Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 24 novembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3
venerdi 07 luglio

Come rendere di successo un vino “alternativo”

I mercati del vino nel mondo, spinti delle nuove tendenze di consumo, sembrano aprirsi sempre di più a vini più originali e al di fuori delle “solite” note tipologie. Ma come si possono intercettare queste tendenze?


Come rendere di successo un vino “alternativo”
Se bastasse essere originali per avere successo sarebbe facile per chiunque. Ci è venuta in mente questa frase leggendo in questi giorni molti articoli e indagini che mettono in risalto l’evoluzione nei mercati dei cosiddetti “alternative wines”.
Innanzitutto va chiarito che cosa si intende per “vini alternativi”. Si tratta di vini, innanzitutto, che non rientrano nelle più storiche e famose tipologie (denominazioni). Tanto per intenderci non lo è il Barolo mentre lo può essere il Lacrima Morro d’Alba, non lo è il Brunello di Montalcino mentre può appartenere a questa categoria il Tai dei Colli Berici.
Ma per essere considerati “alternative” non basta appartenere ad una tipologia poco nota (se non addirittura semi sconosciuta), ma avere evidenti caratteristiche di “personalità”, un’identità peculiare e riconoscibile. Tanto per intenderci, non può essere un vino “neutro” che si limita ad essere “corretto” con l’unica caratteristica di essere “poco noto”.
Che nessuno ti conosca non significa che tu abbia caratteristiche adeguate per essere “riconoscibile” (questo vale per qualsiasi categoria di vino e di mercato, non solo nell’ambito dei vini alternativi).
Ma per essere un vino alternativo adeguato al mercato di oggi deve essere anche realizzato attraverso tecniche vitienologiche capaci di esaltare al meglio le caratteristiche di un vitigno, le peculiarità di uno specifico terroir. In estrema sintesi deve essere un vino dal profilo qualitativo “indiscutibile”.
Altro elemento chiave per rendere “vendibile” un vino “alternativo” è la capacità comunicativa dell’azienda che lo produce. A questo riguardo spesso delle aziende ci inviano vini “alternativi” per chiederci le ragioni di come mai prodotti così interessanti fanno fatica a trovare sbocchi adeguati sui mercati.
La risposta è semplice: non basta realizzare prodotti interessanti, tanto più se si tratta di tipologie e di denominazioni poco note, che non godono cioè dell’indotto positivo di un territorio famoso.
L’essere un’azienda che non comunica (o lo fa poco o male) e pretendere di conferire ai propri vini un appeal adeguato è una illusione. Questo riguarda ovviamente anche le aziende inserite in denominazioni più popolari ma diventa ancor più vero per chi opera in terroir poco noti.
La novità di oggi, che però rende ancor più interessante investire e credere in denominazioni meno famose e in tipologie meno note, sta proprio nelle nuove tendenze di consumo che evidenziano sempre di più un fabbisogno incredibile di “novità”.
E come ben sappiamo nulla più dell’alternativo, dell’originale può rappresentare una novità più facilmente percepibile dal mercato.
Ma serve uno sforzo aggiuntivo, in questo caso, da parte dei produttori che non si possono limitare a dichiararsi “diversi” senza testimoniarlo con costanza.
E da ciò emerge l’ultimo elemento chiave, non certo per importanza, per far si che un vino alternativo diventi anche vincente: la capacità commerciale dell’azienda, la sua capacità di presidiare i mercati.
Basta andare a guardare alcune case history di successo di aziende appartenenti a territori meno noti o produttori di tipologie poco famose per comprendere concretamente cosa stiamo affermando.
Ci vengono in mente esempi come Walter Massa che ha reso popolare nel mondo un vitigno come il Timorasso e un territorio come i Colli Tortonesi praticamente sconosciuti prima del suo impegno anche in termini di comunicazione.
O come Fausto Maculan che in un territorio semi sconosciuto come Breganze, senza il blasone enologico di altri terroir del vino italiani, è riuscito a dare ampia visibilità e mercato alla sua azienda e ai suoi vini.
Due nomi, tra tanti per fortuna, che evidenziano anche un altro importante aspetto: se sei un produttore in un territorio ancora poco famoso e con tipologie di vino in cerca di notorietà accetta la sfida di essere il pioniere della tua terra. Quei produttori che per primi si sono assunti il difficile ruolo di “prendersi per mano” il proprio territorio, di rendere popolare prima d’altri una determinata tipologia di vino, sono quelli che beneficeranno di più e per lungo tempo di questo coraggioso investimento.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Wine People Campus, quando la formazione parla il linguaggio degli imprenditori

A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso giovedi 23 novembre

L’arte è di casa a Cucina Madre

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER giovedi 23 novembre

Offerta di lavoro

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina giovedi 23 novembre

Miami: quando il vino diventa generoso e si fa conoscere a tutti…

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici
giovedi 23 novembre

Numeri e highlights del 26° Merano WineFestival

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna mercoledi 22 novembre

"Il giro d'Italia del vino"

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino mercoledi 22 novembre

Sei alla ricerca di un Export Manager? HireMeVinitaly torna a Wine2wine 2017

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona mercoledi 22 novembre

Cerchi lavoro per l'export? #HireMeVinitaly ti presenta le migliori aziende in cerca di Export Manager durante Wine2wine a Verona

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Wine Campus, la scuola dei venditori del vino

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno. 
lunedi 20 novembre

Vini sardi: tra longevità, terroir e il concetto di "autoctono"

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno.

Agnese Ceschi
Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina venerdi 17 novembre

Il Panettone sposa l’Amarone

Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina

Noemi Mengo
Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero venerdi 17 novembre

Consorzio Vini Venezia, cinque denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio.

Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

venerdi 17 novembre

Born to be wine. Persone oltre il vino

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet friday 17 november

The 2018 tipples to watch

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Quando la risposta è racchiusa nel limite

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Fabio Piccoli


WineMeridian