business”.

Da anni indaghiamo su questo fronte e pensiamo di non evidenziare nulla di nuovo nell’affermare che Vinitaly è e rimane un grande appuntamento comunicativo per il vino italiano.
Una comunicazione delle aziende sia verso l’interno (propri commerciali, importatori, distributori, ecc.) che verso l’esterno (media, opinion leader, ristoratori, sommelier, ecc.).

Non significa affermare che Vinitaly non rappresenti anche un appuntamento per il business ma certamente lo è meno, tanto per fare un esempio vicino anche in termini temporali, del Prowein di Dusseldorf.
Non a caso, anche intervistando in queste settimane molte aziende che parteciperanno alla prossima edizione di Vinitaly, le principali motivazioni che ci hanno dato rispetto alla loro presenza sono state: incontrare i nostri clienti e comunicare in un appuntamento di alta visibilità (e presenze autorevoli) i nostri valori. Sono molto pochi, ad esempio, quelli che giustificano la loro presenza perché alla “ricerca di un nuovo importatore”.
Ciò non significa, ovviamente, che qualche produttore (speriamo molti) possano incontrare nel prossimo Vinitaly un buon interlocutore commerciale per sviluppare il proprio business in Italia o all’estero.
Ma se la comunicazione assume un valore così importante è interessante andare a verificare come le aziende stanno investendo su questo fronte nell’ambito di Vinitaly.

La prima constatazione che emerge da questa analisi, seppur sommaria, è che Vinitaly 2018 ha riportato le aziende italiane ad un livello di comunicazione pre crisi. Andando a guardare gli inviti ricevuti per eventi, presentazioni, cene, attività sia all’interno che fuori salone, si ha la sensazione che il settore abbia ritrovato se non la salute sicuramente l’ottimismo.

Come ogni anno abbiamo fatto una sorta di contabilità di inviti e comunicati stampa ricevuti in quest’ultimo mese e ci siamo avvicinati a circa 2.000 “comunicazioni”. Praticamente, potremmo affermare, quasi la metà degli espositori di Vinitaly ha voluto comunicare qualcosa, dalla sua “semplice” presenza (venitemi a trovare allo stand xy), alla presentazione di un nuovo vino, di una nuova linea prodotti, di una nuova etichetta/packaging, per arrivare a presentazioni più complesse e articolate legate all’immagine aziendale, a nuovi assetti produttivi, a nuovo managment.

Un atteggiamento che complessivamente ci porta ad una prima semplice conclusione: tuttoggi Vinitaly viene percepito come un’occasione imperdibile per comunicare in maniera efficace ad un target autorevole alcuni valori o scelte delle imprese del vino.
Ma se questo è l’obiettivo, e i numeri che vi abbiamo dato, credeteci, sono veri, gli strumenti, i contenuti utilizzati per essere “visibili” a Vinitaly, si possono ritenere efficaci e utili per conseguire i risultati che ci si è prefissati?

Non è facile dare risposte esaustive a questa domanda difficile, ma noi ci permettiamo di dare alcune nostre valutazioni.
Innanzitutto va sottolineato che se l’obiettivo è quello di acquisire visibilità in un mare così vasto di comunicazioni è scontato dire che si tratta di una sfida molto difficile e forse per certi aspetti quasi impossibile.
Fatta questa premessa, pertanto, dobbiamo evidenziare che il livello di “originalità” nelle comunicazioni che abbiamo ricevuto non è stato particolarmente elevato.
E per originalità non intendiamo contenuti assolutamente innovativi, fuori dalla norma, straordinari, ma una comunicazione capace di apparire autentica, identitaria, peculiare.

Lo schema, invece, sostanzialmente appare spesso sempre lo stesso: sono un’azienda storica, che ama il suo territorio, che lavora con passione, che ora ha prodotto anche un nuovo vino, frutto di un mix di passione ed esperienza, e che oggi è felice di presentartelo a Vinitaly.
Anche chi si limita ad indicare solo la sua presenza a Vinitaly dovrebbe provare ad uscire da una comunicazione esclusivamente logistica (soprattutto se non siamo un brand di alta notorietà e credeteci, sono molto pochi quelli che se lo possono permettere). Come? Talvolta basta aggiungere che chi comunicherà la sua disponibilità a venirvi a trovare allo stand (fondamentale costruirsi un’agenda appuntamenti) sarà accolto anche con un piatto di salumi o formaggi (specificare quali please) e si potrà rilassare per 10 minuti. Per chiunque abbia esperienza professionale seria a Vinitaly (quindi non i fortunati buontemponi) sa il valore del relax e di accoglienza piacevole anche per pochi minuti in una manifestazione come quella veronese.

In una kermesse così affollata, spesso caotica e chiassosa, il valore, l’udibilità dei contenuti è direttamente proporzionale all’habitat che siamo stati in grado di creare.
Per il momento ci fermiamo qui, altri commenti su questo aspetto al dopo Vinitaly, dove sarà più chiaro capire concretamente chi ha comunicato meglio e chi meno.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese

Grazie a Carlo Petrini per averci ricordato il primato della cultura

Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese

Fabio Piccoli
Nelle fasce più giovani di consumatori interesse nei confronti di lattine e bag in box e ormai gli inglesi non evidenziano più differenze tra i tappi in sughero e quelli a vite

Le preferenze di formati e chiusure nel mercato del Regno Unito

Nelle fasce più giovani di consumatori interesse nei confronti di lattine e bag in box e ormai gli inglesi non evidenziano più differenze tra i tappi in sughero e quelli a vite

Francesco Piccoli
Intervista a Michael Blaise, Vice Presidente per la Sostenibilità di Vinventions giovedi 19 luglio

La svolta sostenibile di Vinventions

Intervista a Michael Blaise, Vice Presidente per la Sostenibilità di Vinventions

È  la consapevolezza a fare la differenza tra un buon e un ottimo manager, tra un imprenditore capace e un imprenditore di successo

Cosa ci rende buoni manager o buoni imprenditori?

