Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 13 novembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/ https://www.rigoloccio.it/
giovedi 28 giugno

Come trattare con un importatore Giapponese, ed evitare guai: i 5 errori più comuni

Come evitare gli errori più comuni e pericolosi, per fare centro dalla prima impressione


Come trattare con un importatore Giapponese, ed evitare guai: i 5 errori più comuni
Ho visto accadere molte volte la stessa cosa. Un produttore trova un importatore giapponese, ed inizia il rapporto commerciale. Ci si è arrivati in molti modi e tempi diversi: dalla più semplice fortuna di incontrare la persona giusta all’evento giusto, e con il vino che loro stavano cercando (a volte la fortuna serve, anche professionalmente), o dopo lunghi sforzi di introduzione, promozione, contatti, da soli o tramite qualche professionista. In ogni caso, a questo punto, il produttore a volte considera la cosa fatta, e intraprende il rapporto da solo. Salvo poi, dopo un anno o due, lamentarsi che la cosa non è andata bene, le quantità sono piccole, non chiedono o non accettano nessun tipo di supporto e così via. Insomma un quasi disastro. Ma cosa è successo?

Raramente uno scontro di culture si evidenzia in maniera così palese come nel caso di relazioni commerciali. Cose ovvie per noi non lo sono per loro, azioni gentili da parte nostra vengono lette come maleducate, mille incomprensioni possono nascere e afflosciare la relazione. Incominciamo allora vedendo come evitare almeno gli errori di base, quelli più comuni e pericolosi da scongiurare all’inizio, quell’importante momento in cui si da la prima impressione (che resta).

1. Non essere precisiLa regola principale, l’attenzione ai dettagli. Controllate tutto tre volte prima di spedire la email. Non sbagliate date, numeri o pesi. Se avete confermato la merce pronta per una data, fate che sia pronta il giorno prima (potete prendervi tempo, non è un problema per loro due settimane invece che una; ma assolutamente mai dite una settimana e poi le fate diventare due). Fate le cose un poco più lentamente di come siamo normalmente abituati, ricontrollate più del solito e non avrete problemi. Questo punto è fondamentale.

2. Non fornire dall’inizio tutto ciò che serve

Vi chiederanno cose inaspettate. Qualcosa cambia tra piccoli e grandi importatori (questi ultimi chiedono in genere di più), ma resta il fatto che vi chiederanno ogni piccolo dettaglio del prodotto. Da quelli fisici (pesi e dimensioni delle bottiglie, dei cartoni pieni e vuoti, delle etichette), a quelli analitici (ricordate sempre che le analisi devono essere fatte da un laboratorio abilitato e accettato in Giappone); più tutti i dettagli societari e bancari in moduli da ritornare firmati. Armatevi di santa pazienza e completate tutti gli infiniti moduli che riceverete, e seguendo la regola uno; non parte nulla se non è tutto fatto e approvato. Lo fate una volta per tutte, alla prima spedizione. In seguito solamente se introdurrete nuove referenze, altrimenti a posto così, se non cambiate bottiglia o etichetta…

3. La velocità
Questo punto spiazza molti occidentali. Loro non si fanno sentire per mesi, poi all’improvviso vi comunicano che hanno deciso di iniziare e vi chiedono tutto entro 48 ore: conferma ordine, analisi, conferma data di presa e mille documenti. A noi potrebbe sembrare pretenzioso, se non maleducato, ma per loro è solo normale, anche tra loro. Sono come soldati: di guardia a non fare nulla di che, ma pronti all’azione nel momento in cui serve. Avete finalmente la vostra occasione: dedicateci un poco di tempo e attenzione (vedi regole uno e due), e inizierete facendo una bellissima figura.

