Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 26 gennaio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/  www.cantinatollo.it pradellaluna.com Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach
martedi 10 dicembre 2019

Come si costruisce un brand?

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato


Come si costruisce un brand?
Grazie agli spunti che il confronto con gli imprenditori del vino italiani ci regala ogni giorno, abbiamo pensato di focalizzarci su un messaggio che non sembra ancora chiaro a tutti: Cos’è un brand e come si costruisce? Grazie all’aiuto di Beverage Trade Network, portale di approfondimento e nota risorsa di formazione del settore, vi proponiamo qui un focus sulle strategie di branding, per misurare la forza che le vostre aziende hanno (e potranno avere) sul mercato di oggi.

Branding: di cosa si tratta?
Fare branding richiede un’estesa ricerca e un po’ di inventiva su come rendere il proprio marchio competitivo sul mercato. In altre parole, richiede una strategia di marketing solida ed un approccio specifico, che comprenda un’analisi mirata della propria azienda e del brand nel quale la si vuole trasformare.
L’analisi del brand si basa sulla misurazione di tre fattori:
  • L’analisi dei consumatori: nella quale rientrano i trend, le motivazioni all’acquisto, i segmenti e i bisogni da soddisfare;
  • L’analisi della competitività sul mercato: nella quale rientrano le analisi di brand positioning (in relazione ai competitor del proprio raggio d’azione) e l'analisi S.W.O.T, per chi ancora non la conoscesse, l’analisi che misura i punti di forza, di debolezza, le minacce al successo e le opportunità di un’azienda (Strenghts; Weaknesses; Opportunities; Threats);
  • L’analisi interna: che comprende la misurazione dell’immagine del brand attuale, della sua eredità e delle possibilità che può sfruttare per cambiare. 
La vera identità del brand e il posizionamento definiscono il vero valore di esso. Ma cosa si intende davvero per identità? Sembra semplice, ma è un concetto ampio, che comprende moltissimi fattori. Ad esempio, fanno parte dell’identità il logo, lo slogan, il sito web, il packaging dei prodotti; ma anche la promozione, le etichette sugli scaffali, il canale di vendita al dettaglio scelto, i social media aziendali e persino la strategia di prezzo. Tutti elementi conosciuti e forse scontati, che spesso però non vengono riuniti sotto il macro concetto di “brand identity”.
Cosa significa in concreto? Se non si ha una forte brand identity, si rischia di avere degli insuccessi a causa di agenti “esterni” (chi collabora con il brand, ad esempio fornitori e rivenditori) o interni e non riuscire a identificare l’origine dei problemi. Accade frequentemente che se non in possesso di precise indicazioni da parte del titolare o del marketing manager, il brand prende strade impreviste, discostandosi dalla vision iniziale che si è deciso di mantenere e le vendite calano.

Molte volte non è il mercato che cambia le regole, ma siamo noi a non seguirle attentamente, finendo per perderci.

Quali sono le domande giuste da porsi, quindi, per misurare il proprio brand? Vediamone alcune insieme:
1. Sono un brand regionale o nazionale?
2. Il mio brand dà dei benefit che i miei competitor non danno?
3. Quali sono i driver chiave del mio brand?
4. Quali sono i “sotto-brand”, che ruolo hanno e come agiscono per non danneggiare il brand madre? Questa domanda si presta soprattutto a chi, nel settore, gestisce cooperative o un nome familiare che comprende al di sotto di esso diverse tenute e quindi diversi “sotto-brand”.
5. Qual è il numero giusto di brand o sotto-brand per un’azienda, al fine di avere successo? Attenzione a non perdersi per la strada, se i brand non hanno un’identità sostanziosa e non mantengono autorità nella categoria, gli investimenti fatti saranno stati inutili e probabilmente controproducenti.

