Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs

Come si è evoluto il mercato del vino nell’horeca italiana?

L’horeca continua ad essere un canale inesplorato e poco conosciuto con tanti luoghi comuni.


Come si è evoluto il mercato del vino nell’horeca italiana?
"In Italia c'è più vino da vendere, che gente che ne vuole bere!"
"In italia non comperano più neanche i clienti...che non pagano le fatture!"

Il mercato Ho.re.ca. del vino è pieno di luoghi comuni, TUTTI VERI, aggiungo da buon cinico commerciale!

In realtà questi concetti in equilibrio tra il ridicolo e il drammatico (commercialmente parlando), nascondono un momento di grande incertezza del nostro mercato, e di conseguenza del nostro modo di operare.
I cambiamenti del mercato sono stati, nell'ultimo decennio, così veloci e radicali, da cogliere del tutto impreparati la maggior parte degli operatori.

L'approccio del cliente nei confronti dei fornitori è cambiato molte volte dal 1986 (anno dello scandalo del metanolo) ad oggi. Il problema è che negli anni 80 e 90 i cambiamenti erano lenti, e assimilati dal mercato, oggi, con l'avvento del web, degli smartphone e delle vendite online tutto è rapido, immediato, frenetico, e noi perennemente in ritardo. E come se noi attori di questo teatro del vino, recitassimo una battuta perennemente in ritardo rispetto all'andamento del copione.

Ci sono talmente tanti temi che possono influenzare la vendita del vino e le scelte dei produttori in modo potenziale, diventa infatti molto complesso capire quale direzione dare alla propria attività e quali strategie utilizzare per mettere il proprio prodotto sul mercato.
- la crescita delle distribuzioni specializzate nel settore horeca, che amplificano i propri fatturati ogni anno. "Quindi la distribuzione è una opportunità per noi produttori? Ma non rischia di farmi perdere il contatto con il cliente?"
- la crescita della vendita online: diventa sempre più performante anche dal punto di vista della logistica. "Quindi devo provare a mettere i miei prodotti sul web? Ma non faccio poi arrabbiare i miei ristoratori?"
- le catene di enoteche sempre più numerose. "Quindi devo prendere accordi di esclusiva con queste strutture? ma non rischio poi di perdere il contatto con il resto del mercato ho.re.ca?"
- i grossisti, anch'essi con un ruolo sempre più importante sul mercato. "Quindi devo crearmi una rete di grossisti locali? ma non rischio di svilire il mio prodotto mettendolo a fianco di bibite e acqua minerale? o di perdere il controllo della distribuzione a causa del parallelo?"

Queste sono solo alcune delle domande che le aziende mi pongono quando mi chiedono qualche consulenza. Domande che denotano una grande incertezza dovuta alla velocità del mercato. Un soggetto veloce è molto difficile da fotografare, ed è ciò che accade nel mercato del vino. Domande che richiedono tempo, analisi, strategia. La ricetta valida per tutti non esiste. Banalmente potrei dire che: rendersi conto che vi sono radicali cambiamenti in atto è già un successo, vi sono centinaia di produttori che continuano a vendere il vino come 30 anni fa, salvo poi domandarsi perchè i risultati non sono più quelli di 30 anni fa.

Cosa voglio dire: dobbiamo smettere di produrre e vendere vino perchè non siamo capaci di gestire o comprendere la direzione del mercato? NO! Dobbiamo renderci conto che le regole di 30, 20, o anche solo 10 anni fa non valgono più. Se un tempo bastava fare vini più buoni degli altri, oggi, in virtù della larghezza dell'offerta ciò non è più sufficiente. Dobbiamo renderci conto che: produrre vino, vendere vino, e comunicare il vino sono tre mestieri diversi, tre fasi tutte ugualmente necessarie al posizionamento di un prodotto sul mercato. Difficilmente saremo bravi e performanti in tutte e tre le fasi (a meno che non vi chiamiate Dom Perignon!). L'analisi dell'azienda ci deve portare pertanto ad individuare le nostre peculiarità e criticità, cercando poi di identificare o immaginare il percorso migliore per la nostra azienda sul mercato. A quel punto, capire chi ci può aiutare diventa più facile.


Ed è per questo che abbiamo creato un campus dedicato agli agenti e al mercato italiano. Per info clicca qui.


Lorenzo Righi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio
Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: gli spumanti italiani non perdono un colpo

Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 wednesday 27 may 2020

Italian wines in the world: Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali. mercoledi 27 maggio 2020

Export vini sfusi: la “Belle Èpoque” prima del Covid-19

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali.

Emanuele Fiorio
In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19
mercoledi 27 maggio 2020

Prepararsi al rilancio del vino italiano negli Usa

In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19

Astrid Panizza
Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur. martedi 26 maggio 2020

Nasce CrowdWine: la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al vino italiano

Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur.

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna. martedi 26 maggio 2020

Con “The Buyer” nel Regno Unito in epoca Covid-19

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna.

Federica Mataluna
Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale. martedi 26 maggio 2020

Prepararsi alla ripresa: la gestione del capitale umano

Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale.

Astrid Panizza
Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato. martedi 26 maggio 2020

Puntare sull’Italia con nuovi dirigenti capaci di fare rete

Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato.

Emanuele Fiorio