4. Assumersi le responsabilità
Succede, in totale buona fede, di confermare consegne o documenti o altro, per poi non avere tutto pronto al momento del ritiro. Esempio tipico sono i gadget tipo cavatappi, borse per le bottiglie e cose del genere: chi ve li produce vi aveva assicurato la consegna entro la data, li avete promessi al cliente giapponese con tanto di conferma sul PO, il loro corriere arriva a ritirare e voi non li avete ancora. Purtroppo avete una sola via d’uscita: ammettere l’errore e ripararlo a spese vostre. La merce partirà senza i gadget, che poi spedirete a spese vostre non appena li avrete. Siccome i pallets viaggiano sempre via nave, molto probabilmente i gadget (spediti via corriere espresso), arriveranno prima dei vini. Fatelo. Non dite cose del tipo: va bene, sono solo cavatappi, te li mando nel prossimo ordine; questo non gli piacerà per niente, perché probabilmente loro avranno già a loro volta detto ai loro clienti che la consegna arriverà, mettiamo, con i cavatappi, e li mettete nella condizione di fare brutta figura tra di loro, cosa che evitano sempre con tutte le loro forze, e cosa che metterà voi in pessima posizione, non si fideranno mai più. Se invece rimediate immediatamente loro apprezzeranno la vostra presa di responsabilità, il fatto che non è dipeso magari da voi ma siete pronti comunque a fare di tutto per non metterli in difficoltà, e vi sarete comportati esattamente come si sarebbero comportati loro.

5. Mai promettere cose che non si faranno. 
Tipico. Chiacchieriamo come facciamo tra di noi: poi ti vengo a trovare, la prossima volta aggiungo campioni all’ordine, se aumenti il prossimo ordine ti faccio uno sconto e così via. Poi ci si dimentica. Ma loro non lo dimenticheranno, e ci considereranno immediatamente inaffidabili per non avere fatto quello che avevamo promesso, o avere aspettato che ce lo ricordino loro. Tenete nota di quello che promettete, e ricordateglielo prima che lo facciano loro. Nel dubbio non promettete mai nulla e aspettate semplicemente le loro richieste; molto meglio e per niente dannoso.


Rispettando questi cinque punti nella loro totalità (in questo caso non solo qualcuno…), avete creato le premesse per un rapporto sano e duraturo; loro sapranno di poter fare affidamento su di voi e sarete in prima fila quando dovranno decidere se spingere un’azienda piuttosto che un'altra. Avrete molte più possibilità di crescere e sarete partiti col piede giusto. Nel proseguire ci sono poi mille altre sfumature di rapporto, ad esempio lo stile nello scrivere una email, soprattutto se importante e non di servizio (solo su questo se ne potrebbe scrivere un articolo), se e quando chiedere di visitarli e visitare i clienti, e tanto altro. Nelle prossime puntate.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il tempo è la risorsa più importante per le aziende che vogliono essere competitive sui mercati internazionali

Il fattore tempo nell’export del vino

Il tempo è la risorsa più importante per le aziende che vogliono essere competitive sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Si è conclusa con successo di pubblico e operatori la prima tappa di Organic Value a Copenhagen lunedi 12 novembre

Danimarca loves Italian organic wines

Si è conclusa con successo di pubblico e operatori la prima tappa di Organic Value a Copenhagen

Agnese Ceschi
The research “Yeats and terroir” is launched by Cantine Tinazzi with the cooperation of Starogen anche StarFinn. monday 12 november

Yeasts and Terroir: when biodiversity meets science

The research “Yeats and terroir” is launched by Cantine Tinazzi with the cooperation of Starogen anche StarFinn.

Ci sono opportunità che passano una volta sola! Ultimi due posti a disposizione per i nosti Campus. Che fai?

Prendere o lasciare?

Ci sono opportunità che passano una volta sola! Ultimi due posti a disposizione per i nosti Campus. Che fai?

