Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 18 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet
giovedi 28 giugno

Come trattare con un importatore Giapponese, ed evitare guai: i 5 errori più comuni

Come evitare gli errori più comuni e pericolosi, per fare centro dalla prima impressione


Come trattare con un importatore Giapponese, ed evitare guai: i 5 errori più comuni
Ho visto accadere molte volte la stessa cosa. Un produttore trova un importatore giapponese, ed inizia il rapporto commerciale. Ci si è arrivati in molti modi e tempi diversi: dalla più semplice fortuna di incontrare la persona giusta all’evento giusto, e con il vino che loro stavano cercando (a volte la fortuna serve, anche professionalmente), o dopo lunghi sforzi di introduzione, promozione, contatti, da soli o tramite qualche professionista. In ogni caso, a questo punto, il produttore a volte considera la cosa fatta, e intraprende il rapporto da solo. Salvo poi, dopo un anno o due, lamentarsi che la cosa non è andata bene, le quantità sono piccole, non chiedono o non accettano nessun tipo di supporto e così via. Insomma un quasi disastro. Ma cosa è successo?

Raramente uno scontro di culture si evidenzia in maniera così palese come nel caso di relazioni commerciali. Cose ovvie per noi non lo sono per loro, azioni gentili da parte nostra vengono lette come maleducate, mille incomprensioni possono nascere e afflosciare la relazione. Incominciamo allora vedendo come evitare almeno gli errori di base, quelli più comuni e pericolosi da scongiurare all’inizio, quell’importante momento in cui si da la prima impressione (che resta).

1. Non essere precisiLa regola principale, l’attenzione ai dettagli. Controllate tutto tre volte prima di spedire la email. Non sbagliate date, numeri o pesi. Se avete confermato la merce pronta per una data, fate che sia pronta il giorno prima (potete prendervi tempo, non è un problema per loro due settimane invece che una; ma assolutamente mai dite una settimana e poi le fate diventare due). Fate le cose un poco più lentamente di come siamo normalmente abituati, ricontrollate più del solito e non avrete problemi. Questo punto è fondamentale.

2. Non fornire dall’inizio tutto ciò che serve

Vi chiederanno cose inaspettate. Qualcosa cambia tra piccoli e grandi importatori (questi ultimi chiedono in genere di più), ma resta il fatto che vi chiederanno ogni piccolo dettaglio del prodotto. Da quelli fisici (pesi e dimensioni delle bottiglie, dei cartoni pieni e vuoti, delle etichette), a quelli analitici (ricordate sempre che le analisi devono essere fatte da un laboratorio abilitato e accettato in Giappone); più tutti i dettagli societari e bancari in moduli da ritornare firmati. Armatevi di santa pazienza e completate tutti gli infiniti moduli che riceverete, e seguendo la regola uno; non parte nulla se non è tutto fatto e approvato. Lo fate una volta per tutte, alla prima spedizione. In seguito solamente se introdurrete nuove referenze, altrimenti a posto così, se non cambiate bottiglia o etichetta…

3. La velocità
Questo punto spiazza molti occidentali. Loro non si fanno sentire per mesi, poi all’improvviso vi comunicano che hanno deciso di iniziare e vi chiedono tutto entro 48 ore: conferma ordine, analisi, conferma data di presa e mille documenti. A noi potrebbe sembrare pretenzioso, se non maleducato, ma per loro è solo normale, anche tra loro. Sono come soldati: di guardia a non fare nulla di che, ma pronti all’azione nel momento in cui serve. Avete finalmente la vostra occasione: dedicateci un poco di tempo e attenzione (vedi regole uno e due), e inizierete facendo una bellissima figura.

