Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet
mercoledi 16 novembre 2016

Come una carta vini giornaliera può spingere fuori dalla comfort zone?

Riflessioni a stelle e strisce dalla nostra corrispondente a Los Angeles: l'idea del sommelier Taylor Parsons, wine director del rinomato République a West Hollywood.


Come una carta vini giornaliera può spingere fuori dalla comfort zone?

Taylor Parsons


Siamo tutti d’accordo sul fatto che il compito principale di un sommelier è quello di guidare il cliente nella selva di etichette e varietà della propria cantina. Ma c’è chi spinge questo concetto all’estremo. Da qualche tempo negli Stati Uniti si sta diffondendo un nuovo modo di intendere la lista dei vini, un’idea che mette al centro della partita la vera ricchezza del nostro tempo: la conoscenza, lo scambio di informazioni.
Un menu’ dei vini à la carte, giornaliero, questa è l’idea, da non confondere con la semplice indicazione dei vini del giorno o con una piccola lista di offerta al bicchiere, si tratta di una vera e propria carta mutante.

Prendiamo l’esempio di République, West Hollywood, un ristorante di successo nel panorama enogastronomico di Los Angeles. Taylor Parsons, il wine director, è stato uno dei primi in città a introdurre questo cambiamento. Il locale ha una cantina di tutto rispetto che conta più di duemila referenze, ma la loro carta dei vini ne presenta solo 75 e cambia ogni giorno.

“Capita spesso di vedere clienti sopraffatti da carte dei vini pesanti come volumi dell’enciclopedia - scherza Taylor - implorando aiuto da parte del personale. Noi cerchiamo di rendere la vita più semplice, apparentemente, ma in realtà li spingiamo fuori dalla loro comfort zone”. Si, perché la carta dei vini del giorno è appositamente studiata per il perfetto abbinamento con il menù del giorno ed è composta in buona parte da vini e vitigni inusuali per scelta dichiarata da Taylor: “La lista diventa uno stimolo per stabilire un’interazione. Spesso il cliente non trova i soliti vitigni internazionali a cui è abituato, quindi chiede al sommelier informazioni per essere guidato nella scelta. A quel punto abbiamo spazio per spiegare varietà e abbinamenti. La maggior parte delle volte il cliente prova qualcosa di nuovo”. E questo è un grande risultato soprattutto in un contesto, quello degli Usa, in cui i vitigni internazionali (Cabernet e Chardonnay in primis) sono il rifugio di ogni consumatore poco esperto.

Il modello della lista ridotta e in continuo cambiamento ha quindi il vantaggio di ridare al sommelier il suo ruolo fondamentale di educatore, di informatore, di depositario della conoscenza vinicola. “Ovviamente se il cliente vuole qualcosa di ordinario, lo accontentiamo, nella nostra cantina ne abbiamo per tutti i gusti - continua Taylor - ma non mettere in carta i “soliti noti” è un modo efficace per far uscire dall’ordinario anche i più abitudinari”.

Un asset non da poco per un Paese come il nostro che fa della varietà il suo tratto distintivo. Da République ho trovato spesso in carta vitigni come il Pecorino, la Passerina, il Bombino Bianco. Non e’ comune negli Stati Uniti, nemmeno in una metropoli cosi’ eclettica come Los Angeles. Questo nuovo modo di concepire la carta dei vini può offrire esattamente quello di cui i nostri produttori hanno bisogno all’estero: informazione e conoscenza. Certo, non tutti i wine director sono illuminati come Taylor Parsons, ma forse è proprio lì che dovremmo lavorare.

Perché non concepire gli eventi di promozione all’estero (e io parlo per il mio mercato, gli Stati Uniti) come occasione per riaccendere negli addetti ai lavori il sacro fuoco della passione per il vino italiano, per la diversità del vino italiano? Spesso si pensa che il target di queste attività promozionali sia il cliente, l’acquirente, e si organizzano fiere e banchi di degustazione (che non voglio demonizzare, anzi, possono comunque dare risultati se pensati in modo corretto). La domanda da porsi è semplice e retorica: che differenza potrebbero fare per i nostri piccoli-medi produttori uno, dieci, cento, mille Taylor Parsons nei ristoranti statunitensi? 
Come una carta vini giornaliera può spingere fuori dalla comfort zone?

République, West Hollywood


Laura Donadoni

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm