Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 24 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy
mercoledi 16 novembre

Come una carta vini giornaliera può spingere fuori dalla comfort zone?

Riflessioni a stelle e strisce dalla nostra corrispondente a Los Angeles: l'idea del sommelier Taylor Parsons, wine director del rinomato République a West Hollywood.


Come una carta vini giornaliera può spingere fuori dalla comfort zone?

Taylor Parsons


Siamo tutti d’accordo sul fatto che il compito principale di un sommelier è quello di guidare il cliente nella selva di etichette e varietà della propria cantina. Ma c’è chi spinge questo concetto all’estremo. Da qualche tempo negli Stati Uniti si sta diffondendo un nuovo modo di intendere la lista dei vini, un’idea che mette al centro della partita la vera ricchezza del nostro tempo: la conoscenza, lo scambio di informazioni.
Un menu’ dei vini à la carte, giornaliero, questa è l’idea, da non confondere con la semplice indicazione dei vini del giorno o con una piccola lista di offerta al bicchiere, si tratta di una vera e propria carta mutante.

Prendiamo l’esempio di République, West Hollywood, un ristorante di successo nel panorama enogastronomico di Los Angeles. Taylor Parsons, il wine director, è stato uno dei primi in città a introdurre questo cambiamento. Il locale ha una cantina di tutto rispetto che conta più di duemila referenze, ma la loro carta dei vini ne presenta solo 75 e cambia ogni giorno.

“Capita spesso di vedere clienti sopraffatti da carte dei vini pesanti come volumi dell’enciclopedia - scherza Taylor - implorando aiuto da parte del personale. Noi cerchiamo di rendere la vita più semplice, apparentemente, ma in realtà li spingiamo fuori dalla loro comfort zone”. Si, perché la carta dei vini del giorno è appositamente studiata per il perfetto abbinamento con il menù del giorno ed è composta in buona parte da vini e vitigni inusuali per scelta dichiarata da Taylor: “La lista diventa uno stimolo per stabilire un’interazione. Spesso il cliente non trova i soliti vitigni internazionali a cui è abituato, quindi chiede al sommelier informazioni per essere guidato nella scelta. A quel punto abbiamo spazio per spiegare varietà e abbinamenti. La maggior parte delle volte il cliente prova qualcosa di nuovo”. E questo è un grande risultato soprattutto in un contesto, quello degli Usa, in cui i vitigni internazionali (Cabernet e Chardonnay in primis) sono il rifugio di ogni consumatore poco esperto.

Il modello della lista ridotta e in continuo cambiamento ha quindi il vantaggio di ridare al sommelier il suo ruolo fondamentale di educatore, di informatore, di depositario della conoscenza vinicola. “Ovviamente se il cliente vuole qualcosa di ordinario, lo accontentiamo, nella nostra cantina ne abbiamo per tutti i gusti - continua Taylor - ma non mettere in carta i “soliti noti” è un modo efficace per far uscire dall’ordinario anche i più abitudinari”.

Un asset non da poco per un Paese come il nostro che fa della varietà il suo tratto distintivo. Da République ho trovato spesso in carta vitigni come il Pecorino, la Passerina, il Bombino Bianco. Non e’ comune negli Stati Uniti, nemmeno in una metropoli cosi’ eclettica come Los Angeles. Questo nuovo modo di concepire la carta dei vini può offrire esattamente quello di cui i nostri produttori hanno bisogno all’estero: informazione e conoscenza. Certo, non tutti i wine director sono illuminati come Taylor Parsons, ma forse è proprio lì che dovremmo lavorare.

Perché non concepire gli eventi di promozione all’estero (e io parlo per il mio mercato, gli Stati Uniti) come occasione per riaccendere negli addetti ai lavori il sacro fuoco della passione per il vino italiano, per la diversità del vino italiano? Spesso si pensa che il target di queste attività promozionali sia il cliente, l’acquirente, e si organizzano fiere e banchi di degustazione (che non voglio demonizzare, anzi, possono comunque dare risultati se pensati in modo corretto). La domanda da porsi è semplice e retorica: che differenza potrebbero fare per i nostri piccoli-medi produttori uno, dieci, cento, mille Taylor Parsons nei ristoranti statunitensi? 
Come una carta vini giornaliera può spingere fuori dalla comfort zone?

République, West Hollywood


Laura Donadoni

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC saturday 23 march

Italian wines in the world: Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia

We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma sabato 23 marzo

Italian wines in the world: Ràfia di Cantina Santa Maria La Palma

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/