Sempre al fine di capire meglio il brand, la sua identità e le sue possibilità, cerchiamo di riassumere i punti cardinali da tenere fissi in mente per costruire brand più forti e di successo:

1. Come già accennato, la Brand Identity: ogni brand deve averne una, visibile da tutte le prospettive, ossia dal brand al singolo consumatore, dal brand all’organizzazione, dal brand al prodotto;
2. La Proposta di Valore: è necessario conoscere la proposta di valore per ogni brand che abbia un ruolo driver, considerando i benefit emozionali e funzionali e comprendendo a fondo la relazione tra brand e consumatore finale;
3. Il Posizionamento: sebbene rientri all’interno della Brand Identity, è un aspetto fondamentale, da rendere chiaro subito di modo che guidi ed implementi le strategie di comunicazione adottate. Può cambiare nel corso del tempo a seconda degli sviluppi del brand, ma bisogna prestarvi costante attenzione e metterlo in relazione con il mercato per non soffrirne i cambiamenti;
4. La durata nel tempo: una strategia forte è una strategia che rimane salda sul mercato per molti anni, accogliendo i cambiamenti del mercato e sfruttandoli per la propria crescita, mantenendo chiaro il proprio stile;
5. Sistema e Leverage rinforzati: parola chiave, integrità. Se il brand non è solido nella sua identità e non ha un portfolio consistente, il rischio di procurare danni all’azienda aumenta;
6. Brand Equity, Brand Awareness e Brand Responsibility: nel corso del tempo questi concetti non vanno dimenticati, vanno anzi innalzati agli occhi della comunità in cui si commercia. Fondamentale, soprattutto nel mercato di oggi, lavorare nel rispetto delle proprie risorse e dell’ambiente ospitante, mantenendo un solido sistema organizzativo con responsabilità ben definite e obiettivi a lungo termine;
7. Continui Investimenti: perché la forza di un brand combatta nel tempo, è necessario continuare a investire nel miglioramento del suo valore.

Perciò, che siate produttori locali o che puntiate al commercio internazionale, focalizzarvi sulla cura del vostro brand è il modo più semplice e, alla lunga, soddisfacente per far “sorridere” i vostri bilanci. 
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione
venerdi 24 gennaio 2020

Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti

Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione

Fabio Piccoli
Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization. venerdi 24 gennaio 2020

Thailandia: il prossimo mercato emergente in cui vale davvero la pena esserci

Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization.

Parole molto forti: proposta economica - definita giovedi 23 gennaio 2020

Il Consorzio Tutela Vini Valpolicella risponde alla proposta de Le Famiglie Storiche

Parole molto forti: proposta economica - definita "semplice lascito di una somma di denaro" a fronte di una condanna grave - bocciata dal consiglio di amministrazione del Consorzio, e augurio di una riconciliazione gestita da professionisti e non a mezzo stampa.

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Le Famiglie Storiche offrono al Consorzio Vini Valpolicella una soluzione per chiudere il contenzioso pendente

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”.

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Vyno Dienos a Vilnius in Lituania: uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte giovedi 23 gennaio 2020

Cocktail trends in the U.S.? benessere, qualità, sostenibilità ed un tocco di stravaganza

Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte

Emanuele Fiorio
2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston wednesday 22 january 2020

2020 Slow Wine Us Tour celebrates the 10th anniversary of its annual English language guide and a decade of success

2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical. mercoledi 22 gennaio 2020

Quando l’abito fa (davvero) il monaco…

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical.

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata mercoledi 22 gennaio 2020

DOCG, la vera sfida del Prosecco negli USA

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata

Emanuele Fiorio
Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato. mercoledi 22 gennaio 2020

I concetti chiave per affrontare il mercato canadese

Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato.

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale martedi 21 gennaio 2020

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative nelle fiere internazionali

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea. martedi 21 gennaio 2020

Mission Asia 2020

Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea.

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Campus Export Manager: diventa export manager del vino

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali. lunedi 20 gennaio 2020

Anteprima Amarone: l'annata 2016 a battesimo l'1 e 2 febbraio a Verona

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali.

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie lunedi 20 gennaio 2020

Il futuro appare radioso per il vino biologico, +34% entro il 2023

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie

Emanuele Fiorio


WineMeridian