Roberta Zantedeschi
On November 8th, 2018, two new Italian Wine Experts and seven new Italian Wine Ambassadors officially joined the Vinitaly International Academy (VIA) community of dedicated wine professionals worldwide friday 09 november

VIA's Italian Wine Ambassador Course celebrates two new Experts and seven new Ambassadors in Hong Kong

On November 8th, 2018, two new Italian Wine Experts and seven new Italian Wine Ambassadors officially joined the Vinitaly International Academy (VIA) community of dedicated wine professionals worldwide

Non rappresenta più il gate preferenziale per l’ingresso dei vini sul grande mercato cinese ma Hong Kong continua a rappresentare il più interessante laboratorio per capire le dinamiche di sviluppo del mercato asiatico. Intervista Jessica Anne Tan, Italian Wine Ambassador di Vinitaly International Academy venerdi 09 novembre

Ad Hong Kong, dove le rivoluzioni asiatiche arrivano prima

Non rappresenta più il gate preferenziale per l’ingresso dei vini sul grande mercato cinese ma Hong Kong continua a rappresentare il più interessante laboratorio per capire le dinamiche di sviluppo del mercato asiatico. Intervista Jessica Anne Tan, Italian Wine Ambassador di Vinitaly International Academy

Lavinia Furlani
L’iniziativa nel campo della ricerca scientifica e della tutela del territorio “Lieviti e terroir” porta la firma Cantine Tinazzi con la collaborazione di Startogen e StarFinn. venerdi 09 novembre

Lieviti e terroir: quando la biodiversità incontra la scienza

L’iniziativa nel campo della ricerca scientifica e della tutela del territorio “Lieviti e terroir” porta la firma Cantine Tinazzi con la collaborazione di Startogen e StarFinn.

Intervista all'esperto di vini italiani Thomas Ilkjaer a un giorno dall'inizio dell'evento Organic Value giovedi 08 novembre

Danimarca: dove il biologico è di casa

Intervista all'esperto di vini italiani Thomas Ilkjaer a un giorno dall'inizio dell'evento Organic Value

Agnese Ceschi
Prima puntata: la Maestrina, quando la lucida negatività non paga! mercoledi 07 novembre

Approcci al mondo del vino che non funzionano

Prima puntata: la Maestrina, quando la lucida negatività non paga!

Tutti li rincorrono, tutti li vogliono, ma quanto un premio può aiutare un vino a farsi comprare o bere dai nostri millenials? martedi 06 novembre

L'importanza dei premi per i millenials 2.0 (o 3.0?)

Tutti li rincorrono, tutti li vogliono, ma quanto un premio può aiutare un vino a farsi comprare o bere dai nostri millenials?

Bastano pochi “tap” per vendere e acquistare in modo pratico, veloce ed efficace 
martedi 06 novembre

Enosocial®, l’app che dà valore al Direct to Consumer

Bastano pochi “tap” per vendere e acquistare in modo pratico, veloce ed efficace

Veronafiere and Vinitaly International Academy (VIA) have teamed up with ICE-Italian Trade Agency in Toronto and two of the leading Canadian Monopolies, Nova Scotia Liquor Corporation (NSLC) and the Newfoundland and Labrador Liquor Corporation (NFLC), to bring Canada Roadshow Executive Seminars to cities in Eastern Canada.
tuesday 06 november

Canada Roadshow Executive Seminars offer up a taste of the "bella vita"

Veronafiere and Vinitaly International Academy (VIA) have teamed up with ICE-Italian Trade Agency in Toronto and two of the leading Canadian Monopolies, Nova Scotia Liquor Corporation (NSLC) and the Newfoundland and Labrador Liquor Corporation (NFLC), to bring Canada Roadshow Executive Seminars to cities in Eastern Canada.

Presente anche il Ministro Centinaio durante la settimana del CIIE dal 5 al 10 novembre martedi 06 novembre

Veronafiere apre una sede permanente a Shanghai

Presente anche il Ministro Centinaio durante la settimana del CIIE dal 5 al 10 novembre

Vinitaly International Academy (VIA) launches its reformatted Italian Wine Ambassador certification course in Hong Kong from November 4th to 8th at the Hong Kong in the lead-up to the region’s famous International Wine and Spirits Fair starting on November 8th monday 05 november

Vinitaly International Academy to launch reformatted, tasting-intensive Italian Wine Ambassador course in Hong Kong