È la consapevolezza a fare la differenza tra un buon e un ottimo manager, tra un imprenditore capace e un imprenditore di successo

Roberta Zantedeschi
Ecco un aggiornamento sulla tendenza in atto del consumo di vino o bevande a basso contenuto alcolico martedi 17 luglio

Low- o No-alcohol wines, sì o no?

Ecco un aggiornamento sulla tendenza in atto del consumo di vino o bevande a basso contenuto alcolico

Agnese Ceschi
La competizione, porta d’ingresso per entrare nel mercato e portavoce dei gusti dei consumatori asiatici, lancia la “call to entries” per i produttori italiani, con scadenza al 22 luglio 2018. Affrettatevi!
lunedi 16 luglio

WM rinnova la mediapartnership con l’Hong Kong International Wine and Spirits Competition

La competizione, porta d’ingresso per entrare nel mercato e portavoce dei gusti dei consumatori asiatici, lancia la “call to entries” per i produttori italiani, con scadenza al 22 luglio 2018. Affrettatevi!

Wine Export Manager Senior e Junior lunedi 16 luglio

Offerta di Lavoro

Wine Export Manager Senior e Junior

Il parere di Andrzej Sajniak, importatore polacco e titolare di Caterteam Sp.zo.o e dei punti vendita lunedi 16 luglio

Vino italiano in Polonia: quando l'alta qualità non basta

Il parere di Andrzej Sajniak, importatore polacco e titolare di Caterteam Sp.zo.o e dei punti vendita "Piccola Italia & Mediterraneo" di Varsavia

Noemi Mengo
La freschezza del Chiaretto incontra la pizza contemporanea di Renato Bosco nella terrazza estiva di Monte Zovo venerdì 20 luglio 2018. 
lunedi 16 luglio

Chiaretto&Pizza: l’aperitivo gourmet firmato Monte Zovo e Renato Bosco

La freschezza del Chiaretto incontra la pizza contemporanea di Renato Bosco nella terrazza estiva di Monte Zovo venerdì 20 luglio 2018.

Domenica 8 luglio, luna e stelle hanno fatto luce sui vigneti di Monte Gorna, a Treccastagni, ai piedi dell'Etna per un evento speciale: Notturno in Vigna. domenica 15 luglio

Nasce sull'Etna una nuova narrazione del vino

Domenica 8 luglio, luna e stelle hanno fatto luce sui vigneti di Monte Gorna, a Treccastagni, ai piedi dell'Etna per un evento speciale: Notturno in Vigna.

Lisa Sanfilippo
We have tasted for you Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 saturday 14 july

Italian wines in the world: Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016

We have tasted for you Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016

Abbiamo degustato per voi il Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 di Siddùra sabato 14 luglio

Italian wines in the world: Maìa Vermentino di Gallura docg Superiore 2016 di Siddùra

Abbiamo degustato per voi il Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 di Siddùra

All'attrice inglese Helen Mirren il Premio che è diventato negli anni uno degli appuntamenti più importanti nel panorama degli eventi culturali organizzati da un’azienda vitivinicola

Premio Apollonio per gli ulivi del Salento

All'attrice inglese Helen Mirren il Premio che è diventato negli anni uno degli appuntamenti più importanti nel panorama degli eventi culturali organizzati da un’azienda vitivinicola

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani

Il tabù dei prezzi dei vini in Italia

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani

Fabio Piccoli
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
venerdi 13 luglio

Partecipa al Tour Vietnam 2018 con Unexpected Italian

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Interview with Marco Martini, CEO of Mondodelvino SpA CEO, one of the most interesting and innovative Italian wine groups of Italy and ranked 17 among Italian wine companies in terms of sales in 2017. giovedi 12 luglio

Mondodelvino: one entity, many territories

Interview with Marco Martini, CEO of Mondodelvino SpA CEO, one of the most interesting and innovative Italian wine groups of Italy and ranked 17 among Italian wine companies in terms of sales in 2017.

L'intervista ad uno dei massimi sommelier vietnamiti Alex Thinh giovedi 12 luglio

Giovane ed orientabile: il Vietnam è una delle promesse asiatiche

L'intervista ad uno dei massimi sommelier vietnamiti Alex Thinh

Agnese Ceschi
Scopri la promozione estiva pensata per supportarti nell’internazionalizzazione e comunicazione dei tuoi prodotti nel mondo
mercoledi 11 luglio

Scegli Wine Meridian come Media partner e cambia la tua comunicazione

Scopri la promozione estiva pensata per supportarti nell’internazionalizzazione e comunicazione dei tuoi prodotti nel mondo

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana! mercoledi 11 luglio

Wine Meridian torna a Vinexpo New York

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana!

Azienda italiana specializzata nella vendita di vino online cerca una figura da inserire nel proprio ufficio acquisti con ottima padronanza nell’uso del PC e dei pacchetti base e buona conoscenza della lingua inglese.

Offerta di Lavoro: Buyer

Azienda italiana specializzata nella vendita di vino online cerca una figura da inserire nel proprio ufficio acquisti con ottima padronanza nell’uso del PC e dei pacchetti base e buona conoscenza della lingua inglese.