Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 22 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali
venerdi 07 luglio

Come rendere di successo un vino “alternativo”

I mercati del vino nel mondo, spinti delle nuove tendenze di consumo, sembrano aprirsi sempre di più a vini più originali e al di fuori delle “solite” note tipologie. Ma come si possono intercettare queste tendenze?


Come rendere di successo un vino “alternativo”
Se bastasse essere originali per avere successo sarebbe facile per chiunque. Ci è venuta in mente questa frase leggendo in questi giorni molti articoli e indagini che mettono in risalto l’evoluzione nei mercati dei cosiddetti “alternative wines”.
Innanzitutto va chiarito che cosa si intende per “vini alternativi”. Si tratta di vini, innanzitutto, che non rientrano nelle più storiche e famose tipologie (denominazioni). Tanto per intenderci non lo è il Barolo mentre lo può essere il Lacrima Morro d’Alba, non lo è il Brunello di Montalcino mentre può appartenere a questa categoria il Tai dei Colli Berici.
Ma per essere considerati “alternative” non basta appartenere ad una tipologia poco nota (se non addirittura semi sconosciuta), ma avere evidenti caratteristiche di “personalità”, un’identità peculiare e riconoscibile. Tanto per intenderci, non può essere un vino “neutro” che si limita ad essere “corretto” con l’unica caratteristica di essere “poco noto”.
Che nessuno ti conosca non significa che tu abbia caratteristiche adeguate per essere “riconoscibile” (questo vale per qualsiasi categoria di vino e di mercato, non solo nell’ambito dei vini alternativi).
Ma per essere un vino alternativo adeguato al mercato di oggi deve essere anche realizzato attraverso tecniche vitienologiche capaci di esaltare al meglio le caratteristiche di un vitigno, le peculiarità di uno specifico terroir. In estrema sintesi deve essere un vino dal profilo qualitativo “indiscutibile”.
Altro elemento chiave per rendere “vendibile” un vino “alternativo” è la capacità comunicativa dell’azienda che lo produce. A questo riguardo spesso delle aziende ci inviano vini “alternativi” per chiederci le ragioni di come mai prodotti così interessanti fanno fatica a trovare sbocchi adeguati sui mercati.
La risposta è semplice: non basta realizzare prodotti interessanti, tanto più se si tratta di tipologie e di denominazioni poco note, che non godono cioè dell’indotto positivo di un territorio famoso.
L’essere un’azienda che non comunica (o lo fa poco o male) e pretendere di conferire ai propri vini un appeal adeguato è una illusione. Questo riguarda ovviamente anche le aziende inserite in denominazioni più popolari ma diventa ancor più vero per chi opera in terroir poco noti.
La novità di oggi, che però rende ancor più interessante investire e credere in denominazioni meno famose e in tipologie meno note, sta proprio nelle nuove tendenze di consumo che evidenziano sempre di più un fabbisogno incredibile di “novità”.
E come ben sappiamo nulla più dell’alternativo, dell’originale può rappresentare una novità più facilmente percepibile dal mercato.
Ma serve uno sforzo aggiuntivo, in questo caso, da parte dei produttori che non si possono limitare a dichiararsi “diversi” senza testimoniarlo con costanza.
E da ciò emerge l’ultimo elemento chiave, non certo per importanza, per far si che un vino alternativo diventi anche vincente: la capacità commerciale dell’azienda, la sua capacità di presidiare i mercati.
Basta andare a guardare alcune case history di successo di aziende appartenenti a territori meno noti o produttori di tipologie poco famose per comprendere concretamente cosa stiamo affermando.
Ci vengono in mente esempi come Walter Massa che ha reso popolare nel mondo un vitigno come il Timorasso e un territorio come i Colli Tortonesi praticamente sconosciuti prima del suo impegno anche in termini di comunicazione.
O come Fausto Maculan che in un territorio semi sconosciuto come Breganze, senza il blasone enologico di altri terroir del vino italiani, è riuscito a dare ampia visibilità e mercato alla sua azienda e ai suoi vini.
Due nomi, tra tanti per fortuna, che evidenziano anche un altro importante aspetto: se sei un produttore in un territorio ancora poco famoso e con tipologie di vino in cerca di notorietà accetta la sfida di essere il pioniere della tua terra. Quei produttori che per primi si sono assunti il difficile ruolo di “prendersi per mano” il proprio territorio, di rendere popolare prima d’altri una determinata tipologia di vino, sono quelli che beneficeranno di più e per lungo tempo di questo coraggioso investimento.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile. mercoledi 11 aprile

Convegni: turisti tra le vigne toccano 13 milioni di arrivi

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile.

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti mercoledi 11 aprile

Villa Favorita 2018: Vinnatur guarda al futuro

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli
mercoledi 11 aprile

Borgo La Caccia si rinnova: un restyling creativo e tante altre novità

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.
mercoledi 11 aprile

Bertani ad OperaWine 2018 con l'Amarone Classico 2008

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.

Dopo due mesi dall'inizio della nostra attvità formativa, i protagonisti ci raccontano la loro esperienza

Campus Vendita e Campus Impresa: la formazione pratica per il mondo del vino

Dopo due mesi dall'inizio della nostra attvità formativa, i protagonisti ci raccontano la loro esperienza