Vinitaly International Academy (VIA) launches its reformatted Italian Wine Ambassador certification course in Hong Kong from November 4th to 8th at the Hong Kong in the lead-up to the region’s famous International Wine and Spirits Fair starting on November 8th

La storia dei Monovitigno iniziata con il Cabernet Franc passa il testimone alle nuove etichette di Vignamaggio dedicate a Sangiovese e Merlot. lunedi 05 novembre

Nascono i Cru monovitigno di Vignamaggio

La storia dei Monovitigno iniziata con il Cabernet Franc passa il testimone alle nuove etichette di Vignamaggio dedicate a Sangiovese e Merlot.

Domenica 11 novembre la cantina di Spessa sarà presente con quattro vini della linea Myò nella nuova area in piazza della Rena lunedi 05 novembre

I vini Zorzettig al Merano Wine Festival protagonisti allo spazio The Circle

Domenica 11 novembre la cantina di Spessa sarà presente con quattro vini della linea Myò nella nuova area in piazza della Rena

Preparate il passaporto: ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
lunedi 05 novembre

Wine Meridian around the world

Preparate il passaporto: ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare molti vantaggi.

Ibrido è bello

Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare molti vantaggi.

Lavinia Furlani
  Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona lunedi 05 novembre

Informazione pubblicitaria
AVVISO DI VENDITA COMPETITIVA

Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona

We tasted for you MGM Mondo del Vino’s Asio Otus saturday 03 november

Italian wines in the world: MGM Mondo del Vino’s Asio Otus

We tasted for you MGM Mondo del Vino’s Asio Otus

Abbiamo degustato per voi Asio Otus di MGM Mondo del Vino sabato 03 novembre

Italian wines in the world: Asio Otus di MGM Mondo del Vino

Abbiamo degustato per voi Asio Otus di MGM Mondo del Vino

I consumatori più giovani valutano decine, centinaia, migliaia di brand, scartandone moltissimi per poi affezionarsi ad una lista molto limitata di essi. Lo spostamento dai grandi marchi verso qualcosa di più piccolo, più locale e più artigianale, che meglio rispecchia i valori di ognuno, è ormai un dato di fatto

Millennials più fedeli ai brand degli spirits che di vino e birra

I consumatori più giovani valutano decine, centinaia, migliaia di brand, scartandone moltissimi per poi affezionarsi ad una lista molto limitata di essi. Lo spostamento dai grandi marchi verso qualcosa di più piccolo, più locale e più artigianale, che meglio rispecchia i valori di ognuno, è ormai un dato di fatto

Francesco Piccoli
La relazione è una delle regole chiave per la vendita: quali sono le altre?
giovedi 01 novembre

Le 7 caratteristiche del venditore ideale

La relazione è una delle regole chiave per la vendita: quali sono le altre?

Noemi Mengo
Si conferma una delle province canadesi più dinamiche e curiose, con agenzie di importazione alla ricerca di novità e consumatori sempre più sofisticati. La sfida però è di fare vivere esperienze del made in Italy autentico

In British Columbia, dove la curiosità è di casa

Si conferma una delle province canadesi più dinamiche e curiose, con agenzie di importazione alla ricerca di novità e consumatori sempre più sofisticati. La sfida però è di fare vivere esperienze del made in Italy autentico

Fabio Piccoli
Partirà il 23 novembre il corso di otto lezioni totalmente dedicato agli imprenditori che vogliono migliorare la loro capacità di gestione dell’azienda, la loro competenza sui mercati italiano ed esteri, la loro facoltà a scegliere e guidare in maniera adeguata le risorse umane, la loro efficienza comunicativa.

CAMPUS IMPRESA: l'unico corso formativo per gli imprenditori del vino

Partirà il 23 novembre il corso di otto lezioni totalmente dedicato agli imprenditori che vogliono migliorare la loro capacità di gestione dell’azienda, la loro competenza sui mercati italiano ed esteri, la loro facoltà a scegliere e guidare in maniera adeguata le risorse umane, la loro efficienza comunicativa.