4. Assumersi le responsabilità
Succede, in totale buona fede, di confermare consegne o documenti o altro, per poi non avere tutto pronto al momento del ritiro. Esempio tipico sono i gadget tipo cavatappi, borse per le bottiglie e cose del genere: chi ve li produce vi aveva assicurato la consegna entro la data, li avete promessi al cliente giapponese con tanto di conferma sul PO, il loro corriere arriva a ritirare e voi non li avete ancora. Purtroppo avete una sola via d’uscita: ammettere l’errore e ripararlo a spese vostre. La merce partirà senza i gadget, che poi spedirete a spese vostre non appena li avrete. Siccome i pallets viaggiano sempre via nave, molto probabilmente i gadget (spediti via corriere espresso), arriveranno prima dei vini. Fatelo. Non dite cose del tipo: va bene, sono solo cavatappi, te li mando nel prossimo ordine; questo non gli piacerà per niente, perché probabilmente loro avranno già a loro volta detto ai loro clienti che la consegna arriverà, mettiamo, con i cavatappi, e li mettete nella condizione di fare brutta figura tra di loro, cosa che evitano sempre con tutte le loro forze, e cosa che metterà voi in pessima posizione, non si fideranno mai più. Se invece rimediate immediatamente loro apprezzeranno la vostra presa di responsabilità, il fatto che non è dipeso magari da voi ma siete pronti comunque a fare di tutto per non metterli in difficoltà, e vi sarete comportati esattamente come si sarebbero comportati loro.

5. Mai promettere cose che non si faranno. 
Tipico. Chiacchieriamo come facciamo tra di noi: poi ti vengo a trovare, la prossima volta aggiungo campioni all’ordine, se aumenti il prossimo ordine ti faccio uno sconto e così via. Poi ci si dimentica. Ma loro non lo dimenticheranno, e ci considereranno immediatamente inaffidabili per non avere fatto quello che avevamo promesso, o avere aspettato che ce lo ricordino loro. Tenete nota di quello che promettete, e ricordateglielo prima che lo facciano loro. Nel dubbio non promettete mai nulla e aspettate semplicemente le loro richieste; molto meglio e per niente dannoso.


Rispettando questi cinque punti nella loro totalità (in questo caso non solo qualcuno…), avete creato le premesse per un rapporto sano e duraturo; loro sapranno di poter fare affidamento su di voi e sarete in prima fila quando dovranno decidere se spingere un’azienda piuttosto che un'altra. Avrete molte più possibilità di crescere e sarete partiti col piede giusto. Nel proseguire ci sono poi mille altre sfumature di rapporto, ad esempio lo stile nello scrivere una email, soprattutto se importante e non di servizio (solo su questo se ne potrebbe scrivere un articolo), se e quando chiedere di visitarli e visitare i clienti, e tanto altro. Nelle prossime puntate.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero
Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. mercoledi 12 settembre

Ultimi 10 posti per iscriversi al Wine Export Manager Day

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People.

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare? mercoledi 12 settembre

Guida alla buona riuscita della fiera

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare?

Agnese Ceschi
Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile
martedi 11 settembre

L’Italia fra i maggiori esportatori in Canada: è il Prosecco a scalare le classifiche

Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile

Noemi Mengo
Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente lunedi 10 settembre

Un angolo di Italia (biologica e biodinamica) nel cuore di Notting Hill

Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente

Agnese Ceschi
Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione. venerdi 07 settembre

Sull’Etna si festeggiano le 10 candeline del progetto Volcanic Wines

Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione.

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Fabio Piccoli
Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione 
venerdi 07 settembre

La vendemmia dei ricordi di Dal Maso

Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018 venerdi 07 settembre

Merano WineFestival 2018: ecco tutti gli appuntamenti da non perdere

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018 giovedi 06 settembre

Vendemmia 2018: l'Italia si conferma primo produttore al mondo

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Caro export manager ti scrivo….

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Fabio Piccoli
Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Soave Versus: un successo annunciato per i 50 anni della DOC

Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

Fabio Piccoli
I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale mercoledi 05 settembre

Medaglia d’oro e d’argento per Aragosta Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau Riserva all’Asia Wine Trophy

I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale